Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Barbara e Agnese

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Barbara e Agnese

 

BARB. L'ho mandada via, sala, perché...

AGN. Oh l'ha fato da dona...

BARB. Per dirghe la verità, per parlarghe da amiga, su sto sior Rocco gh'aveva anca mi i occhi adosso; e anca elo, me par, me par che el ghe traga de occhio a la puta, si ben, sala, che col vien qua, ghe le demo curte, ma curte, e Giacomina no la gh'ha mai dito una mezza parola, e se el ghe va darente per véder el laorier, co ghe dago un'occhiada mi, el gh'ha una paura che el trema.

AGN. Oh cara siora Barbara. No bisogna po esser tanto tanto...

BARB. Oh cara fia! Co i sa che una puta xe poveretta, i se tol de le boneman169, e presto se fa, e presto se dise, e va fora la nomina170, e su le botteghe se parla.

AGN. Xe vero; ma bisogna pensar anca al modo de maridarla.

BARB. La senta; ghe digo la verità, come se fusse davanti al Prencipe. Mi ho avù, co m'ho maridà, quattromile ducati de dota. Co xe morto el povero mio mario, ho fatto pagamento de dota, e son restada scoverta de domile ducati. I domile che s'ha podesto recuperar, i xe in Zecca, e con quel poco de pro171, e con un pochetto de dimissoria172 che m'ha lassà un mio barba, e con un pochetto de laorier, se andemo mantegnindo come che se pol. Se podesse logar mio fio, se sto povero puto se podesse mantegnir senza aver bisogno de mi, i domile ducati mi ghe li darave a la fia. Ma la vede ben, in ancuo173 mi no posso tor al puto, per dar a la puta. Ma gh'ho speranza che el cielo l'agiuterà. El xe tanto un bon puto, che gh'ho speranza certo, che la fortuna lo assisterà. Cossa dìsela, sior'Agnese? Me dala anca ela bone speranze?

AGN. Mi sì, fia, el cuor me dise che sior Nicoletto ha da far de le fortunazze174.

BARB. Oh! che sia benedetto el so cuor!

 

 

 





p. -
169 Delle libertà.



170 E va fuori, e si sparge la voce.



171 Col frutto de' 2000 ducati.



172 Così si chiama in Venezia quel bene che possiede la donna maritata in virtù di donazione, o di legato, e indipendentemente da suo marito.



173 In oggi.



174 Fortuna grande.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License