Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA   Camera in casa di Barbara.   Giacomina e Margarita

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Camera in casa di Barbara.

 

Giacomina e Margarita

 

GIAC. Cara vu, no me stordì altro de sto mio fradelo. Me despiase de siora madre, che no la vedo gnancora a tornar.

MARG. Xe lontan, sala, dove che la xe andada.

GIAC. Xe anca un bel pezzo che la xe via.

MARG. La xe andada in cale de l'Oca.

GIAC. Mi no so dove che la sia.

MARG. E po! chi sa cossa che xe nato!

GIAC. Mo via, no me fe star zo el cuor272.

MARG. Se la savesse che done che le xe!

GIAC. Mo se no lo vôi saver.

MARG. La gh'averave una gran bela cugnada! (con disprezzo)

GIAC. Spero che no la gh'averò.

MARG. Porlo far pezo quel puto per precipitarse?

GIAC. Siora madre ghe remedierà.

MARG. La ghe crede troppo a so fio.

GIAC. Nol ghe n'ha mai fatto273.

MARG. La ghe vol troppo ben.

GIAC. El xe so fio.

MARG. El xe un baroncèlo.

GIAC. Sentì, savè, no strapazzè mio fradelo, che ghel dirò a siora madre, e ve farò mandar via.

MARG. Za, subito se parla de mandar via. Ogni mendeché274, ve manderò via. Anderoggio su la strada per questo? Me mancherà a mi de andar a servir? Per cossa ghe staghio qua? Perché gh'ho chiapà amor. Ma no fazzo gnente, no son reconossua per gnente. Tuti me cria, tuti me strapazza, anca quel frasca m'ha dito, sièstu malede...

GIAC. El v'ha dito?

MARG. Siora sì che el me l'ha dito. Ma no me fa caso de elo, me dago de maraveggia de ela, che la sa che ghe voggio tanto ben, che no so cossa che no faria, e perché ho dito cussì, subito la me salta, e la me dise che la me farà mandar via. (piangendo)

GIAC. No, Margarita, no, fia, ho dito cussì in colera. (piangendo)

MARG. Oh za, lo vedo che no la me vol più ben. (come sopra)

GIAC. Mo via po, no me fe pianzer. (come sopra)

MARG. Oh, no son più la so cara, no. (come sopra)

GIAC. Siora sì, che lo . Vegnì qua. (si baciano, e si asciugan gli occhi)

MARG. I batte.

GIAC. Oh magari che fusse siora madre!

MARG. Figurarse se la xe siora madre! Ghe ne vol avanti che la vegna! Chi sa che diavolezzi che xe successo! Chi sa che no le abbia fatto baruffa! Me aspetto de sentir qualche gran precipizio. (parla camminando, e facendosi sentire a Giacomina, poi parte)

 

 

 





p. -
272 Non mi accrescete la pena.



273 Cioè, non ha mai fatto altre leggerezze.



274 Ad ogni istante, per ogni picciola ragione.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License