Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Costituzioni S. d. C. - 1907
Lettura del testo

COSTITUZIONI DELL'ISTITUTO DEI SERVI DELLA CARITÀ (1907)

Parte PRIMA

Capo VIII. DEL VOTO E DELLA VIRTÙ DI POVERTÀ

«»

[- 1202 -]

Capo VIII.

DEL VOTO E DELLA VIRTÙ DI POVERTÀ

 

 41. Emettendo questo voto, i Servi della Carità rinunciano al diritto di disporre lecitamente di qualunque cosa temporale senza il[16] beneplacito dei superiori legittimi, onde non possono presso di sé ritenere l'amministrazione dei propri beni.

Devono pertanto, prima di emettere i voti annuali, disporre, come loro piace, dell'uso o usufrutto dei loro beni in favore di chi vogliono o anche, se così loro piace, in favore della propria congregazione.

Devono ancora cedere l'amministrazione dei loro beni ad altra persona di loro fiducia o anche alla propria congregazione, se essi vogliono e se la congregazione l'accetta.

42. La cessione di amministrazione dell'uso e dell'usufrutto non ha più luogo quando uno esca dall'istituto e però all'atto di cessione si pone la condizione che sia nulla nel caso suddetto di uscita dallo istituto stesso.

43. Compiute le suddette disposizioni, non si possono più revocare o cambiare senza il beneplacito del superiore generale.

44. Le stesse disposizioni si possono eseguire tanto per atto pubblico che per atto privato.

45. Nondimeno i Servi della Carità professi ritengono il dominio radicale dei propri beni e non vi possono rinunciare per atti[17] inter vivos4 avanti la professione dei voti perpetui.

46. Chi volesse spogliarsene prima della professione dei voti perpetui, dovrebbe ottenerne l'assenso della Santa Sede.

47. Conviene che i Servi della Carità, avanti emettere - 1203 -qualsiasi voto temporaneo o perpetuo, dispongano per testamento dei propri beni.

48. I Servi della Carità, che intendono fare testamento o mutare il già disposto, hanno bisogno del consenso della Santa Sede.

Nei casi di urgenza per pericolo di vita o per altro, vi può supplire il consenso del superiore generale ovvero del superiore provinciale e vi può bastare, nei casi di massima urgenza, anche il consenso del superiore locale.

49. Con il consenso dei superiori, come sopra, possono disporre e firmare atti di proprietà in conformità alle leggi civili.

50. I Servi della Carità possono disporre dei beni loro pervenuti dopo la professione religiosa in egual modo come i beni che possedevano prima della professione stessa.

51. Tutto quello che di guadagno per lavoro ovvero per riguardo dello istituto i[18] Servi hanno potuto mettere assieme, tutto diviene proprietà dello istituto medesimo.

52. Nella comunità tutti i beni sono comuni quanto a vitto e vestito, ma è conveniente che ognuno tenga nota degli abiti propri personali e di quelli che se ne serve.

53. Quanto alle suppellettili, niente abbiano di superfluo i Servi della Carità e niente loro si dinieghi di quanto può essere loro necessario.





p. 1202
4 L'espressione indica un atto legale immediatamente effettivo, in contrapposizione al testamento, che entra in vigore alla morte del testatore.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 Èulogos SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma