Carlo Goldoni
Il signor dottore

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA   Fabrizio, Rosina e detti, poi Pasquina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Fabrizio, Rosina e detti, poi Pasquina

 

FABR.

Con licenza, signori.

 

 

 

 

 

BELT.

Come c'entra Fabrizio e la Rosina?

 

 

 

 

 

FABR.

Porto al signor dottor la medicina.

 

 

 

 

 

BELT.

Ti senti mal? (a Bernardino)

 

 

 

 

 

BERN.

Signore,

Aveva il mal di cuore;

Ma tosto che ho veduto

Venir la medicina in questo loco,

Ho preso fiato e ho respirato un poco.

 

 

 

 

 

BELT.

Senza pigliar per bocca,

Il male è andato via?

 

 

 

 

 

ROS.

Ha operato, signor, per simpatia.

 

 

 

 

 

BELT.

Con vostra buona grazia,

Si vorrebbe pranzar. (a Fabrizio e Rosina)

 

 

 

 

 

BERN.

Via, signor padre,

In grazia di quel ben che mi hanno fatto

Con i farmaci suoi,

Fate che stiano a desinar con noi.

 

 

 

 

 

BELT.

Tu che sei quel che sei,

Ti contenti di lor? (a Bernardino)

 

 

 

 

 

BERN.

Sì, padre mio,

Contento io son.

 

 

 

 

 

BELT.

Ben; mi contento anch'io.

 

Voi avrete il grand'onore

Di pranzar con un dottore,

Pien di scienza e nobiltà.

 

 

 

 

 

FABR.

Di un onorsegnalato

Io protestomi obbligato

Alla vostra gran bontà.

 

 

 

 

 

BERN.

} a due

Oh, felice il mio destino,

Che di stare a voi vicino

Il piacer mi donerà!

 

 

 

 

ROS.

 

 

 

 

 

 

BELT.

Sino che in tavola

Qualcosa portano,

Ciascun si accomodi,

E i posti prendano

Di qua e di .

 

 

 

 

 

 

 

BERN.

Il primo posto

Si deve a lei. (a Beltrame, accennando Rosina)

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

Il primo posto

Si deve a te. (a Bernardino)

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

E non mi chiamano,

E non mi aspettano?

E si in tavola

Senza di me?

 

 

 

 

 

 

 

BERN.

La forastiera va preferita.

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Io non ci mangio con quell'ardita.

 

 

 

 

 

 

 

FABR.

Con chi l'avete?

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

Che cosa dite?

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

} a due

Qua non venite

Per sussurrar.

 

 

 

 

 

 

BERN.

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Che bell'onore

Per un dottore

Quella fraschetta

Voler trattar!

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

Che bel parlare,

Che bel trattare!

La dottoressa,

Si fa burlar.

 

 

 

 

 

 

 

BERN.

} a due

Via, ragazzine,

Siate buonine.

 

 

 

 

 

 

BELT.

 

 

 

 

 

 

FABR.

 

 

 

 

 

 

PASQ.

} a due

Non mi seccate,

Voglio parlar.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Degna non siete

Di star con noi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

Son, lo sapete,

Meglio di voi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Bella signora! (ironica)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

Bella dottora! (ironica)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a due

Quella grazietta

Fa innamorar.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

Zitto, signore,

Siate più buone;

Oggi è il dottore

Quel che dispone.

Zitto, Pasquina,

Ch'ei vuol Rosina

Seco a pranzar.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Sì, mio signore,

So che il

La sua Rosina

Vuole sposar.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

Oh cospettone!

Parla, rispondi.

Tu ti confondi? (a Bernardino)

Corpo di Bacco!

Presto, parlate.

Muta restate? (a Rosina)

Cospettonaccio!

Cosa direte? (a Fabrizio)

Voi lo sapete. (a Pasquina)

Tutto è scoperto,

Sì, ne son certo.

Brutto dottore,

Sei traditore;

Mille ducati

Tu m'hai costato.

Ah disgraziato,

Così si fa?

Subito, presto,

Fuori di qua. (a Fabrizio e a Rosina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BERN.

Salve, pater.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

Non ti ascolto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FABR.

Ma signore...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

Non son stolto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

Perdonate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BELT.

Via di qua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Bravo, bravo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

} a due

Via di qua.

Via di .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FABR.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

Maledetta,

Sol per te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

Sì, fraschetta,

Così è.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROS.

} a due

L'averai

Da far con me.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PASQ.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TUTTI

E che la tavola

Sen vada in cenere;

Più non si desina,

Si mangia tossico.

Mi fan le viscere

Tarapatà.

Che smania orribile

Che il cuor mi lacera:

Le gambe tremano,

La testa girami

Di qua e di .

E che la tavola

Sen vada in cenere;

Più non si desina,

Si mangia tossico.

Mi fan le viscere

Tarapatà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License