1-500 | 501-1000 | 1001-1500 | 1501-2000 | 2001-2500 | 2501-3000 | 3001-3500 | 3501-4000 | 4001-4042
L'albergo del silenzio
     Atto, Scena
1 1, 1 | Signò, scusate che ve dico na cosa... Vuje v’avita 2 1, 1 | saccio che D. Felice nun fa na cosa si nun cerca primma 3 1, 2 | Chillo è architetto... tene na bella prufessione... è nu 4 1, 2 | trattata de chesta manera... e na femmena avanzata ha avuta 5 1, 2 | cchiù?... Chella ne tenarrà na ventina cchiù d’isso!...).~ ~ 6 1, 3 | la capa! Io me ne faccio na resata... Isso nun è ommo 7 1, 3 | faccio passià ogne ghiuorno na guardia ccà sotto!~LUISELLA: 8 1, 3 | povero operaio che tene na machina vecchia, ch’ha da 9 1, 3 | La spagnoletta! Chella è na pippa vecchia!... Mannaggia 10 1, 4 | la faccia...~MICHELE: È na femmena chella llà, Felice 11 1, 4 | poco de sistema... de truvà na femmena ch’avesse vuluto 12 1, 4 | te retire stanco e truove na bella figliola che parlà... 13 1, 4 | ch’ha ditto, che manchi na nuttata sana sana?~MICHELE: 14 1, 5 | lo nonno!~MICHELE: Dimme na cosa: hai piacere a sta 15 1, 6 | nun te lagnà... È sempe na bella guagliona... Io tengo 16 1, 6 | vedete, me dispiace pe na cosa sola che me n’aggia 17 1, 6 | sempe scuorno de ve dicere na cosa... (Reticente.)~LUISELLA: 18 1, 6 | pecune pecune... me sento na cosa curiosa... nun saccio 19 1, 7 | essere trattata comme a na serva!~MICHELE: Ma quà serva? 20 1, 7 | bive... quanno te vuò na vesta te la faje... che 21 1, 7 | vuò?~CONCETTA: E cride che na figliola pe cchesto se mmarita? 22 1, 7 | per esempio, aggia j a na perizia... venì cu mmico?~ 23 1, 7 | Ah, stasera haje da na perizia?... Nun saje de 24 1, 7 | caro! Hai ragione ca io sona figliola onesta, ma ce starria... 25 1, 7 | làsseme sta nu poco in pace na vota e pe sempe! (Via furibondo 26 1, 7 | Cuncettì... ve facite venì na cosa!... Mannaggia l’amicizia, 27 1, 7 | ce vularrìa?... Nfaccia a na figliola comme a chesta, 28 1, 7 | Me faccio purtà dinto a na carrozzella ddoje ore, 29 1, 7 | volevo tradire l’amicizia. Ma na vota che ha ditto: Pigliatillo... 30 1, 7 | accompagnerò io... Ce pigliammo na bella carrozza e ce facimmo 31 1, 7 | bella carrozza e ce facimmo na bella cammenata! doppo 32 1, 7 | Ve tenarria sotto a na campana... (Insinuante) 33 1, 7 | piacere!... Cercammo de truvà na trattoria cujeta... che 34 1, 8 | tu!~ROSA: E si trovo ch’è na cosa seria, stanotte aggia 35 1, 8 | meraviglia, però: se na cena de tre piatte, frutta, 36 1, 8 | assolutamente mancà... Me piglio na carrozza chiusa...~FELICE: 37 1, 9 | che ntuppàte a parlà? È na cosa nervosa che vi è venuta 38 1, 9 | quanno era piccerillo, avette na forte malattia di nervi... 39 1, 9 | Commiserando.)~LIVIA: Quanno po’ è na bella giornata parla buono, 40 1, 9 | caserma!...~ANTONIO: Se era na caa... caserma, caro D. 41 1, 10 | sempre a Concetta): (E na parte che stammo qujete 42 1, 10 | sicurissima! Ce pigliammo na carrozza.. Chi ce vedé?... 43 1, 11 | aggia vedé io. Ch’è fatto na criatura de latte lo signore? 44 1, 11 | FELICE: Ma dicevo io... na vota ch’aggia rimané io 45 1, 11 | mangià qualche cosa dinta a na trattoria...~ROSA: Dinta 46 1, 11 | possibile! Chi te vede dinto a na trattoria lo cchiù ppoco 47 1, 11 | che simmo appiccecate! A na parte de chesta ncavimma 48 2, 2 | spirete se soghiute a ffà na cammenata?~ANDREA: Nonsignore... 49 2, 2 | solo; ride): Ah! Ah!.. È na cosa curiosa: li spirite! 50 2, 3 | zumpo de chiste nun è certo na bella cosa! (Accende un 51 2, 3 | quieto... nun se vede manco na mosca! È proprio comme le 52 2, 3 | Cameriè, io aggio penzato na cosa: è troppo presto... 53 2, 3 | momento. Si avesse pigliato na quaterna, nun m’avesse fatto 54 2, 3 | per carità!... Passaje na disgrazia!... Putevo ncuntrà 55 2, 3 | Galante.) V’avite miso na bella veste... Comme ve 56 2, 3 | simpatica!...~CONCETTA: È na vesta nova... stasera me 57 2, 4 | a mano dritta ce sta na bella loggia. Volete che 58 2, 4 | intanto una cosa calda... na tazza de ...~CARLUCCIO: 59 2, 4 | Abbasta che nun piglia na bronchite llà ncoppa!~CARLUCCIO ( 60 2, 6 | subito): Ah... sì... è stata na cosa curiusa... m’aggiu 61 2, 6 | stracciata la giacchetta vicino a na carruzzella e l’aggiu rimasta 62 2, 6 | sceso, ho visto nel cortile na rocchia de gente che parlavano 63 2, 8 | stato il desiderio de me na bella fumata!~CONCETTA: 64 2, 8 | cchiù?~CONCETTA: Truvammo na scusa qualunque... regalate 65 2, 8 | scusa qualunque... regalate na cosa a lo cameriere!... 66 3, 1 | facette mettere dinta a na carruzzella e me ne facette 67 3, 1 | cu muglierema? Chella è na brigante... Chella lo cchiù 68 3, 3 | ccà, me mettette dinta a na carruzzella... me facette 69 3, 3 | chesta manera... lle venì na cosa!»~FELICE: Tu si venive 70 3, 3 | commossa): Povero Feliciello... na nuttata sulo e chiuso da 71 3, 4 | ROSA (meravigliato): Na guardia?... Damme ccà! ( 72 3, 4 | Una locanda qualunque de na lira a la stanza! Orrore!!... 73 3, 4 | Parlo io! (A Michele.) Dimme na cosa tu... ma la verità, 74 3, 5 | ROSA: Cuncettina mia... na calunnia... na calunnia! 75 3, 5 | Cuncettina mia... na calunnia... na calunnia! Me vonno male!~ 76 3, 5 | Cuncettì, nun è overo. È stata na calunnia! Io me menaje da 77 3, 6 | La guarda.) Possibile?... Na chiammata dall’Ispettore?!...~ 78 3, 8 | COMMISSARIO: E ditemi na cosa: fra gli arrestati L'amico 'e papà Atto, Scena
79 1, 1| che me vonno fa schiattà na vena mpietto!... Dice che 80 1, 1| LUISELLA: No; ajere avette na lettera che l’avvisava che 81 1, 1| e martella, ha ammuinata na casa, ma chi è non se sape.~ 82 1, 1| sì addunata ca io tengo na passione pe te?~LUISELLA: 83 1, 2| voglio bene proprio comme a na sora.~LUISELLA: Io ve ringrazio 84 1, 2| tanto, ma capite vuje site na signora e io songo na cammarera.~ 85 1, 2| site na signora e io songo na cammarera.~MARIETTA: Io 86 1, 2| non te tratto maje comme a na cammarera e tu n’haje avute 87 1, 3| teneva a nisciuno, che era na figliola zetella, haje sofferto 88 1, 3| pensate pure che tenimmo na criatura da la nutriccia... 89 1, 6| fenesta! M’haje fatto piglià na paura che moro.~CICCILLO: 90 1, 6| fenesta se ce avarria mettere na ferriata, è tanto vascia 91 1, 7| fondo e si volta:) E dimme na cosa, me vuò bene?~LIBORIO: 92 1, 9| LIBORIO: Va piglia subito na bottiglia d’acqua gelata.~ 93 1, 9| Eh! comme se jesse a fa na cena!).~FELICE: Dunque stavo 94 1, 9| LIBORIO: Dunque diteme na cosa D. Felì, adesso siete 95 1, 10| non signore non è guaio, è na cosa da niente.~FELICE: 96 1, 10| jettene a Puortece a truvà na sora de muglierema e se 97 1, 10| ognuno de lloro se mettette a na figliola pe sotto a lo vraccio 98 1, 10| diavolo fuje le vaco a na dichiarazione amorosa.~FELICE: 99 1, 12| Signorì, aggio avuto pure na cancariata!~MARIETTA: Agge 100 1, 13| seduto): Luisè io aggio avuto na lettera de la nutriccia 101 1, 13| isso starria pure dinto a na pagliara, quell’uomo che 102 1, 13| sott’occhio Luisella.) Dimme na cosa, tu sei la serva?~LUISELLA: 103 1, 13| vicino a Luisella.) E dimme na cosa, staje da parecchio 104 1, 13| stà! (A Luisella:) E dimme na cosa, faje l’amore co nessuno?~ 105 1, 14| non aggio potuto manco na parola.~MARIETTA: Uh! Mamma 106 1, 14| Lo capisco; ma alla fine na vota l’ha da sapé.~MARIETTA: 107 1, 15| adesso vengo, aggio da piglià na cosa dinto a la cammera 108 1, 15| ne importa. Sto pensanno na cosa, chillo stanno assettate 109 2, 1| la via, l’aggio da menà na preta mmocca! (Via.)~LUISELLA: 110 2, 1| o fore, è possibile che na figliola comme a me ha da 111 2, 2| bascio.~FELICE: Aggio fatto na nottata chiara chiara... 112 2, 3| balbettando): Pigliateme na seggia...~FELICE: Uh! Parla 113 2, 3| se poteva credere che pe na cosa de niente, se pigliava 114 2, 3| chella, guè me la chiamma na cosa de niente?~ANGIOLINA: 115 2, 3| Sì, molta neve, dinto a na fascia de cuscino.~ANGIOLINA ( 116 2, 4| a lu patrone ll’è venuto na cosa, aggio visto a Pascale 117 2, 4| povero signore!~FELICE: Dimme na cosa, tu manco ne saje niente 118 2, 4| Guè, chella comme fosse na cosa de niente.~LUISELLA: 119 2, 5| p.p. poi torna).Dimme na cosa, tu manco ne sapive 120 2, 5| FELICE: (E già, chella è na cacciottella!).~PASQUALE: 121 2, 5| ottojuorne steva fore de casa na nottata, jeva a trovà l’ 122 2, 6| comme, nuje te dicevamo na cosa pe n’ata? L’accordatore 123 2, 6| Luisella, pecché l’aveva dicere na cosa necessaria e io stessa 124 2, 7| cchiù contente; pigliateve a na femmena comme a Lucia, che 125 2, 7| dice che v’è venuto pure na cosa?