Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Pie pratiche in ossequio...
Lettura del testo

PIE PRATICHE IN OSSEQUIO AL XIV CENTENARIO DEL TRANSITO DI SANT'ABONDIO PROTETTORE DELLA CITTÀ E DIOCESI DI COMO

X. Le dieci domeniche in onore di sant'Abondio

«»

[- 605 -]

X.

Le dieci domeniche in onore di sant'Abondio

  Passano gli eroi del mondo e più non ritornano. Gli eroi del Cristianesimo passano e rimangono nel mezzo nostro sino alla fine. Sono 1400 anni dacché Abondio passò, [16]eppure egli è infra noi. E come un giorno, militante in terra, suscitò un morto a vita, così or che da 1400 anni è glorioso in cielo Abondio guarisce gli infermi da malattia e suscita i morti dalla colpa. Per tante grazie Abondio è il padre e patrono della città e della diocesi di Como nostra. E quando noi, postici intorno al suo avello glorioso, ci consoliamo in dire: "Eccolo il nostro santo!", allora Abondio parla ai nostri cuori e ci conforta.

  Carissimo il nostro sant'Abondio! In quest'anno giubilare del vostro transito glorioso noi proponiamo <di> onorarvi con la pratica delle dieci domeniche, così come usarono già i padri nostri. Confessare le colpe nostre in ogni giorno domenicale per dieci volte e poi comunicarci al santo altare e poi

 - 606 -

passare un momento divoto in considerare le virtù dell'eroe cristiano, oh qual pro! Confermate, o Abondio, in noi il pio proposito. Noi vi pregheremo nelle necessità nostre e voi ce ne otterrete lo esaudimento.

  Tre Pater, ecc.

  Sancte Abundi, etc.

 


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma