Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA   Barbara e Lunardo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Barbara e Lunardo

 

BARB. (Voggio andar da sior'Agnese; subito, no vorave che el me scampasse. Can, ladro, sassin, me lo voggio frantumar227 sotto i piè).

LUN. Via, siora comare, se pol saver cossa che la gh'ha?

BARB. Oh, sior compare, son desperada.

LUN. No, siora comare, no la diga cussì; no bisogna mai desperarse.

BARB. Se tratta de un fio, de un fio che m'ho arlevà con tante strussie, che m'ho contentà de patir mi per elo, che ho magnà più lagreme che bocconi de pan; e co credo de avérghene consolazion, lo scoverzo busiaro228, pien de cabale, pien de invenzion. E no la vol che diga? E no la vol che me despiera?

LUN. Oh, zoventù benedetta! Gh'alo pratiche?

BARB. No so gnente, ho paura de sì.

LUN. Oh, ste pratiche le xe la rovina de la zoventù.

BARB. (Me despiase che no ghe xe Margarita. Certo, certo la sa qualcossa. Quela cale de l'Oca me da sospettar).

 

 

 





p. -
227 Stritolare.



228 Bugiardo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License