Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA   Barbara e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Barbara e detti.

 

BARB. Xélo vegnù a casa mio fio? (a Margarita)

MARG. Siora no.

BARB. Ah poveretta mi! dove mai saralo?

MARG. No xélo andà a compagnar sior'Agnese?

BARB. Siora sì, son stada da ela. La m'ha dito, che malistente240 el l'ha compagnada a la porta, l'è corso via, e no so dove che el sia; poveretta mi, no so dove che el sia.

MARG. El sarà in cale de l'Oca.

BARB. Mo da chi in cale de l'Oca? Se savè qualcossa, parlè.

MARG. Mo, cara ela, se parlo, no la me crede, la ne salta241, la me dise che vôi metter mal.

BARB. Cara Margarita, se me volè ben, disème tuto, disème quel che savè. Za vedo che mio fio no xe più quel che el giera. L'ho scoverto busiaro, no ghe credo più. Ma remediémoghe, se se pol; anca elo, sior compare, in tel caso che son, nol me abbandona per carità.

LUN. Son qua in quel che posso. (Anderave pur via volentiera).

MARG. Vorla che ghe conta?

BARB. Sì, contème.

MARG. Co la vol che ghe conta, ghe conterò. La sappia che sior Nicoletto in cale de l'Oca el va da una puta, e sta puta la gh'ha so mare. Ma so mare la gh'ha maridà altre tre fie senza dota, e sior Nicoletto i do fazzoletti el ghe li ha donai uno a la fia, e uno a la mare. E sala chi l'ha menà in sta casa? Sior Gasparo Latughetta, un zogador, un scavezzacolo, e so fio, sala, el voleva che mi ghe imprestasse un ducato, e perché no ghe l'ho , el m'ha maledio, e l'ha dito cospetto, e vorla che ghe ne conta una granda? El gh'ha el corteletto in scarsela...

BARB. Chi?

MARG. Sior Nicoletto...

BARB. Mio fio?

MARG. Sì, anca da quela che son.

BARB. Povera dona mi! ala sentìo, sior compare?

LUN. Ho sentìo mi.

BARB. Ghe dìsela poco travaggio a questo?

LUN. Ah, l'ho sempre dito. Le done xe la rovina del mondo.

MARG. (Ma gnanca a elo no le gh'incende242).

BARB. Savèu dove che le staga ste done in cale de l'Oca? (a Margarita)

MARG. Sala chi lo sa? chi le cognosse? e che m'ha contà tuto? La lavandera, che ghe lava anca a ele, e se la vol, se la ghe dona un da trenta243, m'impegno che la la mena244 fina a la porta, e la ghe fa anca tirar245, e la la mena de suso246.

BARB. Dove se porla trovar la lavandera?

MARG. Adesso co son vegnua via dal marzer, ho visto che la se metteva al mastelo247.

BARB. Andèla a chiamar, disèghe che la vegna con mi; ghe darò un da trenta, ghe darò un ducato, ghe darò tuto quel che la vol.

MARG. Siora sì, vago subito. (Malignazonazo248! ti imparerà a maledir). (parte)

BARB. Sior compare, la me fazza la carità de vegnir con mi.

LUN. Come vorla che fazza? No sala che no posso caminar?

BARB. Anderemo in barca.

LUN. Cara ela, la me despensa.

BARB. No la me abbandona, no la fazza che dava in qualche desperazion.

LUN. Oh poveretto mi! (Stenta ad allontanarsi)

BARB. La me daga man. (l'aiuta)

LUN. In casa de done mi no paro bon, no me piase..

BARB. Cossa gh'alo paura? el vien con mi. Presto, sior compare.

LUN. Ma se stento a caminar.

BARB. Andémo, che ghe darò man. (gli mano) Chi l'avesse mai dito! un puto de quela sorte! (camminando e parlando con calore, degli urti a Lunardo, ed egli si duole)

LUN. Ahi.

BARB. El giera le mie viscere, la mia consolazion. I me l'ha rovinà.

LUN. Ahi.

BARB. Sior compare, per carità. (agitata lo spinge, e parte)

LUN. Siora comare, no me precipitè. (traballa, e zoppicando parte)

 

 

 





p. -
240 Appena.



241 Va in collera, mi grida.



242 Però le donne non dispiacciono nemmeno a lui.



243 Trenta soldi.



244 Che la conduce.



245 Le fa aprir la porta.



246 E la conduce di sopra, cioè in casa.



247 Cioè principiava il bucato.



248 Bricconcello! Parlando di Nicoletto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License