Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Nella scuola…
Lettura del testo

NELLA SCUOLA NORME PER BEN DIRIGERE L'INSEGNAMENTO ELEMENTARE

XIII. Ancora dell'applicazione delle cose insegnate

«»

[- 605 -]

XIII.

Ancora dell'applicazione delle cose insegnate

  1. [35]Il fanciullo è facile in asserire d'aver intesa la lezione spiegata, ma nel caso pratico raro è che l'abbia ben appresa.

  2. Il maestro dopo aver spiegata una regola o di gramatica o di aritmetica, deve nella scuola farne eseguire dallo scolaro molte applicazioni pratiche. Deve altresì ritornare a questo proposito molte fiate nei giorni seguenti, perché un principio

 - 606 -

fondamentale ben ribadito non abbia a passare dalla memoria del giovinetto.

  3. Le applicazioni alle regole spiegate deve il fanciullo ritrovarle con ingegno proprio altresì. A tale scopo gli si preparano lavori opportuni che [36]egli eseguisce o nella scuola per esercizio ovvero in casa per compito.

  4. Non si accomiati poi l'allievo dalla scuola prima che abbia ricevuto il compito di lavoro a farsi e la lezione da imprimersi a memoria per la domane.

  5. Badi nondimeno il maestro che il peso del lavoro assegnato <non> sia assai greve e che la lezione a studiarsi non sia troppo difficile, perché il fanciullo non avendo in casa l'assistenza del maestro facilmente scuoterebbe il giogo della scuola.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma