Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Il fondamento...
Lettura del testo

IL FONDAMENTO CATECHISMO PER LE ANIME CHE ASPIRANO A PERFEZIONE

PER LA TERZA CLASSE

Lezione preliminare Che sia dottrina cristiana e quali le sue parti principali

«»

- 887 -

PER LA TERZA CLASSE

Lezione preliminare

Che sia dottrina cristiana e

quali le sue parti principali

  1. [47]Dillo a tutto il mondo, o Filotea: "Io sono cristiana perché Dio mi ha fatto grazia". In dirlo muovi tanta gioia che tutti si sforzino a seguirti.

  2. Maria benedetta rispose ad Elisabetta: "Io sarei stata meschina cotanto, ma Dio mi fece grande".

  3. Filotea, segui il Salvatore che ti ha chiamata. Se scorgi che in te sia un affetto qualsiasi meno che santo, strappalo. Tu professi <di> essere anima assai fedele al Signore. Ora qual confusione non esser quale, per caso, il mondo stesso ti reputa?

  4. Gesù Cristo è in Betlemme e in Nazaret, in Gerusalemme e sul Calvario. Tu lo devi [48]accompagnare in questi luoghi. La sua dottrina è conforme a' suoi esempi e si racchiude in questo motto: astienti e soffri. Ovvero in quest'altro: ama Dio e poi fa quello che vuoi.

  5. Tu fa tacere tutte le distrazioni allo intorno di te e raccogliti per udire la voce di Dio, o dal dettato di libri santi ovvero dalla voce del tuo superiore o dalle inspirazioni del cuor tuo.

  6. La tua vita quaggiù consista unicamente in guardar Dio e pregarlo, in ascoltare la sua voce e ottenere di seguirla più perfettamente che da te si possa.

  7. La prima grazia e più grande è intendere sempre più precisamente quello che Dio vuole da te. Prega come il cieco di Gerico: "Signore, ch'io vegga!" 7.

 

 - 888 -

  8. E di poi soggiungi: "Quello che è meglio per me voi l'intendete. Datemi il meglio per l'anima mia. Padre, pietà di me!".

  9. Conferma poi la fede tua in credere che il voler di Dio è che tu eseguisca puntualmente gli obblighi del tuo stato. In questo poni attenzione sollecita. Il giovinetto Giovanni Berchmans fu elevato da Pio ix all'onore degli altari perché fu maximus in minimis, ossia esattissimo nelle più piccole cose d'obbedienza della sua Regola.

  10. [49]Il vertice del monte di tua perfezione è al punto in cui più chiaramente conosci te stessa per umiliarti e confessare Iddio. A questo colmo tu sali avvalorata dalla grazia dei santi Sacramenti e mediante l'esercizio continuo di fede e di patimento.





p. 887
7                  Mc 10, 51.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma