100-allor | allri-assue | assum-buche | buco-clini | cloac-costr | costu-dispu | dissa-farse | farte-giuda | giude-incom | incon-isbar | iscal-masto | mastr-occor | occul-pietr | pigia-rabbr | rabuf-rifec | rifer-salen | salia-semi- | semib-spari | sparl-tasto | tatti-vanta | vanti-zurol
                             grassetto = Testo principale
                             grigio = Testo di commento

11041  Mano     1           |                  passione per donna Chiara Mastricola dovesse scoppiare veemente.
11042 GliAm Marqui          |                 cordoncino raccolto in una matassata: ogni anno, altri vestiti
11043  Fant      2          |               forbici grandi e piccole, le matassine di nastro da orlare; accanto
11044 Roman     4,     II   |                   con la sua precisione di matematico. E per la importanza della
11045  Mano     2           |                   di barella, mettendo una materassa sopra delle assi e appena
11046 Ventr     1,     1    |                 Spadari, i Taffettanari, i Materassari, e via di seguito. Sono,
11047  Stor     3           |                    Lucia, a Basso Porto, a Materdei; ve ne era persino una,
11048  LeAm Sogno,     II   |                  che gli anni, la morale e material consuetudine avevano reso
11049 DalVe    20           |                   trecentisti, nel superbo materialismo di Rabelais, nel dolce ed
11050 DalVe    18           |                messa nella piccola chiesa; materialisti ed idealisti portano tutti
11051 FiorD     14          |                  resa troppo volgare dalle materialità della vita; accolsi le manifestazioni
11052   Cas   VIII          |                 con esse, dicendo loro che Mathieu de la Drôme prevedeva una
11053  Fant      3          |               gliene mise nelle tasche del matinèe, all'occhiello. Andrea rideva,
11054 DalVe    15           |              ridere, di fare le più strane mattezze. Dopo, non più - il periodo
11055 FiorD     18          |                    ci sarà nessuno. Solo i matti come noi vanno in giro.
11056  SGio     2           |                    il sonno, anche dei più mattinieri. Così, in quell'angolo,
11057   Cap    IV           |                   scorrerle rapidamente.~ ~Mattirolo di Torino chiedeva si diminuisse
11058  Gesu     4,      V   |           musulmane lo adornano solo, e le mattonelle d’azzurro e di giallo corrono,
11059 DalVe    31           |                 silenzio della mente, si è maturata sotto il sole caldo della
11060  Stor     4           |                   di anima debole che si è maturato per anni: e gittandosi sulla
11061  Mano     1           |                   qualche cosa di grave si maturava, fra lei e suo padre; il
11062 Roman     3,      I   |                 osava presentarsi: esse si maturavano, la più grande aveva trent’
11063  LeAm Amant,    III   |                 volontà improvvisa, che si maturò nell'ombra e nel silenzio,
11064 FiorD     18          |                  sì, della Faute de l'abbé Mauret che ambedue avevano letto,
11065  Fant      3          |                  collo la commenda dei Ss. Maurizio e Lazzaro e all'occhiello
11066  Gesu     2,    III   |                    Il reverendissimo padre Mauro, custode dei Luoghi Santi,
11067   Cas     VI          |                     ti rammenti, con Carlo Mayor, per quella signora, che
11068  Picc     2           |                    battaglia di Solferino, Mazeppa, Marco Botzari — e certe
11069  Mogl CoSal,      -   |                  un po' male, delusi nella mazurca o nella quadriglia invano
11070   Ell      3          |               anima nella nobile villa che Mazzarino donò alla Francia e all'
11071 Roman     3,     IV   |                   colpì la pignatta, ma la mazzata era data troppo debolmente,
11072  Cucc     5           |                 seta bianca, in punta alle mazze, come bandiere. Ahimè, egli
11073   Cas      V          |                  né un campanello. Le loro mazzette eleganti erano incapaci
11074  Fant      2          |             Santamaria. Sai, sono stato ai Mazzoni, in quella nostra tenuta
11075 GliAm Vincen          |            raccontami il fatto della Bella mbriana.~ ~- Senti, Fortuné, se
11076                       | mea
11077  Fant      3          |                 fiamma infiltrantesi tra i meandri del cervello, penetrante
11078  Fant      4          |                 sferzato i suoi trottatori meclemburghesi. Andrea e Alberto si appoggiarono
11079   Ell      3          |                    del rosario, con le sue medagliette sacre. Vi credevate perfettamente
11080  Gesu     2,     II   |                   immaginette, mazzetti di medagline, rosarietti, qualche fotografia
11081  Gesu     2,      V   |                 scapolari, di crocette, di medaglioncini d’argento falsi, raccolgono
11082  Mano     2           |                  gli ordini, bussò al muro mediano, ripetutamente: i lamenti
11083  Picc     1           |               quelle facce losche dei loro mediatori, quelle facce ebeti di male
11084  Fant      5          |                 pacchetti di cartelline di medicamenti sventrate. Di sotto il cuscino
11085 Addio     1,     VI   |                    con le ossa frantumate, medicando alla meglio le ferite, riprendendo
11086 Virtu     2           |             rassettare braccia slogate e a medicare piaghe purulente. Andò via,
11087   Cas    VII          |                    i ferri chirurgici e le medicature alla Lister: la indicò,
11088 Pagin     3           |                   della civiltà: la Venere Medicea si pone rivale del telefono —
11089  Mano     2           |                  consulto le illustrazioni mediche di Varsavia. Io nascosi
11090  Fant      4          |                    una sigaretta di quelle medicinali, per i polmoni deboli, e
11091 Virtu     4           |           intestatura: Antonio Primicerio, medico-chirurgo, consultazioni dall’una
11092  Picc     7           |              dentro una di queste armature medievali, che scricchiolano ogni
11093 Pagin     1           |                     agli splendidi costumi medio-evali. Fandonie, cara. Se vedi
11094  Legg     5           |                 nelle fresche sale dove il medioevo ha vissuto.~ ~Fu una sera
11095 Ventr     1,     4    |          mescolavano: era tutto un mistero mediovale e meridionale. Come oggi
11096  Legg     7           |           soddisfatto raccoglimento di chi medita una bella e feconda idea.
11097  Cucc     6           |                  ricevevano sempre con una meditabonda e meditata freddezza. Pure
11098  Erta   Ert,     II   |                   leggeva, assaporandolo e meditandolo, come fanno quelli che vivono
11099   Cap   III           |             comiche, zeppe di bisticci, di meditate profonde cretinerie, e che
11100 GliAm   Dias          |                   paiono inconsulti e sono meditati - mezzi, questi, che appartengono
11101  Mano     2           |                     con aria insolitamente meditativa. Quell'aspetto concentrato,
11102  Fant      3          |                  carattere di uomo serio e meditativo. Salutava, molto contento,
11103  Mano     2           |                 tentò di eseguire il piano meditato contro il gobbo dagli occhi
11104   Ell      3          |              grande ballo del Cercle de la Méditerranée, è qui, nella mia mano sinistra,
11105  Gesu     7,     XI   |                tutto il lago e sbarcarmi a Medjdel che è in linguaggio nostro,
11106 Roman     4,     II   |                    di una duplice testa di Medusa. La stessa maestra si confuse:~ ~—
11107 DalVe    24           |                    Il faut, en géneral, se méfier~ ~de ces natures phthysiques,~ ~
11108 Roman     3,      V   |               sfoggiando certi cappuccetti mefistofelici di velluto nero, foderati
11109  Legg    11           |                 veniva chiamata Megaride o Megara che significa grande nell'
11110  Legg     7           |                    tu diventata strega? Io mel sapeva.~ ~– Malannaggia
11111 Roman     5,    III   |                  come da due mesi, sopra i melagrani fioriti dell’orto Tarcagnota,
11112  Legg     2           |                    giovani i giuochi delle melarance e delle piastrelle che s’
11113  Gesu     7,     II   |                 alla mia, vi era la stanza Melchisedec e io abitava la stanza Josua,
11114  Gesu     2,    III   |                  rosso; si chiama in arabo melezì, cioè pietra santa. Il sarcofago
11115   Cas    III          |              lacrime. Se ne andava sotto i meli tutti fioriti di una nevicata
11116  SGio     1           |               venti anni; la terza, Giulia Melillo, è napoletana, ma non vi
11117  SGio     1           |                 cautela; e fu con una voce melliflua e curvando ipocritamente
11118  Erta Terno,     II   |           professore di aritmetica, l'umor mellifluo, ma cattivo, del professore
11119 Ventr     1,     8    |                    i melloni, essendovi un mellonaro famoso per dar la voce;
11120 Ventr     1,     3    |        spassatiempo, vale a dire i semi di mellone o di popone, le fave e i
11121   Cap    II           |                    quei calamai profondi e melmosi, tenendo una di quelle penne
11122   Cap     I           |                   e attratte dal fondiccio melmoso del caffè, dove lo zucchero
11123  Gesu     1,    III   |                    tinnire, in suono molto melodico, due dischetti di ottone,
11124   Cas    III          |                  semplice si sottolinea in melodiette sapienti, fini e insinuanti;
11125 Addio     2,    III   |                    diceva nessuna frase di melodramma: felice di lasciar a casa
11126  LeAm Fiamm,    III   |              portone, cantava una bizzarra melopea, gutturale, quasi orientale,
11127  Fant      5          |                    un sonito ròco, come di membrana che si laceri. Tremante
11128  Fant      3          |                  coccarda all'occhiello di membro dell'Esposizione. Lei e
11129  Fant      3          |                 quella galleria di animali membruti e tarchiati.~ ~- Sono colleriche
11130  Giov     1           |            Orsolina che chiudeva la porta, menandosi innanzi la sua schiera di
11131  Picc     3           |              grosso, che non si poteva più menarlo a pascolare molto lontano:
11132 FiorD     12          |                  il corridoio buono che la menasse al suo palco, smarrita,
11133   Cap   III           |                   di un accompagnamento di Mendelssohn per flirtare, io!~ ~— Preferisce
11134  Gesu     2,     IV   |              venuto dalla sua isola, quasi mendicando, in terza classe, sui battelli,
11135  Mano     2           |                    loro sorveglianza sulle mene del principe Vittorio e
11136   Cap     I           |                         Dove sta Gennarino Mennella?~ ~— Sto qua.~ ~— Sebastiano
11137  Giov     2           |                  lo prese per la mano e lo menò fuori il terrazzino, fuori
11138 DalVe     2           |                  canto popolare si eleva a menomare la tristezza della vita;
11139  Cucc     3           |                   domanda, in cui le parve menomato il profondo rispetto che
11140 Ventr     3,     3    |                    il suo fascino? Chi mai menomerà la sua forza e il suo carattere?
11141 Addio     2,      I   |                piume bianche, volitanti al menomo soffio, e nelle mani un
11142 Ventr     3,     5    |                perchè vi sono esseri senza mentalità, senza volontà, miseri di
11143 Addio     2,     IV   |               triste monumento dei morti a Mentana, di cui si erge sul mare
11144  Mano     2           |                  stare senza baciarla e vi mentirei se vi dicessi che non lo
11145  Fant      3          |              avvenire. Tu, Natura, che non mentisci, vedi che io non ho mentito.
11146 GliAm  Sorel          |                   Ti faceva piacere che io mentissi, ecco tutto.~ ~- Sì, è vero,
11147  LeAm  Sole,      V   |                    lo negavi. Quando è che mentivi?~ ~- Mai, mai, Clara!~ ~-
11148 GliAm  Sorel          |                       e tu sapevi bene che mentivo. Ti faceva piacere che io
11149 FiorD      9          |               Hôtel de.... Il terzo era un menu di pranzo, dietro cui era
11150 Ventr     3,     2    |                  persone che è inutile quì menzionare, sotto i paterni occhi chiusi
11151  Fant      5          |                medaglia di bronzo, qualche menzione onorevole, non suonando
11152  Cucc     5           |                    si vedeva l’immagine di Mephisto, ma che erano riempite di
11153 FiorD     17          |                    suo laboratorio. Voleva meravigliar tutti con un lavoro stupendo,
11154  Ball    IV           |             Coppelia, due o tre di esse si meravigliarono.~ ~— Che fai? Ti sei scordata
11155  Mano     2           |                  ponte di Westminster, per meravigliarsene e fecero forza di remi verso
11156 Pagin     1           |                   molto difficile e non si meraviglierebbe se i pesci lo guardassero
11157 GliAm Vincen          |                    soldo di frutta.~ ~- Mi meraviglio che non ci è qua don Ciccillo, -
11158   Cas      X          |                 anguste porte del teatrino Mercadante e che rappresentano le principali
11159   Ell      1          |                    Giuseppe, della Bibbia, mercanteggiato e venduto dai fratelli....~ ~«
11160  Cucc     2           |                  Durante, e tutte le altre mercantesse, e tutte le mogli dei contabili,
11161  Gesu     1,      V   |                   classe persino, piena di mercantini, di venditori ambulanti,
11162   Ell      2          |                    tacere, che non è  un mercatante,  un farmer,  un commesso
11163  Cucc     2           |                    palazzo Rossi, a piazza Mercatello, un palazzo che sporge su
11164  Cucc    17           |                  trippa, ciò che lassù, al mercatino di Capodimonte, era impossibile
11165 Ventr     1,     2    |                casa, si stima felice.~ ~Le mercedi sono scarsissime, in quasi
11166 Addio     1,     VI   |                    sono qui che una povera mercenaria, ma vi voglio tanto bene!
11167  Fant      2          |                    è solo, affidato a cure mercenarie, in mano a servi che non
11168  LeAm Fiamm,    III   |                  microscopiche botteghe di Merceria e di Frezzeria; le lunghe
11169  Cucc    20           |               quarantuno gradi, come se il mercurio del termometro si fosse
11170   Cas   VIII          |                coloro che si attardavano a merendare. Hermione e Luigi passarono
11171   Cas   VIII          |                 entrata del bosco, o forse merendava anche lui. Si trovarono
11172  Cucc     2           |                    mammà, mammà, augurando meridionalmente questo ed altri cento, in
11173  Fant      1          |                  vivamente il grembiule di merino nero. Tre o quattro maestre
11174  Fant      3          |                    lana folta e sporca, un merinos si aggirava nella sua casetta.
11175 GliAm  Sorel          |            conoscerla e non seppe, quindi, meritarla. Chi lo guardava, per quegli
11176 DalVe    16           |                   domandarsi se Andrea non meritasse di esser amato. Erano i
11177 Addio     1,      V   |           esistessero, quasi che molte non meritassero di essere amate, quasi che
11178  Fant      3          |                    Alberto. - Io non me la meritavo.~ ~Erano giunti al posto,
11179  Gesu     3,     II   |                 popolo di Gerusalemme? Chi meriterà, dunque, questo nome eletto,
11180 Roman     2,      I   |               Doria. — Tutte più o meno ci meritiamo di maritarci, tutte più
11181   Cas    VII          |                  alta e sinuosa e talvolta merlata muraglia bigia: compariva,
11182  Fant      2          |                 Avigliana, la più paziente merlettaia del collegio, le aveva donato -
11183  SGio     3           |               nessuno. Per la via, vi sono merlettaie che li vanno offrendo: e
11184 GliAm  Sorel          |                   rosa: bambole in camicia merlettata, o sontuosamente vestite
11185  SGio     4           |                     offrendo loro il pane, mescendo il vino: quei mendichi appena
11186  Cucc    15           |                    Anzi il segreto cruccio mesceva non so quale attraente sapore
11187 Addio     1,     VI   |                    sangue che mi accecava, mescolandosi alle lacrime: andando innanzi
11188  Erta Trent,     II   |               signora. — Ma preferisco non mescolarmi in questioni di denaro.~ ~—
11189   Ell      3          |                   mossero, rapidamente, si mescolarono alla folla del corridoio,
11190  Mano     2           |                     Io pensavo che, per un mesetto, ella avrebbe potuto essere
11191   Ell      2          |                   l'altro giorno, la dolce messaggera, Iride, vostra sorella,
11192  Mano     2           |                    dunque  dentro la sua messaggiera da più di due ore? Non ne
11193   Cas      V          |                tavolino dove si posavano i Messali, il calice del Sacrifizio
11194 Roman     1,     II   |                      Che si recita?~ ~— La Messalina, di Cossa.~ ~La direttrice
11195  LeAm Sogno,      I   |                quasi rotonda, una terrazza messavi dal Signore, a cui gli uomini
11196  Gesu     2,      I   |                   abbastanza per vedere il Messia: non è forse quello, lassù,
11197  SGio     1           |                    imbarcarla e condurla a Messina. Suor Veronica del Calvario
11198  SGio     1           |               Calvario non è napoletana, è messinese: si chiama Felicita Almagià.
11199   Cas      X          |                    le figure degli angeli, messivi a mistica custodia; delle
11200  Cucc    14           |                  caffettuccio. E Raffaele, messosi in capo il cappello con
11201  Stor     1           |                   a impastare la biacca, a mesticare, a preparar forme e pennelli,
11202   Cas    III          |                 dell’amore, che è anche la mestissima, acutissima nostalgia dell’
11203  Legg     7           |               Jovannella di Canzio gira la mestola nella salsa del pomodoro
11204  Giov     2           |                tanto sul balcone, e con un mestolino rimescolava la conserva
11205  LeAm Fiamm,     II   |                   avevano già oltrepassato Mestre, erano sulla stretta lingua
11206   Cap    IV           |                  la politica è un sogno, è metafisica, è poesia frugoniana.~ ~—
11207  Fant      4          |           ragionamenti, senza sottigliezze metafìsiche, senza sofisticazioni malaticce,
11208  Cucc    10           |                  occhi irrorati di lacrime metallizzate; dietro di lei, per un bizzarro
11209 Pagin     3           |                   alle consunte tradizioni meteorologiche che chiamano rigido il clima
11210  Gesu     7,     II   |                    non ci badano neanche i meticolosi inglesi: vino di Hèbron,
11211 FiorD     13          |              furono respinti con alterezza metodica. Ci si provarono i più valenti;
11212 Roman     3,     II   |                pezzo, il famoso waltzer di Métra, che tutte le ragazze hanno
11213  Gesu   Int           |                 che Londra ha una ferrovia metropolitana, che la corsa nei vaporini
11214  Gesu     7,     IX   |                piedi e per discendervi, ci mettemmo più di un’ora, settanta
11215 Addio     2,     IV   |         inafferrabile, e le diede ad Anna, mettendogliele sulle ginocchia. Ella levò
11216  Cucc    13           |                  qua e , disperatamente, mettendomi in mano agli Strozzini,
11217 Roman     1,     IV   |                 cambiavano gli stivaletti, mettendone un paio di vecchi, che conservavano
11218  LeAm Sogno           |             chiudere la porta di casa sua, mettendosene la chiave in tasca. Si avviarono,
11219   Cap    IV           |                     è un buon articolo: lo metterai domani, se vengono le altre
11220  Fant      4          |             goletti alla moda e che non le metterebbe più. Ne aveva fatto venire
11221  Erta Trent,      I   |               ritornare l'indomani.~ ~— Ci metterete qualche cosa sulla banca
11222  SGio     1           |              partire anche lei. È venuta a mettersele accanto una giovinetta quindicenne,
11223  Ball     I           |                  bianchi.~ ~— Ah! va bene. Metteteci qualche rosa...~ ~— Rose
11224  Gesu     6,      I   |                  seta?~ ~— Sissignore.~ ~— Mettetelo sulla vostra paglia~ ~—
11225  Cucc    19           |            Crescenzo, non ho un soldo.~ ~- Mettetemi una firma sotto una cambiale,
11226  Picc     2           |      capinnascondere. Con molta gravità ci mettevamo in cerchio nella stanza
11227  SGio     3           |               Croce. - Per qualunque cosa, mettiamoci nelle mani del Signore.~ ~-
11228  Erta Terno,      I   |             giuocarli anche tu?~ ~— Tieni, mettici una lira per conto mio ma
11229 DalVe    23           |                   dargli un po' di riposo: mettilo accanto al libro di raso
11230  Fant      2          |                    polvere basteranno?~ ~- Mettine sei. Capisco; se vuoi, avrò
11231  Fant      4          |                  fazzoletto di seta rossa, mettitelo - la pregava Alberto.~ ~
11232  Fant      4          |                     era irresistibile.~ ~- Mettiti il fazzoletto di seta rossa,
11233  Gesu     7,    III   |                ebrei, cristiani, maroniti, metuelli e drusi, come una massaia
11234 GliAm Heliot          |                pauvre madame Héliotrope se meurt de vous....~ ~ ~
11235 Roman     2,      I   |                famiglie, Aragona, Ognatte, Mexico, che aveva terre in Europa
11236  Mano     2           |                 forza farmi sposare. Clara Meyer era bella, orfana e povera:
11237  Legg     5           |                fedelmente sino a fargli da mezzana d'amore, sino a morire per
11238  Cucc     6           |             cartella, dello scatolino e la mezzanìa, mi resterebbero tre o quattro
11239  Fant      2          |                    bianco come se fosse un mezzo-lutto: tutti questi gingilli fantasiosi,
11240  Giov     1           |                 argento ficcata nel lucido mezzocchio dei capelli, tirandosi dietro
11241 FiorD     13          |                 non volgare, e tralasciò i mezzucci soliti. Ritornò in casa
11242  LeAm Sogno           |                    bronzo! Di bronzo, cara mìa bella!~ ~- Non importa,
11243  Cucc    12           |                mentre il grosso gatto nero miagolava dolcemente, strusciando
11244  Cucc    15           |            materiali, mettono nell’aria un miasma, un calore infetto, facendo
11245  Mano     2           |                  lo lasceremo. Non bisogna mìca giungere in carrozza, a
11246   Inf    Inf          |                 sulle poche righe un'arena micacea, azzurra a scagliette d'
11247  Mano     1           |             fissare il mondo attraverso il microscopio. Egli era stato amico d’
11248   Ell      1          |              belles fleurs. Null'altro. Le mìe infelici rose rosse non
11249  Picc     3           |                   lungo i solchi del grano mietuto, con gli occhi chiusi, sentendo
11250  Mano     1           |                  Scotti lo pensa.~ ~— Tant mieux: buona notte, cara. — E
11251   Cas    III          |                   l’aspetto di un uomo che migliorasse, nella sua misteriosa infermità.
11252  Cucc    20           |                     ella parve a un tratto migliorata: era sonno invece di torpore.
11253  Fant      5          |          stamattina, diciassette. Vi è una migliorìa.~ ~- Alberto, mio, possa
11254  Mano     2           |            rivalità e ogni lite, tutto ciò migliorò la mia condizione. Ma non
11255  Cucc     3           |                  grosso mustacchio, un po’ militaresco, si agitava, come se egli
11256 Ventr     2,     4    |                  del Bertolini, ma qualche milite di essi si occupi a impedire,
11257  Erta Trent,     II   |                  Eleonora. — La vita è una milizia. Chi combatte molto, chi
11258 Virtu     1           |                     ti giuro che mi pareva millanni di rivederti. Quel
11259  Gesu     6,    III   |                   Gerusalemme, collocato a millecentosettantatrè metri sotto il livello della
11260   Cap    IV           |                  più carta se non lo pago, milleduecento lire alla tipografia che
11261  SGio     4           |                     e il mondo godeva quel millenario anniversario della Resurrezione
11262   Cap    VI           |                    venuto per avere le sue millenovecento lire, non aveva voglia di
11263 DalVe    24           |               vaniglia - e quando la Wanda Miller scoppiò nella frase meravigliosa
11264  Cucc     8           |            Parascandolo; ne aveva giuocato milleseicento per i Banco lotto da Chiaia
11265  Cucc     8           |                quando udì la cifra totale, milleseicentocinquanta lire, e vide Ninetto Costa
11266   Cap    VI           |                 provincia, e bisognano dei millesimi sopra ogni copia?~ ~— Scusi, —
11267  Gesu     7,     XI   |                     essa fu distrutta, nel milletrecento. Una di queste strane case
11268  Cucc     4           |                 che le aveva ingrossata la milza, gli dicesse, così, fra
11269  Fant      3          |                       Io posso stare sola, Mimi - mormorò la moglie, una
11270 Roman     5,     II   |                    lei la levatrice, donna Mimma Scaletta, sfoggiava un abito
11271 Addio     2,     IV   |                    di sospetto, niente? Mi minacci, dici che sono pazza? Tu
11272  Mano     2           |             dovetti combattere con lui! Lo minacciai, lo pregai, piansi, innanzi
11273  Erta Trent,    III   |                  scuriccio, dalle zampette minacciose accanto alla mamma carica
11274  Legg    11           |                    incrostati ostrica, per minare le fondamenta! Piantati,
11275  Gesu     3,      I   |          popolazione così svariata; i suoi minareti sorgono accanto ai campanili
11276 Ventr     3,     1    |           attaccate dal tarlo del bisogno, minate dal desiderio di ogni ricchezza
11277 DalVe     2           |                  entra barlume di sole, il minatore unisce ai colpi regolari
11278 Ventr     3,     5    |                mille clamorose vittorie. O minatori che soffocate nelle viscere
11279  Erta Trent,      V   |                lettere anonime, le lettere minatorie: e la gran paura di tutti
11280 Addio     1,      I   |              vedeva che crollanti, fumanti mine. L'amore di Anna lo riempiva
11281 Ventr     1,     9    |                  risotto, grosse nutrienti minestre. Fu lungamente sospettata
11282 DalVe    16           |                perduta per la nostra razza mingherlina e sgagliardita: egli ne
11283  Fant      2          |                 momento fra le sue. Era un mingherlino, abbastanza piccolo, un
11284  Mano     2           |                  dalla pergamena che stava miniando.~ ~Un cameriere entrò, in
11285  Cucc     7           |                 Dellachà, con una figurina miniata, sopra. - Credo che vi mettiate
11286 Roman     3,      I   |                  mordicchiandosi le labbra miniate: sarebbero diventate due
11287 GliAm Stresa          |               cercando nelle profondità la miniera che lo deve arricchire:
11288 FiorD     12          |                   Si assorbì nel ridurre a minime proporzioni la ricca capigliatura
11289  Gesu     1,      V   |                cinque o seicento, cioè una minimissima frazione dell’immenso pellegrinaggio
11290  Fant      2          |              delicatezza fanciullesca, una minutezza gentile di lineamenti. Lo
11291  Stor     4           |                  bottega e tutto l'oro del minuzioso, folto, intricato ricamo,
11292  SGio     2           |                   sporca. Poi, presa della minuzzaglia di carbone con la paletta,
11293  Picc     4           |               calma, a cui un principio di miopìa , talvolta, una incertezza
11294  Fant      1          |                 fissando, per suo punto di mira, la faccia tranquilla di
11295 Ventr     2,     1    |                  viaggiatore, chi sa quale mirabolante giro di affari e la gabbia
11296   Cas     IX          |             approdo del triste castello di Miramar, sulla ferrugigna costa
11297 DalVe    19           |                   di lui diventare amoroso mirandola, quando egli le parlava
11298  Gesu     4,     VI   |                agli sguardi incerti che la mirano. La solitudine, qui, si
11299   Ell      1          |                     come di consueto: l'ho mirato, a lungo, dalla via, sperando
11300   Cap    VI           |                giovane col capo abbassato, miravano a saziarsi.~ ~Solamente
11301  Fant      1          |            fratello Gian Maria. Costui per mire di interesse, sposò Beatrice
11302  Gesu     4,      V   |                 posto dell’Arca Santa e il mirhab al posto del Tabernacolo.
11303  Mano     2           |               strani profumi d'incensi, di mirre, venivano dalla stanza.
11304  Cucc     5           |            provocasse, con quella tuba: il misantropico segretario dell’Intendenza
11305  Mano     2           |                 viso curvo sopra certe sue miscele, bollenti in una piccola
11306 Roman     1,      I   |                   affari non si voleva più mischiare, che aveva avuti troppi
11307 DalVe    10           |             giornali - e tutta questa roba mischiata, unita, condita col pepe
11308  Fant      5          |                dell'ambra gialla, a cui si mischiava l'odore della ceralacca
11309  Cucc     6           |         maltrattate dal destino, di essere misconosciute dagli uomini che amavano
11310  Gesu     7,     VI   |                   abitare Nazareth, dove è misconosciuto: ed ella lascia il paese
11311  Cucc     5           |                 fate peccati… - mormorò il miscredente, tentando di scherzare.~ ~-
11312 Roman     4,     II   |                   vero quello che dicono i miscredenti, che Gesù sia stato troppo
11313   Ell      1          |              inetto, per il misero, per il miserabilissimo Paolo, la cui modesta fortuna
11314 Ventr     1,     9    |                 cuscino un sacco. E quella miserella piangeva di emozione, ogni
11315 Ventr     3,     6    |                  misere bimbe questi bimbi miserelli e vorrebbero, questi genitori
11316   Cap    VI           |                   a un lettuccio stretto e miserello. Riccardo accese una mezza
11317  Cucc    15           |          confusamente le parole latine del Miserere, piangendo sempre, come
11318  Cucc     4           |               porta, in quella sua eterna, miserevole attitudine di attesa, sporco,
11319 Ventr     1,     5    |                 dànno i magistrati: pagati miserevolmente, essi che rappresentano
11320  Gesu     7,      I   |               tutte le carità, di tutte le misericordie, nel paesaggio fatto di
11321   Cas      I          |                 bimbo chinava i suoi occhi misericordiosi su chi guardava: in una
11322 Ventr     1,     2    |                 come fioraie! La mercede è miserissima, quindici lire, diciassette,
11323 Ventr     2,     3    |                 popolani, quelle fiere, ma miserissime popolane dove andranno?
11324   Ell      1          |                  dalla esistenza di questo miserissimo. Nessuno sa bene se Euridice,
11325  Cucc    14           |                  nella esecuzione dei loro misfatti. L’assistito sino allora,
11326  Fant      1          |                    uomo, diventerei monaco missionante nella Cina, nel Giappone,
11327  Cucc    10           |                   francescani, verginisti, missionari, gesuiti, monaci e preti,
11328 Addio     2,     II   |                   Gerusalemme, da un frate missionario.~ ~Ella non era mai stata
11329  Mano     2           |                essere giovane e bella, per mister Emilio Jackson. … — riprese,
11330  Mano     2           |           misterioso? — disse Roberto.~ ~— Misteriosissimo. Girano, intorno alla sua
11331  Erta   Ert,      I   |                  Ma i custodi, malgrado la misticità del luogo e dell'ora, stavano
11332 GliAm Stresa          |         infinitamente tristi, che mi hanno mistificata, e la cui singolare espressione,
11333  Ball   III           |                Gargiulo sarebbe stato bene mistificato, se ella avesse accettato.
11334  SGio                 |                carattere ha profondità non misurabili: vi sono storie, nel mondo,
11335  Mano     1           |                   di voltare i due giovani misurarono con l'occhio la lentezza
11336  Erta Terno,      I   |                 con la serva: le diceva di misurarsi un poco nella spesa quel
11337  Stor     3           |                  che questo: e i suoi atti misurati e calcolati, le sue parole
11338  Cucc    10           |                    fa paura anche ai fieri misuratori della folla. Vi era gente
11339   Cas     VI          |                  dalla stessa fatalità, ci misureremo domani, uno di noi sarà
11340  Mano     2           |                 quest'uomo, lo troverò, mi misurerò con lui, direttamente; e
11341  Giov     2           |              impegnarne. Buona roba, però. Misuriamola, dunque».~ ~E si misero
11342  Cucc    17           |            lentamente, andò a prendere una misurina di quelle bianche e raggrinzite
11343 GliAm Vincen          |                    Se non ve ne andate, vi misuro lo zoccolo in fronte, ma'.~ ~-
11344   Cap   III           |                 rotondi e bianchi anelanti mitamente sotto le collane di perle,
11345 DalVe    31           |                 famiglia o ad un colpevole mitigata la pena: il sacro ministero
11346  Erta   Ert,     VI   |                    lugubre viaggio avrebbe mitigato lo strazio. ll marito cercò
11347 FiorD      7          |               paralumi di seta azzurra che mitigavano la luce. Il salottino apparve
11348  Stor     3           |                 essendo egli rappresentato mitrato, col pastorale nella mano
11349  Erta   Ert,    III   |                   liberazione:~ ~ ~ ~Ma se mme passa~ ~Sta scjorta de tossa~ ~
11350 Roman     4,      I   |                 ditto tante vote~ ~Non fa ’mmore cu Radente~ ~Che è nu prevete
11351 Ventr     1,     6    |                   il popolo dice: chella è mmorta, mo, almeno ce refrescasse
11352 Ventr     1,     6    |              popolo dice: chella è mmorta, mo, almeno ce refrescasse a
11353   Cap     I           |                 toccarle i capelli.~ ~— Se  avessi ancora Pascaluccio
11354  Gesu     9,    III   |              Arabia, da quella Petrea alla Moabitica, dalla Samaria alla Galilea,
11355 DalVe    15           |            principali. Vien prima la villa mobigliata con costosa eleganza, dipinta
11356  Ball   III           |                  tutte stuccate di bianco, mobigliate di reps rosso, con certi
11357  SGio     3           |                 era nel suo salotto, tutto mobigliato di una bourrette gialla
11358  SGio     3           |                   legata: salotto pieno di mobiletti capricciosi, pieno di ninnoli
11359 Roman     5,      I   |                sulla piazza, l’aveva fatta mobiliare da un tappezziere di Napoli,
11360  Cucc    20           |                   sola sedia di paglia che mobiliasse l’anticamera, Margherita
11361  Cucc    12           |                  par d’occhi dallo sguardo mobilissimo, la cui tinta variava dal
11362  Gesu   Int           |                   che un nuovo viaggio non mobiliti i suoi bauli e lui.~ ~Un
11363  Mano     2           |                    e misterioso, capace di mobilizzarne un esercito anche per la
11364   Inf    Inf          |                    antichi. I salottini, i mobilucci, i gingilletti, le statuine
11365 Ventr     1,     2    |                  m'aspetta cchiù, la sera, mocc'a porta?»~ ~Il lavoro dei
11366  Cucc    19           |                   lotto entrava, subito un moccioso idrocefalo di ragazzo prese
11367  Mano     2           |                   sotto la luce tremula de’moccoletti, in piazza Venezia, quando
11368 Roman     1,     II   |                  subito esclamato:~ ~— Che moccoletto si regge noi, nevvero, signorina?~ ~
11369   Cap     I           |                    mano li divideva.~ ~— O moccosiello, sta fermo, se no ti mando
11370  Cucc     4           |              giovinezza, la manina di cera modellata su quella di una sorellina
11371 DalVe    24           |                busto scultorio, un braccio modellato con vigore, delicato nell'
11372 Addio     2,     II   |              vestito serale del gentiluomo modellava benissimo la sua persona.
11373 DalVe    17           |          abbracciare un partito, di essere moderato.~ ~Dunque deciditi: migliaia
11374 FiorD      8          |                 po' serra, dove le tendine moderavano la luce, il ponente soffiava
11375 GliAm Morell          |                   lo turbava un poco: e mi moderavo. D'altronde, era troppo
11376   Cas     II          |               donne e le Dee, anticamente, modernamente: e lei, nella poltrona,
11377  SGio     1           |                 loro di far ardere qualche modestissima lampada, in omaggio alle
11378   Cap    VI           |                   rapidamente, negli abiti modestissimi, fece un timido saluto.~ ~—
11379  SGio     3           |                  Maria Laterza, con i loro modici mezzi, avevano finito per
11380 Ventr     2,     4    |              costantemente, a creare delle modicissime, modestissime non case,
11381  Ball   III           |                   sua trasformazione: e la modicità delle pigioni di quel borgo
11382 Ventr     3,     3    |                     Non il tempo che tutto modifica e tutto trasforma: non gli
11383   Cap    II           |                 divisione, per pregarlo di modificargli l'orario, preferiva di andare
11384  Fant      2          |                perfezionata di zucche, una modificazione della trebbiatrice. Insieme
11385   Cap     V           |                   avrebbe bisogno di molte modificazioni, noi vi dovremmo spendere
11386   Ell      3          |                  una tormenta di neve, sul Mönch, uno dei monti che si staccano
11387 Pagin     3           |               ultimi, profumati vapori del moka e cedevano il posto alle
11388  Cucc     5           |                  presso il vicolo Conte di Mola, era trasformato in una
11389  Gesu     7,     XI   |                     e mai lagrima veniva a molcere la scintilla superba della
11390 Ventr     3,     5    |                vadano a raccoglierle senza molestarli; e ogni mattina con i sacchi
11391  Legg     2           |                   In allora Parthenope era molestata da una grande quantità di
11392  Mano     2           |            giungemmo a Cowes, senza essere molestati. La villa che ci aveva trovato
11393  Fant      3          |                   dal sonito di guerra, lo molestava. Che diceva dei giacinti?~ ~
11394  Mano     2           |                 vivere, vivrete. Io non vi molesterò con preghiere e con lamenti,
11395  Gesu     9,      I   |             dormiate bene e che nessuno vi molesti! Tornando da Gerico, la
11396  Gesu     1,     IV   |                tutto: tanto più che queste moli superbe o tragiche non offrivano
11397   Cap    II           |                 ora nominava Shakespeare e Moliére. Parlava del teatro, ora,
11398  Erta   Ert,      I   |                tutti i pomidoro e tutte le molignane di cui era arrivato carico,
11399  Fant      5          |                ambasciata della pietra del molino, che s'era spaccata. Vi
11400  Giov     2           |               guardava giù, fissamente.~ ~«Mollate» disse dal profondo, una
11401   Cap    IV           |                   entrava in quel momento, molleggiante sulle sue lunghe gambe,
11402 Roman     4,     II   |                 ruoticine, i volantini, le mollette dentate; gli occhi di un
11403   Cap    II           |                 Joanna, dicci dunque chi è Molosso?~ ~— Non so.~ ~— E Stellino,
11404 Addio     2,      I   |                intorno, sentivano tutta la molteplice seduzione delle cose, il
11405   Cap    IV           |               Joanna, stordito anche dalla molteplicità e dalla rapidità dei fatti,
11406   Cap    VI           |                   vostri nemici cresce, si moltiplica, diventa una legione. Voi
11407   Cas     VI          |                 base di economia, degna di moltiplicare tutta la propria meschinità
11408  Gesu     3,    III   |                   in grandi linee, di quel moltiplicarsi di camarille religiose,
