Carlo Goldoni
Le massere

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Meneghina, poi Zanetta.

 

MENEGHINA:

Me despiase un pochetto lassar la mia parona,

Ma a far sempre sta vita sarave una minchiona.

Do ducati de più all'anno i me darà,

E almanco poderò magnar quel che me fa.

Delle mettimassere me recordo el conseggio:

Anca qua ghe starò, fin che troverò meggio.

ZANETTA:

Xestu qua, Meneghina?

MENEGHINA:

El brodo me lo dastu?

L'ha dito la lustrissima.

ZANETTA:

No ghe ne xe. No sastu?

Le fa le generose, quando no ghe n'è più;

E po le trà la colpa tutta sora de nu.

MENEGHINA:

Me despiase dasseno per quella poverazza,

Che ancuo no la gh'ha gnente, e anca per mi, gramazza.

ZANETTA:

Vustu vegnir con mi?

MENEGHINA:

Dove?

ZANETTA:

In maschera, a spasso.

Ho abuo la mia zornada, e faremo del chiasso.

MENEGHINA:

Vegnirave mi...

ZANETTA:

Via; se ti vuol, mi te aspetto.

MENEGHINA:

Come oggio da vegnir?

ZANETTA:

Mettite un ninzioletto.

No, faremo cussì, mi te inmaschererò.

Della parona un abito, se ti vien, te darò,

E ti parerà bon.

MENEGHINA:

Ma no gh'ho la moretta.

ZANETTA:

Comprete un volto.

MENEGHINA:

Come, se no gh'ho una gazetta?

Gh'aveva trenta soldi, che mi i aveva sunai,

L'altro la parona la me li ha domandai.

ZANETTA:

E ti ghe sta?

MENEGHINA:

Son stufa. Vôi vegnir via de .

ZANETTA:

Anca mi, te lo zuro, voggio andar via de qua.

Ho fatto in pochi zorni una vita da can;

Più tossego se magna, che bocconi de pan.

Gnente xe fatto ben, la cria, la me manazza.

E co la perde al zogo, allora la strapazza.

MENEGHINA:

Distu dasseno?

ZANETTA:

Credime. Za semo tra de nu.

No se ghe pol più viver.

MENEGHINA:

(No la me cucca più). (Da sé.)

ZANETTA:

E cussì, cossa distu? Vustu vegnir co mi?

Femo una mascherada. Ti vegnirà anca ti.

MENEGHINA:

E po se la parona me cria?

ZANETTA:

Cossa te importa?

Quand'una se ne serra, se averze un'altra porta.

Case a nu no ne manca: se semo forestiere,

El letto lo gh'avemo dalla mettimassere.

Se staremo de bando, qualcossa se farà.

Vien via, vien via con mi, che ancuo ti riderà.

MENEGHINA:

Xe un pezzo che 'ho voggia da rider un pochetto.

ZANETTA:

Ti riderà dasseno, se vien sior Anzoletto.

MENEGHINA:

Chi xelo?

ZANETTA:

Un certo putto. Ma senti, sta in cervello.

Varda ben che el xe mio. No me star...

MENEGHINA:

Xelo bello?

ZANETTA:

O bello o brutto, siora, nol gh'ha da far con vu.

MENEGHINA:

No digo...

ZANETTA:

Adessadesso mi no te meno più.

MENEGHINA:

Cossa gh'aveu paura? No son miga...

ZANETTA:

Che soi mi?

Che no se femo in vissere.

MENEGHINA:

Te vorlo ben a ti?

ZANETTA:

Certo che el me vol ben. El fa sta mascherada

Solamente per mi.

MENEGHINA:

Ti ti xe fortunada.

ZANETTA:

Tasi, tasi, mattazza, che un ti 'l troverà. (Parte.)

MENEGHINA:

Sarave squasi tempo, che l'avesse trovà. (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License