Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Carlo Lorenzini, detto Collodi
Storie allegre

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

-10-

 

Intanto i cinque cugini, appena alzati da letto, domandarono subito di Leoncino: ma Leoncino non c'era.

Aspettarono un quarto d'ora, mezz'ora, un'ora, e Leoncino non tornava: e già cominciavano a mettersi in pensiero, quand'ecco che finalmente Leoncino tornò.

«Dove sei stato finora?», gli domandarono tutti insieme.

«Sono andato a fare un giro per questi dintorni; e sapete perché? Per vedere se avevo la fortuna d'incontrare la volpe

«La volpe non c'è più: è sparita da un pezzo», disse Raffaello.

«Come lo sai

«Sono cinque giorni che non s'è fatta più rivedere, e tutte le galline hanno già ripreso a dormire i loro sonni tranquilli

«E se la incontravi davvero?», disse Arnolfo.

«Se la incontravo? Tanto peggio per lei. Che avete paura, voialtri, della volpe

«Noi, sì: dopo che abbiamo visto quelle povere galline sbranate e poi lasciate per i campi...»

«A me poi», disse Leoncino, «la volpe non mi fa paura

«Guarda un po' quanto coraggio hai messo fuori tutt'a un tratto: o chi te l'ha prestato?», disse Arnolfo ridendo.

«Arnolfo, non ricominciare!... se no, ci guastiamo davvero. Dunque si va o non si va

«Dove?»

«A far la nostra passeggiata militare e il solito rancio

«Eccoci pronti

«Però, come vostro caporale, voglio che oggi il rancio si debba fare , al principio del bosco, dov'è quella foltissima macchia, che si chiama... aiutatemi a dirlo

«La macchia di Tentennino», urlarono i cinque ragazzi.

«Bravi! la macchia di Tentennino. Dunque sacco in spalla, e via

Dopo venti minuti di marcia forzata, erano già arrivati in vicinanza della macchia: quando, tutt'a un tratto, il caporal Leoncino, fermandosi e voltandosi ai soldati, gridò loro con voce sommessa:

«Alto! e fermi tutti!...»

«Che cos'è stato?...»

«Guardate , fra le frasche della macchia! non lo vedete quel brutto muso, che sbuca fuori?»

«Altro se lo vediamo! Quella è una volpe!...»

«È una volpe davvero!...»

«Per me, torno subito indietro», disse Arnolfo impaurito.

«Anche noi, anche noi!», dissero gli altri fratelli.

«Dunque avete paura?...», gridò Leoncino. «Marmotte! tornate pure indietro, ma io vado avanti!»

«Leoncino, da' retta a noi, torna indietro anche tu», dicevano i ragazzi, raccomandandosi e allontanandosi a passo di carica.

 

 




Precedente - Successivo

Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA