Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA   Barbara, Agnese, poi Nicoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Barbara, Agnese, poi Nicoletto

 

AGN. E adesso perché la mandela via?

BARB. Perché, védela, co la xe qua, l'ascolta, la se incocalisse179 e no la laora.

AGN. De diana! la la tien bassa dasseno.

BARB. Velo qua, velo qua la mia zoggia.

NICOL. Patrone.

AGN. Patron, sior Nicoletto. (Mo che bon sesto de puto!)

BARB. Vegnì qua mo, sior baron, dove seu stà fin adesso?

NICOL. Da sior sàntolo.

BARB. Sempre da sior sàntolo stà?

NICOL. Sempre, co so andà via de qua fin adesso.

BARB. Vardè che el saverò, vedè.

NICOL. La ghe domanda.

BARB. (Oh, no ghpericolo, sala). (piano ad Agnese)

AGN. (Oh, se vede). (piano a Barbara)

BARB. Cossa falo sior compare?

NICOL. El sta ben, el m'ha dito che la reverissa.

BARB. Cossa falo de la so doggia180?

NICOL. La ghe xe passada.

BARB. Dasseno? Gh'ho ben a caro che la ghe sia passada. Camìnelo pulito?

NICOL. Pulito. (Oh quante busie che ghe péto!)

BARB. Seu stà fora de casa con elo?

NICOL. Siora sì.

BARB. Via, contèghe a sior'Agnese dove che stà.

NICOL. Cossa ghe importa a sior'Agnese de saver dove che son stà?

AGN. Sì, caro fio, gh'averò gusto anca mi de sentir. So che parlè tanto pulito. Contème qualcossa.

NICOL. Semo stai in tanti loghi, che no m'arecordo.

BARB. Mo via, qualcossa ve arecorderè.

NICOL. Semo stai in Piazza181, e po semo andai de longo per la riva dei Schiavoni, e avemo voltà zoso per l'Arsenal, e semo andai fina in Barbaria de le Tole. Dopo avemo tirà zo per le Fondamente nove, e zo per cale de la Testa, e semo andai al Fontego dei Todeschi, e po fina in Canareggio, e avemo passà traghetto a riva de Biasio, semo andai a far un servizio ai Tre Ponti, e po per el ponte de Rialto semo andai a trovar un amigo in cale de le Balotte182.

AGN. Ih ih, avè fatto tre mia de strada.

BARB. Come alo fatto mio compare a caminar tanto?

NICOL. De diana! el camina, che malistente183 ghe posso tegnir drio.

BARB. Mo bisogna ben che el sia varìo184 pulito. E sì, sala, l'ha abù una doggia che l'ha tegnù do mesi inchiodà in t'un letto, e no xe altro che otto zorni, che el va fora de casa. (ad Agnese)

AGN. E la vol che l'abbia fatto sto boccon de viazo? Oh, no pol star185.

BARB. Oh, mio fio no dise busie.

NICOL. Mi busie? no so gnanca de che color che le sia le busie.

BARB. Poveretto elo, se el disesse busie!

AGN. Me compagneralo a casa, sior Nicoletto?

NICOL. Siora sì, volentiera.

AGN. Nol xe stracco?

NICOL. Oh, mi stracco!

BARB. Oh, i zoveni no se stracca mai, fia mia; e po no la vede che colosso che el xe?

AGN. Oh sì, el gh'ha ben messi i so ani186.

NICOL. La varda se son stracco. Ah ah ah. (salta e balla)

BARB. Oh che te sièstu187! cossa dìsela, co bravo che el xe?

AGN. I xe i so ani188.

NICOL. Ah ah. (come sopra)

BARB. Oe oe, cossa xe quele cordele189? (osserva nel luogo dell'orologio)

NICOL. Gnente, gnente. (Sia malignazo, no m'ho recordà?)

BARB. Gh'astu el relogio?

NICOL. Oh giusto!

BARB. Anca sì, che sior sàntolo t'ha donà el relogio?

NICOL. Siora sì, me l'ha donà sior sàntolo.

BARB. Lassa véder mo. (si accosta a Nicoletto)

NICOL. Oh giusto!

BARB. Via, volémo véder quel relogio.

NICOL. Cossa vorla véder?

BARB. Ànemo, no me fe andar in colera.

NICOL. (La toga via, la varda). (mostra una chiave, in segreto)

BARB. Anca de queste, sior paronzin?

NICOL. (No la me fazza svergognar da sior'Agnese).

AGN. Coss'èlo? un relogio de piombo? (forte)

BARB. Siora no; una chiave. (con sdegno)

AGN. Oh siora sì, ghe n'ho visto dei altri.

BARB. Cossste cargadure? Cossa xe ste ambizion? No le voggio assolutamente: fe che la sia la prima e l'ultima; m'aveu capio? (a Nicoletto) (Le xe cosse da zoveni). (piano ad Agnese)

AGN. (Eh sì, freddure). (a Barbara)

BARB. Un zorno, se gh'averè giudizio, poderè anca vu comparir co fa i altri, e gh'averè el relogio, e gh'averè tuto el vostro bisogno. Nevvero, sior'Agnese?

AGN. Certo, se el vorà, se el tenderà al sodo190.

NICOL. Songio cattivo adesso?

BARB. Sta cossa la m'ha despiasso. E no par bon, e no sta ben, e ve lo digo da mare, e ve lo digo in fazza de una che me pol insegnar, e che gh'ha de l'amor per la nostra casa.

NICOL. Me vorla ben, sior'Agnese?

AGN. Sior sì, ve ne voggio anca a vu, come a vostra siora madre e a vostra sorela.

NICOL. Ma più a mi però.

AGN. Per cossa più a vu?

NICOL. Cara ela, la diga de sì.

AGN. (El gh'ha la so bona malizia per altro). (piano a Barbara)

BARB. (Gnente, sala, nol sa gnente). (piano ad Agnese)

 

 

 





p. -
179 S'incanta.



180 Come sta del suo dolore?



181 S'intende la Piazza di San Marco.



182 La è dove dimorava in quel tempo l'autore della commedia.



183 Che appena.



184 Guarito bene.



185 Non può essere.



186 Gli anni ben messi, vuol dire che la statura corrisponde bene all'età.



187 Maniera di applaudire, bassa e confidenziale.



188 Quel che fa, è adattato alla di lui età.



189 Nastri.



190 Se avrà buona condotta.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License