Domenico Cavalca
Vite dei Santi Padri

Vita di Santa Eufrosina Vergine

Capitolo I

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Vita di Santa Eufrosina Vergine

Capitolo I

Di S. Eufrosina vergine; e imprima della sua natività, è come essendo poi maritata, fuggì ad un monastero di monaci in abito d'uomo e fecesi monaco.

 

Fu nella città d'Alessandria un gentiluomo e onorabile, e temente Iddio, lo quale avea nome Panuzio. Questi avea una gentile e santa donna per moglie, ma sterile, e doleasi molto di rimanere diseredato; per la qual cosa egli e la moglie massimamente facevano molte limosine a' poveri e a religiose persone, pregando e facendo pregare Iddio che desse loro alcuno rede. E una fiata Panuzio udendo poi dire che in un certo monisterio, lo quale era presso ivi, fuori d'Alessandria, avea molti santi monaci, come uomo ch'era sollecito di cercare e trovare alcuna persona per li cui meriti Iddio lo esaudisse, andossene a questo monistero: e, sperando nella loro santitade, offersevi molta pecunia, e raccomandossi all'abate e ai monaci, ma non aperse loro lo suo desiderio. Ma poi dopo molto tempo, avendo già fatto con loro molta grande amistade, un giorno chiamò l'abate, e apersegli lo suo desiderio, e pregollo che pregasse Iddio che gli desse frutto del suo ventre: al quale l'abate avendo compassione, confortollo molto, dandogli buona speranza che Iddio l'esaudirebbe. E partendosi Panuzio, l'abate si puose in orazione per lui, pregando Iddio che gli desse frutto del suo matrimonio. Esaudendo Iddio i prieghi di Panuzio e dell'abate, la donna ingravidò e fece una figliuola femmina. E credendosi Panuzio esaudito per la santità dell'abate, crebbegli la devozione di lui; e vedendo la santa conversazione sua e de' suoi monaci, conversava molto con loro, stando quasi continuamente nel monistero; e un giorno anche vi menò la sua donna, ac ciocchè l'abate e gli altri santi frati l'ammaestrassono e benedicessono. E poi in capo di sette anni levarono la fanciulla dalla balia e battezzaronla e puosonle nome Eufrosina; e rallegravasi molto di lei, perciocchè era bella e graziosa a Dio e agli uomini. Ed essendo già Eufrosina in etade d'anni dodici, la sua madre passò di questa vita; e rimanendo il padre solo con lei, vedendola molto ingegnosa e savia, incominciolle ad insegnare lettera; sicchè in brieve tempo Eufrosina diventò savia e letterata delle scritture mondane, e venne in tanta fama e di virtù e di sapienza e di bellezza, che di molti grandi signori la chiedevano al padre per isposa ai loro figliuoli; ma Panuzio, perocchè malvolentieri la partiva da , non assentiva ai loro dimandi. Ma pur poi dopo alquanto tempo essendone molto impressato da un molto potente e gentile uomo, il quale gliele addomandava per un suo figliuolo, considerando egli che la parentezza era grande e che non si convenia più indugiare di maritarla, acconsentígli e disposò la figliuola sua al figliuolo di colui. E dopo non molto tempo prese Panuzio Eufrosina, ed essendo ella in etade di diciotto anni, menolla al predetto monistero e facendovi gran limosine rappresentolla all'abate e a' frati, e disse all'abate:

 

"Ecco, il frutto delle tue orazioni t'ho menato innanzi, acciocchè prieghi Iddio per lei; e perocchè è tempo che la ne voglio mandare a marito: da Dio per li tuoi prieghi la riconosco; onde ti priego che ti sia raccomandata, e prieghi Iddio che la faccia buona; e priegoti che l'ammaestri che via abbia a tenere".

 

Allora l'abate la fece menare nella foresteria fuori del monisterio e quivi incominciò a parlare con lei della virtù della castitade e della pazienza e del timore di Dio. E stette Panuzio con Eufrosina tre al monistero; nel quale Eufrosina considerando attentamente la divozione de' frati in cantare, vegghiare e orare e in altri esercizi spirituali, diceva in medesima:

 

"Beati sono costoro, perocchè in questo mondo vivono come angioli e poi anche averanno vita eterna".

 

E dopo tre giorni volendosi Panuzio partire, Eufrosina si gettò a' piedi all'abate e raccomandòglisi; e l'abate orò e disse:

 

"O Iddio, lo quale conosci l'uomo innanzi ch'egli nasca, degnati d'avere cura e guardia di questa tua ancilla, sicchè meriti d'avere parte e compagnia co' tuoi eletti nel tuo regno".

 

E dopo queste parole Panuzio e Eufrosina, raccomandandosi all'abate e a' monaci, tornarono alla cittade. Or avea Panuzio in usanza quando trovava alcuno de' monaci del detto monistero alla città, di menarlo a casa sua e farli onore e raccomandargli Eufrosina e far fare orazione a Dio per lei. E venendo l'anniversario dell'ordinazione dell'abate del detto monistero, nel quale lo monistero facea gran festa, mandò l'abate un monaco ad invitare Panuzio alla festa. E andando il monaco alla casa di Panuzio e richiedendolo, fugli risposto, com'egli non v'era, da' suoi famigli. E udendo Eufrosina che v'era un monaco degli amici del padre, fecelo chiamare a , e fecegli grande onore, e dissegli che l'aspettasse che tosto tornerebbe, e intrò in parole con lui per grande divozione, e dissegli:

 

"Dimmi, priegoti, frate, quanti monaci siete nel monistero?".

 

E quegli rispuose:

 

"Siamo trecentocinquantadue".

 

E disse Eufrosina:

 

"Riceve l'abate chiunque vi vuole entrare?".

 

Disse il monaco:

 

"Molto volentieri seguitando Cristo, lo quale disse: 'Quegli che viene a me, non lo caccerò fuori' ".

 

E disse Eufrosina:

 

"Cantate voi l'uficio tutti insieme e digiunate voi e mangiate tutti ugualmente?".

 

Rispuose il monaco:

 

"Tutti cantiamo insieme, ma ciascuno digiuna quanto e come vuole, acciocchè non per forza, ma per ispontana volontà ciascuno serva a Dio".

 

E poich'ebbe bene domandato d'ogni loro usanza, disse Eufrosina:

 

"Grande desiderio ho avuto di potere pervenire in questa onestade e venerabile vita; ma temo questo mio padre, lo quale per questa vana e caduca ricchezza del mondo m'ha voluto maritare".

 

Alla quale rispuose il monaco e disse:

 

"Sorella mia, poichè Iddio t'ha dato questo buono desiderio, seguitalo e non permettere che uomo faccia vergogna al corpo tuo e macoli e lordi tanta bellezza; ma dispósati a Cristo, lo quale puote per queste cose transitorie darti lo regno del cielo e la compagnia degli angioli. Pártiti adunque occultamente, ed entra in alcuna religione, acciocchè possi campare".

 

Le quali parole udendo Eufrosina, piacquerle molto e disse: E chi mi tonderà? che io non vorrei essere tonduta da secolare, perocchè non mi terrebbe credenza. Rispuose il monaco:

 

"Ecco, tuo padre so che verrà alla festa e staravvi tre o quattro; e tu in questo mezzo manda per alcuno de' nostri monaci e farai come ti dirà; e io spero che Iddio ti manderà a mano quegli che bisogno ti farà e verrà a te molto volentieri".

 

E in queste parole Panuzio tornò a casa; e trovando il monaco e domandandolo perchè era venuto, intendendo la cagione, ricevette lo invito, e con grande allegrezza, poich'ebbono mangiato, se n'andò con lui al monistero. E in questo mezzo Eufrosina, fatta divotamente orazione a Dio che la dirizzasse in via di salute, chiamò un suo fedelissimo sergente e dissegli:

 

"Va' al munistero dove è Panuzio ed entra nella chiesa e quel monaco che tu vi troverai, priega da parte mia che venga da me, e vieni con lui e non fare altrimenti motto a persona".

 

E andando il messo fece secondo che gli fu imposto; e il primo monaco che vi trovò, pregò che venisse a lei. Allora quel monaco, lo quale molto santo, ispirato da Dio mossesi incontanente e venne a Eufrosina, e fatta l'orazione benedissela e puosesi a sedere con lei. Disse Eufrosina:

 

"Signor mio, avvegnachè lo mio padre sia cristiano e temente Iddio, pur per la misera pompa di questo mondo, essendo molto ricco e non avendo più erede che me, hanni voluto maritare e ora me ne vuole mandare a marito. Io per me non vorrei entrare nelle brutture del mondo, e ho desiderio di vita religiosa, ma temo d'essere disobbediente a mio padre, onde non so che mi faccia a che m'appigli: tutta la notte precedente non dormii, ma sempre orai a Dio che mi mandasse il suo consiglio e mostrasse la sua misericordia. E come fu giorno presi per consiglio per ispirazione di Dio di mandare alla chiesa, e il primo monaco che si trovasse farmi venire e dimandargli consiglio di questo fatto; onde so che Iddio ti ci ha mandato; e però ti priego che tu mi consigli e dirizzi nella via della salute".

 

Allora quel santissimo monaco parlò e disse:

 

"Sai, figliuola mia, che Cristo dice nel Vangelo: chi non rinunzia al padre e alla madre e a' fratelli e a' figliuoli e anche a medesimi, non può essere mio discepolo. Non so ch'io ti possa dire altro, se non se credi potere vincere le tentazioni della carne: lascia stare ogni cosa e fuggi, e delle ricchezze di tuo padre non ti curare, che assai eredi troverà se egli vorrà. Ecco gli spedali e i monasteri e le vedove e i pupilli e le chiese, e pellegrini e prigioni assai. Lascile tuo padre come e a cui gli piace: e tu, credimi, non perdere però l'anima tua, ma séguita la grazia che Iddio t'ha ispirata".

 

Rispuose Eufrosina:

 

"Ed io spero e confidomi in Dio e nelle tue orazioni, che col suo ajuto io farò secondo lo tuo consiglio".

 

Disse il monaco:

 

"Or ti spaccia, sicchè in questo disiderio non raffreddi".

 

Disse Eufrosina:

 

"E io così voglio fare; onde ti priego che spacciatamente mi tagli le trecce e donimi la tua benedizione e óri per me".

 

Allora lo monaco, fatta l'orazione, arditamente le tagliò le trecce, e orò per lei, e disse:

 

"Iddio, lo quale libera tutti gli suoi santi, ti guardi da ogni male".

 

E dopo questo quel monaco con gran letizia tornò al monastero. E rimanendo Eufrosina sola, incominciò a pensare in medesima e disse:

 

"S'io fuggo ad alcuno monistero di donne, lo mio padre è sì potente che, cercando di me e trovandomi, me ne trarrebbe per forza; e però mi pare di mutare abito e vestirmi a modo d'uomo e fuggire ad alcun monistero di monaci, perocchè quivi non si potrà altri immaginare ch'io sia".

 

E come pensò così fece. Vestissi a modo di maschio, e la sera al tardi uscì di casa e stette nascosa in un certo luogo tutta la notte; e la mattina per tempo se n'andò a quel monistero, dove il padre era istato invitato ed era così amato, e fece richiedere l'abate, mostrandosi d'essere un donzello di palagio. E come piacque a Dio, la mattina medesina Panuzio era tornato alla cittade, ma per essere all'uficio alla chiesa, non tornò a casa così tosto, ma in prima se n'andò alla chiesa. Or venne l'abate alla porta, e vedendo questo donzello, gittossi in orazione, e poi si levò e puosesi a sedere con lui e domandollo chi egli fosse e perchè fosse venuto. Rispuose Eufrosina:

 

"Io sono un donzello eunuco in nel palazzo del signore della terra, e sempre ho avuto desiderio d'essere monaco; onde, udendo la fama della vostra santitade, son venuto a pregarvi che mi riceviate per monaco, perciocchè il mondo al tutto mi dispiace".

 

Disse l'abate:

 

"Come hai tu nome?".

 

Rispuose ch'eavea nome Smeraldo. Udendo l'abate tanto desiderio e tanto senno in lui, immaginossi di riceverlo, e disse:

 

"Or vedi, tu se' molto giovane, e non potresti stare solitario come fanno molti di noi, ma fa bisogno che tu abbia maestro che t'insegni li costumi e l'osservanze dell'ordine, al quale tu obbedisca; e però ripensa innanzi come tu se' acconcio a ogni penitenzia e obbidienza".

 

E rispondendo egli che ad ogni cosa ch'egli voleva era apparecchiato, l'abate lo ricevette, e chiamò un suo frate ch'avea nome Agapito, e sì gliele raccomandò, e dissegli:

 

"Ecco oggimai questi sia tuo figliuolo e discepolo: fa che tu me lo racconsegni tale che sia migliore che il maestro".

 

E fatta l'orazione gliele assegnò, e Agapito lo ricevette. Eufrosina, chiamata frate Ismeraldo, si trasse da lato cinquecento soldi e diégli all'abate, e disse:

 

"Togli ora questa pecunia, Padre, per la necessitade de' frati, e s'io vedrò ch'io ci possa perseverare, farò che avrete tutta l'altra mia ereditade".

 

E perocchè Smeraldo avea molto bello volto, lo nemico ne mettea molti mali pensieri a molti monaci, quando era con loro in coro; per la qual cosa i monaci pregarono l'abate che lo facesse istare in alcun luogo, infinchè quel fiore di tanta bellezza cessasse. Le quali parole l'abate udendo, chiamò Ismeraldo e dissegli:

 

"Figliuolo, per la bellezza della tua faccia lo nemico ne scandalezza e tenta molti; onde voglio che tu stia solitario in una cella e quivi mangi e lavori e dica l'uficio e facci ogni altro tuo fatto".

 

E rispondendo Ismeraldo che egli era apparecchiato ad ogni obbedienza, l'abate chiamò Agapito suo maestro, e comandògli che gli apparecchiasse una cella solitaria; e Agapito così fece. E stando Ismeraldo così solo in cella diéssi a più singulare divozione in vigilie e orazioni e digiuni, servendo a Dio in semplicità di cuore, e con tanto fervore che il suo maestro Agapito se ne maravigliava; e ridicendo a' frati la sua perfezione, tutti ringraziarono Iddio, lo quale in etade ancora tenera operava così gran cose.

 

 

 


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License