1-500 | 501-675
L'albergo del silenzio
    Atto, Scena
1 1, 1 | nepote de D. Michele, quanno vene quacche vota subeto se ne 2 1, 3 | Quel sangue tengo nelle vene, perciò bade a chello che 3 1, 7 | MICHELE: Ogne tanto se ne vene ca quacche brutta 4 1, 8 | Legge:) Ma chesta nun vene a me, vene a te: Signor 5 1, 8 | Ma chesta nun vene a me, vene a te: Signor Felice Sciosciammocca.~ 6 1, 10 | dicere?~CONCETTA: Zitto!... Vene Rosìna...~ ~ 7 2, 7 | gente che ce crede nun ce vene!~MICHELE: E lo proprietario 8 2, 11 | Aiuto!!... Lo spirete ce vene appriesso!...~LE ALTRE: 9 3, 1 | Eh... accussì... E quanno vene muglierema nun niente, 10 3, 4 | comme va sta cosa?... E vene proprio a me... (Legge.) « L'amico 'e papà Atto, Scena
11 1, 3| Lo ccà!... Ma comme te vene ncapo de venì ccà ncoppo, 12 1, 6| ANGIOLINA: Ma comme te vene ncapo a venì pe la fenesta! 13 1, 7| abbascio a lu palazzo e quanno vene D. Felice me lo viene avvisà.~ 14 1, 7| accussì, te prego che vene, riceverlo come si deve, 15 1, 9| Pascale! (Chiama.)~FELICE: ( vene l’ammoinatore).~PASQUALE: 16 1, 15| pure a me a tavola, non vene ccà, ma non fa niente, è 17 2, 1| Dunque io te voleva che vene la nutriccia co lo piccerillo 18 2, 1| purtone de lo vico, appena vene piglio lo guaglione e lo 19 2, 4| poverommo sta comme le vene.~LUISELLA: Uh! povero signore!~ 20 2, 7| posa la mappata, quanno vene mariteto fammelo presentà 21 2, 7| addio speranze mie. che vene s’ha da capì l’equivoco 22 3, 2| Nunziata!... Neh, comme ve vene ncapo! Vuje pecché nce avite 23 3, 2| chisti guaje e chillo se ne vene co lo nonno!~FELICE: Tu, 24 3, 3| signorina ha ditto ca vene.~FELICE: Andate nella mia 25 3, 3| viene.~MARIETTA: Mammà non vene? Allora non vengo manco 26 3, 10| Niente, niente, quanno vene chillamico scherzano sempre.~ Amore e polenta Atto, Scena
27 1, 1| Venite cchiù tarde, quanno vene lo principale, pessere 28 1, 1| fatto lo patto che appena vene, io le presento la nota 29 1, 1| BETTINA: Sperammo che che vene ve pagasse.~ ~ 30 1, 2| sento abbaglià la vista e me vene nu triemmolo pe tutta la 31 1, 2| guardate tanto si no ve vene lo triemmolo! Parlammo de 32 1, 3| lo vede de j è capace che vene ccà e se la piglia cu vuje.~ 33 1, 3| ne ncarricà, isso che vene si nun me paga, io sfratto 34 1, 4| Michè, me cride, chella vene, jammo a lo Municipio, stasera 35 1, 4| convenuto de le cercà; chillo vene, me le porta, e io sotto 36 1, 4| Vuje avite ditto che che vene lo padre e ve porta li denare, 37 1, 4| po’ nun me pagate quanno vene lo patre, io ve faccio piglià 38 1, 4| lo servitore, ma appena vene lo padre de la sposa, voglio 39 1, 6| maritemo, e a chello che ne vene vene!~CESARE: No, Elena; 40 1, 6| e a chello che ne vene vene!~CESARE: No, Elena; senti, 41 1, 6| ci pensare.~ELENA: Zitto, vene uno da chesta parte.~CESARE: 42 1, 8| chiagnere? Papà tujo te vene sempe a truvà, e poi D. 43 2, 1| magazzino! Feliciello quanno vene so’ certa restarrà sorpreso. 44 2, 1| asciuto da stammatina e nun vene ancora. L’aggio ditto: Venite 45 2, 1| magazzino.~ELVIRA: E che vene a ?~PEPPE: E che ne saccio!~ 46 2, 2| ma appriesso... appriesso vene lo mbruoglio! Gnà... Gnà... 47 2, 4| stammatina, e D. Peppe si vene co la fettuccia! ( alla 48 2, 6| comme a tutte llate! vene lo Vicesinneco, s’assetta 49 2, 6| lesto.~MIMÌ: Neh, quanno vene lo Vice-Sinneco ncavimma 50 2, 6| chesta sarrà na sposa che vene a gli ordinativi. Justo 51 3, 1| aveva pigliata a me? che vene, lo voglio acconcià io!~ 52 3, 1| trova addò è gghiuta, che vene voglio , voglio ! Ma 53 3, 4| è festa da ballo. che vene Procopio dalle stu biglietto, 54 3, 4| silo dicite n’ata vota me vene la convulsione, io nun tengo 55 3, 5| assassina addò sta, ma quanno vene llaggia tirà tutti li capille... 56 3, 5| soffre d’epilessia, si le vene na convulsione, io comme 57 3, 5| venuto ancora.~PROCOPIO: Si vene mannannillo, lle dice: lo 58 3, 5| mangià la faccia soja, quanno vene nun le dico niente, nun 59 3, 5| si nun mangio certo me vene la convulsione! (Via a sinistra.)~ ~ 60 4, 4| favore.~ANGELICA: ( se ne vene lo vi, me cerca la scarpina!).~ 'O balcone ’e Rusinella Atto, Scena
61 1, 3 | movere da ccà, chillo mo vene, tu lo ssaje che io nun 62 1, 5 | avimma da spusà, e se ne vene a chestora.~LUISA: Eh, 63 1, 5 | bontà vosta. Ma papà quanne vene, pecché trica tanto?~ANTONIO: 64 1, 5 | Cummà, ma D. Felice accussì vene a spusà, cu chillo vestito 65 1, 5 | ne trasimmo dinto, quanno vene lo si Biase, ascimmo.~RUSINELLA: 66 1, 5 | me ne traso dinto, quanno vene papà, me chiammate. E assicurateve 67 1, 6 | TERESINA: E lo si Biase che vene.~LUISA: Ah, finalmente!~ 68 1, 7 | sposo, addò sta, quanno vene?~SALVATORE: è tarde, 69 1, 7 | LUISA: Ah, è D. Felice che vene.~ ~ 70 2, 1 | ma sosempe belle. vene lo nnuovo. Io poverommo... 71 2, 3 | parlatece. Ma chello nun me vene, c’aggia ... l’aggio 72 2, 3 | c’avesse capito. E che vene che le dico? Ah, ecco cca, 73 2, 3 | buono... po’ l’atu riesto vene mano mano. Vuje m’avite 74 2, 5 | basso e a notte, quanno me vene ncapo, me vaco a cuccà, 75 2, 6 | perzo la capa pe te, che te vene appriesso, che t’è simpatico, 76 2, 6 | ditto niente... (Ccà si vene lo marito a tiempo, che 77 2, 6 | l’anema vosta. Quanno ve vene chillo brutto pensiero, 78 2, 8 | ccà... E mariteme che nun vene, vide che manco stanotte 79 2, 8 | che nce penza buono e se vene a cuccà.~BIASE: Sarria na 80 3, 6 | senza sango dinto a li vene, ommo de niente!~ ~ 81 3, 7 | hai fatto ajssera, se ne vene patete e me fa pure 82 3, 8 | avvocato ha ditto che vene, se steva vestenno.~LUISA: 83 3, 8 | steva vestenno.~LUISA: E che vene a l’avvocato?~BIASE: La Bohéme Atto, Scena
84 1, 1 | sposa e D. Peppeniello ca vene a Napole cu lo pate e la 85 1, 1 | Pecché dinta sta casa, vene nu disperatone, nu pezzentone, 86 1, 1 | ncoppa, sta piezze nfame vene pur’essa a ammore cu 87 1, 1 | cammina nnanze.~CAROLINA: (Si vene D. Felice fallo aspettà).~ 88 1, 3 | avita lo piacere, che vene a famiglia de la sposa, 89 1, 7 | Veramente, a chello che ne vene vene!~FELICE: Quanto sì 90 1, 7 | Veramente, a chello che ne vene vene!~FELICE: Quanto sì aggraziata, 91 2, 2 | chillu cancaro e D. Saverio vene a Napule, parla cu D. Gennaro 92 2, 5 | barone, chisto è uno che me vene sempe appriesso, si s’accosta 93 2, 7 | nganne e si nun sfogo me vene na cosa. (Piange.)~TEMISTOCLE: 94 3, 2 | venuta cchiù, ma quanno vene, le parlerò chiaro, a me 95 3, 5 | marito fa Parpignol? E si lle vene la tosse?~CARMELA: Non credo, 'Na bona quagliona Atto, Scena
96 1, 1| e quacche ghiuorno se ne vene accisa de fatica e co li 97 1, 2| tengo a nisciuno, e Luisella vene no pare de vote a lo juorno 98 1, 5| aspettammo a isso che vene pe vedé che bo . Io appena 99 1, 6| penzato, a ogne figliola vene sto penziero, ma chi ve 100 2, 1| cocchiere, vedimmo che vene che ha fatto. Io songo certa, 101 2, 5| Uh! Ciccillo!~CATERINA: Vene Ciccillo!~NICOLINO: (Sentimmo 102 2, 6| che mpunto miezo juorno vene... allora nce manca poco.~ 103 2, 6| testamiento, e ogge lo Notaro lo vene a leggere ccà.~FELICE: Ccà? 104 2, 6| me parene mille anne che vene lo Notano, io sosicuro 105 2, 6| è na provvidenza che le vene da lo Cielo... se lo meritava! 106 2, 7| La Marchesa Fiore! E che vene a ccà?~CANDIDA (fuori): 107 2, 8| rimasta na somma de denare. vene lo Notaro e legge lo testamiento 108 3, 4| conoscimmo, nisciuno nce vene a trovà. Quacche sera facimmo 109 3, 4| nce stongo io, chella non vene).~ALBERTO: (E comme l’appura? 110 4, 1| TOTONNO: È capace che non vene nisciuno?~GIACOMO: Tu sì Lu café chantant Atto, Scena
111 1, 1| nu soldo, è capace che vene e trovà pure lo mangià!~ 112 1, 2| bella cosa! Dummeneca che vene lo facimmo a San Ferdinando.~ 113 1, 2| trattore, si lo trattore nun vene, nce ne jammo. Pensatece 114 1, 3| l’ha dato lo guardaporta, vene a buje.~FELICE: Miette ccà. ( 115 1, 4| statte bona, papà a li 5 te vene a piglià... hai capito? 116 1, 9| loro nu Cafè Chantà. vene lo bello. Ajessera la vecchia 117 1, 10| na parola porta n’ata, vene m’appicceco, e, secondo 118 1, 10| Peppino da Matteo nun ce vene.~CARMELA: Feliciello cu 119 2, 2| striscia, pecché nun se sape si vene o no stasera. (Prende una 120 2, 6| Che bello pensiero che mme vene, dico che songh’io lo 121 2, 8| porta e a chello che nne vene, vene.~CARMELA (dal fondo): 122 2, 8| e a chello che nne vene, vene.~CARMELA (dal fondo): Chillo 123 2, 9| che lascia la casa e se ne vene ccà a la bellella.~CARMELA: 'A cammarera nova Atto, Scena
124 1, 1 | Io aggio saputo ca ogge vene pure la cammarera nova.~ 125 1, 1 | povera sora mia quanno nce vene a truvà vene essa sola. 126 1, 1 | quanno nce vene a truvà vene essa sola. E na bella cosa 127 1, 2 | Embè, che nce vulite ! Ne vene n’ata meglio de me... e 128 1, 2 | ADELINA: Io pe me a chella che vene, nun la guardarraggio manco 129 1, 2 | niente, qualunque gulio me vene me lo fa passà! Appena tengo 130 1, 3 | se ne va, a n’ato ppoco vene pure la cammarera nova.~ 131 1, 3 | PASQUALE: Sarrà. che vene la cammarera nova falle 132 1, 5 | mpietto, e sanghe dinto a li vene, e vedennose trattà de chesta 133 1, 6 | niente.~PASQUALE: Intanto vene la cammarera nova, restene 134 1, 6 | ADELINA: Accussì chillo nce vene a truvà.~TERESINA: Oh, chesto 135 1, 7 | campanello d.d.) Sarrà isso, se vene a piglià a robba mia, te 136 2, 1 | salire.) (Che bella cosa, vene!).~ERRICO: Ch’è stato, ch’ 137 2, 4 | voglia maje lo Cielo lo vene appurà, cu mmico se la piglia!~ 138 3, 4 | fronte?~TOTONNO: Ccà, vene la mugliera de D. Errico 139 3, 4 | mugliera c’ha ditto, che vene ccà?~TOTONNO: Stanno venenno!~ 140 3, 4 | zitto vuje! Ciccì, che vene la signora tu haje da dicere 141 3, 5 | CONCETTA: Ninè, ccà vene la padrona nzieme co li Cane e gatte Atto, Scena
142 1, 1| cammarera... Sì, ma che vene Carluccio maritemo avimma 143 1, 4| casa, tu l’addimanne da vene?~CARMELA: No, non nce lo 144 1, 4| torna voglio sapé da vene.~CARMELA: Povero disgraziato!~ 145 1, 5| vide si chillassassino vene, ha ditto che subeto tornava, 146 1, 5| nun soCarmela. Si nun vene pe n’auti diece minute, 147 1, 5| tutto. Zitto... me pare che vene isso... D. Felice... sì, 148 1, 6| CARLUCCIO: Sissignore. E addò vene?~NINETTA: La tene mariteme 149 1, 8| accidente!~NINETTA: No, me vene a me l’accidente! Carmè, 150 1, 8| tengo sangue dinto a li vene!~CARMELA: Ma nisciuna mugliera 151 2, 2| Parlece primme che vene D. Antonino, io faccio avvedé 152 2, 2| accussì D. Antonino nun vene stasera? Lo scopone non 153 2, 2| E che saccio!... Chillo vene sempe primme de vuje, quacche 154 2, 4| Ha ditto che dimane ve vene a trovà. (Mannatene a l’ 155 2, 4| fa lo marito. Appena essa vene, io me ne vaco e non nce 156 2, 4| fore, che aspiette a che vene essa, lasseme sola, io doppo 157 2, 5| no pepierno, a chello che vene vene.~FELICE: E sia, 158 2, 5| pepierno, a chello che vene vene.~FELICE: E sia, chello 159 3, 4| urto fra marito e mugliera vene pe na cosa de niente, pe 160 3, 4| spartere, a chello che ne vene, vene! Povera a essa, povera 161 3, 4| spartere, a chello che ne vene, vene! Povera a essa, povera a 162 3, 5| venene a trovà?... Una sola, vene a lo scopone la sera.~ 163 3, 5| scopone la sera.~NINETTA: Ah, vene a lo scopone ha sera? 164 3, 10| m’ha giurato che non nce vene cchiù dinto a sta casa.~ La casa vecchia Atto, Scena
165 1, 1| Approposito Rafè, chi nce vene de casa ccà? Io non lo conosco?~ 166 1, 1| la combinazione si vene a chiovere se nfonne tutta 167 1, 3| ramma, pecché si no che vene lo patrone sapite che se 168 1, 3| Le la chiave.) che vene lo patrone po’ ve consegno 169 1, 4| trovanne, qualunque lettera vene, me li faje capità a questo 170 1, 5| vattenne abbascio, e si vene na figliola vestuta chiaro 171 1, 6| chi è? proprio chillo che vene ad abità sta casa.~FELICE: 172 1, 9| che ncasata d’acqua che vene... (Entra a sinistra col 173 1, 14| guajo! che catarro me vene. (Si leva il soprabito e 174 1, 15| ncuollo, che freva me vene... mannaggia sta capa, mannaggia, 175 2, 1| CICCILLO: Non dubitate, che vene D. Felice lo sposo vuosto, 176 2, 3| AMBROGIO: Neh, chillo se ne vene lo proprietario, e sapé 177 2, 4| patrone.~ELVIRA: Ah D. Felice vene a colazione ccà stammatina. 178 2, 11| che tene sangue dinta a li vene, e po’ chillo è no viecchio, 179 3, 7| ccà ncoppa). Aspetta, me vene nu pensiero ccà tanno tutte 180 3, 8| io ve dico, che isso non vene cchiù, v’ha cuffiato fino Il debutto di Gemma Atto, Scena
181 Un, 3| dinto a lo palco. Appena vene Donna Concettina, la sora 182 Un, 13| avé qualunca cosa si te vene ’o golio... Ma si è perduto 'Nu brutto difetto Atto, Scena
183 1, 1| da durmì? Scetate ca vene lo sposo.~PEPPINO: E c’aggia 184 1, 1| vogio sta cchiù, che vene lo padrone me faccio 185 1, 1| nun me ne pozzo j? che vene lo padrone me ne vaco. Te 186 1, 1| miettete fore la sala e vide si vene nisciuno ca me . Quanno 187 1, 1| sulo, figurammece che vene lo marito de la figlia, 188 1, 2| quella da letto.~TOTONNO: Uh! Vene D. Giannattasio, statte 189 1, 2| se capisce niente! che vene lo maestro ce la faccio 190 1, 4| venì?~GIANNATTASIO: No, vene n’ato poco, che giorno d’ 191 1, 5| detti.~ ~PEPPINO: Signò, vene D. Felice. (Via.)~GIANNATTASIO ( 192 1, 7| vuò tu, jammo, primma ca vene quaccheduno.~FELICE (esegue): 193 2, 3| quartiere. Ah! Ma quanno vene D. Giannattasio ce lo dico 194 2, 3| farenella de lo tenente. che vene lo pate parlammo!~GIANNATTASIO: 195 3, 2| sta la furbicetta, appena vene lo faccio lo sevizio. Ah! 196 3, 4| la custata!~TOTONNO: (Uh! vene D. Giannattasio, comme faccio? 197 3, 5| abbasso a lo palazzo e appena vene me la porto.~FELICE: Voi 198 3, 5| comme fernesce! Ma che vene D. Giannattasio nce lo dico. ( Duje Chiaparielle Atto, Scena
199 1, 6| capì, scusate, comme le vene ncape a papà di presentarsi 200 1, 6| quacche Ministro... se ne vene papà e cerca di rovinarmi, 201 1, 6| dentro.) Zitto, è isso che vene.~MICHELE: Bravissimo! All’ 202 2, 3| Per esempio, chillo vene, è ghiuto a piglià de sicarre, 203 2, 3| felice con lui. Chillo vene, dateme la mano. (Prende 204 2, 9| dovere!~ACHILLE: Comme te vene ncape!~PEPPINO: Ma io ve 205 3, 1| sapé Alonzo che fa che nun vene ancora. Lo magazzino sta 206 3, 2| spettano a isso, e dimane vene. Si veneva ogge, sarrìa Duje marite ‘mbrugliune Atto, Scena
207 1, 1| ha da lo negoziante, vene a perdere lo tiempo a Napole, 208 1, 3| ridere.~ROSINA: Ma comme le vene ncapo.~ERRICO: Va bene, 209 1, 3| lo tiempo sta cattivo, si vene a chiovere, vuje nun tenite 210 1, 4| mbruoglio... Uh! Zitto, vene D. Feliciello.~ ~ 211 1, 6| D. Peppeniè, sta lettera vene a buje, l’ha purtata nu 212 1, 6| contentezza.)~GIULIETTA: (Nce vene, nce vene, oh, che piacere). ( 213 1, 6| GIULIETTA: (Nce vene, nce vene, oh, che piacere). (Via 214 1, 6| lo prende e legge): Sì, vene a te. (Saverio via.)~ROSINA: 215 1, 6| sì.~FELICE (guardando): Vene da Sarno, da la Filanda. 216 1, 6| urge. Prospero”.~LUCIA: (Vene overo da Sarno).~ROSINA: 217 2, 4| pazzo ch’è chisto, quanno vene ccà spenne nu sacco de denare. 218 2, 5| GIOVANNI: Nun lo saccio, vene.~MICHELE: Io nun me fido 219 2, 5| addò è ghiuta?~GIOVANNI: vene, vene! (Gridando.)~MICHELE: ( 220 2, 5| ghiuta?~GIOVANNI: vene, vene! (Gridando.)~MICHELE: (Quanto 221 2, 7| sta abballanno nu poco, vene.~MICHELE: Sta abballanno? 222 2, 7| GIULIETTA: Trasite, chella vene.~MICHELE: Ma comme, vuje 223 3, 1| avita la carità quanno vene stammatina, l’avita dicere È buscìa o verità Atto, Scena
224 1, 1| de stammore nuosto; anze vene appositamente pe la figlia 225 1, 1| ASDRUBALE: Ah! è isso che vene. Io me ne vaco. Stateve 226 1, 3| saje la poteca mia, siccome vene, vieneme a avvisà... Briccone, 227 1, 4| lo patre de la sposa le vene ncapo de scriverle chella 228 1, 5| LUCIELLA: Uh! Aspettate, vene Asdrubale da chesta parte, 229 1, 6| figura! Va buono, che vene lo patrone le dico tutte 230 1, 6| cavallo scapuliato! che vene lo patrone te voglio acconcià 231 1, 7| questa parte.~LUCIELLA: Uh, vene gente... (Guarda in fondo.) 232 1, 7| pecché adesso tutto nzieme te vene ncapo de che no? L’anno 233 1, 7| proprio: e quanno, quanno vene?...~AMALIA: Oh, chesto è 234 1, 8| Guardando.)~AMALIA: (Ah, vene... Giulio sta co isso... 235 2, 5| comme dico io... Quanno vene, nnanze a tutte quante aggio 236 2, 7| comme tutto nzieme te vene ncapo che te lo vuò sposà 237 2, 7| de capo e chello che ne vene vene...~GIULIO: E sicuro 238 2, 7| capo e chello che ne vene vene...~GIULIO: E sicuro che Felice maestro di calligrafia Atto, Scena
239 1, 1| VIRGINIA: Nannì, vide si vene quaccheduno.~NANNINA: Leggite, 240 1, 2| Vaco aparà lo mastrillo!...vene la zoccola ccà!~ANDREA: 241 1, 2| stà cchiù.~CARLUCCIO: Uh! Vene la signorina da chesta parte.~ 242 1, 5| sango ne tiene dinto a li vene? E comme, non te muove a 243 1, 6| de chiagnere, quanno me vene te lo dico. (Passeggiato.) 244 1, 6| guerra.~FELICE: Vedimmo si vene nisciuno. (Esegue calcando 245 1, 6| piedi.)~PULCINELLA: Non vene nisciuno, potite parlà.~ 246 1, 6| PULCINELLA: Aspetta, chisto le vene quacche cosa.~FELICE: Ajutateme.~ 247 1, 6| vuje stesso la verità). Vene pure la signorina...~FELICE: 248 2, 5| manera, è capace che non nce vene cchiù. (Raccoglie le lettere 249 2, 6| Feliciello, essere che le vene quacche malatia.~ALBERTO: 'Na figliola romantica Atto, Scena
250 1, 1| faccio nu streverio! Me vene nu pensiero, figliema Rusinella 251 1, 6| insensibile, che forse pure a te vene a trovà, si pure nun è venuto.~ 252 2, 1| Oggi intanto nu miedeco me vene a visità chiammato da maritemo; 253 2, 1| ma si quacche pensiero le vene ncapo, addio, chi lu putrà 254 2, 2| PAPELE: Forse, credo, nun vene pecché nce fa calore?~VIRGINIA: 255 2, 7| Mi stima, mi rispetta, e vene spisso ccà pecché a Rusina, 256 2, 7| Via pel fondo.)~DOTTORE: Vene dunche p’ ’a figlia... vedremo... 'Nu Frongillo cecato Atto, Scena
257 1, 1| ERSILIA: Ma bella mia, come te vene ncapo de venì ogne tantillo 258 1, 1| come a no cane de caccia te vene appriesso, e si arriva ad 259 1, 2| ammore co no giovinotto che vene in casa.~ERSILIA: Ah! Chesta 260 1, 3| stagionatiello, spisso spisso vene a farve visita, e...~ERSILIA: ( 261 1, 3| miedeco mio.~VINCENZINO: Ve vene a tastià lo puzo?~ERSILIA: 262 2, 3| D.a Angelarò.~FEDERICO: Vene mammeta e pateto.~GIUSEPPINA: 263 2, 3| mezzo): Signò, chesto che vene a .~GIUSEPPINA: Mammà, 264 2, 3| vattenne fore, e appena vene falla trasì.~MARIETTA: Gnorsì 265 2, 7| FELICE: (Nfaccia all’uocchie vene lo mbruoglio).~ALESSIO: ( 266 2, 7| sempre. (Chella da llà bascio vene a piglià pede ccà).~ANGELAROSA: 267 2, 8| venì ccà.~MARIETTA: (Oh! vene lo bello!). (Entra prima 268 2, 8| na povera criatura che vene a lu munno, senza sapé chi 269 2, 9| sonene 24 ore, e io ancora... Vene isso da chesta parte. (Si 270 3, 1| miseria de mesata, a ognuno le vene lo rango dinta a li mmane.~ 271 3, 3| ERSILIA: Ha ditto che non vene.~CARMELA: Ma si pe combinazione 272 3, 3| Aspetta ciuccio mio quanno vene la paglia nova. Tenenno 273 3, 4| dico a D.a Ersilia che si vene Concettella me la mannasse 274 3, 5| FELICE: Eh, no mariggiolo vene, n’auto ne trova ccà... 275 3, 5| ghiuto a divertì, se vene a ritirà. Vuje ve n’avite 276 3, 5| rovinato, lo bello è, che si vene na guardia e mi afferra, 277 4, 1| sarria?~TIMOTEO: Che si vene quacche persona e addimmanne 278 4, 3| scemis mio.~FELICE: ( vene lo mbruoglio!).~ERSILIA: Gelusia Atto, Scena
279 1, 1| non te può credere: essa vene a Napole pure pe maritarse, 280 1, 1| marito.~EDUARDO: E a chi se vene a piglià?~ASDRUBALE: A chi 281 1, 1| piglià?~ASDRUBALE: A chi se vene a piglià? A uno che tu non 282 1, 3| Cioè?~GESUMMINA: Addò te vene, llà t’afferra.~SAVERIO: 283 1, 3| Steva mpacchiato de suonno, vene sto turzo de spica a portarme 284 1, 3| ne ncarricà, che quanno vene lo masto de scola D. Nicolino, 285 1, 4| che sta facenno. Quanno vene, te voglio vedé che asciuta 286 1, 5| commesso de lo negozio de papà, vene dinto a la casa, papà non 287 1, 6| trovo.., basta... io si vene lo... che site vuje... io 288 1, 6| famme lezione che quanno vene lo patrone nce li cerco 289 2, 1| stammatina tutto nzieme se ne vene co la figlia de D. Giammatteo 290 2, 2| figlia de D. Giammatteo vene da chesta parte, non 291 2, 6| credarrisse? Doppo seje mise vene na malatia a la mamma de 292 2, 6| Già... Ah! La vi ccà, vene.~ ~ 293 2, 10| sacca e me l’ha dato. Quanno vene D. Nicolino lo maestro, 294 2, 10| io me metto scuorno, isso vene appriesso... Ah! si potesse...). 295 2, 10| PULCINELLA: Nonsignore, vene a te, tu si trasuto ? 296 2, 10| pure a me, essere che vene D. Feliciello, e sapè 297 2, 11| Me metto paura che non vene Asdrubale. No, chillo 298 3, 2| NICOLINO: (La vi, se ne vene!). Parlate.~ROSINA: Maestro, Mettiteve a fa l'ammore cu me! Atto, Scena
299 2, 2| d.d.): Savè, Savè quanno vene lo Notaro chiammeme subito.~ 300 2, 3| poco la cammera mia, quanno vene papà me chiamme. ( quanta 301 2, 5| prima di tutto vediamo se vene qualche d’uno. (Guarda intorno 302 2, 5| volite fa quanno a me non me vene!~EMILIA: E ve l’avito da 303 3, 5| ah! Ca si non sfogo me vene na cosa! (Poggia la testa 304 3, 7| e tu n’haje dispiacere! Vene a dicere che se ti dico 305 3, 7| tutto cose a chello che ne vene vene... Dovete sapere che... 306 3, 7| cose a chello che ne vene vene... Dovete sapere che... 307 3, 7| io!~ALBERTO: Basta si vene D. Emilia e te dimanda.. “ 308 3, 8| D. Felì! Ve prego che vene zi zio non ve mbrugliate. 309 3, 8| capito!~EMILIA: Dunque che vene zi zio, voi direte D. Gennaro 310 3, 8| sempe.~EMILIA: Jammo, quanno vene zi zio voi che dite?~FELICE: 'Na commedia ‘e tre atte Atto, Scena
