Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Costituzioni F. s. M. P. - 1909
Lettura del testo

COSTITUZIONI DELLE FIGLIE DI SANTA MARIA DELLA PROVVIDENZA (1909)

Parte prima. CARATTERE DELL'ISTITUTO

Capo XIII. DELLA CONFESSIONE E DELLA COMUNIONE

«»

- 383 -

Capo XIII.

DELLA CONFESSIONE E DELLA COMUNIONE

 

71. Le Figlie di santa Maria si confessano d'ordinario una volta in ogni settimana ed i confessori, secondo i decreti pontifici11, vengono loro assegnati dal vescovo.

Esse hanno confessori ordinari, straordinari e supplementari.

72. Il confessore ordinario è uno solo per tutte le figlie di una casa.

73. La superiora può, se vuole, proporre al vescovo i sacerdoti confessori che crede più adatti, ma si rimette e riceve quelli che dal vescovo le sono assegnati.

Spetta pure al vescovo approvare il sacerdote per le sacre funzioni e per la predicazione nelle case.

74. [26]Il confessore ordinario, deputato dal vescovo, rimane in ufficio tre anni.

Per essere riconfermato per altro e ulteriori trienni si richiede il consenso della Sacra Congregazione dei Vescovi e Regolari.

75. Oltre il confessore ordinario, il vescovo ne assegna uno straordinario, perché nei quattro Tempi ed anche più sovente sia data opportunità di aprire l'animo a chi ne avesse bisogno.

Le figlie della congregazione, che non desiderassero esporre la propria coscienza al confessore straordinario, sono però ugualmente obbligate a presentarsi a lui.

76. Tutte le volte che una figlia per la propria coscienza desiderasse un altro confessore può domandarlo al vescovo.

77. La superiora può invitare per la confessione propria e delle consorelle qualsiasi dei sacerdoti precedentemente approvati dal vescovo, secondo il decreto Quemadmodum12 della Sacra Congregazione dei Vescovi e Regolari.

78. Quando una figlia è in pericolo di[27] morte, la superiora si affretti a procurarle un confessore straordinario, tanto più se questa ne mostrasse desiderio.

79. Quando le consorelle si confessano in qualche chiesa- 384 - pubblica, è loro permesso di confessarsi presso qualsiasi sacerdote approvato.

 80. Previo il permesso del confessore, le Figlie di santa Maria si accostano tutti i giorni a ricevere la santissima Comunione.

81. E proibito alla superiora qualunque ingerenza intorno alla frequenza dei Sacramenti, essendo questo ufficio riservato al sacerdote.

82. La superiora è obbligata a procurare a tutte le consorelle tempo sufficiente per l'apparecchio e per il ringraziamento alla santa Comunione.

83. La superiora e le consorelle procureranno con amoroso zelo di favorire la frequenza alla santa Comunione fra i ricoverati della casa, in ispecie se adolescenti od infermi.

Siano poi sempre ed esattamente osservati il[28] citato decreto Quemadmodum ed il decreto Sacra Tridentina Synodus13, emanato dalla Sacra Congregazione del Concilio sulla frequente e quotidiana Comunione.





p. 383
11 Cfr. nota 5 a p. 343.



12 Fu emanato il 17 dicembre 1890.



p. 384
13 Fu emanato il 20 dicembre 1905.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma