Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

XL. La motrice

«»

[- 532 -]

XL.

La motrice

  Noi ci facciamo entro una vasta fabbrica industriale e siamo abbagliati dalla vista di macchine che si muovono con rapidità veloce e fischiano o stridono con suono assordante.

Chi ancor non si intende, resta ammirato e attende che gli si faccia vedere oltre la parete un abisso, dove precipitando una grossa colonna d'acqua pone in movimento un'enorme ruota chiamata la motrice, perché forza a più altre rotazioni che le dipendono essenzialmente.

 

 - 533 -

  Or figuratevi che come questa motrice, così Andrea stando in luogo nascosto dia movimento ad innumerevoli opere di bene nella provincia nostra. Una parola di Andrea valeva [104]come un allarme contro ai nemici della fede, un suo scritto letto ancor dai più lontani era come un elettro che scuoteva i cuori, la sua predicazione scendeva alle menti come una luce dal cielo, la sua presenza ridestava l'emulazione a virtù. Stando in questo movimento cattolico, Andrea, che ne era l'anima, tenevasi appunto nascosto nell'esteriore delle azioni; dei buoni risultati ne dava gloria a Dio e incoraggiamento a' suoi cooperatori. Quando poi un'opera intrapresa non otteneva appieno l'intento, ei ne attribuiva tutta a sé la colpa e chiedeane perdono a Dio e venia ai fratelli stessi. Questi alla lor volta mirando alla modestia del zelante apostolo, sclamavano: "Quanto è bello essere con un santo, obbedire ai santi non è fatica e lavorare in sudori con essi è soddisfazione carissima al cuore cristiano".


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma