Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

LXXXIII. Ingresso trionfale del b<eato> Andrea nella sua città natale

«»

- 574 -

LXXXIII.

Ingresso trionfale del b<eato> Andrea

nella sua città natale

  Lo ridico qui: Andrea povero, umile, perseguitato lasciava un Peschiera, ed ora è da Peschiera incontrato ricco, glorioso, applaudito. Che mistero è questo? Il vescovo di Verona è accorso appositamente con nobile corteggio. Ed egli saluta le lettere del vescovo nostro Carafini, e intanto incontratosi in Andrea il saluta dicendo: "Salve, confratello illustre; deh, tu ci salva, cittadino celeste!...". In dire si inchina profondamente. Segue l'arciprete con il clero della città in paramenta festive quasi per dire: "Tutto per voi, o beato concittadino nostro". [181]Il provveditore della fortezza assiste con le milizie schierate e gode <di> ripetere: "In onore di Andrea io innalzo od abbasso queste armi". Il popolo di Peschiera applaude con giubilo vivissimo e sei mila di fedeli accorsi da fuori sclamano con gioia pari: "L'abbiamo desiderato così vivamente; oh, venga il beato nostro Andrea". Le campane del luogo e dei paesi circonvicini rispondono con eco festoso, il rimbombo del cannone della fortezza annunzia il segnale della vittoria e del trionfo insieme. Intorno al b<eato> Andrea un coro di vergini canta l'inno della madre, la Chiesa santa, la quale già in data del 23 novembre 1602136 aveva detto: "Sia lode a Dio. In ossequio allo Altissimo e ponendo la intercessione del b<eato> Andrea è lecito celebrare la santa Messa propria del confessore non pontefice".

  In Peschiera i cuori nuotavano in un mare di purissima gioia. Pareva che una bianca nube posando allo [182]intorno,

 - 575 -

rischiarata dal sole, fosse scesa testé come per dire che i cittadini di Peschiera sarebbero stati omai un popolo eletto per celesti benedizioni. Però si strinsero alla destra di Andrea, e per esso si univano più strettamente a Gesù Cristo e sclamavano: "Signore, non vi partite più da noi". Ed il pontefice applaudendo benedisse in nome di Dio e pronunciò: "Il popolo di Peschiera, che in ogni anno ricorda con festa il solenne ingresso del beato Andrea, sia popolo prosperato ed egli ottenga di ogni suo fallo plenaria indulgenza e sia caro a Dio come il fanciullo rigenerato testé".

  Ai primi di giugno del 1641 avvenivano le feste trionfali del b<eato> Andrea; i peschierani risposero: "Amen! Amen!", e seguirono fedeli fino ad oggidì il proposito di rallegrarsi come figli intorno al padre. In quest'anno centenario i cristiani di Peschiera con cuore più fervido pregano tuttavia: "Così sia. Il Signore [183]ne salvi per intercessione del beato nostro Andrea".





p. 574
136 Nell' ed. 1932, p. 157: “23 novembre 1642”. In F. S. Quadrio, Dissertazioni critico-storiche, iii, p. 25, si legge che in occasione della traslazione di una reliquia del beato Andrea a Peschiera, avvenuta dopo il 9 giugno 1641, venne conces­so a quella città di “recitare l'Uffizio comune de' Confessori non Pontefici sotto il Rito Doppio, e di celebrarne nello stesso modo la Messa”.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma