Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO TERZO

Scena Diciottesima. Don Roberto e Donna Eleonora

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciottesima. Don Roberto e Donna Eleonora

 

Camera in casa di Don Roberto.

 

ELE. Signor marito, dov'è la vostra dilettissima cameriera?

ROB. Che parlare ridicolo! Ella non è più mia che vostra.

ELE. Anzi non è mia niente affatto, poiché io non me ne posso servire.

ROB. Io credo che quando le comandate, non ricusi di far il suo debito.

ELE. Ecco qui; ora aveva bisogno di lei, e non c'è, e non si trova. Sarebbe per avventura nel vostro appartamento?

ROB. Voi siete una mala lingua. Avete sempre perseguitato quella ragazza, ed io dico e sostengo ch'ella non lo merita...

ELE. (ironicamente) E ch'è savia, e dabbene...

ROB. Sì, savia, dabbene, virtuosa e morigerata.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License