11409 Roman     4,     II   |                   loro capo, pareva che si moltiplicasse nel suo meccanismo di rotelline:
11410  Cucc     5           |                    e le contrattazioni coi moltiplicati venditori ambulanti si facevano
11411   Inf   ZigZ          |                fatto uno sforzo, se avesse moltiplicato le indagini, egli avrebbe
11412 FiorD      8          |           egoistica, non lo nego. Ma io mi moltiplicherò per farvi annoiare come
11413 Ventr     2,     1    |                  cascanti, ove pare che si moltiplichino la tristizie e la tristezza,
11414 DalVe    10           |              pubblico per tanti attori? Io moltiplico gli ammirativi e gl'interrogativi,
11415  Fant      4          |             franco-prussiana, trovando che Moltke non rassomigliava a Crispi
11416 DalVe    30           |                    dell'anima, apparizioni momentanee, angoli freschi e riposati
11417  Cucc    13           |               levarmi da questo imbarazzo, momentaneo, io ti restituirei subito
11418 DalVe     3           |                scrittore lugubre che firma Momo, un materialista che si
11419   Cas    III          |                    sciarpa che si annodava monacalmente sotto il mento e girava
11420 Roman     2,     IV   |                badessa, si avanzò verso la monacanda, benedì il bianco scapolare,
11421  Mano     2           |                   morale alla sua volontà, monacandosi; ella non pensava più, 
11422 Ventr     1,     4    |               quando risana, lo vestono da monacello, con una tonaca grossolana,
11423   Cap     I           |                    aveva un innamorato, la monachina, era don Domenico, il vecchietto
11424 Ventr     1,     4    |             circola in tutte le case, è il monaciello, un bimbetto vestito di
11425 Roman     1,     II   |                    articolo intitolato: Il Monarcato, che cominciava con le parole:
11426 Ventr     3,     4    |               dicono un male orrendo della monarchia: i framassoni che detestano
11427  Fant      3          |                 provincia, al cancelliere, monarchico, che se ne scandalizzò.~ ~
11428  Cucc    10           |                 borghesi e che ha tendenze monastiche, nella sua rigidità. Questa
11429  Mano     1           |                    di Rachele e un braccio monco!~ ~— Luigi seguite rapidamente
11430 Ventr     1,     2    |                    il bimbo; le morì. Ella mondava le patate, in una cucina,
11431   Ell      2          |                giorni di dimora. — Tout le monde chic nous laisse pour Ostende....
11432 GliAm Caracc          |                neppure? Il mio disprezzo è mondiale, anzi universale, per non
11433   Cap   III           |                 era un vecchio abbonato di Mondovi Breo che rimproverava a
11434 Roman     5,    III   |                 ora sono già nel ritiro di Mondragone.~ ~— Mi ci voglio ritirare
11435  Ball     I           |               fatto qualche conquista, nel monduccio borghese ove si aggirava,
11436  Fant      1          |           Pentasuglia erano pettinati alla monella, come mai non erano stati:
11437  Erta Terno,      I   |                   il viso incipriato delle monelle napoletane: mentre discorreva
11438  Gesu     4,    III   |              languore: su le scalette, dei monelletti giuocano, parlando lestamente
11439  Cucc     7           |                    e cavandone della carta monetata, contò anche due volte,
11440  Gesu     1,     IV   |                    vendono di tutto, colà: monetine antiche egizie, frantumi
11441 DalVe    18           |                     Ruberta, castellana di Monfort, gli ha donato una ricca
11442  Legg     5           |               fiore la testa graziosa, dai monili di perle, dai brillanti
11443   Cap    IV           |                  il Sancio Panza, che è il monitore ufficiale dell'imbecillità,
11444 GliAm Stresa          |                  della passione. Monotono, monocorde, impotente a vibrare per
11445  Cucc     8           |                   Allora Formosa continuò, monologando, dirigendo la parola a Cesare
11446  Stor     3           |                       E, animato da questa monomania, non si fermava a rammentare
11447   Cap    II           |                   del pubblico non sono un monopolio! Niente di questo: una bella
11448  Picc     3           |                    il suo rosario. Pregava monotamente e senza fervore. La bambina,
11449   Cas      X          |                  mai oltrepassato la villa Monplaisir, a Posillipo! Erano venuti
11450 Roman     2,      I   |                  trovar le madrine, pregar monsignor arcivescovo, scegliere una
11451  Stor     1           |                  obbligo morale, vescovi e monsignori, anche quelli che avean
11452 Roman     3,    III   |                   stanzone, una quadriglia monstre si combinava, di sedici
11453  Gesu     7,      V   |                  di legno dell’alberghetto Mont-Carmel, ne risvegliò sordamente
11454   Ell      3          |                    conoscete.... ma Franco Montaldo è venuto a ricordarvi l'
11455 Roman     5,      I   |                     mezza orientale, mezza montanara, che era bruna bruna, fumava
11456 Roman     1,      I   |                Maria Vitale.~ ~— È Ignazio Montanaro: sarà stato di servizio
11457  Gesu     7,   VIII   |                    sempre più, elevandosi, montando sulle nostre teste. Un po’
11458 FiorD     19          |                violetti. Portava gli abiti montanti in raso bianco-latte, o
11459  Erta Terno,     II   |                   in quel giorno. Andava a montar la guardia, lui, alle tre:
11460 Pagin     1           |                   non mi meraviglierei che montassero in pallone per trovarlo
11461 GliAm Gerald          |                carrozza speciale, bassa di montatoio, larga di cuscini, dove
11462  Stor     2           |                 opaca: due perline, in una montatura d'oro, alle piccole orecchie:
11463 DalVe    10           |                     va a Castellammare o a Montecatini; tu resti un galantuomo,
11464 FiorD     11          |              altezza:~ ~- Sposi tu Roberto Montefiore, Maria? - chiese brevemente.~ ~-
11465  Stor     3           |                   de Toledo, del Vasto, di Monteleone. I suoi pensieri, in piazza
11466   Cap     I           |               pubblicazione del romanzo di Montepin: La Marchesa Castella. Ma
11467  Fant      3          |                   No, no: mi farà bene. Io monterò Tetillo, un cavallino quieto
11468 Roman     2,     IV   |                 Muscettola, il principe di Montescaglioso, fratello della duchessa
11469  Legg     2           |               presso Avellino che chiamasi Montevergine, dove s’era ridotto a studiare
11470  Gesu     7,     IV   |              stella dei naviganti sotto il monto Carmelo, e da quel giorno
11471   Ell      2          |                 Ginevra a Evian, da Nyon a Montreux, a Territet: qui, oggi,
11472  Gesu     7,      V   |                    Naplousa.~ ~— Voilà les monts de Gelboèdice il cortese
11473 FiorD     17          |                    fantesca posava un lume monumentale sopra la tavola, una voce
11474 Ventr     1,     2    |               bicchieri e di bottiglie, un monumentino che è una festa degli occhi:
11475  LeAm Fiamm,      I   |                  fermato nella stazione di Monza e, malgrado ogni suo impeto
11476 Roman     3,      I   |               grosse e rincagnate come una mora. Avevano una dote, le Galanti,
11477  Gesu     7,     II   |               objections phylosophiques et morales.~ ~— Vous êtes un apôtre,
11478 Addio     2,     IV   |                 non era comparsa in quelle morbidissime frasi che egli le veniva
11479   Cas     II          |                  su cui si ammucchiavano i morbidissimi cuscini di raso giallo,
11480  LeAm Amant,      I   |                    giacchè un cordiale, un morbidissimo senso di riposo avvolse
11481 Pagin     1           |                   pelle, che i gamberi gli mordano le gambe — e rimane immobile,
11482 Addio     1,     II   |           stanzetta e stramazzò sul divano mordendone i cuscini per non gridare,
11483  Gesu     1,      V   |                profondi della Sfinge, o le morderà il cuore il desiderio del
11484  Fant      3          |            interessano. Poi, sento il sole mordermi le spalle: meglio camminare.~ ~-
11485  Stor     3           |                 costante, ella seguitava a mordersi le labbra, per farle diventar
11486  Fant      4          |                    alle labbra, come se lo mordesse. Poi corsero un vero pericolo.~ ~
11487   Ell      2          |                    che ci azzuffassimo, ci mordessimo, ci strangolassimo, io,
11488  Stor     1           |                  intensa la rattenesse. Si mordette, un istante, il breve labbro
11489  Mano     2           |              soffocarci, ci sbranavamo, ci mordevamo rotolando insieme sulla
11490  Erta   Ert,      V   |                assisteva all'operazione, e mordevasi le labbra per non gridare.
11491  Cucc    11           |           nascondevo la testa nel cuscino, mordevo le lenzuola per soffocare
11492 Roman     3,      I   |                   dicevano le De Pasquale, mordicchiandosi le labbra miniate: sarebbero
11493 Addio     1,     II   |                pelle, e ogni tanto ella si mordicchiava il labbro, nervosamente.
11494  Fant      5          |                  grido, cado per terra, mi mordo le mani e rompo un cristallo.
11495  Fant      3          |                   piedi e le alighe che le mordono i fianchi. Un giorno fatale
11496   Ell      3          |              infine, m'incontrai con Dario Morea, con Francesco Farnese e
11497  Legg     5           |                   ed a quella di una danza moresca; poi nelle sale si sarebbero
11498  LeAm Fiamm,    III   |                   i lumicini delle lampade moresche brillano innanzi alle sacre
11499   Cap   III           |                    pugnale, un bel pugnale moresco, ricurvo...~ ~— Il coltello
11500  Picc     8           |             Poliuto: egli ama l’Aida per i morettini, il Faust perchè vi è un
11501  Cucc    12           |               sembrava la mano di un bimbo moretto, ammazzato, di cui  si
11502 Roman     3,      I   |                   che Riccarda Galanti, la morettona, se ne accorse, e nella
11503 Ventr     3,     2    |                    nostro non è, forse,  Morgan,  Carnegie,  Vanderbilt,
11504 DalVe    25           |                   casa: nella unione molto morganatica del latte col caffè, egli
11505 DalVe    20           |                   i romani, i veneziani, i mori, gl'inglesi; l'umanità,
11506  Gesu     2,      I   |                Acra a quello di Ophel, dal Moriah al Sion? Non così trivialmente,
11507  Legg     2           |                febbri, pestilenze ed altre morie, e perché erano infestate
11508 GliAm  Sorel          |            fornitori di Parigi, a Worth, a Morin, a Redfern, tutti vestiti
11509  Gesu     9,      I   |               cristiano vorrebbe viverci e morirci.~ ~La grande gita al Thabor,
11510  Legg    10           |             stagione. Se durasse, il cuore morirebbe nella esagerazione di un
11511  Cucc    13           |                  soccorresse segretamente, morirebbero di fame. Chi ci soccorrerà,
11512 Roman     5,    III   |                  carità, come faremmo?~ ~— Moriremmo, — esclamò tragicamente
11513 Roman     2,      I   |              niente: lavoriamo.~ ~— Ma voi morirete, a furia di lavorare. Ma
11514  Fant      2          |                 mai avuto paura di lui? Di morirgli fra le braccia?...~ ~Caterina
11515  Fant      5          |                    Mariagrazia è stata per morirsene anche lei, in salvamento
11516  SGio     2           |                  meglio separarsi, come se morissimo.~ ~- Dio vi benedica, allora.~ ~-
11517  Legg    10           |                    a voi; amate, soffrite, morite: giammai sarete amate come
11518  Gesu     9,     II   |               dall’Alta Engadina, da Saint Moritz, da Interlaken, parlino
11519  Stor     2           |                 misere?~ ~- Misere. Ma non morivamo di fame.~ ~- E allora, allora?~ ~-
11520  LeAm Amant,    III   |              stessa, non capisci nulla. Se morivi, vedi, Adele, era perchè
11521  Gesu     3,    III   |            Gerusalemme vi sono persino dei Mormoni.~ ~E credete voi che queste
11522 GliAm  Angel          |                    mio modo di piangere, - mormorai.~ ~L'ho veduto impallidire,
11523  Ball    II           |                  all’orecchio dell’amante, mormorandogli una cosa e sganasciandosi
11524  Fant      3          |                  bambola, baciucchiandola, mormorandole, Ninì, Ninì, Ninì, sempre
11525  LeAm Fiamm,     II   |                   bianche case, e il fiume mormorante sul greto, e i campanili
11526 Addio     1,      I   |                   cara, caraseguitava a mormorar lui, con una tenerezza piena
11527  Picc     9           |                 Egli dovette abbracciarla, mormorarle vaghe parole di conforto
11528  Stor     1           |                    po' schiuse, pareva che mormorassero incomposte parole, di cui
11529 GliAm Gerald          |                 che nessuno mai le avrebbe mormorati; canticchiava ritornelli
11530  Stor     3           |                 ora del giorno, con grande mormorazione del quartiere: e a qualche
11531  Legg    15           |                stringeranno nelle spalle e mormoreranno: solite storie. L'eruzione
11532 DalVe    17           |                   contentiamo di poco: non mormoriamo se invece di acqua ci danno
11533  Cucc    12           |                   sulla inesattezza, sulla morosità delle loro debitrici, era
11534 GliAm Caricl          |               disinteressamento per cui il morrente pare già fatto cosa di un'
11535  Mano     2           |         licenziarsi. — ~ ~«Detto questo mi morsicai le labbra, per aver detto
11536  Erta Trent,      V   |                girando per Napoli, livido, morsicandosi le labbra per reprimere
11537   Cap   III           |                    il cocchiere, facendolo morsicare sempre più profondamente
11538  Stor     1           |               cotta, una penna dalla punta morsicata, un calendario vecchio:
11539 Addio     1,     IV   |                    speranzosi o disperati, morsicati dal dubbio o nobili di fiducia,
11540  Fant      3          |              Andrea? Almeno il sole non mi morsicherà più. Sapete che cosa sento?
11541 Roman     5,      I   |                       Intanto, un sparo di mortaletti annunziò che lo spettacolo
11542 FiorD      6          |                 soliti fuochi d'artificio, mortaretti, bande musicali, pranzi
11543  Erta   Ert,     VI   |                    il padre e la madre del morticello, due ufficiali, due impiegati
11544 FiorD     14          |                    antichi, tutto pieno di morticini sotto la forma di un braccialetto,
11545  Gesu     2,      V   |                 quanto vi ha d’impuro e di mortifero nella vita: e così le ebbe,
11546  Gesu     7,     VI   |               quando ella va alla fontana, mortificando i suoi piccoli piedi sui
11547  Cucc    13           |            giuocheresti.~ ~- Luisella, non mortificarmi, non avvilirmi, sii buona,
11548 Roman     2,      I   |                    questi bimbi, invece di mortificarvi a cucire? Ti faccio dare
11549  Picc     2           |                  scendere: e noi restavamo mortificati, chiedendogli:~ ~— Come
11550   Cap    II           |                       Queste cose assai lo mortificavano. Trovava i redattori troppo
11551   Cap    VI           |                queste, intanto.~ ~— Non si mortifichi, signor Joanna: ma io non
11552  Ball     I           |                ricchi paramenti dai colori mortuari, celebrava la decima o la
11553   Cas     IV          |               farlo?~ ~— Perché sono fiori mortuarii: perché quelli che me li
11554 Roman     2,     IV   |                   quae dormis, et exurge a mortuis,et illuminabit te Christus!
11555  Legg    12           |                   invece fregi, ornamenti, mosaici, iscrizioni, palme, volute,
11556  Gesu     9,    III   |        specialmente quando entravamo nelle moschee, insieme. Con una intonazione
11557  Erta Terno,     II   |                    il colletto bianco alla moschettiera, di traverso, e il cappello
11558 FiorD      9          |                    con facilità, con certe mossettine carezzose che stavano bene
11559  SGio     2           |               essere spensierato e gaio, e mossosi dal suo posto, aveva fatto
11560  Cucc     1           |                  da basso, per insultarlo, mostrandogli il pugno. Dal terzo al quarto
11561  Mano     2           |                foglio ed una fotografia, e mostrandoli a Roberto.~ ~Era un foglio
11562  LeAm  Sole,     IV   |                affogando di dolore, ma non mostrandolo.~ ~- È ciò che mi trafigge.
11563  Fant      3          |               torto di Lucia, ma non osava mostrarglielo: sentiva il predominio ch'
11564 Roman     4,     II   |                    inclinò la macchina per mostrarla meglio alla classe, gli
11565  Erta Trent,      V   |                prima del loro disastro, si mostrarono dappertutto, a San Carlo
11566 Addio     2,     IV   |                  chiamata. Sono venuta per mostrarti che non ho paura, per nulla.~ ~–
11567 Roman     2,      I   |                 casa dei vestiti che debbo mostrarvi e una scimmietta che ho
11568 Addio     1,     IV   |               occhi, guidati dal cuore, le mostrassero solo quello che le piaceva
11569   Cas    VII          |             correttissimo sul terreno. Non mostrerò per nulla la mia felicità.
11570 Ventr     1,     9    |                   mangiare, senza che ella mostri nessun desiderio, gliene
11571 GliAm Gerald          |                    più. Era naturalmente e mostruosamente grassa. Aveva la diffusione
11572 Pagin     1           |                furba, così maliziosa, così motteggiatrice?~ ~——~ ~Poi, in confidenza,
11573   Cap     I           |              tipografia, ridendo a qualche motteggio dei tipografi, Maria con
11574  Gesu     4,    VII   |                  anch’essa, rispondendo ai mottetti, volendo unire la sua voce
11575  Gesu     7,     IV   |              grandi brache e la tunica dei moujick, hanno i capelli lunghi
11576  Gesu     5,     II   |              mangiare e bere. In quanto ai moukres, cioè i cavallari, essi
11577 Roman     2,     II   |                  circolo processionale del moulinet femminile comparivano, leggiadrissime,
11578   Cap     I           |                   Circo Nazionale, il nero Mourzouck, pirati e la vampa del punch,
11579 Roman   Pre           |            esistenza. Ella vive guardinga, move i passi con precauzione;
11580 Addio     1,      V   |             condotta di Anna non avesse un movente segreto; ed egli arrivò
11581  LeAm Sogno           |                     come mille specchietti moventisi nel raggio lunare. Massimo
11582  Mano     1           |               seduzione infinite: ogni sua movenza aveva un senso armonico
11583  Fant      3          |                     Alberto mio. Io non mi moverò da questa stanza, starò
11584   Cap    IV           |              Capisco, — disse Frati, senza moversi dalla scrivania; — ma perchè
11585  Cucc     6           |                 avevano ragione, ma che si movessero a pietà di quella creaturina
11586 Roman     1,     II   |                 carta, col piccolo braccio movibile di acciaio, con la chiave
11587  Ball   III           |                    Già, è vero. Vi sarà la mozzarella?~ ~— Vi è sempre. È una
11588  Mano     2           |                  desolati, col suo braccio mozzato, con la sua unica mano deprecante
11589  Cucc    13           |             affannosamente, l’emozione gli mozzava il fiato, - io ti giuro
11590 Ventr     3,     6    |                  mala vita, al fantomatico mozzonaro, al singolare caffettiere
11591 Ventr     1,     2    |                rimpagliatrici di seggiole (mpagliaseggie), mestieri che le espongono
11592  Gesu     3,      I   |                alla fatidica preghiera del muezzin, sovra la moschea. L’occhio
11593  Fant      4          |                    si trovasse la conserva muffita. L'anno innanzi questo era
11594  Cucc    19           |                  di sporco, di stantio, di muffito, afferrava alla gola.~ ~
11595  LeAm Fiamm,    III   |                 proprio pensiero e il mare mugghiante accompagnava i voli di quelle
11596   Cas    VII          |                    né canto di uccelli, né mugghiare di animali, né stormire
11597   Cap     I           |             macchina, stridente, rombante, mugolante. Riccardo, assorbito, contemplava
11598  Gesu     9,      I   |                  cavalli, carrozze, asini, muletti e lettighe, per chiunque
11599  Legg    13           |             sembravano due aste sottili di mulino sempre in moto. I mulini
11600  Mano     2           |                    fece verso Napoli, egli mulinò continuamente dei progetti
11601 Ventr     3,     3    |           imponente, fremente, multiforme, multaninime, essa ha la vita, essa è
11602  Cucc    12           |          distrattamente, così male, che la multavano: al sabato raccoglieva pochissimo
11603  SGio                 |           sentimenti somiglianti, diversi, multiformi, più forti, meno forti,
11604  LeAm  Sole,     IV   |                alla guerra dell'amore, più multiplo nelle sue risorse di attacco
11605  Erta   Ert,      I   |                    un tappo di sughero, le mummare napoletane, che erano ancora
11606  Gesu     1,     IV   |                     frantumi di alabastro, mummiettine di creta, piccoli scarabei
11607  Fant      1          |               Agnus Dei qui tollis peccata mundi: la voce della cantatrice
11608 Ventr     1,     8    |            trascina dentro il portone, per mungerla innanzi agli occhi della
11609 Ventr     1,     8    |               famiglia, per sorvegliare la mungitura del latte.~ ~Il capraro
11610  Stor     3           |                tale statua essendo ricco e munificente, era stabilito che la mitria
11611  Gesu     4,      I   |               questo luogo era nudo: ma la munificiente pietà di Adelaide de Bossi,
11612 Ventr     3,     6    |            appartengano, come vivano, come muoiano. Eppure hanno madre e padre,
11613  Gesu     7,      I   |              Quando una diletta persona vi muor giovane, uno dei crucci
11614  Erta   Ert,    III   |                    e'Ppuorto~ ~Me vo' vedè muorto.~ ~. ~ ~Il bimbo aveva due
11615 DalVe    31           |                  minuti ed ignoti congegni muovano il grandioso apparato dello
11616  Mano     2           |                     è vero?~ ~— No, non mi muoverò. Nel caso partissi, lascerei
11617 DalVe    17           |              ammirabile la fermezza di non muoverti mai dal tuo posto, ammirabile
11618  Mano     1           |             braccio:~ ~— Signorina, non vi muovete! — ~ ~Il gentiluomo, adesso,
11619  Legg     3           |                    si rifrangono contro il muraglione di piperno con un rumore
11620  Ball    IV           |                  ieroduli che finiscono di murare la pietra sepolcrale, con
11621  Fant      3          |             Carolina, le feste militari di Murat, le feste popolari di Ferdinando
11622  Ball     I           |                ricchi e più artistici, era murato e sulle mura vi eran delle
11623   Cap    II           |               misero correttore, un povero muratorello della stampa, che metteva
11624  Ball     I           |               disposto sotto la lapide che murava la salma. Tutto il tempio,
11625   Cas     II          |                  nella testa, e capiva che muravano sua moglie, nella tomba.
11626  Legg    11           |                  nei vivai diguazzarono le murene dalla brutta testa di serpente
11627 Ventr     1,     6    |             esclama: m'ha fatte bbene pure murenne! Una moglie parla dell'amore
11628 DalVe    24           |             donnent des nerfs~ ~d'acier.~ ~Murger: m.me Olympie~ ~Fosse pure
11629  Fant      3          |           propendeva molto per quelle rose muschiate, che formavano un cespuglio
11630 FiorD      2          |               franca, una robustezza quasi muscolare nella sostanza e nella forma.
11631  Stor     1           |            ginocchia; le gambe erano nude, muscolose, ben modellate, di un bel
11632  Fant      2          |                    buono per gli organismi muscolosi, non per i tenui tessuti
11633   Cap    IV           |                giornalista inglese, secco, muscoloso, una pertica, si posero
11634   Cas     II          |               sorgeva il verde fusto delle Muse paradisiache e le ampie
11635  LeAm Sogno           |                     nelle sue lettere, nel musical suono, in quello che era,
11636  Erta   Ert,     IV   |                    bicchiere di vino: e il musicante ritornava in piazza, a suonare
11637   Cap    II           |                 sempre rimproverato la sua musoneria, lo ascoltava, tutto beato,
11638  Fant      3          |                   l'ago, ne il filo,  il mussolo, ne i ferri,  nulla per
11639  Gesu     9,    III   |                    lui, con la schiettezza mussulmana. — Mi tieni come servo.~ ~
11640  Gesu     8,     II   |              battuto varie volte le truppe mussulmane, principalmente nel 1699,
11641  Gesu     1,      V   |               dirige verso Gedda, il porto mussulmano, per cui tutti i fanatici
11642 Roman     5,    III   |                  di ricci, e torcendosi il mustacchietto incipiente. Emma chinò di
11643  Cucc     2           |              quaresimale, in quaresima; il mustacciolo e la pastiera a Pasqua;
11644 GliAm   Dias          |                  trae questo istinto della mutabilità e, in fondo, egli non inganna
11645 DalVe    31           |                  del poliedro parlamentare mutano di forma e di colore, come
