Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
domande 8
domanderete 2
domando 19
domandò 209
domani 69
domattina 9
domenica 8
Frequenza    [«  »]
217 qualche
215 un'
212 fosse
209 domandò
207 appena
207 povero
206 nulla
Carlo Lorenzini, detto Collodi
Raccolta di opere

IntraText - Concordanze

domandò

Pinocchio
    Capitolo
1 6 | alla porta.~ ~- Chi è? - domandò sbadigliando e stropicciandosi 2 9 | cos'è quel baraccone? - domandò Pinocchio, voltandosi a 3 10 | scompiglio nel mio teatro? - domandò il burattinaio a Pinocchio, 4 11 | sono sempre vivi? - gli domandò Mangiafoco.~ ~- Il babbo, 5 11 | Dunque la grazia è fatta? - domandò il povero Arlecchino, con 6 12 | disparte Pinocchio e gli domandò:~ ~- Come si chiama tuo 7 12 | è che sai il mio nome? - domandò il burattino.~ ~- Conosco 8 12 | nulla.~ ~- E ora, - gli domandò la Volpe, - che cosa vuoi 9 12 | possibile che diventino tanti? - domandò Pinocchio, restando a bocca 10 13 | compagni sono pronti? - gli domandò il burattino.~ ~- Altro 11 13 | grattandosi il capo. Poi domandò:~ ~- E dove hanno detto 12 13 | trasparente.~ ~- Chi sei? - gli domandò Pinocchio.~ ~- Sono l'ombra 13 16 | E lei non dice nulla? - domandò la Fata al Grillo-parlante.~ ~- 14 17 | dove le hai messe? - gli domandò la Fata.~ ~- Le ho perdute! - 15 17 | Perché ridete? - gli domandò il burattino, tutto confuso 16 18 | cogli unghioli: per cui gli domandò:~ ~- Che cosa hai fatto 17 18 | fai in questi luoghi? - domandò la Volpe al burattino.~ ~- 18 18 | Campo dei miracoli dov'è? - domandò Pinocchio.~ ~- è qui a due 19 18 | che copriva la buca. Poi domandò:~ ~- C'è altro da fare?~ ~- 20 19 | Perché ridi? - gli domandò Pinocchio con voce di bizza.~ ~- 21 22 | Melampo faceva proprio così? - domandò Pinocchio.~ ~- Faceva così, 22 22 | affacciatosi alla finestra, domandò:~ ~- Che c'è di nuovo?~ ~- 23 22 | fra le altre cose, gli domandò:~ ~- Com'hai fatto a scuoprire 24 23 | dunque anche Geppetto? - domandò al burattino.~ ~- Se lo 25 23 | di qui alla spiaggia? - domandò Pinocchio con ansia affannosa.~ ~- 26 23 | Che cos'è accaduto? - domandò Pinocchio a una vecchina.~ ~- 27 24 | molto questo Pesce-cane? - domandò Pinocchio, che digià cominciava 28 25 | guardandola amorosamente, le domandò:~ ~- Dimmi, mammina: dunque 29 25 | brontoli fra i denti? - domandò la Fata con accento risentito.~ ~- 30 26 | di qui alla spiaggia? - domandò il burattino.~ ~- Fra un' 31 27 | O il Pesce-cane dov'è? - domandò, voltandosi ai compagni.~ ~- 32 29 | capanna poco distante, e domandò a un vecchietto che stava 33 29 | chi è questo Pinocchio? - domandò il burattino facendo lo 34 29 | bianco a codesto modo? - gli domandò a un tratto il vecchietto.~ ~- 35 29 | La Fata è in casa? - domandò il burattino.~ ~- La Fata 36 29 | conficcato nell'uscio? - domandò ridendo al burattino.~ ~- 37 30 | Che cosa fai costì? - gli domandò Pinocchio, avvicinandosi.~ ~- 38 30 | voltandosi all'amico, gli domandò:~ ~- Ma sei proprio sicuro 39 30 | rizzandosi in piedi.~ ~- Chi è? - domandò sottovoce Pinocchio.