Eduardo Scarpetta
'No pasticcio

ATTO SECONDO

SCENA SESTA   Angiolella e Bettina.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Angiolella e Bettina.

 

ANGIOLELLA: Trasite bella figliò, vuje vulite lo miedeco, ma ccà nce ne stanno duje, D. Giovanni, e D. Felice Sciosciammocca.

BETTINA: Chisto lloco vaco trovanno. D. Felice Sciosciammocca.

ANGIOLELLA: Assettateve, che ve lo vaco a chiammà, vuje forse nun ve fidate?

BETTINA: No, io sto bona de salute, quanto dico doje parolelle al Sig. Dottore, e me ne vaco.

ANGIOLELLA: (Chesta parla de na manera, mbruoglio nc’è sotto). Ma bella figliò, si nun se tratta de malatia, è meglio che ve ne jate, pecché ccà sta de casa chella che isso s’ha da spusà, e si ve vede, capite?

BETTINA: Chella che isso s’ha da spusà. D. Felice Sciosciammocca sposa?

ANGIOLELLA: Sissignore, se piglia la figlia de lo patrone mio.

BETTINA: Ah! Nfame! Scellerato! Chesto ha saputo , lo voglio accuncià io lo voglio.

ANGIOLELLA: Ma che è stato neh, bella figliò.

BETTINA: Comme che è stato, chillo ha fatto mettere na passione a chella povera sora mia Concetta, la quale la sarta, e campa co la fatica, sta dinto a lo lietto co la freva, m’ha mannata a chiamma, e m’ha cuntato che chillo birbante, s’è mise a ammore cu na ballerina, na certa Faustina, appura e ntienne, sposa pure, io me lo voglio magnà vivo, addò stà?

ANGIOLELLA: Aspettate, lo faccio venì, ma vuje comme avite appurato che steva de casa ccà?

BETTINA: L’aggio letto nfaccia a li manifeste che stanno pe Napule.

ANGIOLELLA: E vuje nun lo cunuscite?

BETTINA: No, io nun l’aggio visto maje, pecché io nun stongo unita cu sorema, io sommaretata, capite, e si steva dinto a la casa, isso nun nce metteva lo pede, s’approfittaje de la bontà de chella povera piccerella.

ANGIOLELLA: Vi che chiappo de mpiso!

BETTINA: Addò sta, addò st?

ANGIOLELLA: Zitto, lo vedite ccà, sta venenno.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License