11646  SGio                 |            struggono, senza che ella possa mutarli, rinnovarli; la sua misera
11647 Addio     2,    III   |             medesimo, che nulla varrebbe a mutarlo, mai! Tante volte, nauseata,
11648   Ell      2          |                   vi batteva, sopra, senza mutarne le tinte: un grosso piroscafo
11649 Ventr     3,     4    |                trascorso e i tempi si sono mutati: ma tutto questo è vuoto,
11650   Cas     II          |                 inganni.~ ~— Laura, tu non muterai il destino.~ ~— Lo muterò.~ ~—
11651  Mano     2           |                  ed esaltato.~ ~— Cose che muteranno anche la vostra vita, signore?~ ~—
11652  Mano     2           |                     Però, l'aspetto sempre mutevole di Maria mi attrasse e mi
11653  Gesu     6,     II   |           placidamente, tutte le distanze: mutissimo, il sottile beduino dai
11654  Gesu     6,     II   |                    ricovero, tenuta da due mutole vecchiette russe, senz’aver
11655  Stor     2           |            Mariannina Catalano, la zitella mutriona, molto brutta, che nessuno
11656  Giov     2           |             idillio, togliendosi la parola mutuamente, per dirsi degli antichi
11657   Cap    II           |          prolungava, amichevolmente, nelle mutue confidenze, perchè Vincenzo
11658  Fant      2          |                  stille di sangue: la Rosa Mystica.~ ~Quando aveva finito,
11659                       | n
11660 Ventr     3,     4    |                  centinaja di tali imprese nacquero, vivono e prosperano, senza
11661  Gesu     1,      I   |                   mi sorride, perchè io vi nacqui e perchè lo adoro, il paese
11662  Gesu     7,     IX   |                     che vi deve portare al nadir della terra. Certo, io piansi
11663 GliAm Heliot          |                  tempo della loro dimora a Nagasaki o a Yokohama: dopo, la nave
11664  Gesu     5,     II   |                Nazareth a Gerusalemme, per Nahim, è lunga sei o sette giorni
11665 DalVe    27           |            rimpianto, una sola malinconia, nalla di riposto o di arcano.
11666   Cas      X          |                  di tuye, di piccole palme nane e poi penetrava nel gran
11667  Fant      2          |                    di compassione per quel nanetto meschino. - Caterina mi
11668  Legg     9           |                  fu simile a quei graziosi nani di cui si allietano molte
11669 Roman     4,    III   |                 giuro che mi riproveranno, Nannì: ho un cattivo presentimento.~ ~
11670   Cap     I           |                  offrendogli le sardine di Nantes dell'antipasto.~ ~— Abbastanza,
11671  Gesu     7,      V   |                    passando per la superba Naplousa.~ ~— Voilà les monts de
11672  Fant      3          |                  infantile, a cui il pizzo napoleonico dava un carattere di uomo
11673 Ventr     1,     1    |                    napoletano, sul proprio napoletanesimo, gli si dice. - Sei proprio
11674 Roman     1,    III   |                  che si dannava alla linea Napoli-Ancona-Bologna, ella aveva sessanta dispacci,
11675 Roman     1,     II   |                   un movimento in ufficio. Napoli-prefettura aveva comunicato una circolare
11676  Fant      4          |                   sua gravità di cocchiere napolitano, malgrado avesse sferzato
11677 Roman     1,     II   |                 perchè?~ ~— Per gusto.~ ~— Napolj-Chiaja  la buona notte.~ ~— Mancano
11678 Ventr     1,     2    |                allegri, esso che adorna di nappe e nappine i cavalli dei
11679  Cucc    11           |                 non sei un apostolo falso. Narragli tutto. Lo convertirai forse…~ ~
11680  Fant      2          |                        Io non capisco.~ ~- Narrami come l'amore vi si estingua.~ ~-
11681  Cucc     4           |                giro di visite pomeridiane, narrandogli le cause di un malore febbrile
11682  Legg     7           |              tradizione popolare e voglio, narrandola a voi, consacrarla in questa
11683  LeAm  Sole,     II   |                    tenera ne approfondiva, narrandoli, tutti i dolorosi particolari,
11684  Legg    15           |               crudele e disonesta: voglio, narrandoti la fiammeggiante leggenda
11685 Addio     2,     IV   |                nella pena e avrebbe voluto narrargliela in tutta la sua crudeltà,
11686 GliAm  Angel          |              indifferenti, che credeano di narrarmi una cronaca indifferente.
11687  LeAm Amant,     II   |                        Mi è impossibile di narrartelo: è troppo lungo.~ ~- Dimmi,
11688  Mano     2           |                  tale manoscritto e non di narrarvelo.~ ~— Sta bene, — disse freddamente
11689  Mano     2           |                   emozione nella voce.~ ~— Narratela!~ ~— Non posso, — disse
11690  Fant      4          |                  Poco a poco la voce della narratrice si stancava, si abbassava,
11691 DalVe    31           |                    alla mente dei giurati, narrerà loro le più minute circostanze,
11692  Fant      4          |       sfacciataggine degli innamorati, che narrerebbero al mondo come è tornita
11693   Cap   III           |                    certi diaconi cantavano nasalmente, inascoltati, le antifone
11694 Ventr     3,     5    |                   senso di rispetto grande nasca per questi operai che servono,
11695  Ball     I           |                 fiori di novembre che pare nascano appositamente per adornare
11696 DalVe    25           |                 belle, nuove, ridenti, gli nasceano nel cervello, mille creazioni
11697 Ventr     3,     1    |                    della fortuna pubblica, nascerà, germoglierà, fruttificherà
11698   Cap     I           |                 soggiunse poi.~ ~— Bisogna nascerci, — disse, con una certa
11699  Erta   Ert,     IV   |                 conquista della terra dove nasceste. Voi anche siete italiani.
11700   Ell      2          |                    che la gente istessa mi nasconda e non m'impedisca di vedervi,
11701 FiorD     19          |                 guardarla sino nell'anima, nascondendole la bocca. Ma nessuno ancora
11702  Gesu     5,    III   |                  l’uccisore dei fanciulli, nascondendolo in una piccola grotta. Il
11703  Fant      3          |                     quasi appannata, quasi nascondentesi; ma il suo cavaliere era
11704  Picc     2           |                 gruppi di due, di tre, per nasconderci: ed era una ricerca muta
11705  Mano     2           |              immediata, che io non potetti nascondergli il prezioso deposito che
11706 GliAm Morell          |                   Se io era triste tentavo nasconderlo: mi pareva di averla nascosta
11707   Cas     IV          |                   grigi e soavi occhi, per nasconderne, forse, il velo delle lacrime. —
11708   Cas      V          |                  errore, avevo interesse a nasconderti tutto. Anna è qui. Non lo
11709  Cucc    11           |                   orecchie, per non udire, nascondevo la testa nel cuscino, mordevo
11710  Picc     2           |            Palpitavano i piccoli cuori nei nascondigli; dove erano nascosti due
11711   Ell      2          |                 Son qui, chiuso, nascosto, nascostissimo, come un criminale, come
11712 Roman     2,      I   |             gentiline e rotonde, con certi nasetti all’insù, i capelli ricci
11713 DalVe    30           |                    raggricchiato nella sua nassa inoperosa; alcuni fanciulli
11714  Erta Trent,    III   |                    ricerca era per i dolci natalizi il sosiamello fatto di una
11715  Erta Trent,    III   |             munificenza, quella generosità natalizia sembrano una cosa deliziosa
11716 Roman     1,     II   |                  di trictrac e delle bombe natalizie, salì alla sezione femminile
11717  Mano     1           |            antenate dovevano essere belle, nate al sole della Mesopotamia,
11718  Mano     2           |                  mai lasciato il mio paese natìo! Fu dal giorno in cui lasciai
11719  Gesu     7,     II   |              ritardi naturali in Turchia e naturalissimi in quella perigliosa e odiosa
11720  Fant      2          |                    legno scolpito, dove le nature morte, uccelli, pesci, frutta,
11721 DalVe    24           |                géneral, se méfier~ ~de ces natures phthysiques,~ ~l'amour et
11722  Gesu     5,     II   |                VIRGINE MARIA JESUS CRISTUS NATUS EST. Le ginocchia si piegano
11723 Addio     1,    VII   |                  rovina delle sue speranze naufragate. Anelava di arrivare presto,
11724 GliAm  Sorel          |                     avevi un onore, esso è naufragato: sei un'anima fine e molle,
11725  Cucc    11           |                 atto dove ancora una volta naufragava la dignità di Carlo Cavalcanti?
11726 DalVe    25           |                Luisella, una bruna e forte Nausicaa del Vomere, aveva portato
11727   Cap    IV           |                   di Capuana, di Verga, di Navarro, i versi di Stecchetti,
11728 Roman     2,     II   |                regio avviso Cariddi, sulla nave-trasporto Vedetta, sulla corazzata
11729 Addio     1,    VII   |                   battere le tele, come se navigassero per l'ampio mare cerulo:
11730  Gesu     1,      I   |                 tempi, vissuta, mentre non navigaste mai; ma questa piccola umanità
11731   Cap    VI           |                 pazzo, gironzai attorno al Naviglio, per buttarmivi. Ma non
11732   Cas     IX          |                    moto giusto ed alterno, navigò verso la Chimera, portando
11733  Gesu     8,      I   |                   che deliziano le colline nazarene, ho passato i giorni più
11734  Gesu     8,      I   |                    mondo: sono di tutte le nazionalità, ma in gloria di S. Francesco,
11735  Gesu     9,      I   |                    Nazareth, con il breack nazzareno-tedesco di Giorgio Suss, un carrozzone
11736  Erta   Ert,    III   |                   serra-serra,~ ~Voglio fa nchiude tutto lu Mercato,~ ~Voglio
11737  Ball    II           |                  Ma noi avevamo il male di ndì ndo! — finse di piagnucolare
11738  Ball    II           |                 noi avevamo il male di ndì ndo! — finse di piagnucolare
11739  Legg    12           |             iscrizione: Joseph Sammartino, Neap., fecit, 1753. E più nulla.
11740   Cap    IV           |                  Chigi. Piazza Colonna era nebbiosa assai e bizzarra assai,
11741 Ventr     2,     1    |                  soffietto, o collocava il nècèssaire da viaggio sulla via Marina,
11742 Ventr     3,     5    |               lavoro e molta pazienza sono necessarî a portarvi dei rimedî. Riveriamo
11743  Gesu     9,     II   |             incoraggiarvi, darvi quanto vi necessita, alla vita materiale e a
11744   Cap    IV           |                     chiudendo anche la sua necrologia in una busta gialla e scrivendovi
11745  Mano     1           |          miserabile impostore, questo uomo nefando, dalla mia casa.~ ~— Signore,
11746 DalVe    25           |                   tutte le bellezzine ed i nefasti in cui sbucano le..... altre:
11747  Mano     1           |                 peggiore nemico, un essere nefasto e terribile: e in quella
11748  Mano     1           |                    ascoltarlo: non mi puoi negar questo!~ ~— La sua vista
11749   Cap   III           |                   giudicando che non potea negargli questo piccolo favore: ma
11750 Ventr     1,     7    |                  nessuno ha il coraggio di negarle i quattrini: l'onestà del
11751   Inf   ZigZ          |                 perchè, anche, era inutile negarsi, anche perchè Carlo era
11752  Stor     1           |                     avete ragione, chi può negarvelo? Ma io sconterò tutto, ve
11753  Mano     2           |                   leggetela.~ ~— Non posso negarvi che sono molto turbato e
11754   Ell      3          |                    sentendo che non poteva negarvisi e avendo, nel suo semplice
11755 DalVe    17           |                   basta che non ci vengano negati i nostri cari spettacoli.
11756  Fant      4          |               produceva quella impressione negativa che fa l'assenza del sesso;
11757  Stor     1           |              rispondere, affermativamente, negativamente, interrogò, a sua volta:~ ~-
11758  LeAm  Sole,    III   |               mancati erano tante vittorie negative, è vero, ma vittorie, sul
11759  Cucc     8           |                    per dire un monosillabo negativo: la voce non lo pronunziò,
11760  Stor     1           |                Bari, dove i suoi coloni si negavano di pagare i fitti, ed ella
11761  LeAm  Sole,      V   |                    d'amarmi e un giorno lo negavi. Quando è che mentivi?~ ~-
11762  Cucc    11           |                 occupato?~ ~- No.~ ~Le tre negazioni erano state pronunziate
11763   Cas     VI          |                  inverosimiglianza e nego. Negherò sempre. Morirò così, poiché
11764 Roman     4,      I   |                   voci di quelle cinquanta neghittose e annoiate che a nulla pensavano
11765                       | negl'
11766   Cas    III          |                   sopra una testolina, con negligenza, egli non scorgeva che degli
11767 Roman     3,    III   |                    casa Maquay Hooker, che negozia in baccalà, dirigeva la
11768  Cucc    13           |               Oramai la sua mite gloria di negoziantessa ricca, che se ne sta in
11769   Cap   III           |                  che glielo confidasse per negoziarlo; la vita è un romanzo, un
11770  Mano     2           |                   agiatamente, poichè Mosè negoziava di pietre preziose, specialmente
11771 Addio     1,     IV   |                    dovuto udire Fraschini, Negrini, Nourrit... ai suoi tempi –
11772 Ventr     1,     5    |                cabala, studiano la scienza negromantica del lotto, giuocano disperatamente
11773  Ball   III           |                nella fabbrica di filati O. Neilly, che, come sai, sono soci
11774  Gesu     7,      X   |                 cima col passo lieve? Chi, nellombra, parla nel vostro
11775 Virtu     5           |                    da andare ai Coronari e nemmanco ci son potuta andare. Se
11776   Cap    IV           |                   vacuità, ove non c'è più nemmen spirito, ove non c'è nulla,
11777  LeAm  Sole           |                    IL SOLE.~ ~ ~ ~A Enrico Nencioni.~ ~ ~ ~
11778 Roman     3,     II   |                  voci cantanti, con lunghe nenie sentimentali: per tutto
11779 FiorD      9          |                Altro segno particolare: un neo castano, vezzoso, sulla
11780   Cap    VI           |                     Pare a voi, mormorò il neo-avvocato, tutto pensieroso.~ ~— A
11781  Mano     2           |                fosse addormentata. Lei, la neocristiana, non potè riprender sonno;
11782 Addio     1,     VI   |             prostro e con la fede, non del neofita, ma del martire che ha già
11783  Cucc     2           |                   sguardo, col sorriso, la neonata rosea che dormiva placidamente, -
11784  Fant      3          |                   inganno, di malafede, di nequizia.~ ~- Amore, lascia queste
11785 FiorD     20          |                    le altre, è vera.~ ~ ~ ~Nereggia l'isola di Santa Maura.
11786 Addio     1,     IV   |                    dalla fittissima platea nereggiante di folla, alle estreme altitudini
11787   Cas      I          |                   dagli spilloni di perle, nereggiavano le brune trecce della morta,
11788 DalVe    24           |               jalousie~ ~leurs donnent des nerfs~ ~d'acier.~ ~Murger: m.me
11789 GliAm Vincen          |                  di Vicenzella si facevano nericcie, mentre ella formava dei
11790  Picc     4           |                nome che Leopardi ha amato: Nerina. E in tutta la persona di
11791  Ball    II           |                   soglia della sua bottega nerissima di carbone, da don Santo
11792   Cap   III           |                 Spinola, ma le sue perline nero-azzurre luccicavano, come metallo
11793 DalVe    24           |            sottolineati da quelle occhiaie nero-violacee che fanno pena al cuore;
11794 Roman     1,     IV   |                  era disteso un waterproof nerognolo, chiazzato da larghe macchie
11795   Cas     VI          |                   vi era la principessa di Nerola, alta, magra, scarna, fantastica,
11796  Erta   Ert,     VI   |                  le ginocchia con le mani, nerovestita, coi capelli un po' sciolti
11797  Cucc    15           |              sangue impoverito e di quella nervatura frizzante: intendeva soltanto,
11798 DalVe     7           |                   fera?~ ~Nous, vieillards nès d'hier, qui nous rajeunira?~ ~
11799 Addio     1,      I   |                   per vestirsi, senza fare nessunissimo rumore, rappresentava un
11800 Ventr     2,     4    |                dovere oscuro ma preciso di nettare le vie, alla meglio, come
11801  Gesu     8,      I   |                aerate, imbiancate a calce, nettissime: hanno un bel letto bianco
11802  Legg     4           |                  Medina sono le lagrime di Nettuno, innamorato di una bella
11803   Cap     V           |                    la soverchia diffusione neutralizzava l'influenza del giornale,
11804 FiorD      6          |                   amici offrono un terreno neutro agli innamorati infelici.
11805  Erta   Ert,    III   |                    lo chiamavano Ciccio il nevaiuolo. Costoro, per spezzare il
11806 Addio     1,     IV   |                   furore, mentre il nobile Nevers, il marito di Valentina,
11807   Cas    III          |                  meli tutti fioriti di una nevicata leggiadra di fiori, fra
11808 FiorD     16          |               finestra: io, alla finestra. Nevicava; non sentivamo il freddo.
11809 DalVe    23           |                scatola. Questa pioggerella nevischiata di fiorellini bianchi, che
11810 DalVe     9           |          sconfinate pianure, alle montagne nevose, a tutti i liberi svolgimenti
11811  LeAm Amant,    III   |                 mai. Ma egli attribuì alla nevralgia tutti quei fenomeni e uscì.
11812  Mano     2           |                ipnotismo le grandi signore nevrotiche, e i gentiluomini chiusi
11813  Fant      5          |               ritorno prima. Debbo andare, nevvèro?~ ~- Certo. L'aria ti farà
11814   Cap     I           |                 che fosse un redattore del New-York Herald. Nell'anticamera,
11815  Mano     2           |                    e raggiungendo, infine, Newport, Liverpool, donde partirete
11816  Erta   Ert,    III   |               dorme e chi veglia,~ ~Chi fa nfamità!~ ~ ~ ~Sottovoce cantava,
11817   Cas     IV          |                     dans cet heureux pays. Ni l’ombre du palmier... cantava
11818  SGio     1           |                    dagli stalli, da quelle nicchie nere dove le ombre nere
11819  Cucc     2           |                    Bambino Gesù, nella sua nicchietta; e nella stessa stanza coniugale,
11820  Picc     1           |                 che il popolo chiama Pesce Niccolò, poi saliva per Mezzocannone,
11821  Cucc    19           |                sette lire e un orologio di nichel, che non si può impegnare.
11822  Cucc    14           |              cavando un brutto orologio di nichelio, di quelli che non si potevano
11823  Giov     2           |                    impegnare l'orologio di nichelle?».~ ~«Se non ci ero io,
11824   Cap     I           |                   silenzio, di aridità, di nichilismo che fa simile, ogni sera,
11825 FiorD     20          |                   il confidente d'amore di Nicolaki Stavro, fratello di Calliope:
11826  Picc     3           |             Concetta di Raffaele Palmese e Nicoletta di Peppino Morra che avevano
11827 Roman     3,     II   |                    sul lamento desolato di Nidia. La dolcezza della sera
11828  Gesu     2,     II   |                  di erbe parassite, e dove nidificano centinaia di garruli uccellini.
11829  Gesu     9,     IV   |                   uccelletti, che vi hanno nidificato e che niuno disturba. Nel
11830 DalVe    32           |                   si andava per ridere, si niegasse alla gioia. Ora ella parlava
11831   Cas   VIII          |             cangianti, dalle grandi fibbie niellate, dalle ampie maniche cadenti
11832  Erta Terno,      I   |                         E nient'altro?~ ~— Nientaltro.~ ~— Vedi bene che non vi
11833 DalVe    10           |                    alla x incognita, fa il niffolo e rifiuta.~ ~ ~ ~Malgrado
11834  SGio     3           |             capelli biondi ricciuti che le nimbavano la fronte; portava una vestaglia
11835  Fant      3          |               punto, presso la sponda, una ninfea era salita dal fondo e aveva
11836  Ball    IV           |                  dello spettatore: Carmela Ninino dalla quinta a destra, danzando
11837 Ventr     1,     9    |                stivaletti, canticchiava la ninna nanna per i due bimbi; mentre
11838  Erta   Ert,    III   |                    stanno e'ccancelle,~ ~E'ninne chiù belle~ ~Llà stanno
11839 GliAm Heliot          |              scansie, le sue mensole, ogni ninnolo piccolo, come ogni grande
11840 Virtu     4           |                   si spende: è una rovina, ninuccia mia. Faccio una quantità
11841 DalVe    28           |                   e saldo soprabito che la nipotina ha spazzolato con cura,
11842 Pagin     3           |                 che godranno i nostri cari nipotini. In fondo, ne vieni fuori
11843  Mano     2           |                ambulanti cantavano Capille nire e Carmela; e, ora, tutto
11844  Erta   Ert,      I   |                  isola si chiamava Nisida, Niseta.~ ~— Bella, bellaesclamavano
11845   Inf    Inf          |                 sognante, mai vago: ha una nitidità, una precisione, che taglia
11846  Fant      3          |               della giumenta e le risponde nitrendo e sferzando con la coda
11847 Ventr     1,     1    |                   di piombo fuso, di acido nitrico, di acido solforico.~ ~Varie
11848  Gesu     1,      I   |                così legata, deve soffrire. Nitrisce, spesso: scalpita. A ogni
11849  Gesu     7,      I   |                    cavallucci scalpitano e nitriscono: è Giorgio Suss, il cocchiere,
11850  Fant      3          |                  giorno. Si udivano pure i nitriti frequenti delle bestie condannate
11851 Addio     2,     IV   |                iridato, prese un fascio di nivee rose dal cuore roseo, fini
11852 Addio     1,    VII   |                  bagnava dei suoi biancori nivei la campagna, le case e il
11853  Erta   Ert,      I   |               nnamurato~ ~M'a lassato e se nn'è ghiuto!~ ~ ~ ~Ogni tanto,
11854  Erta   Ert,      I   |               songh'e velluto~ ~E o primmo nnamurato~ ~M'a lassato e se nn'è
11855 Ventr     1,     6    |                    almeno ce refrescasse a nnuie, che simmo vive. Salvatore
11856 FiorD     19          |                  con la linea orgogliosa e nobilesca di un naso aquilino. Era
11857  Cucc    10           |                    l’argento, degli arazzi nobileschi, era la festa che faceva
11858 Addio     1,      V   |               simpatia. La rigorosa regola nobiliare inibisce ogni colloquio,
11859  Stor     2           |            passanti, dando loro dei titoli nobiliari, una piccola donna dai capelli
11860 DalVe     5           |        costituzionale che insulterà quello Nobiling di una socialista, la lotta
11861  Gesu     7,     XI   |                     non conosceva la virtù nobilitante del dolore e questa forma
11862  Cucc    14           |                    di signori, e che parea nobilitato da tanta compagnia. - buona
11863  Legg    15           |             potremo dare: il lavoro che la nobiliti, il commercio che l'arricchisca,
11864   Cap    II           |               serenità augusta della morte nobilitò quel misero volto di lavoratore.~ ~
11865 Roman     3,      I   |                    che era scappata con un nobilotto spiantato e che vivucchiava
11866 Addio     2,      I   |                 Infine, pian piano, con le nocche delle dita, ella bussò due
11867 Roman     2,     II   |                   di brillanti grossi come noccioli, lusso permesso solo ad
11868  Gesu     2,     II   |               odoroso, da quello fatto con nocciuoli di ciliegia a quello fatto
11869 Ventr     1,     6    |             matematica che abitano al vico Nocelle dodici, o a San Liborio,
11870  Picc     3           |           relazione amorosa con Rosella di Nocelleto: erano spariti dalla dispensa
11871 Addio     2,     IV   |                    rettorica diventa assai nociva agli altri, e questo non
11872  Stor     1           |                   di metalli e di minerali nocivi. E in tutto questo, solo
11873  SGio     4           |                 povertà, dal cibo scarso o nocivo, dai giorni senza pane,
11874 FiorD      6          |                   suoi giri rapidi, i suoi nodellini brevi, tutt'assorta in quella
11875 Roman     4,     II   |                lane, cavare una mano tutta nodosa e rossa dal guanto, scrivere
11876  Legg    13           |                sassate, in mano un bastone nodoso, dal pomo grosso come quello
11877  Mogl 10Mus           |                    ALLA DECIMA MUSA.~ ~ ~ ~Noél, noèl! liesse, liesse!~ ~ ~ ~
11878  Mogl 10Mus           |                   DECIMA MUSA.~ ~ ~ ~Noél, noèl! liesse, liesse!~ ~ ~ ~Sopra:
11879 DalVe    28           |              nipoti e serve; certe vetture noetiche con qualche rispettabile
11880 FiorD     11          |                     Ci maritano molto bene noialtre ragazze...~ ~- Tu amavi
11881 FiorD      7          |                   in massima generale, che noialtri uomini abbiamo torto a pigliarvi
11882 Pagin     6           |                    Philoxera Bozzettistica Noiatrix, inclinazione morbosa che
11883  Ball     I           |                   giovanissima duchessa di Noja; ma il tempio eretto alla
11884                       | nol
11885 Ventr     2,     2    |               piazza Mercato, sino a porta Nolana. Alle spalle? Via Niccola
11886   Cap     I           |            imparata tutta la convenzionale nomenclatura delle pietanze: egli si
11887  Picc     8           |                    nelle spalle quando gli nominano il Vesuvio o la gondola.
11888  Stor     4           |             neppure consolarlo, non osando nominargli né la fuggiasca che gli
11889  Cucc     1           |                  non sono degna neppure di nominarla, ma all’Addolorata che capisce
11890  Cucc    11           |                 Cavalcanti si asteneva dal nominarle il dottore: la fanciulla
11891  Cucc    20           |                         Vi ho detto di non nominarmi mai quell’infame! - esclamava
11892 Ventr     2,     3    |                popolari, non parlo; dovrei nominarne a centinaia. Ciò è immondo;
11893  Cucc    19           |           appartenergli e i suoi figli non nominassero più il suo nome? Ah era
11894  Mano     1           |              Ranieri Lambertini. …~ ~— Non nominatelo! — gridò lei, facendo un
11895  Fant      2          |                 altri?~ ~- Anche.~ ~Non la nominavano, ma s'intendevano subito.
11896   Cap    VI           |                 biasimo. Le amicizie cogli nomini politici? Schiavo dovete
11897  Ball   III           |            interrogava, sempre curioso, ne nominò qualcuno.~ ~— Il conte di
11898  Fant      4          |                   mettere in ordine, tante noncuranze da riparare, tanti progetti
11899  Legg    13           |           giovinetta si forma la madre, la nonnina che ricorda il suo giocondo
11900 Ventr     2,     3    |                  con la cucina. Irrisione! Nonsenso! Non vi è pescatore, non
11901 Ventr     3,     1    |                   stato paggio del duca di Norfolk ed era in giovinezza, tanto
11902  Ball    II           |                 una recita e l’altra della Norma e del Faust, fra una riproduzione
11903  Mano     1           |                 ripreso le sue occupazioni normali, a Roma. Ma a traverso le
11904 GliAm Heliot          |                    pianura. Ella non visse normalmente, come tutte le altre donne,
11905 Ventr     1,     5    |                 etrusche, arabe, saracene, normanne, spagnuole, per cui questo
11906 Roman     2,    III   |                   combattuto sotto Ruggero Normanno. Giulia Capece ed Eugenia
11907                       | nos
11908 DalVe    21           |                    che legge è preso dalla nostalgìa della strada, della nebbia,
11909 Ventr   int           |              tenera e dolente: espressione nostalgica e triste di un ideale di
11910 Roman     4,     II   |                   che ella adopera il filo nostrano? Non lo sa che deve adoperare
11911 Roman     3,     IV   |               cinquant’anni era capitano e notabile del quartiere Porto.~ ~Per
11912  Ball   III           |                Gabriele ebbe l’aria di non notarlo e proseguì:~ ~— Ve lo dico
11913  Legg     2           |                  domato e morto. Anzi è da notarsi che, sebbene la città fosse
11914   Cas   VIII          |                  sui suoi alti seggioloni. Notatelo: non balla, non passeggia,
11915  Fant      3          |                  Senza far nulla? Tutti lo noteranno.~ ~- Chi volete che guardi?
11916 GliAm Stresa          |                    spiegarmi meglio, e voi noterete se vi è contraddizione.
11917  Fant      3          |             esserci capitate.~ ~Le persone notevoli erano la moglie del colonnello,
11918  Gesu     7,    III   |          predicatore francese, a Parigi, a Notre Dame-des-Victoires, lo sapeva
11919  Mano     2           |                    sapemmo che egli teneva notturnamente conciliaboli con gente sconosciuta