311 1, 5| doglie...~E se l’anno che vene t’aggio a taglia~Cecare 312 1, 5| chiamato D. Raffaele, lo quale vene co na figliola che se chiama 313 2, 2| ANASTASIA: La mozzecutola, vene apposta ccà fora pe vedè 314 2, 2| Ma che veco: Peppeniello vene da chesta parte currenno.~ 315 2, 2| appena fenesce lo tiempo vene e se la sposa, e essa che 316 2, 4| capito...~FELICIELLO: Uh, vene D. Raffaele e D. Asdrubale, 317 2, 5| palluniere).~FELICIELLO: (Buono, vene a tiempo, scrive, Scena 318 2, 7| sango ne tiene dint’a le vene? Rispunneme, dimme na parola... 319 3, 6| justo, justo, è essa che vene da chesta parte. Io m’ 320 3, 7| ghiuto a fa no servizio, vene.~PULCINELLA: Ho piacere. ( 321 3, 7| che facimmo? Quanno vene papà nce presentammo tutte 322 3, 7| anima mia, sangue delle mie vene.., quanto sì cara! (L’accompagna 323 3, Ult| ASDRUBALE: Allegramente! Stasera vene lo notaro... Che d’è stMadama Sangenella Atto, Scena
324 1, 1| che so’ otto giorni che me vene appriesso cu na faccia tosta 325 1, 5| marito. So’ otto juorne ca me vene appriesso comme a nu cane.~ 326 1, 7| trova addò va e dice che vene ccà).~FELICE (a Concettina): 327 1, 7| verità, è overo ca Felice vene tutti i giorni ccà?~TERESINA: 328 1, 10| PASQUALE: E si nce vaco vene lo marito co lo delegato 329 1, 10| na femmena, l’appicceco vene certo e stongo a cavallo.~ ~ 330 2, 3| capirai bene ca chillo vene.~MIMÌ: Ma chi è stu tale?~ 331 2, 3| jammuncenne a divertì, quannisso vene, le faje dicere che mamma 332 3, 1| Vattenne fora e appena vene lo fioraio, avviseme.~SALVATORE: 333 3, 2| Felice.~TERESINA: E che vene a ffà ccà?~MIMÌ: Forse ve 334 3, 2| ffà ccà?~MIMÌ: Forse ve vene a dicere ca lo marito l’ 335 3, 3| brutta! Chillo è capace che vene da me per avere una riparazione.~ Lu marito de nannina Atto, Scena
336 1, 2| dentro al naso, abbiamo 13 vene grandi e 65 piccole.~FEDERICO: ( 337 1, 4| andare al Municipio, me vene no nuozzolo nganna... vorrei 338 1, 5| NICOLA: E che aggio da , me vene accompagnà pur’isso a lo 339 1, 5| rroba, starrà co la capa che vene a spusa.~NICOLA: Eh, vene 340 1, 5| vene a spusa.~NICOLA: Eh, vene a spusà, se ne fosse addunato 341 1, 8| Embè comme dice che non nce vene?~FRANCISCO: Scusate vuje 342 1, 8| po’, quanno è ogge che vene D. Ciccillo lo miedeco, 343 2, 4| stanza, che isso subeto vene appriesso, po’ me guarda 344 2, 4| mia mentre steva tiranno, vene mariteme, che staje facenne 345 2, 4| Chillo stammatina certo vene ccà, chiammatillo tu e dincello, 346 2, 5| priesto però, perché si vene mariteme non potimmo 347 2, 6| facite ampressa, pecché si vene mariteme nun putimmo 348 2, 6| vuje facite la spia si vene isso. (Felice va in fondo. 349 2, 8| assai assai, doppo de papà vene isso. Po’ l’aggio fatto 350 2, 10| tiranno lo panaro, lo marito vene a tiempo, dice neh, mugliera 351 3, 2| aspetto a Nannina, quanno vene, scengo co essa.~FEDERICO: 'Na matassa 'mbrugliata Atto, Scena
352 1, 1| contento D. Felice quanno vene. Va figlia mia, famme 353 1, 1| MATILDE: Mammà comme ve vene ncapo?~RACHELE: Meh famme 354 1, 1| ata mano ccà, pare che si vene D. Felice cu chillo amico 355 1, 2| Basta che zi zio nun me vene a nguità.~ALFREDO: Zieto?~ 356 1, 2| vota?~FELICE: No, pecché si vene a Napole ch’è difficile, 357 1, 4| FELICE: Comme Errichetta vene pure ccà?~GIULIO: Capisco, 358 1, 4| FELICE: ( che gulio le vene a chella!).~GIULIO: Sì, 359 1, 4| Felì, io me ne vaco... si vene muglierema dincello c’aspettasse, 360 1, 5| cacce assaje... chella nce vene senza dubbio... ed io so’ 361 1, 10| questo mi diceva: zi zio nun vene zi zi nun vene... ma si 362 1, 10| zi zio nun vene zi zi nun vene... ma si venesse nun putarria 363 1, 10| fa meno... ma primma che vene vierno...~FELICE: (Pe me 364 1, 11| coi nervi... ogne tanto le vene nu tic nervoso.~GIULIO ( 365 2, 4| aggio pensato io... nun nce vene manco.~FELICE: Comme si 366 2, 8| disturbate... chella vene. (Vide si veneno Rachele 367 2, 10| Benissimo! Allora mentre vene, dimme addò haje cunnusciuto 368 2, 10| mostricino.~GIULIO: (Certo vene nu ciclone). Ecco qua.~ ~ 369 2, 12| sapite ch’è tarde... vene lo vice sindaco e nun cunvene 370 2, 18| aprono le porte.)~FELICE: ( vene lo mbruoglio!)~CONCETTA: 371 3, 4| vuje.~TERESINA: ( se ne vene).~CRESCENZO: Accattatevella.~ 372 3, 10| FELICE: Zitto, zitto, vene. ( Viano seconda a d.).~ ~ 'Nu ministro mmiezo a li guaje Atto, Scena
373 1, 1| faciteme no piacere, che vene maritemo, che non tricà, 374 1, 2| levo la rroba, manco si vene co li soldate.~FELICE: Ah! 375 1, 2| GAETANO: Neh, guardate chi vene da chesta parte, il Marchese 376 1, 3| onorevole, che auto bello tipo vene da chesta parte. E il segretario 377 2, 6| Scusa eccellenza fino a che vene come avite ditto vuje...~ 378 3, 11| scrive.)~CARMELA: E che te vene ncapo?~MINISTRO (scrivendo): 379 3, Ult| nce simme, la croce, me vene na cosa...).~FELICE: (Zitto, Miseria e nobiltà Atto, Scena
380 1, 2| LUISELLA: D.a Concè, quanno vene lo marito vuosto m’avita 381 1, 3| tanto, bellezza mia!... Uh! Vene essa da chesta parte... 382 1, 4| Me pareno millanne che vene mammà.~LUIGINO (mostrandosi): 383 1, 5| Me pareno millanne che vene Feliciello... Me voglio 384 1, 5| PUPELLA: Mammà, che vene papà e porta i denari, avimma 385 1, 5| che papà tujo; chillo vene Feliciello, porta quacche 386 1, 6| Peppeniè, pateto quanno vene?~PEPPENIELLO: vene, l’ 387 1, 6| quanno vene?~PEPPENIELLO: vene, l’aggio lassato che steva 388 1, 6| menuzzaghia!.. E chillo se ne vene co lo burro, la buatta de 389 2, 1| abbonato alla poltrona, vene ogne sera... Seh! E sul’ 390 2, 1| sera... Seh! E sul’isso vene!... Ne venarranno da nu 391 2, 1| eccellenza, eccellenza! Ma vene primma lo titolo, e po’ 392 2, 1| dudece. Pure è buono che vene l’avvocato mio co la mugliena 393 2, 3| vuluto mai ... Ma si me vene ncapo, nu juorno de chiste 394 2, 5| movere !~BIASE: E si me vene nu sternuto?~GAETANO: Nun 395 3, 2| cunfronteno maje, e po’ essere che vene nu juorno che nce ncuntrammo 396 3, 6| Ad Eugenio:) (Capite, vene a lo spasimante! Ma chillo 397 3, 6| di mia figlia, e nun ce vene cchiù!).~EUGENIO: (Ho capito!).~ 398 3, 7| Chiamando.) che vene la principessa comme m’aggia 'Na mugliera zetella Atto, Scena
399 1, 4 | Ninetta a chestora, e che vene a fa? Falla trasì!~NICOLA: 400 1, 5 | 6 mise, Errico torna, me vene a piglià, ce ne jammo in 401 1, 5 | 6 mise Errico torna, te vene a piglià, ve ne jate in 402 2, 1 | chisto guajo. Isso che vene adda dicere pecché dormene 403 2, 2 | turnammo. Chi te la ? che vene nce parlo seriamente. Essa 404 2, 9 | sinistra): Lo cameriere nun vene, io me soseccato d’aspettà.~ 405 3, 1 | ha ditto: Nicò, chiunque vene che nun ce stamme... 406 3, 1 | ha ordinato che chiunque vene aggia dicere che nun ce 407 3, 1 | proprio ma la sposa quanno vene. Trasite, trasite, vedite 408 3, 2 | cena cu l’amice e se ne vene a ghjuorne.~BIANCA: E io 409 3, 3 | llà stanno gente e si lle vene qualche mossa de nierve 410 3, 4 | Tu pazzie? (Chella dimane vene Bianchina.) Io sono un marito 411 3, 5 | che ne saccio. Comme lle vene ncapo de s’appiccecà cu 412 4, 2 | Vattenne fore e aspetta che vene lo francese.~NICOLA: Sissignore. ( 413 4, 2 | carcerato, e bello esce e vene ccà.~NINETTA: E nuje simme 'A nanassa Atto, Scena
414 1, 1| voce.~CICCILLO: E da dove vene?~PASQUALE: Me pare da chesta 415 1, 1| CICCILLO: Non essere, vene da ccà. (Altro grugnito.) 416 1, 2| saccio. (Altro sbadiglio.) Vene da llà dinto.~FELICE: Da 417 1, 4| ntiso? Lo nomme mio?... Vene da dinto a sta cammera...~ 418 1, 4| miracolo, è na cosa che vene da coppa! Jate signò, jate!...~ 419 1, 6| seccà. (D.d.).~GIULIETTA: Vene gente, scappa scappa! (Entra 420 1, 8| anni che non lo vedevo, vene a Napule pe se stà meza 421 2, 2| SALVATORE (uscendo): vene, vene, la sta portanno 422 2, 2| SALVATORE (uscendo): vene, vene, la sta portanno prevete.~ 423 2, 5| friccecà lo sango dinto a li vene. Viva, viva, tra llà . ( 424 2, 6| sangue blù che tengono nelle vene, e s’innamorano facilmente 425 2, 6| stu presepio... Ma si me vene ncape, me ne vaco io sola.~ 426 2, 10| che me spusà. D. Errico vene da chesta parte.~GIULIETTA: 427 2, 10| fricceca lo sango dinto a li vene. Ah! na figliola se consola. 428 3, 1| stevo durmenno. Ma che vene voglio sapé tutto! Tutto!... 429 3, 1| faccio?... Basta quanno vene Felice, se lo vede isso... ( 430 3, 2| veco! Quant’è bona!... Si vene lo marito a tiempo, io dico 431 3, 3| ambressa, chella vene).~FELICE: (Chi?).~CESARE: ( 432 3, 3| Sorpresa di Felice.)~FELICE: (Vene ccà?).~CESARE: (Sì, la porta Nina Boné Atto, Scena
433 1, 6| idea: pecché D.ª Rosina nun vene nu poco cu nuje?~ROSINA: 434 1, 8| la canzonettista! E che vene a ccà?~ ~ 435 2, 4| ORAZIO: Ricordateve, chiunque vene io nun ce stongo.~CICCILLO: 436 2, 5| aspetto ccà!).~FELICE: ( ca vene D. Teodoro comme facimmo?).~ 437 2, 11| a la cammera mia, ca vene Teodoro dicite che sto peggio.~ 438 3, 3| canzonettista.~ROSINA: E che vene a ccà? Stasera fenesce 439 3, 5| col servo.)~NINA: (Si me vene ncape, me scordo de zio, 440 3, 7| che , me ne vaco, quanno vene lo trova ccà. (Mette il Li nipute de lu sinneco Atto, Scena
