Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

LXXXII. Gara di affetto

«»

- 573 -

LXXXII.

Gara di affetto

  Dissero i cittadini di Peschiera ai cittadini di Morbegno: "Noi amiamo il beato Andrea più che non l'amiate voi". E risposero i morbegnesi: "Per il beato nostro sono i nostri cuori e poi anche questi nostri petti". Quando addì sette febbraio 1625 i [179]peschierani, venuti in attitudine di pellegrini più divoti, già si provarono nottetempo per portarsi via il santo corpo, i morbegnesi134 li arrestarono. Nondimeno quei di Peschiera vennero più agguerriti e si provarono più fervidi addì otto del successivo aprile. Ed i cristiani di Morbegno si mossero con alto sdegno gridando: "Non vel dissimo già che per il beato Andrea nostro stanno i nostri cuori e poi anche i petti nostri?... Tuttavia Andrea è sì buon padre che testé medesimo ne pare udir la sua voce a parlare: Perché queste differenze fra di voi? Io vi amo. Caro mi è Morbegno, cara mi è Peschiera, ed io penso che tutti voi saliate con me in paradiso". Sicché i morbegnesi offerirono in dono prezioso una reliquia insigne, l'avambraccio del beato Andrea, ritenendo essi il resto del corpo benedetto.

  I cittadini di Peschiera si partirono adunque, e Peschiera e Morbegno si amarono poi sempre e onorarono di [180]conserva la salma del beato predicatore. Peschiera e Morbegno come un popolo giocondo applaudono135 alla presenza del beato Andrea.

 

 





p. 573
134 Originale: corpo. Ma i morbegnesi.



135 Originale: applaude; cfr. ed. 1932, p. 155.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma