Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO SECONDO

Scena Terza. Fabrizio, poi Zelinda

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Fabrizio, poi Zelinda

 

FAB. Mi pareva impossibile che questi amori non avessero da traspirare. Basta, se si sa, tanto meglio. Son contento che non si sappia per parte mia, che il padrone non s'abbia a dolere di me... Ma ecco Zelinda, è necessario ch'io l'avvertisca.

ZEL. Ricuperiamo la lettera... (vuol correre al tavolino)

FAB. (la trattiene) Zelinda...

ZEL. (affannata) Andate via.

FAB. Sappiate che or ora...

ZEL. (spingendolo) Andate via, che se ci vedono insieme...

FAB. Una parola, e vado; sappiate...

ZEL. (come sopra) Ma andate via, non mi fate più disperare.

FAB. Vado, vado. (Glie lo dirò un'altra volta). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License