~ ~- 40 30 | Ma è proprio vero, - domandò il burattino, - che in quel 41 31 | smorfie e mille manierine, gli domandò sorridendo:~ ~- Dimmi, mio 42 32 | così grandi smanie, gli domandò premurosamente:~ ~- Che 43 32 | davvero è proprio così? - domandò singhiozzando il burattino.~ ~- 44 32 | porta bussò.~ ~- Chi è? - domandò Lucignolo di dentro.~ ~- 45 32 | essersi accorto di nulla, gli domandò sorridendo:~ ~- Come stai, 46 33 | il compratore, il quale domandò al garzone di stalla:~ ~- 47 34 | Chi è che parla cosi? - domandò Pinocchio, sentendosi gelare 48 34 | che ci ha inghiottiti? - domandò il burattino.~ ~- Figurati 49 35 | siete chiuso qui dentro? - domandò Pinocchio.~ ~- Da quel giorno 50 35 | tutto in un boccone?... - domandò Pinocchio maravigliato.~ ~- 51 35 | al buio.~ ~- E ora?... - domandò Pinocchio facendosi serio.~ ~- 52 36 | questa spiaggia benedetta? - domandò il vecchietto diventando 53 36 | Siamo troppo pesi?... - gli domandò Pinocchio.~ ~- Pesi? Neanche 54 36 | dove dobbiamo andare? - domandò Geppetto.~ ~- In cerca di 55 36 | E quando ritornerà?... - domandò Pinocchio, con vivissima 56 36 | il vecchio Geppetto. Poi domandò al Grillo-parlante:~ ~- 57 36 | chinatosi fino a lui, gli domandò in dialetto asinino:~ ~- 58 36 | a casa, il suo babbo gli domandò:~ ~- E il vestito nuovo?~ ~- 59 36 | cambiamento improvviso? - gli domandò Pinocchio saltandogli al I racconti delle fate Capitolo
60 1 | averci messo sopra gli occhi, domandò alla moglie:~«Come mai su 61 2 | caccia in quei dintorni, domandò che cosa fossero le torri 62 2 | era venuto colla posta, e domandò tutto stupito che cosa mai 63 3 | rossi e pieni di pianto, le domandò che cosa avesse.~«Vorrei... 64 3 | in sé dalla gioia. Ella domandò loro il nome di questa Principessa; 65 4 | venne loro ad aprire, e domandò loro che cosa volevano.~ 66 4 | ed andò ad aprire.~L'Orco domandò subito se la cena era lesta 67 5 | sentendo un nome così bizzarro, domandò chi fosse questa Pelle d' 68 5 | addietro, mi fece un dolce?», domandò il Principe.~Tutti si messero 69 5 | madornale:~«Siete voi», le domandò, «che abitate in fondo di 70 6 | vedendola così bella, le domandò che cosa faceva in quel 71 7 | nella foresta.~Egli le domandò dove andava.~La povera bambina, 72 8 | polpette».~Il Re infatti domandò ai segatori di chi fosse 73 8 | che cosa sapesse fare: e domandò di potergli parlare, dicendo 74 9 | aver ringraziato suo padre, domandò che le fosse dato un po' 75 9 | stupita di quello spettacolo, domandò loro per chi fossero in 76 11 | dinanzi agli occhi. Egli domandò se non vi fosse anche un' 77 11 | rovescio. Alla fine Grazioso domandò dove fosse la Principessa 78 11 | raccontarlo a Trotona: la quale le domandò la ragione di tutto il lamentìo 79 12 | Dicono forse qualche cosa?», domandò egli.~«Ma sicuro», ella 80 12 | ancora durare un pezzo?», domandò il Principe, gettandosi 81 12 | sé delle belle donne?», domandò il Re.~«Non s'è veduto mai 82 12 | al minore dei figli, gli domandò: «Come va che questa volta 83 13 | vedendo più il figliuolo, domandò che cosa facesse e come 84 13 | rispondeva a rovescio, il Re gli domandò il motivo che aveva portato 85 13 | figurarseli: ma quando egli domandò di presentare i suoi omaggi 86 13 | cagione la Cervia bianca, domandò alla vecchia chi fosse la 87 13 | Beccafico volle bracare, e domandò dov'era la camera di quella 88 13 | venite, mio caro figlio?», domandò il vecchio, «come mai avete 89 14 | forse non vi piaccio?», le domandò Amato un tantino commosso.~« 90 14 | era di umore tristo, gli domandò la cagione della sua tristezza.~ 91 15 | divedere: e quando il mostro le domandò s'era venuta da lui volentieri, I ragazzi grandi Capitolo
92 tes | paura? È forse malata? - domandò Clarenza con vivissima ansietà.~- 93 tes | Mario!... e lui chi era? - domandò Clarenza esitando e abbassando 94 tes | E quella lettera?.. - domandò Clarenza con una curiosità 95 tes | dunque c'è un altro? - domandò il conte, ficcandosi tutte 96 tes | Teodora: è un bel giovine? - domandò il conte.~- È marchese! 97 tes | Chi te l'ha detto? - domandò Clarenza vivacemente.~ - 98 tes | E ora, di che ridi? - domandò Clarenza impermalita.~- 99 tes | Che cos'hai fatto?.. - domandò Clarenza, senz'ombra di 100 tes | E ora di dove vieni? - domandò Clarenza.~ - Esco in questo 101 tes | Valerio? Che deve venir qui? - domandò Norina~- Così mi ha promesso! 102 tes | questa tua ostinazione?.. - domandò Federigo, quasi riscaldandosi.~ - 103 tes | Norina, alzando il capo, domandò:~ - È bella la sposa?~ - 104 tes | Federigo - quest'ultimo domandò alla sua giovane cognata, 105 tes | caminetto.~- Andava bene? - domandò l'altro.~- Egregiamente.~- 106 tes | giudicare le mie azioni? - domandò la Norina, entrando improvvisamente 107 tes | perdonare.~- E così?.. - domandò Federigo, soffermandosi 108 tes | Che cosa vuole da te? - domandò Clarenza.~- Vuol farmi sentire 109 tes | Che cosa c'è di nuovo? - domandò Federigo.~- Nulla di nuovo - 110 tes | suo paletot.~- Dove vai? - domandò Mario.~- Lascia fare a me. 111 tes | sogni!...~- E l’Emilia? - domandò Clarenza, per dare un altro 112 tes | Dove l'avete veduto? - domandò Clarenza.~- L'ho incontrato 113 tes | Nemico del matrimonio - domandò la Norina, ridendo, - io, 114 tes | Di quale scandalo? - domandò la Norina.~- Come! non sapete 115 tes | voi, signor Leonetto? - domandò Clarenza, tanto per divagare 116 tes | Leonetto, venite o restate? - domandò la marchesa, interrompendolo. - 117 tes | pranzo qui, Leonetto? - domandò la marchesa, con flemma 118 tes | dimenticato!...~- Dunque? - domandò Clarenza, annoiata di tutta 119 tes | solito. Che ore sono? - domandò Clarenza alla Bettina che 120 tes | E Valerio ha risposto? - domandò Clarenza, per mutar discorso.~- 121 tes | accorta di qualche cosa? - domandò a se stessa la Clarenza, 122 tes | sarebbe forse qualche cosa? - domandò Federigo, turbandosi e guardando 123 tes | potresti dirglielo tu? - domandò Federigo a sua moglie.~- 124 tes | signor Mario è in casa? - domandò Federigo, con quella fretta 125 tes | non volesse partire?.. - domandò Clarenza, che rideva come 126 tes | capello.~- Che c'è di nuovo? - domandò Federigo a Mario, con una 127 tes | voltandosi all'amico, gli domandò tranquillamente:~- Dimmi 128 tes | Signor...» dimmi un poco - domandò l'altro, alzando il capo 129 tes | Mario; che cosa c'è stato? - domandò Clarenza, un poco impensierita.~- 130 tes | desiderato di vederti.~- Me?.. - domandò Federigo, a cui la troppa 131 tes | E perché non ci vai? - domandò Clarenza, alla quale dispiaceva 132 tes | zio si trattiene molto? - domandò Clarenza, tanto per dir 133 tes | a restar sola in casa? - domandò il conte, sorridendo con 134 tes | che miracolo è questo? - domandò la Norina, facendogli segno 135 tes | può stringere la mano? - domandò Leonetto, facendosi avanti.~- 136 tes | E ora dove scappi? - gli domandò Federigo, trattenendolo 137 tes | a rivederci a quando? - domandò Clarenza, ingegnandosi di 138 tes | parlavano fra loro, gli domandò pianissimo, ma con accento 139 tes | non si è veduto ancora? - domandò la Norina, entrando in sala, 140 tes | verso il giornalista, gli domandò ridendo:~- E così, Leonetto, 141 tes | improvvisata!~- E Mario dov'è? - domandò l'Emilia.~- Mario per questa 142 tes | Sia favola o storia? - domandò l'Emilia, senza perder d' 143 tes | Vuoi venire anche tu? - domandò all'Emilia.~- In quest'arnese 144 tes | arrivato?~- Cavaliere!... - domandò l'Emilia in atto di rallegrarsi.~- 145 tes | Leonetto, ci accompagnate? - domandò la sorella di Clarenza.~- 146 tes | Qualche matrimonio forse? - domandò Federigo.~- Precisamente - 147 tes | ora che cosa facciamo? - domandò Federigo, consigliandosi 148 tes | qualche commedia nuova? - domandò l'Emilia.~- Nuova? Non lo Storie allegre Parte, Capitolo, Paragrafo
149 omi, 2 | matta.~«E perché rididomandò Gigino impermalito.~«Rido, 150 omi, 3 | Veronica, e abbassando la voce domandò:~«Hai saputo forse qualche 151 omi, 5 | si chiama questo bimbo?» domandò Gigino alla mamma.~«Il suo 152 omi, 5 | volta, fra le altre, gli domandò:~«Che cosa si potrebbe fare 153 omi, 5 | è fatto molto male?» gli domandò Cecco, che era corso a gran 154 omi, 6 | ripiegavano.~«Si sente male?» gli domandò premurosamente la Betta.~ 155 omi, 7 | giacchettina di velluto, gli domandò in tutta segretezza:~«Scusi: 156 pip, 2 | facevano né caldofreddo, domandò al coccodrillo, atteggiandosi 157 pip, 2 | fece questo scimmiottinodomandò Pipì, con una curiosità 158 pip, 3 | bambino.~«Chi è che piange?», domandò un grosso topo, che passava 159 pip, 3 | ci vorrà per bucarlo?», domandò lo scimmiottino.~«Il sacco 160 pip, 3 | mai.~«Chi è che piange?», domandò un vitello, che pascolava 161 pip, 4 | giovinetto ridendo. Poi gli domandò:~«E la coda dove l'hai lasciata?»~« 162 pip, 4 | Accetti dunque i miei pattidomandò Alfredo.~«Accetto tutto... 163 pip, 5 | Perché volevi scappare?», gli domandò Alfredo in tono di rimprovero.~« 164 pip, 5 | quelle che frutta sono?», domandò, tornando due passi indietro.~« 165 pip, 5 | cosa c'è di nuovo?», gli domandò il giovinetto.~«C'è di nuovo», 166 pip, 6 | E perché non puoi?», gli domandò singhiozzando il vecchio 167 pip, 7 | Che cosa ti senti?», gli domandò suo padre, tutto sgomento.»~« 168 pip, 7 | Che cosa vuoi da me?», gli domandò Pipì, facendosi un coraggio 169 pip, 7 | quella musica e quei lumi?», domandò tutto meravigliato.~«Come? 170 pip, 8 | quei ceffi affumicati?», domandò un di loro.~«Ci vuol poco 171 pip, 8 | cosa pensi di fare?», gli domandò allora il capo della masnada, 172 pip, 9 | Scusate, maestro», gli domandò uno di quei brutti ceffi, « 173 pip, 9 | me, maestro Golasecca?», domandò Moccolino, che dallo spavento 174 pip, 9 | una tavola apparecchiata, domandò all'oste:~«Che cosa mi dai 175 pip, 9 | posso dunque mangiare?», domandò l'assassino, tentennando 176 pip, 10 | cipiglio da far paura, gli domandò:~«Chi è che ha mangiato 177 pip, 10 | della cena, lo scimmiottino domandò al capo-masnada:~«Se non 178 pip, 11 | contento, alla porta.~«Chi è?», domandò una voce di dentro.~«Sono 179 pip, 12 | al gran cerimoniere gli domandò con tono agro-dolce:~«Scusate, 180 pip, 12 | popolari.~«Che cos'è stato?», domandò alzando il capo.~«Maestà», 181 pip, 13 | Che cosa fate costì?», gli domandò il gran cerimoniere, pigliandolo 182 pip, 13 | bellissimo coniglio?», gli domandò lo scimmiottino.~«Stavo 183 pip, 13 | Come fai a conoscerle?», domandò lo scimmiottino maravigliato.~« 184 pip, 14 | mi conducete a morire?», domandò il povero Pipì con un filo 185 pip, 14 | fame e di stanchezza, e gli domandò con garbo dispettoso:~«Dimmi, 186 pip, 14 | di viaggiatore, che gli domandò con graziosa maniera:~«È 187 fes | Rosa, codesto bambino?», domandò la Contessa.~«Ora è lo stesso 188 cor, 0, 4 | sapere che cos'è accaduto?», domandò il babbo.~«Te lo racconterò 189 cor, 0, 4 | dove volevate andare?», domandò il babbo.~«O che non lo 190 cor, 0, 6 | Leoncino si fece avanti e domandò con aria baldanzosa di sfida:~« 191 cor, 0, 6 | per chi l'avevi presa?», domandò Arnolfo ridendo. «L'avevi 192 cor, 0, 7 | voltandosi verso Arnolfo, gli domandò:~«Mi dici perché te la prendi 193 cor, 0, 8 | zio Giandomenico, il quale domandò a lui e a quell'altre birbe:~« 194 cor, 0, 9 | di quella volpe, Leoncino domandò al guardaboschi dello zio:~« 195 cor, 0, 11| Che cosa vuoi, Michele?», domandò lo zio.~«Dirò, padrone lustrissimo: 196 mas, 0, 1 | maravigliato i suoi fratelli: e poi domandò:~«Che vi è accaduto qualche 197 mas, 0, 1 | A chi le daranno?...», domandò Pierino, spalancando gli 198 mas, 0, 1 | Quale stampa?...», domandò Orazio.~«Quella che rappresenta 199 mas, 0, 1 | lascia fare a me...»~«E io?», domandò Pierino.~«Tu ti vestirai 200 mas, 0, 1 | fermandosi tutt'a un tratto, domandò a' suoi fratelli:~«Scusate, 201 mas, 0, 2 | sbadigliando.~«Quale mascherata?», domandò Pierino, col capo sempre 202 mas, 0, 2 | pioveva, come facevano?», domandò Pierino.~«Pigliavano l'ombrello, 203 mas, 0, 2 | debito.~ ~Lo zio~ ~«E ora», domandò Cesare, «da chi si vanno 204 mas, 0, 3 | chiave di casa l'hai presa?», domandò Orazio.~«Eccola qui.»~«E 205 mas, 0, 3 | Che sia lo zio Eugenio?», domandò Pierino, rattenendo il fiato.~« 206 mas, 0, 3 | Che sia il diavolo?», domandò Pierino, cominciando a tremare.~« 207 mas, 0, 3 | cosa vuole da noi?» gli domandò Cesare ingrossando la voce 208 mas, 0, 3 | Quando lo svegliarono, domandò:~«Che c'è di nuovo?»~«Tre 209 mas, 0, 3 | Chiù-chiù! Dove andate?», domandò l'omo nero.~«Si vorrebbe


IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA