Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Andiamo al paradiso…
Lettura del testo

ANDIAMO AL PARADISO BREVI ESORTAZIONI IN MASSIME ED IN ESEMPII CHE ACCOMPAGNANO CIASCUNA RISPOSTA DEL CATECHISMO

PER LA SECONDA CLASSE

Lezione sesta Il cristiano che è adorno di virtù eseguisce le obbligazioni dello stato suo

VII. La santa Messa è colonna che illumina la terra ed è sole che sostiene e riscalda l'universo

«»

[- 477 -]

VII.

La santa Messa è colonna che illumina la terra

ed è sole che sostiene e riscalda l'universo

  1. Il Signore quando vide Adamo ed Eva piangenti fuori del paradiso terrestre disse: "Io vi manderò un Salvatore, e se avrete fede in questo voi sarete ancora salvi". Passarono intanto quattromila anni, e il Messia apparve in Betlemme e si udì predicare in Gerusalemme, e poi carico dei peccati di tutti gli uomini ascese al Calvario in croce dove soddisfece alle iniquità di tutti. Quando Gesù stava affisso alla croce, dopo più ore di agonia sclamò: "Il sacrificio è compiuto, l'inferno è vinto, la morte è superata e la terra è omai salva". In dir questo spirò sulla croce e la terra per alto duolo gemette. E tu che fai? Nel santo sacrificio della Messa, che si offre in ogni , Gesù si immola all'Eterno, e tu non versi una lagrima di tenerezza?

  2. [63]Tu che sei figlio del Signore devi riconoscere l'Altissimo per ossequiarlo. Devi di continuo domandargli grazia e perdono, e per debito di riconoscenza devi professargli gratitudine. Ma come potresti, tu meschinello, far intendere fino al cielo la voce tua? Gesù viene in tuo aiuto. Nella santa Messa egli si offerisce per te allo Eterno e intanto prega: "Padre, perdonate e date grazia a tutti questi vostri figli".

  3. Nella santa Messa le specie del pane e del vino sono come un velo che nascondono la maestà di Dio. Potresti tu vedere il Signore faccia a faccia e poi vivere ancora30 nella prigione del tuo corpo?

 

 - 478 -

  4. Accostati a Gesù tanto più teneramente quanto più vedi che ei si mostra teco pietoso. Maria santissima, Giovanni e le pie donne hanno accompagnato Gesù in Gerusalemme e sulla via del Calvario in mezzo agli scherni dei giudei, e tu hai anche sprezzata31 la confusione per seguire davvicino il tuo Redentore che si immola per la tua salvezza?

  5. Gesù in ogni ora del giorno si lascia offerire allo Eterno per le mani del sacerdote, e tu perché non vieni in ogni [64]giorno a lui per offerire col Sacrificio del Salvatore la persona e le cose tue all'Eterno?

  6. Pervenuto a<i> piedi del santo altare, tu prega come il buon ladrone che ti doni il paradiso. Come Giovanni il diletto leggi sulla croce del Salvatore affetti di tenerezza. Come Maria santissima entra nel cuore del Redentore e come lei desidera di affogarti nel mar della passione di Gesù, per non esser mai più da lui separato. In tempo della santa Messa recitare orazioni vocali e con affetto pio leggere un libro che ti ecciti affetti più pii, ma quando contempli i patimenti di Gesù allora tu appari non sol come cristiano pietoso ma a guisa di angelo gemente.

  7. Maria stando ai piedi della croce ottenne per mezzo di Gesù di cooperare alla salute degli uomini. Fa dunque come Maria, sospira ed ama, e otterrai quanto desideri per te, per quelli che ti sono cari in questo mondo o nel purgatorio. Otterrai quante grazie implori. Ah, perché non ottieni la salvezza di tutti i peccatori, la conversione di tutti gli infedeli? Un giorno la turba dei fratelli salvi passando dinanzi a te ti saluterebbero loro salvatore con Gesù.

 

 





p. 477
30     Cfr. Es 33, 20.



p. 478
31     Originale: spezzata; cfr. ed. 1933, p. 63. Qui e nelle note successive l’indicazione ed. 1933 corrisponde alla terza edizione dell’opuscolo pubblicata nella collana «Bibliotechina di operette ascetico-morali del servo di Dio Don Luigi Guanella»; cfr. p. 444.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma