Eduardo Scarpetta
'Nu brutto difetto

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Felice e detto.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Felice e detto.

 

FELICE (agitato): Mamma mia bella, comme faccio! Mannaggia l’arma de lo difetto ca tengo! Pe mezzo che chesto, muglierema nun me vedé cchiù. Stanotte sostato comme a nu stunato, senza moverme, senza friccecarme, si sapevo nun me nzuravo.

TOTONNO: Io ve lo dicette: nun ve nzurate, e vuje nun m’avite voluto dare retta, avite voluto a genio vuosto, e vedite che v’è succiesso? Povero D. Felice! (Per tagliare i capelli.)

FELICE: Totò che staje facenno?

TOTONNO: No, niente!

FELICE: Comme le venette ncapo a D. Giannattasio che sparà chelli botte!

TOTONNO: Già, pe mezzo sujo è stato! (Per tagliare.)

FELICE: Totò statte cujeto! E chillate ca facettere chella serenata!

TOTONNO: Ma chille se credevano che na cosa bona! (c.s..)

FELICE: Totò, te staje o no? Pecché me piglie sti capille?

TOTONNO: Signò mo ve lo dico io! Chillu cancaro de parrucchiere v’ha tagliato li capille stuorte, da na parte socchiù luonghe e da na parte socchiù curte!

FELICE: Seh! penzo justo a chesto!

TOTONNO: ve li tagl’io!

FELICE: Totò ma sì pazzo? Io sto bello cumbinato; tu li capilli m’haje aruvinà e è a completo!

TOTONNO: ve li taglio, lassate a me!

FELICE: Totò vattenne!

TOTONNO: D. Felì, vulite sapé la verità? Nun è overo ca li tenite stuorte li capille!

FELICE: E ched’è Toto?

TOTONNO (finge di piangere) : che ve site nzurato e me sospartuto da vuje na vota ca nun ve pozzo tené cchiù vicino, voglio tené duje capille vuoste pe ricordo.

FELICE (commosso): (Quanto me bene chisto!).

TOTONNO (esegue): Si sapisseve comme m’è dispiaciuto ca ve site spartuto da me! Io ve vulevo tanto bene comme a nu frate e ve lo dicette: nun ve nzurate e vuje tuosto ve vulisteve nzurà pe forza. nun sto cchiù vicino a vuje, ma almeno tengo duje capille vuoste pe ricordo.

FELICE (piangendo caricato): Totonno mio, si sapevo ca tu me vulive tanto bene...

TOTONNO (c.s.): Io nun ve lo vulevo dicere, ma pecché ve ne site addunato ve l’aggio ditto.

FELICE: Che cosa?

TOTONNO: Dateme duje capille!

FELICE: Nun te li voglio !

TOTONNO: E dateme duje capille.

FELICE: E nun te li voglio .

TOTONNO: E pecché?

FELICE: Pecché tu staje sempe vicino a me e io non te lasso maje. Nun sapevo ca tu me vulive tanto bene. Anze mo te voglio trattà comme a nu frate. (Suona il campanello.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License