Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Costituzioni S. d. C. - 1907
Lettura del testo

COSTITUZIONI DELL'ISTITUTO DEI SERVI DELLA CARITÀ (1907)

Parte TERZA

Capo III. DEI CONFRATELLI CONSIGLIERI

«»

[- 1219 -]

Capo III.

DEI CONFRATELLI CONSIGLIERI

 

168. [47]I confratelli consiglieri devono risiedere nella casa madre.

Due fra essi in caso di necessità possono anche abitare fuori la casa madre, ma in modo che occorrendo la loro presenza possano ritornarvi ed essere presenti al Consiglio.

169. Non si devono affidare ai confratelli consiglieri uffici secondari, che poi li impediscono dal compiere convenientemente i loro uffici primari.

170. Il primo fra i confratelli che fu eletto consigliere tiene le veci del superiore generale come vicario e compie gli uffici di lui, sia assente o lontano o come che sia impedito.

Morto il superiore generale, ne compie pure le veci.

171. E dovere dei consiglieri di prestare consiglio ed aiuto in reggere ed amministrare l'intero istituto come sono richiesti dal superiore generale nei maggiori negozi, conforme è detto al capo secondo.- 1220 -

172. [48]I confratelli osservano diligentemente il segreto circa tutti quegli uffici che, sia entro come fuori il Consiglio, sono stati affidati alla loro fedeltà.

Che se violassero il segreto, si avvertano seriamente e, se più e più volte ammoniti tuttavia manchino, allora si puniscano secondo la gravità della colpa da giudicarsi secondo le circostanze di modo e di persona.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 Èulogos SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma