Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Un poverello di Cristo…
Lettura del testo

UN POVERELLO DI CRISTO MEMORIE PER LE FESTE MONDIALI DEL SETTIMO CENTENARIO DALLA NASCITA DI SAN FRANCESCO D'ASSISI

IV. Nella solitudine in discorso con Dio

«»

- 52 -

IV.

Nella solitudine in discorso con Dio

  [14]Il divin Salvatore dimorava da trent'anni nella casa di Nazaret, obbediente a Giuseppe ed a Maria, quando disse: "Il tempo di predicare il regno de' cieli agli uomini è venuto; voglio recarmi nella solitudine per discorrere più familiarmente con il mio celeste Padre". Lasciò dunque Nazaret diletta e venne al deserto. Incominciò dal digiunare e dal pregare, e così solo solo se la intese per lo spazio di quaranta giorni con il celeste suo Padre. Il demonio non lasciò di comparirgli per atterrirlo, ma Gesù gli intimò: "Partiti, ché io devo per mano condurre i miei fratelli alla volta del paradiso". Subitamente poi levossi e si mostrò maestro e salvatore a tutti, sui campi di Giudea e di Galilea. [15]Francesco intese che egli meschinello doveva riparare la casa del Signore. Venne dunque nella chiesa della Madonna degli Angeli, che è nella solitudine giù nella valle dietro ad Assisi. Si pose ginocchione, allargò le braccia in forma di croce, eresse in alto il volto e disse: "Insegnatemi, o Signore". Ammaestrollo dunque Iddio con amorevoli discorsi e finalmente gli impose: "Esci predicatore e maestro ai popoli, che ti ascolteranno". Francesco obbedì e si trovò in mezzo alla nazione d'Italia ed ai regni della terra.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma