Carlo Goldoni
Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera Reale.

 

Il Re ed Erminio

 

ERM.

Sire, qual imponesti,

Vestì spoglia civil Menghina bella.

Se la vedi, signor, non par più quella.

RE

Facilmente s'avvezza

A sostener il ben chi soffrì il male;

E quando in alto sale

Donna che bassa è nata,

Non si ricorda più qual prima è stata.

ERM.

Pur troppo è ver. Menghina in un momento

Prese già il portamento

E il brio di cittadina;

Ma nata contadina,

Il rustico accoppiando al maestoso,

Un personaggio fa molto grazioso.

RE

Mi piace in ogni guisa;

Beltade acquista fregio

Talora dal difetto.

ERM.

Eh, tenete celato il vostro affetto.

Se lo sa la regina,

Gran ruine preveggo.

RE

Ella mi crede;

E tutto fo per mantenerla in fede.

Ma ecco, ecco Menghina,

Villanella non più, ma cittadina.

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License