~LIBORIO: Sì, ma 126 2, 7| collera, pecché Felice vedenno na cosa de chesta faceva come 127 2, 7| MARIETTA: Chesta non è na bella ragione, pecché piace 128 2, 7| E tu staje llà comme a na pastenaca e non dice niente.~ 129 2, 8| pigliato molta collera, ve pare na figlia metterse co n’accordatore... 130 2, 9| sento buono.~FELICE: Allora na vota che te siente buono. ( 131 2, 9| Tu stive jettato dinto a na farmacia senza niente, 132 2, 9| te porto ccà e te dongo na lira che baje truvanno?!~ 133 2, 9| voi non avete ciuccio e na lira dice ch’è poco.~PANFILIO: 134 2, 9| LIBORIO: Sì, chella è stata na piccola alterazione, ma 135 2, 10| padrone addò sta? Tengo na lettera pe isso.~FELICE: 136 2, 10| Va bene. (Via.)~FELICE: Na vota lu putevano mpapucchià, 137 2, 11| lo cafè e ncefacimmo na bella cammenata pe lo Chiatamone, 138 2, 12| gioielliere e a morte de na zia mia che è straricca 139 2, 14| vedere, alza lo scialle.) Na criatura!... (Lo prende.) 140 3, 1| Sissignore, ma comme ve dicevo na buscia?~LIBORIO: Tu capisce 141 3, 1| buscia?~LIBORIO: Tu capisce o na ca somarito e mugliera?~ 142 3, 2| a te. Ti debbo domandare na cosa. Libò permetti?~LIBORIO: 143 3, 2| FELICE: Zitto, stupido!... Na mezora fa mugliereta è 144 3, 2| asilo.~LIBORIO: Sì, dinto a na pagliara, dinto a nu pertuso 145 3, 2| che la voglio portà a na cammenata e tutte e tre 146 3, 3| che ti voglio portà a na cammenata, è na bella jurnata.~ 147 3, 3| portà a na cammenata, è na bella jurnata.~MARIETTA: 148 3, 3| MARIETTA: Chesta è proprio na novità, e addò jammo neh 149 3, 5| me lo dicono che io sono na simpaticona.~ ~ 150 3, 6| magazzine di gioiellerie, tene na zia ricca che quanno more 151 3, 9| chillo è ciaramella, chesta è na grancascia!). Io soTotonno 152 3, 9| uocchie!~TOTONNO: Sentite. Na sera doje compagne de sorema 153 3, 9| Doppo lo teatro volettere na cena e ghiettene tutte e 154 3, 9| e ghiettene tutte e 5 a na trattoria a lo vico rotto 155 3, 9| pe la strada le facette na dichiarazione amorosa, lle 156 3, 9| la verità, le scrivette na lettera e non rispunnette, 157 3, Ult| quartiere mio, t’aggia na paliata peggio de chesta!).~ Amore e polenta Atto, Scena
158 1, 1| lietto stasera s’ha da cuccà na sposa?~MICHELE: Na sposa! 159 1, 1| cuccà na sposa?~MICHELE: Na sposa! na sposa! e pecché 160 1, 1| sposa?~MICHELE: Na sposa! na sposa! e pecché ride? Chillo 161 1, 1| stu D. Felice, me facette na brutta mpressione e te dicette: 162 1, 1| ditto che sposa e piglia na forte dote.~BETTINA: Eh! 163 1, 1| salotto, chella llà comme a na cammera de lietto cu nu 164 1, 1| isso me facette leggere na lettera de lo padre de la 165 1, 1| mila lire, che saccio pe na cosa. Allora io le dicette: 166 1, 1| saccio, doje culonnette, na tuletta, nu comò.~MICHELE: 167 1, 1| tuletta, nu comò.~MICHELE: Eh! Na dormosa, n’armadio! tu che 168 1, 2| la sposa è bella?~MIMÌ: è na bellezza, è nu tesoro, io 169 1, 2| Quanno stongo vicino a na bella figliola, vaco pe 170 1, 2| Vostra moglie? bravo! È na simpatica giovine!~MICHELE: 171 1, 2| dice che sta ricca, tene na dote forte.~MIMÌ: Sona lo 172 1, 2| Gnernò, aggio ditto: tene na bona dote? La sposa de D. 173 1, 2| duje figlie, nu mascolo e na femmena, alla figlia credo 174 1, 2| mila lire.~MICHELE: Ah! è na bella dote.~MIMÌ: Po’ si 175 1, 2| faccio io alla sposa, è na paglia di Firenze, ma scicca 176 1, 2| Chiaia la vedette ncapo a na signora dinto a na carrozzella, 177 1, 2| ncapo a na signora dinto a na carrozzella, me piacette 178 1, 2| credere, trasette dinto a na modista, chiammaje lo princepale 179 1, 2| comme avarria fa pe avè na paglia tale e quale comme 180 1, 2| paglietta, e perciò le voglio fa na sorpresa... Ma me fa meraviglia 181 1, 2| faccio? Siccome me sento na languidezza de stommaco, 182 1, 2| de stommaco, vaco a na piccola colezione, e subito 183 1, 2| sposo dice ch’ha preparato na cammera de lietto scicca 184 1, 2| assaje, è vero?~MICHELE: Uh! Na bellezza!~MIMÌ: Isso dice 185 1, 2| La mamma le rimmanette na fortuna!~MIMÌ: Ah! La mamma 186 1, 2| Isabella! Le rimmanette na fortuna, denare assaje!~ 187 1, 3| BETTINA: D. Michè, è na figliola, va truvanno a 188 1, 3| Bettì, io aggio fatto na penzata; chesta è capace 189 1, 3| chiacchiere, l’ammore è na brutta cosa, a le vote nun 190 1, 4| MIMÌ: M’aggio pigliato na tazza de cafè, e m’aggio 191 1, 4| ricavato niente, ancora na languidezza me sento.~MICHELE: 192 1, 4| pecché nun ve mangiaveve na costata?~MIMÌ: Quant’è costato? 193 1, 4| pecché nun ve mangiaveve na costata?~MIMÌ: Na costata? 194 1, 4| mangiaveve na costata?~MIMÌ: Na costata? No, non soabituato 195 1, 4| sta figliola?~FELICE: Fuje na combinazione, Michele mio, 196 1, 4| combinazione, Michele mio, na vera combinazione, quanno 197 1, 4| piede mieje sciulia ncoppa a na scorza de mellone e luongo 198 1, 4| se mettettero a ridere, na carrozzella che se trovava 199 1, 4| Ah! è nu fatto! è stato na bella cosa! Oh! Ve voleva 200 1, 4| siente! Io m’aggio miso na paura che a n’ato poco mureva. 201 1, 4| ne jeve e ammagliechiava na cosa mmocca. Soghiuto 202 1, 4| ghiuto pe vedé e chellera na paglietta. Vide ccà comme 203 1, 4| nzieme aggio visto n’ommo e na femmena scarosa e l’ommo 204 1, 4| tenite, l’aggio pigliata na carta de visita, nce ll’ 205 1, 4| Michè, io aveva penzato na cosa, si tu me vulive 206 1, 4| gratissimo. Tutto chesto pe na jurnata, arrivato che me 207 1, 4| lo servitore...~FELICE: è na finzione... Michè, agge 208 1, 6| assolutamente ha da trovà na paglia tale e quale comme 209 1, 6| maritemo che se la venneva na persona pe 150 lire, chillo 210 1, 8| Mmoccate chesto! V’ha data na brutta lezione!~FELICE: 211 1, 8| cosa?~MICHELE: (Dinto tengo na bottiglia de marsala, la 212 1, 8| lo chiammate Porciello, na vota che se chiamma Pele, 213 1, 8| istesso giorno che sgravaje na porca e facette sette porcielle, 214 1, 8| piangere, m’haje fatto venì na cosa dinto a lo stommaco! ( 215 1, 8| Piange.)~ALONZO: Figlia mia, na vota t’aviva mmaretà!~PAPELE: 216 1, 8| Ah! Hanno composta pure na canzoncina?~ALONZO: Sissignore... 217 2, 1| dinto a li guantare teneva na misera putechella, ccà tengo 218 2, 1| quanno vaco, pure l’aggio na cancariata! Io stongo una 219 2, 1| nascita soja, e stasera na gran festa de ballo, s’ha 220 2, 1| fettuccia de seta larga 3 dita, na canna rossa, na canna verde 221 2, 1| 3 dita, na canna rossa, na canna verde e na canna bianca, 222 2, 1| rossa, na canna verde e na canna bianca, tenite a mente?~ 223 2, 2| aggio ditto pigliammoce na carrozzella.~PROCOPIO: La 224 2, 2| che s’accattaje giorni fa, na paglia che me costa 150 225 2, 2| n’ato cappiello, chella è na paglia che se mette per 226 2, 2| IGNAZIO: Me sta venenno na debolezza, io nun saccio 227 2, 4| Signora...~ELVIRA: Io quanno na signora me chiamma e 228 2, 4| mettere nterra! Tu ire na lavannara!~ANGELICA: Io 229 2, 4| lavannara!~ANGELICA: Io era na lavannara? Vattenne pezzentone, 230 2, 5| quante dinto, aggio visto na tabella vicino a lo barcone: 231 2, 5| Cielo mio, famme truvà na paglia comme a chesta, si 232 2, 5| lo Cielo, aggia ancora na quinnicina di giorni di 233 2, 5| ma primma t’aggia dicere na cosa.~ELVIRA: Che cosa?~ 234 2, 5| la carità, vide si tiene na paglia comme a chesta!~ELVIRA: 235 2, 5| comme a chesta!~ELVIRA: Na paglia comme a chesta, e 236 2, 5| serve?~FELICE: Serve pe na zia mia, la quale è ricchissima, 237 2, 6| che ve crediveve de truvà? Na cammera comme a tutte ll’ 238 2, 6| chiagnite, me facite venì na cosa dinto a lo stommaCo! ( 239 2, 6| me voleva spiccià. Teneva na folla! (Apre sulla tavola.)~ 240 2, 6| Vulesse lo Cielo! Io aggio na lira a lo juorno!)~ALONZO: 241 2, 6| Aggio capito, chesta sarrà na sposa che vene a gli 242 3, 1| chella figliola aggio visto na scatola, llaggio aperta, 243 3, 3| tu devi divertirti. Dimme na cosa, hai mangiato?~ELENA: 244 3, 3| siccome che stasera tenite na società me venesse a piglià 245 3, 4| me potive nu piacere, na notte de chesta, stanotte, 246 3, 4| curaggio d’accidere manco na gallina, e po’ lo guaio 247 3, 4| mangiammo cchiù, e io me sento na debolezza che moro!~SGUATTERO ( 248 3, 4| Che odore! Me sento venì na cosa!~ ~ 249 3, 5| vuje site n’ommo, nun site na criatura.