Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Il fondamento...
Lettura del testo

IL FONDAMENTO CATECHISMO PER LE ANIME CHE ASPIRANO A PERFEZIONE

Parte quarta DEI SACRAMENTI

Lezione VIII Dell'Ordine

«»

[- 960 -]

Lezione VIII

Dell'Ordine

  1. Nella Chiesa di Gesù Cristo prima dignità suprema è il sacerdozio. Dopo il sacerdozio e col sacerdozio è la verginità cristiana. I vergini si dicono angelici. La Chiesa ne ha cura come de' figli suoi più diletti.

  2. Filotea, domandalo al cuor tuo: "L'anima mia è dessa almeno fedele sposa a Gesù?". E ti risponderà il cuore: "Scorgilo tu stessa: sarai fedele se nel santuario della divozione sei entrata non per altro fine che per dar gloria a Dio e buon esempio ai fratelli tuoi". E in presente, come aspiri tu agli agi ovvero ai posti onorifici? Esamina accuratamente il cuor tuo, perché un male di superbia ti condurrebbe presto ad un male di umana miseria.

  3. Non hai osato entrare nel santuario della castità santa se non quando udisti chiara la voce di Dio. Orsù, benedici a Dio sempre e [174]dimora nel tempio santo, come s'addice all'anima che ha protestato: "Il Signore è la mia porzione in eterno".

 

 - 961 -

  4. A tanto uopo, oh come tu devi pregare di cuore! Vi sono delle anime nel secolo che vivono quaggiù solo pel cielo. Talvolta, dopo aver faticato per tutto il , passano le migliori ore della notte in unione di preghiera con Dio. E tu, o Filotea, che sei chiamata a perfezione, vuoi essere da meno?

  5. Nel santuario della verginità, come nel sacerdozio santo, ogni atto è grande, ogni impresa è d'importanza. Uopo è che tu sii anima che di continuo conversa con Dio, affine di ben intenderne i voleri suoi. Nel caso pratico vuoi tu intendere se Dio ti chiama ad un officio? Guarda al cuor tuo, chiedi consigli e provati poi con esperimento. Se scorgi che Dio ti prospera in un'opera incipiente, credilo che ti feliciterà anche in impresa maggiore di questo stesso ordine.

  6. Nelle fatiche di servizio al Signore, tu devi guardare al tuo cuore e non al fervore di tua immaginazione. Proporziona l'abilità e l'attitudine tua a quell'atto che sei per compiere. Nel dubbio supplica consiglio da persone spirituali, ma non ti affidare a parenti interessati, perché avversari di un'anima [175]spirituale sono specialmente i domestici di casa37. Considera che Dio è il padrone e noi i suoi servi. Non è bene che il Signore assegni ai suoi in particolare quell'ufficio che è poi per ciascuno il suo meglio?

  7. Sacerdozio e verginità sono onori sublimi all'anima che ne è investita. Non iscorgi come tutto il mondo credente s'inchina riverente al passaggio del sacerdote e del vergine? Filotea, inchinati al sacerdozio, ammira il vergine. Sei vergine tu stessa? Ebbene la tua conversazione quaggiù sia come di angelo che mandato dal cielo per compiervi un'ambasciata non aspetta che di ritornarvi, per bearsi più giocondamente con Dio e più festosamente co' beati angeli suoi.

 

 





p. 961
37                Cfr. Mi 7, 6.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma