Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO TERZO

Scena Diciannovesima. Lindoro e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciannovesima. Lindoro e detti

 

LIN. (entra agitato, e non fa che cavarsi il cappello)

ROB. (a Lindoro) Come? siete già ritornato?

LIN. Sì, signore, sono ritornato senza esser partito. Così fossi partito, senza esser ritornato.

ROB. Cosa c'è, cos'è stato? Avete voi veduto mio figlio?

LIN. L'ho veduto, sì, l'ho veduto. In Pavia, in un terzo luogo, in una camera con Zelinda.

ROB. Con Zelinda?

ELE. (ironica) Colla giovane savia, dabbene, morigerata?

ROB. Oh cieli! Li avete ritrovati insieme?

LIN. Soli, in conferenza, in colloquio... Eh giuro al cielo, la mia riputazione non è in sicuro.

ELE. (a Lindoro con ironia, guardando Don Roberto) Eh via, che siete una mala lingua! non perseguitate una giovanevirtuosa!

ROB. Son fuor di me. Non so.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License