11920 Addio     1,     IV   |                  udire Fraschini, Negrini, Nourrit... ai suoi tempidisse
11921  LeAm Fiamm,      I   |                 crudele esitazione, l'idea novamente feroce di spezzare quell'
11922 Roman     5,    III   |                  rispose Federico. — Aveva novant’anni o centoventi, forse.~ ~—
11923  Gesu     2,    III   |                lunghezza, sovra un metro e novantatre centimetri di larghezza.
11924  Fant      1          |                dote il dominio di Tortona, Novara, Vercelli, Alessandria;
11925  Stor     1           |               poteva diventare, quindi, un novatore, Domenico Maresca, il pittore
11926  SGio     2           |                    e io pure! Hai sciupato novecentocinquanta lire: e qui ci sfrattano
11927 Pagin     3           |                    condottiero di ventura, novellatore di amore, ghibellino, petrarchesco
11928 DalVe    20           |                   nel gaio epicureismo dei novellatori trecentisti, nel superbo
11929 DalVe    17           |                pittorucci, gli episodi dei novellieri; come potevi resisterci?
11930   Cap   III           |               ammirazione, gli mandava una novellina, Fior di mughetto, sperando
11931 DalVe    20           |                    brevi, divertenti, alle novelline in due numeri, ai lavoretti
11932 DalVe    31           |                sorridono di compassione, i novellini d'incredulità. E l'ansietà
11933   Cap    IV           |                 lire al mese.~ ~— Mettiamo novemila lire l'anno, — calcolò ancora
11934 Roman     4,     II   |                   tutti i tridui, tutte le novene, tutti gli ottavari, nelle
11935  LeAm Fiamm,      I   |                   autunno è apportatore di novi, profondi turbamenti alle
11936   Cap    IV           |                  col Direttore della Banca Nozionale, col Presidente della Società
11937  Erta Trent,      V   |             cattivi istinti si palesavano, nudamente, crudamente: e i sacri vincoli
11938   Inf    Inf          |              purissima essenza spirituale, nudrita di amor puro. Solingamente,
11939 DalVe    27           |               vento crepuscolare sollevava nugolette di sabbia; sulla spiaggia
11940  Mano     2           |               inglese e ne cacciava larghi nugoli di fumo. Ranieri Lambertini,
11941   Cap   III           |                     si trovò avvolto in un nugolo di polvere che lo fece tossire.
11942   Ell      2          |                     sono disposti i bonnes nuits contenenti le camicie da
11943 Ventr     1,     1    |                  istrada, la notte; quanti nullatenenti e quanti commercianti vi
11944  Gesu     9,     IV   |               mobili, in tutti i cassetti: numerai i grandi e piccoli bagagli:
11945   Cap    II           |              qualche lettera male scritta, numerando le cartelle, piegandole
11946  Erta   Ert,     IV   |                    lire e settanta.~ ~Ella numerava i denari, sogguardando il
11947   Cap    VI           |           litografo per certe incisioni di numero-strenna, pubblicate un anno e mezzo
11948  Stor     3           |                  giorno. E i Dentale erano numerosissimi: se ne scovrivano ogni giorno
11949  Stor     2           |                        Angelus Domini, qui nunciavit Maria...~ ~Domenico si era
11950  Ball   III           |                    il giardino del palazzo Nunziante, i cui cancelli erano tutti
11951   Cap     V           |                    le ambizioni personali, nuoce alla diffusione del giornale.~ ~—
11952  Stor     1           |               piccola coppa di argento ove nuotano i suoi due occhi, ed ella
11953  Gesu     6,    III   |               evitare i colpi di sole: per nuotarvi, bisogna arrivare a tener
11954 FiorD     11          |        Castellammare ho preso il bagno, ho nuotato, ho ballato moltissimo;
11955  Legg     3           |                 quelle acqua un giovanetto nuotatore bello e gagliardo, vinto
11956  Cucc    10           |                    recisa, buttata in mare nuotò da Pozzuoli a Napoli, cosparso
11957 Roman     1,    III   |                 sviluppato in loro qualità nuovissime. Si soccorrevano, con amore,
11958 Addio     2,    III   |                  trattenuto oltre l'usato, nutrendo la vaga, ma insistente speranza
11959  Cucc    20           |               febbre tifoide che l’ardeva, nutrendola fortemente, ma senza ottenere
11960   Ell      2          |                   a cui, quasi, non tocco, nutrendomi di caffè, di the, di qualche
11961  Cucc     1           |              mangiare, di bere, di fumare, nutrendosi vividamente delle visioni
11962  Cucc     2           |               profonda, delle madri per le nutrici delle loro creature.~ ~-
11963 Ventr     1,     9    |                  legumi, o risotto, grosse nutrienti minestre. Fu lungamente
11964  SGio     3           |               Maria Laterza avrebbe potuto nutrire la sua creatura, anche se
11965  Legg     9           |                suore lasciarono la madre a nutrirlo e curarlo. Ma col tempo
11966   Inf    Inf          |                    di questi puri elementi nutrisce con compiacenza l'anima
11967 Ventr   int           |                  desiderio di bene che Voi nutrite, per la città mirabile,
11968  Fant      2          |              concepiti, il latte che li ha nutriti, perchè agitino le braccia
11969  SGio     4           |                    giorni, per mancanza di nutrizione; altre gialle e gonfie per
11970 DalVe    28           |                  ricompensato, a quanti si nutrono di solo pane per sette giorni:
11971   Cap   III           |                     Poi, seccato da quelle nuvolettine di polvere che Gregorio
11972   Cap     I           |              italiane, Riccardo sollevò un nuvolo di polvere, tossì: Paolo
11973 DalVe    25           |                  lei e scacciare il grosso nuvolone e rivederne il contento
11974  Cucc    12           |                 sotto la scura cortina dei nuvoloni: e tutti gli stabilimenti
11975   Ell      2          |                     da Ginevra a Evian, da Nyon a Montreux, a Territet:
11976  Cucc    12           |                cavar le lire da Raffaello, o’Farfariello: ma che per questi
11977 DalVe    31           |               miraggio celeste e fatale, l'oàsi del deserto, l'unica meta
11978  SGio     1           |              privazioni, agli stenti, alle obbedienze più cieche: aveva vissuto
11979  Mano     2           |                         Allontanati. — ~ ~«Obbedii. La vidi attraversare l'
11980  Mano     2           |                  signora. …~ ~— La signora obbedirà.~ ~— Vostra Eccellenza sa
11981  Cucc    16           |                   fatta stridula.~ ~- E vi obbediranno, credete?~ ~- Come è certa
11982  LeAm Sogno,     II   |                    stato qui, tre mesi per obbedirla.~ ~- Ah, va bene, ho inteso -
11983  Mano     2           |                  in mezzo alla stanza, per obbedirle; così mi aveva ordinato
11984   Cas     VI          |                    di allungare il pranzo, obbedirono passivamente alla premura
11985 Addio     2,     IV   |               soggiunse:~ ~– Io non voglio obbedirti.~ ~– Oh tu verrai! – esclamò,
11986  Mano     2           |                      E che debbo fare, per obbedirvi?~ ~— Volevo dirvi qualche
11987 Addio     2,     IV   |                 ora, macchinalmente, quasi obbedisse a una voce ch'ella sola
11988  Mano     2           |                 perchè era certa di essere obbedita. Ma di fronte a quell'angosciarsi
11989  Fant      2          |                         Ma signorina.... - obbiettava l'altra.~ ~- No, no, lasciatemi
11990  Cucc     6           |                allora me li darebbe lui, - obbiettò lo sciancato. - No, no,
11991 Ventr     3,     7    |                 popolo, che fugge via, per obbliarne l'esistenza e crede che
11992 DalVe    31           |                  porrà in luce particolari obbliati, sarà sobrio, evidente,
11993   Inf    Inf          |              questo amore, nell'abbandono, obbliava le oramai lontane feste
11994 DalVe    24           |               molta disinvoltura: quei due obbliavano affatto la presenza della
11995   Ell      1          |               freno. Io dal minuto che non obblierò mai, in cui vi ho vista,
11996 Addio     1,     VI   |               Stella, prendendole le mani, obbligandola a sedersi.~ ~– Non posso
11997   Cas      I          |                imbarazzandogli il respiro, obbligandolo a sospirare profondamente,
11998  Erta   Ert,    III   |                  che fanno qui: non voglio obbligarli a più tristi bisogne. Vorrei
11999 Addio     2,     IV   |                  umano, sii cristiano, non obbligarmi a dire questo!~ ~– Le tragedie
12000   Ell      3          |              dunque? Siete libera: chi può obbligarvi, anche senza dirvelo, a
12001 Addio     1,    III   |                  parentele, delle amicizie obbligatorie? Tutore, Cesare Dias, che
12002  Giov     1           |              professore d'inglese, sorrisi obbligatorii, poiché il professore le
12003   Cap    VI           |                    Vi ho fatto firmare una obbligazione per domani: e domani, se
12004   Cas      I          |                   in questa camera, non mi obbligherebbe a chiedere perdono; se dovessi
12005   Inf    Inf          |                   refrigerio, distrazione, obblìo? Chi ti consolerà?~ ~- Dio!
12006  LeAm Amant,     II   |                   Adele, dando un'occhiata obbliqua al manoscritto.~ ~- Sessantacinque.~ ~-
12007  Gesu     5,      I   |                   con gli occhi socchiusi, obbliquamente: e le loro bocche sono grandi
12008 Roman     3,      I   |                   labbra, e certe occhiate obblique di prima attrice giovane~ ~
12009   Cas      I          |                   glaciale e la corruzione obbrobriosa, e si era prostrata innanzi
12010  SGio     4           |                soverchia grassezza; alcune obese, sformate. Una era ributtante,
12011  Gesu     7,     II   |                 écrit de partout, pour des objections phylosophiques et morales.~ ~—
12012  Erta Trent,      V   |                   di monache, un ritiro di oblate, un educandato di ragazze,
12013  Gesu     1,      I   |                    le ore della partenza e oblia il lungo itinerario, il
12014  Stor     3           |                 alle speranze, isolandolo, obliandolo, come se egli mai fosse
12015   Inf    Inf          |                 dimostrato che gli anni si obliano, quando si ama; che tutte
12016 Addio     1,     II   |                        Non abbastanza, per obliar tutto in questo amore: te
12017  Gesu     9,    III   |                           Ma chi potrà mai obliarti, o mio dragomanno di Soria,
12018  Legg     5           |                  foste, Donn'Anna.~ ~– Voi obliaste ogni ritegno, ogni pudore,
12019  Cucc    11           |              apparire, quasi sempre subito obliate, tutti i mille affetti,
12020  Legg    10           |                   pazzamente i suoi averi, obliava le prerogative della sua
12021  Mogl  Silv,     II   |                  una felicità grandissima. Obliò tutto, la vigilanza, le
12022   Cas      V          |                falso spavento, sorridente, obliosa, ritorna qui e vieni a domandarmi
12023   Ell      3          |            maestoso appartamento e, infine obliquando, per un'ora, intorno a voi,
12024  Gesu     7,   VIII   |                  il cavallo è in una linea obliquissima e il cavallaro, ogni momento,
12025 Roman     3,     II   |             meravigliosa potenza visiva di obliquità, che solo le fanciulle possiedono.
12026  Stor     1           |                 rallentò, divenne incerto: obliquò, a diritta, verso la chiesa
12027 Ventr     1,     4    |                  sorelle grandi chiedono l'obolo ai passanti, un po' ridendo,
12028  LeAm Amant,     II   |                Spada si vantasse della sua ocaggine.~ ~- O cara ochetta sentimentale
12029 GliAm Marqui          |               detto che ella non conosceva occaso. Cristina, chiamata, non
12030  Mogl Inter,    III   |                    avanti, Emma rivolse un'occhiaia desolante al marito, occhiata
12031  Mogl CoBor           |                 Pasqualina, e le rivolgeva occhiale lunghe e languide: Pasqualina
12032   Ell      2          |            giardino, innanzi all' albergo. Occhieggia, il lago chiarissimo, fra
12033 Addio     1,    VII   |                     dove le bianche statue occhieggiano tra le foglie e dove le
12034  LeAm Sogno           |                    alla riva, lunghissima, occhieggiante, come mille specchietti
12035 DalVe    25           |               abbuonati delle poltrone che occhieggiavano coi palchi: amore dappertutto
12036   Cap    IV           |                  testina di vipera e dagli occhiolini di pesce; due giovani sposi
12037  Cucc    12           |                dolci frasi o gli schiaffi, occorrendo, che arrivava a cavar sempre
12038   Cap    IV           |             provvederemo alla meglio. A te occorreranno pel viaggio.~ ~— Bene, prendo
12039  Ball    IV           |                Raffaele Scarano per quanto occorresse, a prima mattina, e cinque
12040  Mano     2           |               stranissimo caso che gli era occorso.~ ~— Lui! Proprio lui! Misero,


100-allor | allri-assue | assum-buche | buco-clini | cloac-costr | costu-dispu | dissa-farse | farte-giuda | giude-incom | incon-isbar | iscal-masto | mastr-occor | occul-pietr | pigia-rabbr | rabuf-rifec | rifer-salen | salia-semi- | semib-spari | sparl-tasto | tatti-vanta | vanti-zurol
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on touch / multitouch device
IntraText® (VA2) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2011. Content in this page is licensed under a Creative Commons License