Addio, Amore!
    Parte, Cap.
1 1, I| creaturina sgomenta.~ ~– Cara, cara, cara – seguitava 2 1, I| creaturina sgomenta.~ ~– Cara, cara, cara – seguitava a mormorar 3 1, I| sgomenta.~ ~– Cara, cara, caraseguitava a mormorar lui, 4 1, I| Ti adoro, creatura mia cara...~ ~– Promettimi che non 5 1, I| scuotendosi.~ ~– È un lamento, cara: un lamento, sopra il nostro 6 1, I| vuoi bene, perchè sei una cara creatura amorosa, ma dopo, 7 1, II| affetti, dandomi la più cara e insieme la più disamorata 8 1, II| apparire, solo all'udire la sua cara, tenera voce, tutte le dubbiezze 9 1, II| creatura perduta?~ ~– No, cara, no.~ ~– Forse... tu... 10 1, III| Non vi agitate, mia cara, parleremo poi – disse lui, 11 1, III| pallida.~ ~– Non parlate così, cara Anna: dite che avete commesso 12 1, III| avesse rinunziato a qualche cara parte dell'anima: quella 13 1, III| prego.~ ~– Non posso, mia cara. Dovete prima convenire 14 1, III| Ognuno ama come può, mia cararibattè Cesare, glacialmente. – 15 1, III| disprezzo per tutta la vita. Cara mia, quello è un martire 16 1, IV| sue.~ ~– State meglio, mia cara?~ ~– Grazie, molto meglio: 17 1, IV| stupefacente! La persona cara non sapeva o non voleva 18 1, IV| questa affettuosa difesa, mia cara! – esclamò, ridendo, Cesare 19 1, IV| di un secolo sicuramente, cara Anna.~ ~E si rivolse a lei, 20 1, IV| alla vostra ragionevolezza, cara Minerva, i problemi più 21 1, IV| tutta la dolcezza della cara presenza, assaporando tutta 22 1, IV| sentimentale, sentono che un'ora cara è fuggita per sempre, e 23 1, V| era donna, perchè era una cara persona che gli piaceva 24 1, V| ragazze non contano, mia cara. Siete molto intelligente, 25 1, V| d'insistere su ciò, mia caradisse Cesare Dias, diventato 26 1, V| godere un'altra volta della cara presenza, purchè ella potesse 27 1, V| Non conoscete la vita, mia cara. Un matrimonio d'amore e 28 1, V| possibile.~ ~– Ah no, poi, mia cara: queste disgraziate ambasciate 29 1, V| ma avrei preferito, mia cara, che Francesco Acquaviva 30 1, V| voi lo rifiutate. Scusate, cara Anna, ma io vorrei domandarvi: 31 1, V| perchè aveva capito.~ ~– Mia cara, voi avete dunque dimenticato 32 1, V| che una fuga da casa, mia cara, niente altro che questo; 33 1, V| non vi sposerebbe, mia cara. È duro, è doloroso, ma 34 1, VI| biglietto che mandò ad Anna.~ ~«Cara Anna – Tutto quello che 35 1, VI| Poi rispose di nuovo:~ ~«Cara Anna – Sta bene: e poi? – 36 1, VI| avrebbe dovuto essere la più cara confidente delle due fanciulle, 37 1, VI| volta.~ ~– E perchè, mia cara, procurarvi tale tortura?~ ~– 38 1, VI| mi raccontate nulla, mia cara, io intendo, io non sono 39 1, VII| della madre, rammentando la cara figura e adorandola nella 40 1, VII| in quello che facciamo. Cara fanciulla, vincetevi, giudicate 41 2, I| amatore delle corse.~ ~– Oh cara donna – egli disse, inchinandosi 42 2, I| bellissime.~ ~– Oh quanto sei cara! – esclamò Anna. – E chi 43 2, I| preoccupata.~ ~– Nulla, cara.~ ~– Credevo... – ella mormorò 44 2, I| passionale donna che sei, mia cara, se non detestassi quello 45 2, I| ma tutti quanti in quella cara, soave giornata di aprile, 46 2, II| vengono a trovar te, mia cara.~ ~– Ti mariterai anche 47 2, II| aspettare il vostro ritorno, cara signora mia...~ ~In verità, 48 2, II| La persona vostra, cara signora...~ ~– Ma non mi 49 2, III| inappagato, gliela rendevano più cara. Egli era innamorato, è 50 2, III| tiene me, adesso...~ ~– Ah cara Anna, cara Anna, vi tiene 51 2, III| adesso...~ ~– Ah cara Anna, cara Anna, vi tiene così poco!~ ~– 52 2, III| gli occhi.~ ~– Lo sperate, cara signora, il che è una cosa 53 2, III| sorriso. – Ma non è questo, cara Anna.~ ~E le arruffò, quasi 54 2, III| Napoli: non ve lo auguro, cara Anna, ma lo credo.~ ~– Io 55 2, IV| l'onore, a una persona cara...~ ~– Ebbene, Anna?~ ~– .. 56 2, IV| catastrofe: il dramma era lungo, cara – egli disse, battendo la 57 2, IV| ha detto?~ ~– Nulla, mia cara signora.~ ~– E dove è?~ ~– 58 2, IV| degli uomini. La nostra cara e savia Minerva è andata 59 2, IV| dramma mistico, adesso? Cara signora, veggo che non avete 60 2, IV| dilatazione cerebrale, mia cara. Non si trattava che di 61 2, IV| sei, un vigliacco!~ ~– Mia cara, voi siete una seccatrice, 62 2, IV| Siete una seccatrice, mia cara.~ ~E veramente, l'insulto 63 2, IV| conforto, per voi, eroina cara, morire consumata dalla 64 2, IV| suo marito, verso quella cara persona che adorava, in 65 2, IV| amore, io non vi ho tradita, cara Anna. Il mio cuore di uomo 66 2, IV| ho tradita, affatto, mia cara. Tutto quel che è potuto 67 2, IV| altro, a bassa voce:~ ~– Cara Anna, caro amor mio...~ ~ 68 2, IV| Che avete? Ditemelo, Anna cara...~ ~– Non mi parlate così – 69 2, IV| che parea passione.~ ~– Cara Anna, cara Anna... – egli 70 2, IV| passione.~ ~– Cara Anna, cara Anna... – egli mormorò, 71 2, IV| che aspetto questa parola; cara Anna, dolce Anna, voi sapete 72 2, IV| ella rispose, smarrita.~ ~– Cara, cara... – mormorò ancora 73 2, IV| rispose, smarrita.~ ~– Cara, cara... – mormorò ancora lui, 74 2, IV| l'adorava, che era la sua cara signora, la sua cara donna 75 2, IV| sua cara signora, la sua cara donna adorata, adorata, 76 2, IV| venuta per questo... ditemi, cara Anna...~ ~– È troppo lungo, All'erta, sentinella! Racconto, Cap.
77 Ert, II| No, no, se ti dispiace, caradisse lui carezzandola 78 Ert, IV| gridava, da basso:~ ~— Mamma cara, mamma cara!~ ~— Vieni su?~ ~— 79 Ert, IV| basso:~ ~— Mamma cara, mamma cara!~ ~— Vieni su?~ ~— No, no, 80 Ert, V| Napoli. Promettimi.~ ~— Sì, cara, sì — diceva il marito, 81 Ert, VI| la chiamassero.~ ~— Anima cara... — fece lui, mettendole 82 Ert, VI| niente.~ ~— Niente, anima cara, niente.~ ~Ella se ne tornò 83 Ert, VI| lo farai vedere?~ ~— Sì, cara, a Napoli.~ ~A piedi, lentamente, 84 Trent, II| Solo, sempre solo, caradisse lui, inebbriato.~ ~— 85 Trent, II| Diceva semplicemente cosi:~ ~«Cara EleonoraVado a Salerno, 86 Trent, IV| Nessuno, nessuno.~ ~— Povera cara, — fece lui, prendendole 87 Trent, IV| che mi perdonate.~ ~— Oh cara, cara, non dite questo... — 88 Trent, IV| perdonate.~ ~— Oh cara, cara, non dite questo... — mormorò 89 Trent, IV| Dio vi benedica, anima cara, — disse lui, solennemente 90 Trent, IV| Ti hanno burlata, mia cara. Questa è una notizia che Gli amanti: pastelli Par.
91 Morell | il sole, la lietezza, la cara unione soltanto dove era 92 Morell | male, a cercarti?~ ~- No, cara, hai fatto benissimo - diceva 93 Morell | negli occhi.~ ~- Di nulla, cara - mi rispondeva, guardando 94 Morell | Non commettere sacrilegio, cara. Io non adoro che te.~ ~- 95 Morell | amore?~ ~- Non penso, sogno, cara.~ ~- Che sogni?~ ~- Un solo 96 Morell | Grandissimo! Egli era sempre la cara anima che mi adorava in 97 Dias | mi rendeva importante e cara la vita, e che egli era 98 Caracc | arrabbiare, Beatrice?~ ~- No, cara.~ ~- Tu disprezzi gli uomini, 99 Caracc | Tu li conosci meno di me, cara donna Beatrice, che non 100 Caracc | Non tanto raramente, cara. Spesso, anzi: quanto più 101 Caracc | egli era un uomo semplice, cara Maddalena.~ ~- Alle volte, 102 Caracc | Dimmi come è finito, cara.~ ~Beatrice Albano la guardò, 103 Felice | agitata.~ ~- Non domandare, cara, - continuava a rispondere 104 Felice | resto voi siete un angelo, cara Maria. Un angelo che ha 105 Felice | smarrita.~ ~- Tu dici la bugia, cara, quando dici di volermi 106 Marqui | per sempre.~ ~Eppure la cara piccola donna che portava 107 Marqui | a quel riso e baciava la cara piccola donna sotto gli 108 Heliot | portata con , l'immagine cara, lontano lontano, che sarebbe 109 Maria | nelle ombre della notte, è cara agli amanti poetici e appassionati. 110 Maria | ancora una volta, quella cara voce seduttrice, dirgli 111 Maria | scoppiante pel palpito, la cara piccola persona, deciso 112 Maria | sarebbe venuta, più tardi, cara, piccola, affascinante: 113 Caricl | mamma?~ ~- Meglio.~ ~- Mamma cara, mamma bella....~ ~E il 114 Caricl | idolatrava, che era la sua mamma cara, unica, immensa. Ella stava 115 Angel | sembrerete più bella, più cara, più preziosa, poichè una 116 Angel | vacillare.~ ~- Povera e cara donna, - egli soggiunse, Le amanti Parte, Cap.
117 Fiamm, II| È Firenze, è Firenze, cara.~ ~L'arrivo spezzò l'incubo. 118 Fiamm, II| Vuoi pranzare, nevvero, cara? - chiese lui, trattandola 119 Fiamm, II| gesto affettuoso.~ ~- No, cara. Venivo a chiederti se volevi 120 Fiamm, III| poco.~ ~- È meglio andare, cara, è meglio - ribattè lui, 121 Sole, II| così giovane e sempre così cara! Pure, volle dire quest' 122 Sole, II| ecco tutto.~ ~- No, no, cara donna, non vi avvilite così - 123 Sole, II| scintilla ardeva innanzi alla cara donna, simulacro vano della 124 Sole, II| era, questo amore, la più cara speranza del suo cuore che 125 Sole, II| non solo era la sua più cara speranza, ma che era la 126 Sole, III| amore, se vi sono stata cara una volta.~ ~E pian piano, 127 Sole, IV| ben semplice frase così cara a tutti gli amanti. Quando 128 Sole, IV| stesso.~ ~Oppure, la frase cara agli amanti riappariva in 129 Sole, IV| versate. E infine, sulla frase cara agli amanti, avveniva ancora 130 Amant, I| pensando allo stupore della cara piccola donna sorridendo, 131 Amant, I| sarebbe stata infinitamente cara, giacchè sarebbe stata infinitamente 132 Amant, I| volendosi difendere.~ ~- Sì, sì, cara - e le baciò le due mani.~ ~ 133 Amant, I| A me piace immensamente, cara.~ ~- Perchè mi volete bene.~ ~- 134 Amant, I| anche un poeta?~ ~- Sì, cara - disse lui, sorridendo.~ ~- 135 Amant, I| scritto tutto questo?~ ~- Sì, cara.~ ~- È un romanzo?~ ~- Sì, 136 Amant, I| volete bene?~ ~- Sì, tanto, cara.~ ~- Vi ho seccato con quella 137 Amant, I| di ciò:~ ~- Dammi del tu, cara....~ ~- Non mi riesce.~ ~- 138 Amant, II| sei incapace di annoiarmi, cara - aveva sempre risposto 139 Amant, II| si grida così?~ ~- Così, cara.~ ~Del resto, quando non 140 Amant, II| che essendo una povera cara scema, cercava di seguirlo 141 Amant, II| febbre romana:~ ~- Tu fumi, cara?~ ~- Sì, sì - diceva lei, 142 Amant, II| per una stupida.~ ~- No, cara.~ ~- Credilo, è così.~ ~- 143 Amant, II| me, sei una bella, buona, cara donnina, ecco tutto. Vuoi 144 Amant, II| della sua ocaggine.~ ~- O cara ochetta sentimentale e mesta, 145 Amant, II| ochetta sentimentale e mesta, cara piccola oca bianca e malinconica, 146 Amant, II| vita eterna, cioè?~ ~- No, cara - concludeva lui, con quel 147 Amant, II| compassione:~ ~- Va a letto, cara,~ ~- No, ti aspetto.~ ~- 148 Amant, II| rimostranza dolorosa.~ ~- Mia cara, che vuoi capire tu? Quando 149 Amant, II| pensi?~ ~- A chi? A nessuno, cara.~ ~- A nessuno, proprio? 150 Amant, II| Perchè?~ ~- Era il destino, cara.~ ~- Non hai mai pensato 151 Amant, III| piangeva.~ ~- Non importa, cara - diss'egli, indulgentemente - 152 Amant, III| Perchè la vita è cattiva, mia cara - disse lui, con un lieve 153 Amant, III| alla tua semplicità, mia cara, o ci lasciamo per sempre.~ ~ 154 Amant, III| egli amava sempre la sua cara sciocca. La quale sciocca 155 Sogno | Luisella, piccola fanciulla cara, se non cantate, io vi riporto 156 Sogno | vostra vita, per udirmi, cara: e.... credo che sia meglio 157 Sogno | cuore di bronzo! Di bronzo, cara mìa bella!~ ~- Non importa, 158 Sogno, I| levano anche per essa.~ ~- Cara Luisa.... - ripetè lui, 159 Sogno, I| essere guastata. Scusate, cara. Vi assicurò che sono molto 160 Sogno, I| bella persona e la povera e cara anima, non sapeano che piegarsi 161 Sogno, I| Forse avete paura, cara?~ ~- Un poco.~ ~- E di che?~ ~- 162 Sogno, I| uomini e non dei fantasmi, cara.~ ~- È vero - ella soggiunse, 163 Sogno, II| pause, vide Luisa.~ ~- Oh cara, cara - disse, levandosi 164 Sogno, II| vide Luisa.~ ~- Oh cara, cara - disse, levandosi e stringendole 165 Sogno, II| non merito il vostro bene, cara; fate male a volermene.~ ~- 166 Sogno, II| restare, verrò con voi.~ ~- Cara Luisa, voi perdete la testa, 167 Sogno, II| desolatissimo.~ ~- Tu non sai nulla, cara.~ ~- Forse non so nulla, 168 Sogno, II| che vi fanno egualmente cara una notte, un giorno! Tutto 169 Sogno, II| femminile, una cosa mite e tanto cara, senza dolori, senza singhiozzi.... 170 Sogno, II| soltanto queste poche linee.~ ~"Cara, cara Luisa - io debbo lasciare, 171 Sogno, II| queste poche linee.~ ~"Cara, cara Luisa - io debbo lasciare, La ballerina Cap.
172 I | scritto, a lettere di oro: «Cara Maria, aspettamiCarlo». 173 III | imbarazzata.~ ~— Tenetevela cara, questa donnetta, Gargiulo: 174 III | Diceva, la lettera:~ ~— «Cara Carmela mia. — Io non ho 175 III | il Rolla, alle Varietà, cara, carina?~ ~— Va sabato prossimo; 176 III | qui, per voi. Siete una cara ragazza, io vi voglio molto 177 III | Gabriele è un uomo paziente. Cara ragazza, non perdete tutta I capelli di Sansone Cap.
178 I | posso.~ ~— O Maria, Marianna cara, — disse il piccolo seduttore, 179 II | da un'idea, da un'ombra cara e dolente, da una voce rauca 180 III | signora.~ ~— Ma se sapessi, cara, se sapessi! — riprese stordita, 181 V | stato devoto...~ ~— E umile, cara, vi difenderò senza queste 182 V | soffrire.~ ~— Vi fuggo, mia cara, siete troppo pericolosa...~ ~— 183 V | sul Tempo?~ ~— Non posso, cara.~ ~— E perchè?~ ~— Il Tempo Castigo Cap.
184 II | lunga infermità, una persona cara e che esce per la prima 185 II | avvenire, accompagnando la sua cara donna sino alla tomba: non 186 II | sera, per lei… per questa cara morta… per il nostro peccato... 187 II | lascia che preghi io...~ ~— Cara Anna… cara...~ ~— Non la 188 II | preghi io...~ ~— Cara Annacara...~ ~— Non la nominare più, 189 III | discorrendo quietamente con la cara persona che l’accompagnava: 190 III | sua immaginazione; ma la cara ombra adorata era ritornata, 191 V | quello che dici!~ ~— Mia cara, un po’ di calma. Sai che 192 V | far della retorica, mia cara: e sovra tutto non farti 193 V | Infelicissimo, mia cara. Tu pure, del resto.~ ~— 194 V | dello spirito che gli era cara.~ ~— Siedi — gli suggerì 195 V | fanciulletta, povera la mia cara piccola donna, che mi amava 196 V | quanto mi abbia amato, la cara morta mia, qui, in questa 197 V | e l’ho sorretta. La sua cara piccola mano, quando le 198 V | sono un uomo: e la buona, cara creatura che qui mi ha amato 199 VI | deve separare dalla sua cara moglietta, cadde il sipario 200 VIII | se vi voglio bene?~ ~La cara voce si fermò sul nome che 201 VIII | dolcezza.~ ~— Ma tu sei la mia cara morta! — egli esclamò, desolatamente.~ ~— 202 IX | sospiro, un sorriso alla cara casa, alla diletta casa, 203 IX | e pure la nota via, così cara, così diletta, percorsa Dal vero Par.
204 2 | canzoni per ridestare una cara e pigra dormiente, canzoni 205 3 | successo. E dove mettete quella cara libertà di sbizzarrirsi, 206 6 | qualche cattiveria?~ ~- No, cara, no; hai ragione. Chi ama, 207 6 | mamma? - disse Lulù.~ ~- Sì, cara, vado dal notaio.~ ~- Uh! 208 6 | rispose con gravita Lulù.~ ~- Cara, con questi assiomi! Suvvia; 209 11 | aveva più la mammina, quella cara mammina, al cui orecchio 210 12 | Sarei più contenta se la mia cara Emma avesse un grazioso 211 12 | infelice», pensai alla mia cara morta e mi decisi. Voi eravate 212 12 | te ne vai più, mai più, cara?~ ~- No, no; manda a prendere 213 15 | bella la campagna, così cara la pace che vi si gode? 214 20 | osservazione, come passione. La cara fanciulla che ne era la 215 23 | perchè siamo in quaresima, cara.~ ~Qui ti vorrei fare la 216 26 | la sua solita freddezza: «Cara mia, sposandomi dovevate 217 33 | portava quella tale toilette, cara alle abitataci di Foria, 218 34 | amore le fosse rimasta una cara malinconia, il cumulo dei 219 35 | lungamente e arcilungamente cara: perchè per quanto meschine, Ella non rispose Parte
220 1 | svegliare vivamente la mia cara Lisa, e detti degli ordini, 221 1 | altissimo amore, o Creatura cara, infinitamente cara, come 222 1 | Creatura cara, infinitamente cara, come è nella mia anima, 223 1 | fiori che vi adornano, Anima cara, sono sempre bianchi? Il 224 1 | Perugia. Mia sorella Lisa, la cara sorella mia, che ha passato 225 1 | consegnata a voi, ospite cara ma libera delle sue azioni, 226 1 | ella è gracile e tenue. La cara madre nostra era nel pieno 227 1 | Pergolesi, voi Diana, povera cara inferma e io non l'ho saputo, 228 1 | mia, o Ninetta, o povera cara inferma, che è guarita, 229 1 | stringetela alla vostra cara persona con una sciarpa 230 1 | che formano e formeranno, cara signorina, la Sua perfetta 231 1 | tutto, per liberarsi di me, cara signorina, Ella mise l'ultimo 232 1 | gioia. Piango, su voi, Anima cara, perchè il vostro sangue 233 1 | solo le linee della vostra cara persona, e, anche, soffuse 234 1 | pianto: sopra ogni cosa cara, la patria, la famiglia, 235 2 | ebbrezza delle vostre nozze, cara sposa. Siete voi ebbra di 236 2 | non sa la mia ventura, la cara sorella: le ho tutto nascosto 237 2 | morte. Tornerò io in questa cara mia casa, così piena dei 238 2 | presso il vostro posto, o cara sposa — e voi pensate che 239 2 | Certo, vi raccomandate, cara sposa fortunata, al Signore: 240 2 | mia Diana, la mia povera cara Diana è partita da Ostenda, 241 2 | la sorte della mia povera cara creatura di amore, di Diana.... 242 2 | presentazione. — Vivina cara, costui è Paolo Ruffo, un 243 2 | ho osato di chiedere alla cara e schietta fanciulla.~ ~«— 244 2 | automobile, seguita dalla cara sorella, dalla leggiadra 245 2 | vero, Diana? voi, Anima cara, sir Randolph Montagu, 246 3 | non era la mia povera e cara Lisa che ha saputo la mia 247 3 | grande, la mia bella, la mia cara Roma, che io non vedevo, 248 3 | da tre settimane, la mia Cara Ombra. Come pativa, in Nizza, 249 3 | pativa, in Nizza, la mia Cara Ombra, in quella sera già 250 3 | in una terra di esilio, o Cara ombra dolente!»~ ~ ~«Roma, 251 3 | avuto un fremito:~ ~«— Diana cara, ecco il mio bel cugino, Fantasia Parte
252 1 | assicuro....~ ~- Hai ragione, cara. Ma sai, senza nessuna esagerazione, 253 1 | piccola.~ ~- Non importa, cara, - disse l'altra, carezzandole 254 2 | Lucia! È già tardi.~ ~- No, cara: dai miei poveri non si 255 2 | più.~ ~- Perchè non mangi, cara. Tu devi mangiare. Anche 256 2 | come si fa?~ ~- Nulla, cara. Non glielo posso impedire. 257 2 | rispondere.~ ~- Non vi è cara la vostra libertà? - aggiunse 258 2 | siate pessimista. Sentite, cara signorina, che ve lo dica 259 2 | presto.~ ~- O non dubitare, cara - e l'abbracciò rizzandosi 260 2 | Bene, penserò. Va, cara, va.~ ~Andrea ascoltava 261 3 | vorrei sedermi. Grazie, cara.~ ~- Lieti, cercate una 262 3 | bene ora?~ ~- Benissimo, cara.~ ~- Vuoi una pastiglia?~ ~- 263 3 | scrigno? - domandò.~ ~- No, cara; non me ne ricordo. Non 264 3 | sola, che pensa, quella cara anima. Aveva bisogno d'aria, 265 3 | lasci sola?~ ~- Per poco, cara. Sai, per rassicurarmi.~ ~- 266 4 | gli ferisse gli occhi - la cara anima era piena di queste 267 4 | salvo che a dire alla sua cara Lucia, il suo amore bello, 268 4 | come sei bella, come sei cara!~ ~Oh, era cara, accanto 269 4 | come sei cara!~ ~Oh, era cara, accanto a lui, stretta 270 4 | E tu non essere così cara, e tu non mettermi fuoco 271 4 | carezze.~ ~- Quanto sei cara! Perchè ridi?~ ~- Non rido: 272 5 | La carrozza partì.~ ~- O cara, cara, cara - mormorava 273 5 | carrozza partì.~ ~- O cara, cara, cara - mormorava Andrea, 274 5 | partì.~ ~- O cara, cara, cara - mormorava Andrea, cercando 275 5 | buona da allarmarti. Grazie, cara. Se non avessi te, a quest' 276 5 | religiosa ti fa penare, cara.~ ~- Tutto mi fa soffrire, 277 5 | non saresti la mia moglie cara.~ ~- A che serve l'amore, 278 5 | contristarti.~ ~- Povera cara! so quanto ti costo. Ma 279 5 | Va a vestirti, va, cara.~ ~Ella se ne andò, lentamente, 280 5 | pareva la più bella, la più cara fra le donne. Io n'era innamorato, Fior di passione Novella
281 5 | voi, lo zio Astolfo?~ ~- O cara! Lo zio Astolfo era molto 282 5 | E adesso?~ ~- Prosa, mia cara.~ ~- E come scenderò vestita, 283 7 | è per le sette?~ ~- Sì, cara Livia, alle sette. Un pranzo 284 7 | Tutto ti sta bene, cara!~ ~- Bella risposta! Infine 285 7 | queste cose?~ ~- No, mia cara, io non ho l'abitudine di 286 7 | Sangue, no; non vale la pena, cara. Ci siamo voluti bene, prima 287 7 | egli ti ha sedotta? No, cara, non è vero: forse tu stessa 288 7 | singhiozzò lei.~ ~- No, cara. Io non ho nessun sentimento 289 11 | bella Schehezerade.~ ~- Cara, da luglio ad agosto sono 290 11 | nostro salotto, per quella cara marchesa Fulvia che egli 291 12 | abbandonasse per sempre una persona cara. Pareva che tutto le dicesse 292 20 | lieve riso della bocca.~ ~- Cara fanciulla, la vita è fatta 293 20 | butta giù.~ ~ ~ ~O mamma cara, come si chiamava Santa L'infedele Parte, Cap.
294 Inf | per questa povera piccola cara che a tante, tante cose 295 Inf | e fine, e infinitamente cara, gli aveva dimostrato che 296 Inf | biondissima, con la sua cara voce armoniosa.~ ~- Brava, 297 Inf | pour tout de bon?~ ~- Sì, cara.~ ~- Si dice Chérie e non 298 Inf | Si dice Chérie e non cara.~ ~- Chérie, Chérie, Chérie!~ ~- 299 Inf | domandavo un po' di cuore, mia cara!~ ~- Malato?~ ~- Come me 300 Inf | Quello che tu vuoi, cara - esclamò lui, un po' follemente.~ ~- 301 Inf | petto oppresso.~ ~- No, cara.~ ~- Mi vuoi bene?~ ~- Sì, 302 Inf | Mi vuoi bene?~ ~- Sì, cara.~ ~- Ripeti: Chérie, io 303 Inf | po' di malinconia nella cara voce armoniosa.~ ~- L'ho 304 1 | tocco fuggevole della vostra cara mano nella mia... non so! 305 ZigZ | questo fazzolettino, a una cara, pensosa, triste donna di Leggende napoletane Par.
306 4 | egual tenerezza. Egli teneva cara questa sua moglie sopra 307 7 | questa lingua che ho tanto cara, s’io mento!~ ~E con molte O Giovannino, o la morte Par.
308 1 | che rispondeva: il tutore, cara Elisa, potrebbe intervenire...; 309 2 | nostri. Capiscilo una volta, cara, stupida mia, noi dobbiamo La mano tagliata Par.
310 1 | Tant mieux: buona notte, cara. — E se ne andava: ella 311 1 | tranello, no, perchè quella cara, elegante donnina era troppo 312 1 | vecchio, gittando da la sua cara pipa, in un moto di sdegno.~ ~ 313 1 | Ma chi!~ ~— Una dama, mia cara.~ ~— Maleducata allora!~ ~— 314 1 | po’ alterata.~ ~— No, no, cara. Ma una cosa grave, forse!~ ~— 315 1 | duello?~ ~— Non domandare, cara, neppure noi ti sapremmo 316 2 | ritornare?~ ~— Si sa.~ ~— No, cara.~ ~— Come?~ ~— Non tornerai!~ ~— 317 2 | notizie di una persona assai cara alla novizia, — ripetè monotonamente 318 2 | per amare quella povera cara mano troncata. Egli era 319 2 | anima mia, mia dolcezza, mia cara donna sconosciuta, bella, 320 2 | Maria, quella povera mano cara e morbida, tolta al vostro 321 2 | vi amo, perchè la vostra cara mano è venuta sotto le mie 322 2 | questi baci, è vero? No, cara, no? Io. … non potrei stare 323 2 | perduto la sua donna, la sua cara fanciulla adorata, la sua 324 2 | di vita, aver perduta la cara persona e averne smarrita 325 2 | vive poco tempo prima della cara mia signorina Rachele. Era 326 2 | narrerò come la povera e cara donna si commovesse ogni 327 2 | legge! Io adoravo quella cara fragile creatura, non più 328 2 | volto e io adorava quella cara donna. Pure, a un tratto, 329 2 | Ma quella salma, quella cara salma, tutto quello che 330 2 | se fosse la reliquia più cara, l'origine della mia forza 331 2 | egli coprì di fiori quella cara salma. Ah, egli ha udito La moglie di un grand’uomo, ed altre novelle scelte dall’autrice Novella, Cap.
332 Mog, -| con la solita freddezza: «Cara mia, sposandomi dovevate 333 Trion, I| qualche cattiveria?~ ~— No cara, no, hai ragione, chi ama 334 Trion, I| mamma?— disse Lulù.~ ~— Sì cara, vado dal notaio.~ ~— Uh! 335 Trion, V| rispose con gravità Lulù.~ ~— Cara, con questi assiomi! Suvvia; 336 Inter, III| Sarei più contenta se la mia cara Emma avesse un grazioso 337 Inter, III| infelicepensai alla mia cara morta e mi decisi. Voi eravate 338 Inter, IV| te ne vai più, mai più, cara?~ ~— No, no; manda a prendere 339 Palco | portava quella tale toilette, cara alle abitatrici di Floria, 340 CoBor | negozio.~ ~ ~— Ebbene, mia cara Pasqualina, — disse donna 341 CoBor | stesso tono.~ ~— Molto. Cara mia, la chincaglieria non 342 Silv, II| amore le fosse rimasta una cara malinconia, il cumulo dei Nel paese di Gesù Parte, Cap.
343 1, V| che lo pronunziava, così cara, così indelebile nella memoria! 344 3, III| tutto questo, la povera cara chiesa latina, la sola che 345 5, I| non ci fosse infinitamente cara nel titolo perchè nostra 346 5, I| le invocazioni a questa cara povera terra, da cui doveva 347 5, III| assuefarsi alla ingenua e cara esistenza di Aïn-Karem: 348 6, II| lunghe ore passate in una cara taciturnità, in quella taciturnità, 349 7, I| per iscovrire se quella cara morta ebbe mai un’ora, un 350 7, III| Nazareth, cioè superiore: una cara persona giovane, pensosa, 351 7, III| Ah! L’Italia?~ ~— Sì, cara signora. Che paese il vostro, 352 7, IV| salute e le sue gioie! O cara, cara Madonna del Carmine, 353 7, IV| e le sue gioie! O cara, cara Madonna del Carmine, il 354 7, VI| Gerusalemme: ella ha una cara tomba da custodire, da visitare, 355 8, I| les trois petits...?~ ~O cara indimenticabile ospitalità 356 9, II| Gesù, dove la vita è meno cara che altrove, dove tutto 357 9, IV| tomba più augusta e più cara del mondo. La giornata era Pagina azzurra Parte
358 1 | inoperosa. Tu hai un progetto, cara: non me lo negare. Tu vuoi 359 1 | costumi medio-evali. Fandonie, cara. Se vedi un uomo in costume 360 7 | negozio.~ ~— ~— Ebbene, mia cara Pasqualinadisse donna 361 7 | stesso tono.~ ~— Molto. Cara mia, la chincaglieria non Piccole anime Parte
362 9 | E niente altro?~ ~— No, cara, niente altro.~ ~— Allora... — 363 9 | amore?~ ~— Te lo lascerà, cara, purchè tu non pianga.~ ~— 364 9 | lascerai, per un’ora?~ ~— Sì, cara.~ ~— O amore mio bello, Il paese di cuccagna Par.
365 2 | Quanto è bella, quanto è cara!~ ~- Agnesina, Agnesina!~ ~- 366 5 | Crescenzo, nella bottega cara alla loro passione, celebravano 367 5 | nova, fastosa, bizzarra, e cara al popolo, il vecchio buttava 368 9 | suo padre.~ ~- Non temete, cara, non temere, - le susurrò 369 9 | lo supplicasse.~ ~- Sì, cara, cara, - balbettò lui. - 370 9 | supplicasse.~ ~- Sì, cara, cara, - balbettò lui. - Dove 371 9 | innanzi a Dio.~ ~- Oh cara, cara... - non seppe dire 372 9 | innanzi a Dio.~ ~- Oh cara, cara... - non seppe dire altro, 373 11 | della sua anima.~ ~- Oh cara, cara, - le sussurrò lui, 374 11 | sua anima.~ ~- Oh cara, cara, - le sussurrò lui, carezzandone 375 11 | Come le vostre, povera cara.~ ~- Come le mie, - replicò 376 11 | alla gola.~ ~- Calmatevi, cara, non vi agitate.~ ~- No, 377 11 | ingrata, nevvero?~ ~- No, cara.~ ~- Voi non lo giudicate 378 13 | baciando la sua creaturina così cara, così quieta, così leggiadramente 379 13 | vero disastro, ti assicuro, cara mia, che farebbe passar 380 15 | Non vi era nessun morto, cara, - egli le disse, con quella 381 15 | agli occhi del dottore.~ ~- Cara, vi giuro che non vi è nessun 382 15 | pura, la più bella, la più cara fra le donne, vostra figlia!~ ~- 383 17 | Sorella mia bella, sorella mia cara, - piangeva Maddalena, sempre 384 17 | perdonami, sorella mia cara, - piangeva Maddalena, stramazzata 385 18 | pagare quella pigione così cara. Il marito aveva giuocato 386 18 | marchesina, così bella e così cara: e anche lei gli voleva 387 20 | Non morirai, zitto, cara, zitto, perché ti ammali 388 20 | voglio, non voglio, mamma cara!~ ~Verso le due dopo mezzanotte, Il romanzo della fanciulla Racconto, Cap.
389 Pre | una materia ad esse ben cara.~ ~Voi avrete letto Chérie 390 1, I| posso lavorare: figurati, cara Markò, una mummia di settant’ 391 1, II| di Natale.~ ~— Figurati, cara Achard, che ho avuto appena 392 2, I| saluta.~ ~— Buongiorno, cara, e grazie.~ ~— Buongiorno, 393 2, I| mammà tua, Eva?~ ~— Sì, cara, è stata all’Unione iersera; 394 2, I| tuo sta bene, Eva?~ ~— Sì, cara, è a Gifoni, a caccia.~ ~— 395 2, I| assista, Iddio ti assista, cara, cara, cara....~ ~— Sapete 396 2, I| Iddio ti assista, cara, cara, cara....~ ~— Sapete perchè 397 2, I| ti assista, cara, cara, cara....~ ~— Sapete perchè Olga 398 2, I| la posa della cattiveria, cara, ma nessuno ci crede. Le 399 2, I| hai fatto?~ ~— Ma niente, cara, niente: lavoriamo.~ ~— 400 2, II| vado altrove.~ ~— No, no, cara, non cercarlo, — fece l’ 401 2, III| vale a calmare.~ ~— Ma no, cara Chiarella, è tutta una poesia....~ ~— 402 2, III| ora l’ottieni. Sii felice, cara.~ ~— Possa tu ottener quanto 403 3, III| non farla venire.~ ~— No, cara; ogni settimana si balla 404 4, II| queste parole che la bella e cara creatura aveva pronunciato, 405 5, II| ciocchetta di erba, l’erba cara alle donne partorienti. 406 5, II| maritarsi.~ ~— Non lo dire, cara. Qualunque cattivo matrimonio, 407 5, II| sospiro, esclamò:~ ~— Oh cara signora Sticco, a chi tanto, 408 5, II| niente!~ ~— Avete il tempo, cara baronessa, ne farete dodici.~ ~— Storia di due anime Par.
409 1 | un piccolo cane, che la cara leggenda cristiana gli assegna 410 2 | tristo vanto nel tono della cara voce, un tempo così umile Suor Giovanna della Croce: l'anima semplice Capitolo
411 1 | baciandogliele:~ ~- O madre cara, madre cara.... o madre 412 1 | O madre cara, madre cara.... o madre nostra.... come 413 1 | a niente?~ ~- A niente, cara madre.~ ~Un lungo, replicato 414 1 | tristissimamente.~ ~- Sì, purtroppo, cara madre.~ ~- Siamo così vecchie! - 415 1 | infliggervi questo dolore, cara madre, a voi e a queste 416 1 | No, il velo! No! Madre cara, madre, diteglielo, che 417 2 | quella umiltà era loro cara, poichè pareva loro, nell' 418 3 | marina capisce tutto, mia cara suor Giovanna. Voi siete 419 3 | che voi non potete nulla, cara zi monaca mia, voi 420 3 | Laterza, così tenera, così cara, che non vedrà più suo La virtù di Checchina Par.
421 1 | farò alla meglio. Grazie cara; sei buona, nina mia. Fra 422 4 | so se andare o no. Basta, cara, è meglio che me ne vada. 423 4 | tempo perduto! Un bacio, cara. Purché io non incontri 424 5 | un moribondo. Ma per voi, cara signora mia! La disgrazia, 425 6 | ricuciti.~ ~— Dove vai, cara Checchina?~ ~— Venivo da 426 6 | ogni tanto.~ ~— O nina mia cara cara, io dovrei starmene 427 6 | tanto.~ ~— O nina mia cara cara, io dovrei starmene in letto, 428 6 | ho detto tutto.~ ~— Va, cara, va, Dio ti benedica: sii 429 6 | di male. Dammi un bacio, cara, siamo più che amiche, ora
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on touch / multitouch device
IntraText® (VA2) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2011. Content in this page is licensed under a Creative Commons License