Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

XXIV. "La mia vocazione sovrat<t>utto"

«»

[- 516 -]

XXIV.

"La mia vocazione sovrat<t>utto"

  Ben intendevalo il giovine Andrea de' Greghi che servire a Dio è regnare, che obbedirgli è dovere ed onore altissimo.

Però sclamava con enfasi: "Io vo' seguire la mia vocazione.

Sentomi consumare il cuore nel petto e la terra ardermi sotto ai piè per sì viva brama che mi trae al monastero. Mi sono consigliato ed ho atteso tuttavia a pregare. Poi mi sono esercitato alla solitudine e ne provai in cuore contento vivissimo.

Or non dubito punto che Dio non mi chiami alla religione ed io me ne parto omai. La mia vocazione mi preme soprat<t>utto". Quando al limitare della porta si attraversa la madre gridando: "Così mi lasci, o ingrato?", e gli tengono dietro minacciosi i fratelli per impaurirlo [74]trattandolo come pazzo ed insensato, Andrea ritorna ma non si vinto giammai. Ei ripara nella sua cameruccia, e qui sfogandosi in pianto amarissimo si lagna dolcemente con Dio perché il venga così perseguitando; si duole sovrat<t>utto di sé perché reputa che le sue infedeltà sieno esse l'ostacolo all'unione coi

 - 517 -

più fedeli servi del Signore. Però, dato di piglio a certo strumento di penitenza, con esso tolse a battersi senza misura, supplicando intanto: "Pietà di me, o Signore; la vocazione mia mi preme sovrat<t>utto!".


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma