Eduardo Scarpetta
'No pasticcio

ATTO TERZO

SCENA SESTA   Eduardo e Giulietta, poi di nuovo Eduardo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Eduardo e Giulietta, poi di nuovo Eduardo.

 

EDUARDO: Trase, trase, Giuliè.

GIULIETTA: Nfame assassino! Addò sta?

EDUARDO: Stanno dinto tutte e duje, aspetta lloco ca le faccio ascì. (Via a sinistra.)

GIULIETTA: Ncoppa a na trattoria a chestora, chi sa cu chi D. Petrosina sarrà venuta, le voglio caccià l’uocchie a fore! Vedete a che deve stare soggetta na povera figliola quando si marita, l’aveva sape... ma vedimmo si sta sera nun la faccio fenuta!

EDUARDO: Sangue de Bacco, dinto nun nce stanno.

GIULIETTA: E addò stanno?

EDUARDO: E che saccio, io poco prima l’aggio viste trasì cu l’uocchie mieje. vaco a vedé da chesta parte, aspetta Giuliè. (Via fondo a sinistra.)

GIULIETTA: Se ne fossene scise? vaco addimmannà a lo guardaporta. (Via fondo a destra.)

FELICE: Mamma mia, io moro! Vedite chillo dinto a che guaio m’ha miso, e comme faccio, pe fuje, si lo cammariere me trova ccà dinto me piglia pe mariuolo, putesse truvà na fenesta corta, me mengo da coppa abbascio. (Via a sinistra.)

GAETANO: E si se vede nisciuno, somuorte tutte quante.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License