441 1, 1| fatto sapé che stammatina vene a visità la trattoria mia. 442 1, 3| aggio manco risposto e si le vene ncapa de venì addò me, immediatamente 443 1, 9| scappate e chello se ne vene... 1, 21, 50 e 83... Ccà, 444 2, 2| carta bollata. E appena vene, te faccio donazione di 445 3, 4| Esegue.)~CICCIO: Chella se ne vene, come lei si permette? Me Non plus ultra della disperazione Atto, Scena
446 Un, 2| voglio spennere, ma si mme vene ncapo de spennere ciente 447 Un, 6| stato?~MARIANNA: Nepoteme se vene a fruscià tutti li denare 448 Un, 6| chiagnere gente... se nne vene che io arrobbo! Arrobbate 449 Un, 6| chesto, lo nepote vuosto, vene ogni tanto na vota ccà.~ 450 Un, 6| MARIANNA: Ogni tanto na vota? Vene, ogni ghiuorno, ogne momento. 451 Un, 7| penzate, chillo ccà nun ce vene chiù, se pigliaie na brutta 452 Un, 7| ddico?~FELICE: Eh, si nun vene n’ato cu me, io nun lo ffaccio. ( Nun la trovo a mmaretà Atto, Scena
453 1, 1| tavolino.) Io l’anno che vene aggio da mettere n’avviso 454 1, 2| 7 o 8 mila ducate, se ne vene uno frisco frisco, e se 455 1, 4| me putite vedé cchiù, me vene tale malincunia., che me 456 1, 6| seccatura neh, papà non vene, so’ stata affacciata a 457 1, 6| dinto me secco, papà non vene... Locandiere, potarria 458 1, 6| aspetto.~CHIARINA: Allora si vene papà nce lo dicite che io 459 1, 6| Vuoi dire che a me si me vene no moto, pecché aggio pagato 460 2, 1| aspettà n’auto ppoco, vene lo Notaro, qualche invitato, 461 2, 2| risponne.~LUIGI: E ccà non vene maje?~ELVIRA: Sì, quacche 462 2, 3| proprio cchiù, a n’auto poco vene lo Notaro, Eugenio addò 463 3, 4| sta pe venì ccà; quanno vene, che po’ neh, non può La nutriccia Atto, Scena
464 1, 2| cuiete... la nutriccia che vene penza pe lo piccerillo, 465 1, 3| fernesce tutto, stammatina vene la nutriccia e penz’essa 466 1, 3| E po’.... andivina chi vene a starse 3 o 4 mise ccà?~ 467 1, 3| già penzato, stammatina vene la nutriccia.~CONCETTA: 468 1, 3| NANNINA: N’aggio piacere che vene lo pate d’Ernesto, si putesse 469 1, 4| Oh! Che piacere, papà vene ccà, chesta è stata proprio 470 1, 4| avarrà piacere, tanto più che vene pure lo padre... vaco 471 1, 5| Anze, D. Rafè, si me vene ncapo ve lo faccio pure 472 1, 8| RAFELE: Eh, qualche volta ca vene lo tuocco a me, me metto 473 1, 9| Eccellenza, de capa! De capa... vene da capemonte! (Lazzi.)~ALESSIO: 474 2, 3| n’incarricà! Ha ditto che vene cchiù tarde, te voglio accuncià 475 2, 4| Lisetta?...~FELICE: Uh! Vene la patrona, comme faccio? 476 2, 6| può ascì... annascunnete. Vene Peppino da chesta parte.~ 477 3, 2| esco pur’io.~ERNESTO: Si me vene ncapo, nun me ritiro cchiù!~ 478 3, 3| PEPPINO: Sangue de Bacco, vene gente!... me la filo 479 3, Ult| ERNESTO: Pronto! pronto! E nun vene maje, chesta che porcheria Lu Pagnottino Atto, Scena
480 1, 1| spusà, dinto a sti juorne vene, se cumbina lu matremmonio 481 1, 2| Rosà, facite la spia si vene zio e D. Flaminio.~ANTONIO: 482 1, 2| ANTONIO: Uh! pe carità fuite, vene D. Gennaro nzieme cu D. 483 1, 2| Pulicenè.~ROSARIA: Da ccà vene D. Nicola.~RITA: Mpizzate 484 1, 6| Comme si avesse ditto vene zio, e avite pure na 485 1, 6| tiempo... po’ essere ca vene zio spicciateve.~FELICE: 486 2, 1| PEPPE: (Chisto quanno chillo vene lo conosce e dice tutto, 487 2, 1| sarebbe?~PEPPE: A n’auto poco vene ccà chillo tale D. Pulicenella, 488 2, 1| chillo tale D. Pulicenella, e vene a dicere a lu cumpare ca 489 2, 1| finge d’essere lu frate e vene a portà sta notizia.~FLAMINIO 'No pasticcio Atto, Scena
490 1, 7| alluccà, statte zitto, si vene papà tu me faje ncuità.~ 491 1, 7| facite la spia, vedite si vene D. Pasquale. (Lo situa vicino 492 2, 4| aissera.~FELICE: Guarda si vene quaccheduno... Chisto 493 2, 10| pettenessa. (Gridando.)~FELICE: Vene D. Pasquale, vene D. Pasquale.~ 494 2, 10| FELICE: Vene D. Pasquale, vene D. Pasquale.~GIOVANNINO: 495 3, 1| cu nu giovinotto, e me lo vene a cuntà sempe a me.~CICCILLO: 496 3, 1| all’asteco, ogne matina me vene a na chiagnuta.~ ~ 497 3, 2| tu sta lettera e quanno vene stu giovene, nce la daje, 498 3, 3| li marite, e chillo se ne vene ccà ncoppa; a quaccheduno 499 3, 4| piacere, aspette ccà, chi sa vene Faustina, le dice che io 500 3, 7| Sì venuta finalmente, si vene quaccheduno che se affittà


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License