Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

NOVENA IN ONORE DEL B<EATO> ANDREA

LXLIX. Giorno nono Il beato Andrea ci assista in vita e nella morte

«»

[- 592 -]

LXLIX.

Giorno nono

Il beato Andrea ci assista in vita e nella morte

  O beato Andrea, voi ne scorgete che siamo come una greggia di pecore bisognosa di guida150. Dove l'una va e le altre se ne vanno. E perché il liberalismo ci insinua la libertà

 - 593 -

dei giumenti, però noi stessi siam corrivi a deporre il giogo della divina legge. Non ci cale del giudizio, non ci fa paura della morte, poco ci incora il paradiso, di poco ci fa temere l'inferno. Miseri noi, miseri! O beato Andrea, fateci temere i giudizii del Signore e guidateci a Dio! Sovrat<t>utto ci assistete nell'ultim'ora. In quel momento il demonio adopera con [216]sforzo vivissimo perché sa che poco di tempo gli rimane omai. E voi allora, o b<eato> Andrea, siateci d'accanto. Il vostro transito fu sì felice che ben fu detto un trionfo. Noi vogliamo passare da questa vita con il sorriso dei giusti. Celeste Signore Iddio, ve ne supplichiamo con la mediazione del beato nostro Andrea.

  Tre Pater, Ave, Gloria.





p. 592
150 Cfr. Mt 9, 36.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma