Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
O Padre! O Madre! (I corso)
Lettura del testo

O PADRE! O MADRE! PRIMO CORSO DI FERVORINI NELLE FESTE DEL SIGNORE E DELLA BEATA VERGINE

<FESTE DEL SIGNORE>

XIV. Nella solennità del Corpo del Signore] Gli ingrati alla cena

«»

- 40 -

XIV.

Nella solennità del Corpo del Signore]

Gli ingrati alla cena

Sarà ospitato ed egli darà a mangiare ed a bere agli ingrati e dopo ciò ascolterà amare cose.

Eccl<esiastico> 2927

  1. [64]Fra i giorni della vita tua tu numeri per fausti quelli nei quali sia tu degnato di ricevere in casa tua qualche illustre e santo personaggio. Che se anche a te, come ad Abramo e a Tobia, come a Gregorio ed a Bernardo, comparisse un angelo celeste, io non so se come Tobia tu stesso non ti prostreresti per tre al suolo per ammirarealta degnazione. Ma già è in via per entrare nella casa dell'anima tua Gesù, il creatore degli uomini, il re degli angeli, e tu ancora non ti affretti ad incontrarlo con un'estasi di affetto purissimo?

  2. Considera i doni che Gesù dispone in prò della casa tua. Toccherebbe a te, [65]come già fece Zaccheo, di preparare al tuo ospite una mensa eletta. Invece Gesù, entrando nella casa dell'anima tua, vuole in persona <preparare> per te un convito. Questo contiene in copia cibi eletti, chi ne può dubitare? La mensa del Signore è mensa perfetta, la quale contiene tutto il bene del paradiso, perché a quel convito Gesù dona in cibo le sue carni immacolate, in bevanda il suo sangue preziosissimo. Gesù dona tutto se medesimo, perché ogni ben del Padre vuol che sia pur anche ben del figlio.   3. Ma il portento più mostruoso è trovar figli che sono ingrati ai favori di Gesù, ospite divino. Gesù la sua mensa imbandisce ai suoi figli dell'Asia, e questi omai l'hanno ripudiata.- 41 - La imbandisce a quei dell'Africa, e questi l'hanno rovesciata. Gesù imbandisce la sua mensa ai figli dell'America, e questi appena la degnano di un guardo. Imbandisce la sua mensa all'Europa, e qui pure ah quanti hanno figli ingrati, che come ebrei sfacciati spregiano il cibo della manna, alimento celeste, per agognare alle cipolle di Egitto? Pure Gesù non ritira la mensa sua.

  4. [66]Ambrogio per guadagnare il cuore di un figlio sciagurato, che aveva attentato per ucciderlo, il tenne alla sua mensa. Gesù invita alla sua mensa te, che forse come Giuda l'hai tradito già una volta. Gesù invita tutti i cristiani della terra, benché altra volta abbiano avuta la malizia di mischiarsi cogli ebrei per gridare morte a lui.

  5. Il popolo ebreo nel deserto era accompagnato da Dio con miracoli di ogni , eppure in ogni giorno quelli indiscreti si facevano forti in lagnarsi che il Signore non li aiutava. Simili a questi sono i figli dei cristiani i quali abbandonano la casa e la mensa del proprio padre e poi si dolgono con dire che Dio non è buono, che non provvede alle sue creature. Se tu, essendo genitore, entrassi ansante in un bagno di sudore a portare ai figli quel cibo che ti costò tanta fatica, che diresti se ora ti vedessi buttare in viso l'alimento disposto? Lavorare e poi sentirsi rimproverare da ingrati è cosa dura. Ma Gesù ode quotidianamente ancor questi lamenti ingiustissimi eppur li sostiene. Segno è che il cuore di Gesù in amare non ha cuor che l'eguagli.

Riflessi

  1. [67]Gesù è l'ospite che entra nella casa dell'anima tua.

  2. Viene per disporti una mensa perfetta.

  3. Molti tuoi fratelli sono ingrati che disconoscono questa mensa.

  4. Sono ingrati che dicono: "Il Signore che ci dona egli di bene?".

  5. Gesù ode e tace, perché egli è padre che ama.





p. 40
27 Sir 29, 32.



«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma