Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

NOVENA IN ONORE DEL B<EATO> ANDREA

LXLVII. Settimo giorno Otteneteci, o beato Andrea, al fianco nostro compagni buoni

«»

- 591 -

LXLVII.

Settimo giorno

Otteneteci, o beato Andrea,

al fianco nostro compagni buoni

  Che mistero è questo? Voi, o beato Andrea, incontratovi con un santo compagno, il beato Benigno, vi abbracciaste a lui e l'amaste come il cuor vostro, e di lui vi giovaste per vivere più intimamente a Dio. E noi appena sappiamo venire tremanti dove è un buon cristiano... Temiamo <di> [213]ascoltarlo per timore che altri ne guardi... Avvicinatolo il cuor pio, noi non sappiamo parlargli ed egli è in angustie per non potere con noi espandersi. Sicché noi ci partiamo confusi e sopraggiunti149 <più> che mai. Vile rispetto umano, che ci conduce all'orlo di certa quale apostasia dalla fede! Così all'uopo uno si vergogna di essere amico a Gesù nel Santissimo Sacramento, ne ha rossore di appartenergli con ascriversi ad una unione pia, ad una società per gli interessi cattolici. Ah, dov'è la fede oggidì e la pratica del seguace del Vangelo? Beato apostolo nostro, otteneteci compagni buoni al fianco nostro. Scampateci dai fogli tristi, dai discorsi liberali! I compagni buoni sieno come l'angelo nostro, il nostro padre, il nostro maestro. Esauditeci, o Signore, per mediazione del servo vostro Andrea. Noi saremo certamente buoni se ci mandate a soccorrerci compagni buoni.

  Tre Pater, Ave, Gloria.

 

 





p. 591
149 Nell'ed. 1932, p. 184: “aggravati”.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma