Carlo Goldoni
Le massere

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

 

Strada con due case, una della signora Costanza, l'altra della signora Dorotea.

Momolo forner, poi Zanetta, poi donna Rosega

 

 

MOMOLO:

(dopo avere alcuna volta fischiato)
Ste massere le dorme, e le me fa subiar;
Vôi batter alla porta, vôi farle desmissiar. (Batte da Zanetta.)

ZANETTA:

Oe, forner, aspettè. (Di dentro)

MOMOLO:

Cossa voleu da mi?

No xelo un quartariol, come el solito?

ZANETTA:

Sì.

MOMOLO:

Felo subito.

ZANETTA:

Adesso; v'ho da parlar, ve digo.

MOMOLO:

Gh'ho pressa. Tardi xe.

ZANETTA:

Presto, presto ve sbrigo.

MOMOLO:

Col vento e colla brosa no gh'ho gnente de gusto.

ZANETTA:

Aspettè, caro fio, fin che m'impiro el busto.

MOMOLO:

Intanto batterò da st'altra vecchiarella.

Oe suso, donna Rosega. La xe in letto anca ella.

Gh'ho pazienza co queste, co le ha da far el pan,

Perché sempre qualcossa ghe cavo dalle man.

Da resto colle altre son rustego anca mi;

Quando ho subià una volta, no le me sente pi.

ZANETTA:

Momolo. (Dalla finestra.)

MOMOLO:

Ben levada.

ZANETTA:

Oh, che freddo che xe.

MOMOLO:

Aveu impizzà el fogo?

ZANETTA:

No, gnancora. Disè,

Me faressi un servizio?

MOMOLO:

Se posso, perché no?

ZANETTA:

Caro forner, ve prego, no me disè de no.

MOMOLO:

Mo via, cossa voleu?

ZANETTA:

Mi me bisognerave...

Oe, la patrona chiama. Me fazzo dar le chiave.

La le tien sul scabello, no posso far un passo:

Dirò che xe el facchin, e vegnirò da basso. (Entra.)

MOMOLO:

Cossa mai vol custìa? Vôi aspettarla qua.

Spero che da marenda fursi la me darà.

Ma de qua no se vede averzer i balconi. (Osservando le finestre dell'altra casa.)

Le usa ste massere dormir più dei paroni.

Tasè, tasè; me par... sì ben, la se cognosse.

La vecchia xe levada; la cognosso alla tosse.

Donna Rosega, presto. Tre volte ho comandà,

E po dirè, co vegno, el pan no xe levà.

ROSEGA:

Chi me chiama?

MOMOLO:

El forner.

ROSEGA:

Seu vu, forner?

MOMOLO:

Son mi.

ROSEGA:

L'avemio da far subito?

MOMOLO:

Subito, siora sì.

ROSEGA:

Che ora xe?

MOMOLO:

No vedeu? l'alba che sponta fuora.

ROSEGA:

Oh malignazonazzo! perché vegniu a st'ora?

Me pareva caligo, vedendoghe pochetto.

Co xe cussì a , voggio tornar in letto.

MOMOLO:

Via, za che levada, da brava, destrigheve.

ROSEGA:

Cossa voleu che fazza? sola me vien la freve.

Se vegnissi anca vu a agiutarme a domar...

Vegnì, caro forner.

MOMOLO:

Cossa me voleu dar?

ROSEGA:

Tutto quel che volè. Faremo una fugazza;

Gh'avemo del vin bon, ve ne darò una tazza.

Ne xe avanzà da gieri un cappon tanto fatto;

Ghe dirò alla parona che l'ha portà via el gatto.

La crierà un pochetto, e po no sarà gnente.

Caro forner, vien suso. Staremo allegramente.

Che te averza la porta?

MOMOLO:

(Squasi, squasi anderia).

ROSEGA:

Vustu che vegna?

MOMOLO:

Sì.

ROSEGA:

Vegno zo, vita mia. (Entra.)

MOMOLO:

Intanto magneremo, e po cossa sarà?

Se no torno a bottega, el paron crierà.

Che el cria; cossa m'importa? sta mattina ho fenio.

Ho comandà per tutto.

ZANETTA:

Vegnì qua, caro fio. (Esce dalla porta.)

Dalla porta de casa no me vôi slontanar.

MOMOLO:

Son qua, siora Zanetta.

ZANETTA:

Vu m'avè da agiutar.

MOMOLO:

Comandè in quel che posso; oe, m'aveu portà gnente?

ZANETTA:

Tolè sto buzzolà, che ve curarè un dente.

MOMOLO:

Grazie tanto.

ZANETTA:

Sentì. Mia zermana gier sera

M'ha domandà del pan, e pan no ghe ne giera.

La gh'aveva con ela el fantolin. La dise:

Oe, no ti ghe gnente, zermana, a ste raise?

Mi che son de bon cuor, no ghe giera i paroni,

Vago all'albuol de posta, e fazzo i maccaroni.

Oe, ghe n'ho fatto tanti, che ha calà la farina;

Nol sarà gnanca mezzo el pan de sta mattina.

Savè che la parona la par una de quelle,

Che scortega el peocchio per avanzar la pelle.

E se la se ne accorze, sì per diana de dia,

Che la me dei schiaffi, e la me cazza via.

MOMOLO:

Cossa v'oggio da far?

ZANETTA:

Vu solo, se volè,

In sto caso che son, agiutarme podè.

Vu podè presto presto trovarme sta mattina

Per metter in albuol sto poco de farina.

MOMOLO:

Dove l'oi da trovar?

ZANETTA:

Qualcun ve la darà.

Troverè qualche serva, che ve la impresterà.

Oe, fe cussì: andè al forno; dove ghe n'è, tolela,

Tolè sto tovaggiol; se ghe ne xe, portela.

Za vualtri forneri fe el pan per le casae;

Podè slongarghe el collo con della broda assae;

El cusinè pochetto, perché el pesa de più.

Podè robar per mi, za che robè per vu.

MOMOLO:

Ma mi, siora Zanetta, no fazzo miga el pan.

Mi comando.

ZANETTA:

E per questo? vu no gh'avè le man?

Tior no podè in scondon un poco de farina?

MOMOLO:

Per le casae l'è fatto el pan de stamattina.

ZANETTA:

E per questo? se varda. Co ghe n'è, se ne catta:

Se averze qualche sacco, se averze la buratta;

Co se vol far servizio, se fa quel che se vol.

MOMOLO:

Cossa me donereu?

ZANETTA:

Ve dono el tovaggiol.

MOMOLO:

E la parona?

ZANETTA:

Oh bella! dirò che nol ghe giera;

Ghe dirò che l'ha perso un la lavandera.

Sta farina me preme.

ROSEGA:

(apre la porta)

MOMOLO:

Mi no so come far.

ZANETTA:

Donna Rosega. Ella ve la poderia dar. (Osservando che donna Rosega è sulla porta.)

ROSEGA:

Momolo, dove seu?

MOMOLO:

Son qua.

ROSEGA:

Bon pro ve fazza.

Cossa fevi, sior sporco, con quella pettazza?

MOMOLO:

Ve dirò; poveretta, la vorria sta mattina

Che ghe trovasse in préstio un poco de farina.

ROSEGA:

L'ala magnada?

MOMOLO:

Sì, far el pan no la pol.

ROSEGA:

Gh'ala bezzi?

MOMOLO:

In baratto la sto tovaggiol.

ROSEGA:

Lassè véder.

MOMOLO:

Tolè.

ZANETTA:

(Debotto me vergogno). (Da sé.)

MOMOLO:

Dèghela vu.

ROSEGA:

Sì ben, ghe darò el so bisogno.

Oe! tegniremo intanto el tovaggiol in pegno.

Ma sentì, sto servizio la 'l gh'ha per vu, m'impegno.

MOMOLO:

Ve ringrazio.

ROSEGA:

Zanetta.

ZANETTA:

Cossa voleu?

ROSEGA:

Sentì.

Se volè la farina, mandè de su da mi.

Momolo, vegnì via, che ghe la porterè.

ZANETTA:

A tórmela de suso vegnirò, se volè.

ROSEGA:

No no, no femo strepito. Za ve la mando.

ZANETTA:

Aspetto.

ROSEGA:

Voggio che andemo soli; vien con mi, Momoletto.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License