~PROCOPIO: Haje 250 3, 5| dinto a nu tram aggio visto na figliola tale e quale a 251 3, 5| arrivato llà ncoppa cu tanto na lengua da fora, e me n’aggio 252 3, 5| d’epilessia, si le vene na convulsione, io comme faccio, 253 3, 5| aggia stà zitto!). Dimme na cosa, nun è venuto manco 254 3, 5| IGNAZIO: Signò, si ve dico na cosa, ve pigliate collera?~ 255 3, 5| disprezzata, cchiù s’affeziona a na persona io si fosse a buje, 256 3, 5| bello e me faciarria tanto na panza! Quanno essa venarria, 257 3, 5| io zitto zitto senza na parola, senza darle confidenza: 258 3, 5| collera!~PROCOPIO: Eh! è na parola! Basta, vedimmo! 259 3, 6| nce simmo mise dinto a na carrozza, e io l’aggio ditto: 260 3, 6| ditto: ve porto ncoppa a na bella trattoria, e mangiammo: 261 3, 7| campanello. Chesta me pare na scrianzatezza!~FELICE: Prima 262 4, 2| Procopio, lo servitore cu na colvulsione, n’ato spaventato. 263 4, 2| ca io saglio ncoppa addò na zia de la mia quanno le 264 4, 2| la mia quanno le faccio na mmasciata e scengo, sta 265 4, 3| brutte! Doppo d’avè cammenato na jurnata sana, soppo d’essere 266 4, Ult| dritta quanno trase, nce sta na scatola, è nu complimento 267 4, Ult| E che nce sta?)~MIMÌ: (Na paglia de Firenze).~FELICE: ( 'O balcone ’e Rusinella Atto, Scena
268 1, 1 | ntiso io che chi puntava na lira e chi meza lira... 269 1, 1 | tutta, manera. Onorateme, na presa de cognac.~ANTONIO: 270 1, 2 | nepote vosta...~PEPPINO: Na vota, ma no, ve lo 271 1, 2 | fosse stato niente de male. Na vota c’aggia chiammà a buje, 272 1, 2 | nu mumento a n’ato po’ na fortuna.~MICHELINO: Se capisce. 273 1, 3 | veste de sposa, me pare na pupatella... Che! Michè 274 1, 3 | Essa po’ a la fine chi è ? Na misera stiratrice, lo pate, 275 1, 3 | si no te scanno comme a na vacca, e isso avett’accunsentì, 276 1, 3 | cose. Io credo che sarrà na pazzia. Lo tengo dinto a 277 1, 4 | da piacere, chella è na priezza che fanno!~FELICE: 278 1, 4 | sposa nun ve piace? Chella è na pupatella, è na rusella 279 1, 4 | Chella è na pupatella, è na rusella de Maggio?~FELICE: 280 1, 4 | femmena de chesta? Chella è na piccerella che nun la fatto 281 1, 4 | E chi femmena?~FELICE: Na femmena che stà de casa 282 1, 4 | ANTONIO: Oh, ve pare.~FELICE: Na sciasciona, na cosa troppo 283 1, 4 | FELICE: Na sciasciona, na cosa troppo bella, erano 284 1, 4 | potuto mai parlà da vicino. Na sera finalmente me facette 285 1, 4 | la figliola ha cacciata na brutta annummenata.~FELICE: 286 1, 4 | sarrà difficile, ve pare, na figliola de chisti tiempe, 287 1, 5 | LUISA: Io pe me, si tenesse na figlia, le desse sempe a 288 1, 5 | vulesse bene, e le facesse na bona compagnia.~TERESINA: 289 1, 5 | voglio troppo bene, pecché è na bona piccerella, faticatora, 290 1, 5 | cumpariè, scusate, diciteme na cosa, vuje ancora v’avita 291 1, 5 | Rusinè, scusate si ve dico na cosa. Vuje me site antipatica.~ 292 1, 5 | accussì, da che pigliaje na caduta, che se sciaccaje, 293 1, 5 | mbriache, ma quanno tene na muglierella a la casa che 294 1, 5 | la casa che l’aspetta, cu na bella tavulella apparicchiata, 295 1, 5 | simme spusate, ve faccio na bella cura, e ve sanate.~ 296 1, 5 | va bene... ma ccà nce sta na cosa chiù forte. Io la notte 297 1, 5 | ve tratto comme fusseve na sora mia. Ve lo prevengo, 298 1, 5 | voglio vedé si me riesce na cosa. Cielo mio aiuteme 299 1, 6 | vularria n’ata vendetta, na bella vendetta... che putarria 300 1, 6 | niente...~PEPPINO: Sarria na bella vendetta, ma all’età 301 1, 6 | giovene bene veramente a na figliola, tene curaggio, 302 1, 6 | tengo core, tengo maniera, e na femmena m’ha da vulé bene 303 1, 6 | le guarde, comme le dico na parola, perdono la capa 304 1, 6 | PEPPINO: Subito, ma però a na condizione che nepotema 305 1, 6 | ditto, che appena guardate a na femmena appena le dicite 306 1, 6 | femmena appena le dicite na parola, perde la capa, e 307 1, 6 | lo pussibile de nammurà na figliola de stu paese, che 308 1, 7 | SALVATORE: (Bià, staje na bellezza, ma nun t’avutà 309 1, 7 | vulimmo bene, pecché è stata na bona compagna.~BETTINA: 310 1, 7 | cu nisciuno.~FILOMENA: E na figliola de core, e affezionata.~ 311 1, 8 | cappiello cchiù stritto, na sciammeria che fosse juta 312 1, 8 | cchiù.~SALVATORE: E chesta è na canzona.~BIASE: E dicite 313 1, 8 | assai, m’è chiù simpatico, è na cosa nova, è na toletta 314 1, 8 | simpatico, è na cosa nova, è na toletta capricciosa!... 315 1, 8 | i personaggi.)~Nce steva na figliola ca di nenne~Era 316 1, 8 | mbrufecà!~Pozza ’a vita de na principessa,~Pozza aunnare 317 2, 1 | pensiero! E che ve lo dico cu na faccia tosta! Oi neh, si 318 2, 1 | vino furastiere, Addeventa na cosa troppo bella, Guagliù, 319 2, 1 | PEPPINO: (Facite nu brinnese, na cosa qalunque). Signori, 320 2, 2 | pecché, primma de tutto, stà na folla mmiezo a la piazza 321 2, 2 | v’aggia dicere, è stata na cosa c’ha fatto meraviglia 322 2, 2 | Comme sapite, Rusinella pe na quindicina de juorne ha 323 2, 2 | e me ne sagliette doppo na mezz’ora, m’affacciaje e 324 2, 2 | assettate, senza parlà, senza na parola, e cu li spalle vutate.~ 325 2, 2 | No, dice che m’aveva na mmasciata pe Rusinella. 326 2, 2 | che se l’avuta spusà cu na capezza nganna, e la 327 2, 3 | sapite, afforza me fa na spiegazione amorosa a D.a 328 2, 3 | ragione. Pozzo avé pure na cancariata, e me pozzo pure 329 2, 3 | aggia ... l’aggio fatto na mossa accussì. (Fa segno 330 2, 3 | giovene... che quanno veco na giovene... che sia, na giovene, 331 2, 3 | veco na giovene... che sia, na giovene, quanno veco na 332 2, 3 | na giovene, quanno veco na stella... ma che stella... 333 2, 3 | che stella... quanno veco na luna! na bella luna! Ma 334 2, 3 | quanno veco na luna! na bella luna! Ma che ncazzecca 335 2, 3 | accussì... Nu fuculare, na carcara de fuoco, che senza 336 2, 3 | fuculare dinto a lo core, na carcare de fuoco, che senza 337 2, 3 | chillo chi è ?~MICHELINO: Na carcara de fuoco, che senza 338 2, 3 | Eh, nun tanto, pecché na bona porzione se ne so’ 339 2, 3 | MICHELINO: La verità, tenite na bella casa, e comme fa bella 340 2, 4 | e comme abballa, me pare na palummella, ha fatto stancà 341 2, 4 | giuvinotte. Tenite veramente na pupatella, ... ve lo dico 342 2, 4 | Scusate, credite che sia na cosa bella chesto c’avite 343 2, 4 | Comme, ve mettite a na festa, a mmità gente, senza 344 2, 4 | tutto, me pare che non sia na grave mancanza c’aggio fatta.~ 345 2, 4 | ogne galantuomo, è stata na mancanza grossa assai!~BIASE ( 346 2, 4 | Chesto c’avute fatto vuje, na bona mugliera, nun lo .~ 347 2, 4 | RUSINELLA: Oh, scusate, na vota po’ che dicite chesto, 348 2, 4 | mugliera se ne va dinto a na puteca mmiezo a la strata, 349 2, 5 | credite che v’avite pigliata na serva, o na cana! La primma 350 2, 5 | avite pigliata na serva, o na cana! La primma notte de 351 2, 5 | fosse capitato lo stesso a na figlia mia, a chestora 352 2, 5 | che piacere si la fanno na paliata, me ne voglio j 353 2, 6 | distrarre nu poco, sta sempe a na cosa! Lo patre lo stà aspettanno 354 2, 6 | che nce campa a fa cchiù, na vota che Rosina s’è mmaretata, 355 2, 6 | bene che nun haje avuto na bona sorte, che haje truvato 356 2, 6 | succieso tanta vote, una è na bona figliola, na bona mugliera, 357 2, 6 | una è na bona figliola, na bona mugliera, sì, ma fino 358 2, 6 | Se sape, quanno uno tene na mugliera che nisciuno la 359 2, 6 | Fa tu, vide si può salvà na povera famiglia, che chillo 360 2, 6 | dispiacere, morene pure lloro. È na rovina, è nu precipizio! ( 361 2, 6 | fondo a destra.)~RUSINELLA: Na vota che sunaveve lo mandulino 362 2, 6 | accussì bello, nce putiveve na sunata stasera?~MICHELINO: 363 2, 6 | paese?~MICHELINO: No, sona ventina de juorne: ma l’ 364 2, 6 | poco d’aria, pecché teneva na pucuntria dinto a la vocca 365 2, 6 | MICHELINO: Tenite veramente na bella casa, e comme faceva 366 2, 6 | fuculare dinto a stu core, na carcara de fuoco, che senza 367 2, 6 | figliola de stu paese. Diciteme na parola, una sola parola, 368 2, 7 | a niente. Si nun me date na speranza, io me sparo, ccà 369 2, 7 | vuoste. Dicite, diciteme na parulella.~RUSINELLA: Va 370 2, 7 | Teresì, chesta è stata na funzione!~TERESINA: Nun 371 2, 7 | che chellata femmena, è na condizione, è na cosa apposta, 372 2, 7 | femmena, è na condizione, è na cosa apposta, è pe nu sfizio, 373 2, 7 | FELICE: A parola mia! Tenite na vucchella che dice nfaccia 374 2, 8 | vene a cuccà.~BIASE: Sarria na furtuna pe isso!.:. Nun 375 2, 9 | RUSINELLA: Bravo! Haje fatta na bella pensata, cagnamme 376 2, 9 | TERESINA: Aggio fatto na bella pensata...~SALVATORE: 377 3, 1 | Via pel fondo.)~LUISA: Na figliola comm’a chella, 378 3, 1 | capisce, pecché chella è na guagliona, de core, affezionata... 379 3, 1 | pel fondo.) Nce vularria na bona lezione, la verità, 380 3, 2 | spudoratezza! Io teneva na gran simpatia pe chesta, 381 3, 2 | FELICE: Cride c’avimmo fatta na bella cosa? Nun te può credere 382 3, 3 | esattezza e la precisione. Na puteca de stiratrice comme 383 3, 3 | sapite. (Marcato:) Tengo na cammarella appriesso a papà, 384 3, 3 | Vuje siteve buono, teniveve na casa e na massaria de proprietà 385 3, 3 | buono, teniveve na casa e na massaria de proprietà vosta, 386 3, 3 | putiveve spusà a me, ch’era na miseria stiratrice, senza 387 3, 4 | pecché?~FELICE: Pecché è na cosa che piacere a muglierema, 388 3, 4 | tanto antipatica?~FELICE: Na vota, ma no, invece 389 3, 4 | scurdaje de ve cunsignà na cosa che me dette Concettella, 390 3, 4 | che se tratta?~PEPPINO: Na cosa curiosa. Ecco ccà, 391 3, 4 | cosa curiosa. Ecco ccà, na carta cu cierti capille, 392 3, 4 | carta cu cierti capille, na lettera, e lo ritratto vuosto.~ 393 3, 4 | Grazie D. Peppì. Chesta è na cosa che deve rimanere fra 394 3, 4 | pecché?~PEPPINO: Niente, pe na cosa mia. Amico affezionato 395 3, 4 | qujeto.~FELICE: Aggio fatto na pensata. Voglio j a truvà 396 3, 4 | chillo D. Michelino, è na mazza de scopa, nu scemo, 397 3, 5 | Peppì, io v’aggio ditto na cosa pe n’ata...~FELICE ( 398 3, 6 | pigliate collera. D. Felì è na disgrazia, lo capisco, ma 399 3, 6 | FELICE: Me calmo, me calmo? Na parola! Io quanno lo trovo, 400 3, 6 | curaggio de dicere manco na parola.~FELICE: Bravissimo! 401 3, 6 | Nun site juto vuje pure da na femmena?~FELICE: Sì, da 402 3, 6 | femmena?~FELICE: Sì, da na bella femmena, da na femmena, 403 3, 6 | da na bella femmena, da na femmena, simpatica, aggrazziata 404 3, 6 | ccà fore. T’aggia chiavà na curtellata sotto a la panza. ( 405 3, 6 | Grammegna, nun è state mai na carogna. (Caccia un coltello 406 3, 7 | fore, lo primmo che me dice na parola nu poco storta, nce 407 3, 7 | che chesto sia inutile, na vota che ve site spartute 408 3, 7 | po’ se mettette a cantà na canzone accussì bella, che 409 3, 8 | Tenite, aggio sparagnata na zumpata!~BIASE: Venite ccà, La Bohéme Atto, Scena
410 1, 1 | pututo tanta diebbete. Na casa accussì ricca che tutta 411 1, 1 | e ogne tanto te siente na tuzzuliata de porta. Stevene 412 1, 1 | mese dinto a lo lietto cu na brunchita, è stata quase 413 1, 1 | voi sbagliate, chesta è na casa onesta, si ve sente 414 1, 1 | io e chi era patemo. Pe na parola ca lo tuccajene ncopp ’ 415 1, 1 | chiammà muorto. Io teneva na vaccarella ch’era la gioia 416 1, 3 | nu poco la cummeddia cu na figliola, e lo frate s’ha 417 1, 3 | fiamma, una certa Ninetta, na simpaticona.~SAVERIO: D. 418 1, 4 | fa?~SAVERIO: Cercammo e na la j ampressa ampressa.~ 419 1, 4 | Chesti ccà vedite, nce sta na signora malata vicino a 420 1, 4 | Saverio ha ditto ca è meglio na figliola senza niente, ca 421 1, 4 | figliola senza niente, ca na capallerta cu denare.~FELICE: 422 1, 4 | li fatte nuoste. Io tengo na sora ca me nu bene pazzo, 423 1, 4 | me lo ricordo.~TERESINA: Na sera finalmente D. Peppeniello 424 1, 5 | assai.~CARMELA: Ha fatto na bella sviluppata, adesso 425 1, 5 | stabilire tutto e se è na cosa che se combinà, 426 1, 5 | GENNARO: Sapete, mia figlia è na ragazza tutta cuore, subito 427 1, 5 | prende una passione, dimme na cosa Peppeniè, tu haje piacere 428 1, 5 | perdere Emilia me faccio na curtellata nganna.)~GENNARO: 429 1, 6 | a Bohême ma a me mi pare na cosa difficile.~LUIGI: Ma 430 1, 7 | Ajutateme me sento da venì na cosa... (Vacilla.)~FELICE: 431 1, 7 | venene a piglià pe gghì a na festa. (Alla finestra:) 432 1, 7 | CAROLINA: Ve vularria dicere na cosa. (Violini, la frase 433 2, 1 | Quella prima donna tiene na voce proprio atmosferica.~ 434 2, 1 | che vulite da me, dateme na caramella. (Via.)~GUARDIA: 435 2, 2 | giovane fioriaia che è proprio na simpaticona.~ERRICO: Ah! 436 2, 2 | Perché ero certo d’avé na negatura. Ve pare, chelle 437 2, 3 | verità, llà dinto nce sta na folla ca se more affucato. 438 2, 3 | che vulive che pigliavo na malatia pe tte, o pe ll’ 439 2, 4 | TOMMASO: Oh! diciteme na cosa, giacché site tanto 440 2, 6 | tratta de chesta manera. Na serata sana senza guardarme 441 2, 7 | nganne e si nun sfogo me vene na cosa. (Piange.)~TEMISTOCLE: 442 2, 7 | cu chella tosse, ncopp’a na suffitta, chesta è nfamità. ( 443 3, 1 | cujeto, pecché aggio fatto na penzata, tengo nu mezzo 444 3, 3 | paccotte nce ne stanno appena na decina. Ma ch’è stato?~PEPPENIELLO: 445 3, 6 | M’avita scusà, è stata na cumbinazione, stammatina 446 3, 6 | truvà comme a lo solito a na signorina che lle porto 447 3, 6 | lle porto sempe e fiori, è na cantante del S. Carlo la 448 3, 6 | cunzulata, m’haggio fatto na cammenata ca teneva nganno 449 3, 6 | pazzianno e redenno, quanno na femmena se fa vecchia che 450 3, 7 | te so’ venuta a dicere na cosa che certo te fa piacere.~ 451 3, Ult | NICOLINO: T’aggia chiavà na palla mpietto. (Mette la 452 3, Ult | aggio fatto pe le spusà na signurina.~PEPPENIELLO: 453 3, Ult | se fa?~FELICE: Va bene, na vota ca chella se mette 'Na bona quagliona Atto, Scena
454 1, 1| lo Cielo che me mannasse na provvidenza, e accussì me 455 1, 1| voglio bene comme fosse na sora mia.~CATERINA: E essa 456 1, 1| E ma che isso sbarea, è na cosa inutile, se sposene, 457 1, 1| LUISELLA: Siè Catarì, diciteme na cosa... Rusinella non v’ 458 1, 1| dice?~LUISELLA: Chella è na spruceta, siè Catarina mia, 459 1, 1| spruceta, siè Catarina mia, è na spruceta, non lo guarda 460 1, 2| tiempe ve voleva dicere na cosa, ma me songo sempe 461 1, 2| NICOLINO: Diceva accussì, na vota che vuje site sola, 462 1, 2| facimmo una casa, stregnimmo na specie de parentela... io... 463 1, 2| CATERINA: Ma ve pare, sarría na fortuna pe me.~NICOLINO: 464 1, 2| bene, resta fatto, io tengo na figlia, vuje tenite na nepota... 465 1, 2| tengo na figlia, vuje tenite na nepota... e lo potimmo ! 466 1, 2| risposto isso, io so’ venuto pe na semplice informazione, ma 467 1, 2| ha ditto, addò se trova na certa Rosinella Palermo 468 1, 2| Nunziata, e se la pigliaje na femmena chiamata Caterina 469 1, 2| volette pe forza piglià na criatura, e io l’aggio voluta 470 1, 2| aggio voluta bene comme a na figlia; sto fatto, nisciuno 471 1, 3| Basta, ambressa e dance na bella nzalatiera de fasule, 472 1, 3| de fasule, pecché tenimmo na brutta famma!~CATERINA: 473 1, 3| pronta ve chiammo. Diciteme na cosa, avisseve visto a Rusinella?~ 474 1, 3| te raccomanno, vide de na cosa de juorno.~CATERINA: 475 1, 3| staje dicenno, chella è na simpaticona, quanno se ferma 476 1, 3| addà dicere la verità, è na bona figliola, allera, pazzierella, 477 1, 3| campagna, e quanno vedene na quaglia non se la fanno 478 1, 4| Rusinella, sissignore, pecché è na bona figliola e fatica tutta 479 1, 4| si lo Cielo me manna na provvidenza, saccio io chello 480 1, 4| cefaro corre appriesso a na sardella no mazzonciello 481 1, 4| se sta zitto.~MICHELE: Si na mosca è puntata da no rangio, 482 1, 4| sidece solde, aggio pigliata na bella costata a Rusinella, 483 1, 4| perelle. Io m’aggio fatta na pizza quatte solde, e sto 484 1, 5| benedicere, facite proprio na vera carità, signò, se lo 485 1, 5| sarría rimasta mmiezo a na strata...~ACHILLE: Lo sappiamo, 486 1, 5| perdette. Sta femmena era na celebre cantante d’operetta, 487 1, 5| ncantà, v’assicuro proprio na simpaticona! Pe farvela 488 1, 5| l’ammore, venette a luce na piccerella, la combinazione 489 1, 6| stammatina, pecché tengo na cemmetella de scerocco che 490 1, 6| potuto essere, aggio sagliuto na trentina de palazze, ma 491 1, 6| Napole. A Napole succede na cosa curiosa, ne vengo poco, 492 1, 6| fermaje e me dicette: Dimme na cosa, saje leggere e scrivere? 493 1, 6| avarisse potuto addeventà na bona cantante.~ACHILLE: 494 1, 6| cantante.~ACHILLE: E dimnie na cosa, te fide de j cammenanno 495 1, 6| tozzene nterra, e io sona povera figliola, non tengo 496 1, 6| non se tené premura pe na figliola che subeto se penza 497 1, 6| abbasta manco a me, darria na bella sorte a Rusinella. ( 498 1, 6| Ride.) Si teneva n’impiego, na cosa fissa, allora va bene... 499 1, 6| Rusinè, io t’aggia da na bella notizia.~RUSINELLA: 500 1, 7| cos’è, mamma mia, me pare na criatura.... , te faccio


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License