Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

LXXXI. All'avello di un santo

«»

- 572 -

LXXXI.

All'avello di un santo

  Inverso all'avello che racchiude il corpo di un santo tutti s'affrettano. Che è questo? Dalle sessanta valli [177]della antica nostra provincia scendono mano a mano cortei di pellegrini semplici. Ove andate? "Al sepolcro del b<eato> Andrea".

E voi che numerosi salite dalle riviere del massimo Lario? "Anche noi ci affrettiamo al sepolcro di un santo". E voi che lontanissimi avete valicati gioghi scabrosi, voi che scendete dalla Rezia e che risalite dalla Elvezia, anche voi sollecitate cotanto per venire all'urna di un morto? E questi buoni fanno intendere: "Dunque non siete cristiani voi, o sol voi siete pellegrini da ignorare132 che Andrea non è morto ma vive, o se morto che egli è risorto omai? Lasciateci libero il passaggio".

Intanto raddoppiano il passo e sono anch'essi fra lo stuolo dei fratelli che pregano e poi partono giulivi dallo avello di Andrea.

  Or che mistero è questo? È un mistero di fede, è il frutto della virtù. I monumenti di Creso, di Alessandro, [178]di Napoleone sono muti come la solitudine, e l'avello di Andrea parla con una sapienza celestiale. I corpi di quei grandi lasciano fredda l'anima come i marmi che li racchiudono133. La salma del b<eato> Andrea è un focolare di pietà. Ognuno parte felice dall'urna di Andrea perché sa di essersi fatto migliorare.

Chi ha pregato con fede al sepolcro di un santo è contento perché può dire: "Testé ho acquistato il buon favore di un cittadino beato, or io me ne incammino sicuro nella carriera della vita che mi rimane a compiere".

 

 





p. 572
132 Cfr. Lc 24, 18.



133 Originale: racchiude.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma