100-allor | allri-assue | assum-buche | buco-clini | cloac-costr | costu-dispu | dissa-farse | farte-giuda | giude-incom | incon-isbar | iscal-masto | mastr-occor | occul-pietr | pigia-rabbr | rabuf-rifec | rifer-salen | salia-semi- | semib-spari | sparl-tasto | tatti-vanta | vanti-zurol
                             grassetto = Testo principale
                             grigio = Testo di commento

16043  Gesu     7,   VIII   |             quietamente: il tempo stringe. Saliamo a cavallo per il lago di
16044   Cas     IX          |              estreme parole di saluto, che salian dall’anima, desolatamente.
16045  Mano     2           |                    chiama Tom; basterà che saliate nella carrozza, dicendogli
16046  Ball   III           |                sera, quando ti lasciai, vi salii un momento, per vedere se
16047 Roman     3,      I   |                  era l’una: un acuto odore salino, il cosidetto odore di scoglio,
16048  Ball   III           |               aveva domandato di lasciarlo salir sopra, un poco, non per
16049  Fant      5          |              appartenerti? Non capisci che salirei alla più alta felicità essendo
16050   Cas     VI          |                        Se passa gente?~ ~— Saliremo lassù, sul piazzale — e
16051  Mano     1           |                   una cosa gravissima.~ ~— Salirò con voi, — soggiunse il
16052   Cap    VI           |                    carta, guardava il fumo salirsene al soffitto. Antonio Amati
16053   Cas      I          |               occhi, almeno, almeno adesso salissero le lacrime. No: ella era
16054  Fant      5          |                   sono baciati, mentre noi salivamo avanti. Sul terrazzino,
16055  Ball     I           |                   a nessuno di costoro che salivan con lei: quaranta, cinquanta
16056  Gesu     7,     II   |                   sotto la pergola, mentre salivo in carrozza:~ ~— Vous avez
16057  Gesu     6,     II   |                   senza sentirla pesante e salmastra al palato? Il più vivo istinto
16058 Ventr     1,     4    |                   immagine della Madonna e salmodiano? La superstizione del popolo
16059  Cucc    10           |                  fondo brillava, si udì un salmodiare grave grave, e la testa
16060 Roman   Pre           |             Germinie Lacerteux, di Manette Salomon, della Faustin ha potuto
16061 GliAm  Sorel          |                  era fermato nel hall, nel salone-serra, tutto coperto a cristalli
16062  LeAm Fiamm,    III   |                    frangendosi. Nel grande salone-terrazza, non un'anima; solo il custode
16063   Cas     IX          |               spezzare il muretto.~ ~— Sta salpando, vede, Eccellenza?~ ~Difatti,
16064  Mano     2           |            Guglielmo il Conquistatore, noi salpavamo silenziosamente a traverso
16065  Mano     2           |                   E non vi chiederà altro. Salperete dopo mezz'ora, avendo, da
16066  Ball   III           |                    tagliato a metà e delle salsicce da cuocersi, dei latticini,
16067 Roman     5,     II   |                 braccia simili a colossali salsiccioni. E subito, con un sospiro,
16068 GliAm Gerald          |              infilare quelle dita simili a salsicciotti nei guanti di seta, di camoscio,
16069 Virtu     2           |                    da Stella, e mancava la salsiera e l’insalatiera: sarebbe
16070   Ell      2          |             partita, due giorni prima, per Salsomaggiore, a una cura di acque e,
16071  Gesu     6,    III   |                   che possa resistere alla salsura del lago d’Asfaltide: talvolta,
16072 Virtu     5           |               botto solo, come mosso da un saltaleone, non le faceva più paura;
16073  Picc     7           |             difficili a mettersi, e di cui saltano via così presto i bottoni:
16074  LeAm Fiamm,      I   |                   la smorta signora faceva saltar via la busta lacerata e
16075  Picc     7           |                  un giuoco di cavallo, coi saltatori, coi cavallerizzi che girano,
16076 FiorD     12          |               abito corto da ballerina, da saltatrice di corda. Non l'avrebbe
16077  Picc     7           |                   che scendevano le scale, saltellando e chiacchierando:~ ~— Mario? —
16078  Gesu     6,     IV   |                   che vivono fra le erbe e saltellano così gaiamente e ingenuamente,
16079  Legg    11           |                 delicata, nelle uccelliere saltellarono i più rari uccelli, pasto
16080  Fant      3          |                    cantassero i canarini e saltellassero i bengalì - e andarci soli
16081   Cap   III           |            musicali che si trascinavano, o saltellavano tristi e monotone, sarcastiche,
16082 Roman     5,      I   |             addossandosi alle baracche dei saltimbanchi, alle tende ambulanti dei
16083 DalVe    30           |                   dell'abito di un allegro saltimbanco. Un fanciullo lacero, in
16084 Ventr     2,     4    |                  stanze, diventate nette e salubri al popolo napoletano? Un
16085  Erta Trent,    III   |                   una cert'animazione, e i salumai riboccavano, dalle botteghe,
16086 Ventr     1,     1    |                olio cattivo, ogni tanto un salumaio, dalla cui bottega esce
16087  Fant      4          |                latticini, uova, carne: mai salumi, mai pepe, mai eccitanti,
16088  Gesu     9,     IV   |                    voltai, dalla soglia, e salutai, piangendo, come si saluta
16089  Fant      2          |                  Dev'essere bello il sole: salutalo per me.~ ~- Ti ricordi la
16090   Cas    VII          |                  che si avanzò verso loro, salutandoli. Era il dottore, il famoso
16091  Gesu     1,     IV   |               dieci beduini vi circondano, salutandovi, sorridendo, ridendo, offrendovi
16092  Gesu     4,     II   |                gaio canto degli uccellini, salutanti il sole che tramontava dietro
16093  Gesu     1,      I   |                 persone si urtavano, senza salutarsi e senza guardarsi.~ ~Poi,
16094 Roman     5,      I   |               schiuse e distese che pareva salutassero la terra, la statua della
16095   Ell      3          |                  mi ritrovaste, come se mi salutaste, col vostro sguardo che
16096  Cucc     8           |               Chianche e torno a casa.~ ~- Salutatela, Maddalena, - mormorò appassionatamente
16097 GliAm Vincen          |                 una mezz'oretta è qua.~ ~- Salutatemelo, Pascali; ditegli che scusasse,
16098   Ell      1          |                    gesto infantile, mentre salutavo l'altare, prima di uscire,
16099   Cas     IX          |                   voci muliebri dissero la Salutazione Angelica:~ ~— Ave Maria,
16100   Cap    VI           |                giornalista. Dopo... non mi saluterà più.~ ~Traversarono la Galleria.
16101  Fant      3          |                    terrigeni inneggiavano. Salutiamola anche noi, questa madre
16102  Legg     7           |                       Nell'anno 1220 della salutifera Incarnazione regnando in
16103  Cucc    10           |            Maggiore, i palazzi De’Sangro e Saluzzo, antichissimi, erano adorni
16104   Ell      2          |                 Montagu e tutto questo per salvar voi da qualunque periglio,
16105  Cucc     3           |               Maria degli Angioli potrebbe salvarci se volesse… ma non vuole,
16106 Addio     1,    III   |             preziosa zavorra: forse, senza salvarle, aveva veduto perire le
16107  LeAm Amant,    III   |                  morire.~ ~Ma non morì. La salvarono il medico e Paolo Spada.
16108 Roman     2,     IV   |                  non voleva morire, che la salvassero, per carità, quelli che
16109 Ventr     2,     3    |               salvatore di Napoli, tutti i salvatori di Napoli hanno pensato,
16110  Mano     2           |          ritornasse domani mattina, chi vi salverebbe da lui? Credete: lasciate
16111  Mano     2           |                  John.~ ~— Vedrete, che la salveremo e che niuno morrà, — ripetè
16112  Fant      5          |                 Alberto: in questo modo li salveresti.~ ~Ella squadrò Andrea,
16113 Roman     5,      I   |                 delle romantiche fanciulle samaritane, faceva il chiasso, con
16114 Roman     5,      I   |               roteanti, a razzi. Il popolo samaritano applaudì, la folla ondeggiò
16115  Fant      2          |                   al mistico cavaliere del San-Graal, al biondo Lohengrin che
16116   Cas    III          |                     Non vi era farmaco che sanasse, per sempre, il deluso ed
16117  Cucc     4           |                 dargli a questo cuore mio… sanatemelo voi, signore mio…~ ~Il medico
16118  Cucc    15           |                 guardarono, consultandosi, sanati dal terrore del morto, presi
16119  Fant      2          |            ingiallita fotografia di Petöfì Sandor, il poeta ungherese che
16120   Cas   VIII          |                  pubblico? — arrivavano al sandwich col caviale, al petto di
16121   Ell      2          |                  dell'anima e del corpo si sanerebbe, solo che la vostra divina
16122 Ventr     1,     8    |                 Cristo, detto piuttosto 'o sanghe d'e galline, per rispetto
16123 Ventr     1,     7    |                    mia! T'aie arrobbato lu sango mio! Come l'altra, ella
16124  Cucc    10           |            Domenico Maggiore, i palazzi De’Sangro e Saluzzo, antichissimi,
16125  Cucc    20           |                  volto del vecchio, sempre sanguignamente colorito malgrado l’età,
16126  Fant      5          |                  sulla terra. Il mio cuore sanguina, il mio cervello è stretto
16127 Addio     1,     VI   |                 cammino, fino a che, ancor sanguinando, si ritrova finalmente l'
16128 Addio     1,    VII   |                   senza strazio: ora sento sanguinarmi di nuovo il cuore, come
16129   Ell      1          |                    essi non intendono come sanguini il cuore vostro e son contenti
16130  Erta   Ert,      I   |                catena era il dramma truce, sanguinolente, quella catena diceva a
16131  Mano     1           |               lezzo cadaverico, del taglio sanguinolento, del coltello terribile.
16132  Legg     3           |                  esso ha visto avvenimenti sanguinosi e feste popolari. È un mare
16133 DalVe    24           |                     vive meglio di chi sta sanissimo: è assai forte, anzi gode
16134 Addio     1,     IV   |                    maestoso sipario che il Sanquirico dipinse così largamente,
16135  LeAm Sogno,      I   |               villa Postiglione e la villa Sans souci. Era sparita la luna
16136  Stor     1           |                    le sue Madonne e i suoi santerelli non erano. Tutto l'insieme
16137 Roman     1,     II   |               angolo di tavolino. Concetta Santianello interruppe un mistero doloroso,
16138  Stor     4           |                 innanzi all'altare e veder santificato il proprio sforzo.~ ~Finita
16139 Roman     5,    III   |                         Se manca la santa, santificheranno te, Mimì.~ ~— Certamente,
16140  Cucc     2           |             numerose immagini di santi, di santini, di santarelli, un san Luigi,
16141 Virtu     2           |                cucina, giurava nel nome di Santorsola, patrona di tutte le vergini,
16142   Ell      1          |                  gentiluomo che vi mirava, sanza parlarvi. Lady Melville
16143 GliAm   Dias          |               passione per passione, e che sanzionano il vile peccato con la suprema
16144  Stor     2           |           pietosamente, tutte le scuse per sanzionare il suo errore.~ ~- Anche.~ ~-
16145 Addio     1,    VII   |                    a Pompei, sarebbe stata sanzionata da un supremo atto di devozione.
16146  LeAm Sogno,      I   |                   povera e cara anima, non sapeano che piegarsi a lui. La testolina
16147   Cap     V           |                   all'ingiuria quotidiana, sapendone la causa palese e quella
16148  Fant      1          |              còmpito? Una ragazza non deve saperle.~ ~- Altimare è innocente
16149  Cucc     1           |             assistono gli spiriti buoni, e saperli, i numeri. Figliuola mia,
16150 Pagin     1           |                    un punto amarognolo, un sapor d'aloe. Ho un sospetto,
16151  Cucc     2           |                  di certi colori, di certi sapori, che molti degli invitati
16152 FiorD     20          |                   uva piccina e nera, così saporita nei plum-puddings, è la
16153 GliAm Vincen          |                    mangiava con le mani il saporito e tenace frammento di polipo,
16154   Ell      3          |               fiore vivace, come un frutto saporoso: ma un amore non può vivere
16155   Ell      1          |              dovete dirmi: uomo che m'ami, sappi che è troppo tardi, per
16156   Ell      2          |               nostro viaggio, altrove, non sappiam dove, povero cuor mio, che
16157   Ell      1          |                   uomini presi insieme non saprebbero amarvi, vi ho perduta, sotto
16158 FiorD      5          |                   per un rapimento, quando saputosi tutto, finirono per dirci
16159  Gesu     2,      I   |                   poichè il treno balla la sarabanda sul binario e gli arabi
16160 Ventr     1,     5    |                   eredità etrusche, arabe, saracene, normanne, spagnuole, per
16161  Picc     2           |               porco o quella della Schiava Saracina o il vero fatto accaduto
16162  Cucc    14           |                     voi scherzate, - disse sarcasticamente il tagliatore di guanti.~ ~
16163   Cas     II          |                guardata, coi tuoi freddi e sarcastici occhi, col tuo sorriso schernitore
16164  Erta Trent,    III   |                  di pezze rotonde di cacio sardagnolo, e di immense pezze di cacio
16165  Ball    IV           |                 Molo. Chi ha lingua, va in Sardegna.~ ~Ella ripassò dinanzi
16166  Cucc    14           |                all’assistito, augurandogli sardonicamente la buona notte.~ ~L’assistito
16167  Gesu     1,      V   |               Buglione senza udire un coro sardonico di protesta? Ma i coristi
16168   Cas     IX          |                    una nave d’argento, dal sartiame sottile di metallo fine.~ ~—
16169  Picc     3           |                allontanò e gli scagliò una sassata. Ma fu l’unica loro lite.
16170  Legg    13           |              vergogna, tutto ammaccature e sassate, in mano un bastone nodoso,
16171 DalVe     9           |               bianchi, polverosi, senza un sassolino o una erbuccia parassita;
16172   Cas     IV          |                   carnagioni delle vergini sassoni si tingono nel roseo della
16173  Cucc    16           |               elemosine, proprio? - ghignò satanicamente don Gennaro.~ ~- Qualche
16174 Roman     1,     II   |                  tumultuosa, faceva troppe satire contro i superiori, non
16175  Cucc     2           |            fastidiosamente le mosche, come sature, come ammalate di indigestione
16176 DalVe     9           |             giocondi tempi  Evandro e di Saturno; pensa alle foreste ombrose,
16177  Erta Trent,     IV   |                  Carlo, tu non vuoi dunque satvarti?~ ~— Ma da che? Ma che vai
16178  Gesu     7,      V   |                    o sanguinosa istoria di Saulle, questo è il posto, dunque,
16179 Roman     1,    III   |                  corrispondeva con Peppina Sauna, una delle più forti, se
16180   Ell      1          |                 piume bianche: avevano dei sautoirs di oro e perle sul petto
16181 Roman     5,     II   |              Caterina Tarcagnota, maritata Savarese, entrava, enorme in un vestito
16182 Roman     2,    III   |               romanzo di Balzac, l’Alberto Savarus.~ ~— Sì, sì, hanno giuocato
16183   Cap   III           |                    girata; ma donna Clelia Savellí non diceva no, non diceva
16184 DalVe     7           |                               IL CRISTO DI SAVERIO ALTAMURA.~ ~Jésus, ce que
16185 Addio     1,      V   |                    anzi come tutti i sette Savii della Grecia.~ ~Ella rispose
16186   Cas     VI          |                    duchessa di Malgrà, più savoiarda che piemontese, bionda,
16187   Cap    IV           |                   bisogno di quattrini per saziar la fame della stamperia~ ~—
16188  Mano     2           |                  urla la iena, quando si è saziata, così urla di soddisfazione.
16189   Cap    VI           |                    un po' stordito da quel sazievole odore di carta, che era
16190  Erta Terno,     II   |             malinconico e voluttuoso, come sazio di profumi. Diceva soltanto
16191 Roman     3,     II   |          Enrichetta Caputo, dopo un grande sbaciucchiamento fra i saluti e gli abbracci,
16192  Ball    II           |                    risa, l’abbracciava, la sbaciucchiava, felicissimo, obliando la
16193  Cucc     2           |                  materna emozione, e se la sbaciucchiavano, mentre essa già cominciava
16194 DalVe    17           |                freddi e stentati. E Napoli sbadiglia a canto fermo, come se la
16195   Cap    IV           |                  lingua velenosa nel frate sbagiato, che tagliava come un paio
16196  Picc     8           |                     scricchiolii di porte, sbagli di numero, ombre che attraversano
16197   Inf    Inf          |                        Costoro e gli altri sbagliavano assai sul conto di Paolo
16198  Cucc    11           |               senza sostegno, senza guida, sballottata dal vento impetuoso, assorbita
16199  Fant      2          |          bellissime cose che pensi, che mi sbalordiscono, e che rapiscono d'ammirazione
16200  Fant      1          |                    compagne la guardavano, sbalordite. Sempre quella magra figura
16201   Cap     I           |               dicevano qualche cosa che lo sbalordiva.~ ~Ma un signore vecchiotto,
16202  Gesu     1,      V   |                 passare, in una barca, che sbalza sulle onde, fra gli scogli
16203 GliAm Stresa          |                    una malinconia, che io, sbalzata nel mondo delle sorprese
16204   Cas      X          |                   convoglio funebre un po’ sbandato in quella solitudine campestre
16205  Mano     2           |           circostanza di simil genere, per sbaragliare perfettamente tutto il mio
16206  Mano     2           |                  quasi come un loro re. Ho sbaragliato i miei nemici, vinto i miei
16207  Legg    12           |                   dalla bara più animoso e sbaragliò e sconfisse il gruppo dei
16208 DalVe    16           |               rimasti contenti per essersi sbarazzati di lei. A lui venivano le
16209  Mano     1           |                  l'aria più graziosa e più sbarazzina del mondo.~ ~La sua vettura
16210  Fant      1          |                occhi che ammiccavano nello sbarbaglio, con le facce rilassate
16211 DalVe     3           |                  ritrovo e salta fuori uno sbarbatello che non vi conosce, a dichiarare
16212  Gesu     9,      I   |                  di due giorni di mare, si sbarca a Jaffa: e, nello stesso
16213  Gesu     2,      I   |                    fa, ordinariamente, che sbarcare a Jaffa, salire al Jérusalem-hôtel,
16214  Gesu     7,     XI   |               attraversare tutto il lago e sbarcarmi a Medjdel che è in linguaggio
16215  LeAm Sogno           |                   Donn'Anna vi è spiaggia. Sbarcarono, in fretta, egli pagò il
16216  Erta Trent,    III   |                 furbi compari. Tutti erano sbarcati coi treni di Foggia di Benevento,
16217  Erta   Ert,     VI   |                  Il fanciullo era lontano, sbarcava ora: lo mettevano nella
16218  Gesu     7,      I   |                 sempre spaventoso, e dello sbarco a Caipha, leggermente meno
16219  Gesu     4,      V   |                loro botteghe e bottegucce, sbarrano le loro case, e disertano
16220  LeAm Amant,    III   |                  Alla morente gli occhi si sbarrarono in un infinito stupore,
16221  Mano     2           |                 galoppo si affrettava. Noi sbarravamo la via, e io aveva già detto
16222   Cap    II           |              angoli acuti, i triangoli, le sbarrette, gli ovali: le sue delizie
16223 Roman     1,      I   |                  stanzone era cupo ed esse sbassavan la voce per istinto. L’unica
16224  Fant      2          |                  casa tremava per le porte sbatacchiate, per le sedie respinte con
16225  Giov     1           |                    per finire di vestirsi, sbatté la porta. Donna Gabriella
16226  Stor     4           |                   tirandoli violentemente, sbattendoli nel richiuderli: erano vuoti,
16227   Cap    IV           |               ultimo redattore se ne andò, sbattendosi dietro l'ultima vetrata
16228  Giov     2           |             attraverso l'appartamento, uno sbatter di porte, un chiamar supplichevole,
16229 Addio     1,     VI   |                    anche pietà di me, così sbattuta nell'uragano della vita,
16230  Erta Trent,     IV   |                  faccia smorta e gli occhi sbattuti come se non avesse mai lasciato
16231  Erta Terno,      I   |                    dato anche a lei l'uovo sbattuto nel caffè, perchè era domenica.
16232  Mano     2           |                      La Loredana si mise a sbeffeggiarlo amabilmente, per quel suo
16233 DalVe    28           |                colori che s'insultano e si sberleffano, tavolozze oltraggiose che
16234  Cucc     3           |                  nella luce del giorno, lo sbiadimento dei colori, l’appannamento
16235   Inf   ZigZ          |                     una fotografia grande, sbiadita, con una dedica i cui caratteri
16236 Roman     4,     II   |                    n’era stata tradita, si sbiancava il volto; a Clementina Scapolatiello,
16237   Inf    Inf          |                 Paolo esclamò, con tono di sbigottimento, quasi che l'idea di rivelare
16238 Roman     1,    III   |                 indiavolato, per vedere di sbigottirla. — Credete di spaventarmi? —
16239  Picc     6           |                Ella se ne andò pian piano, sbilenca sotto il peso dello scatolone,
16240  Fant      2          |                  Fingendo di leggere, egli sbirciava Lucia con la coda dell'occhio.
16241 FiorD     18          |                    il cuoco, l'oste che li sbirciavano.~ ~E se ne andarono leggieri,
16242  SGio     4           |                   con un'aria così dura di sbirro, con un aspetto così seccato
16243 DalVe     3           |             mettete quella cara libertà di sbizzarrirsi, di punzecchiare l'amico?
16244  SGio     4           |               gruppetto già si vedeva dove sbocca la grande rampa di via Pontecorvo,
16245  Cucc    10           |                santi passavano, passavano, sboccando dalla gran volta nera del
16246 Ventr     1,     7    |                   astuta e cauta, audace e sboccata: ella resta sempre nella
16247 DalVe     2           |              diventa passione; amore che è sboccato, villano, ed intanto riempie
16248  LeAm Sogno,      I   |              quella deserta campagna, dove sboccavano tante grotte di tufo dalle
16249   Cas      X          |                   che vi costituiscono due sbocchi importanti, donde affluisce
16250 Addio     1,     VI   |              pallido, roseo crisantemo che sboccia sopra un sepolcro, il secondo
16251   Cas      X          |                   aria fine, dai fiori che sbocciano e dal vivo calore che corre
16252 Roman     3,     II   |            sopracciglia tinte, e le labbra sboccianti rosse come il melagrano,
16253  Fant      2          |           verde-cupo, denso, fitto, su cui sbocciavano grossi e sfrontati i fiori
16254   Cas     VI          |                vecchia, di nuovo. E costui sboccò ancora a via Nazionale,
16255  Cucc     1           |            portoncino piccolo, dal gradino sbocconcellato e umido, dall’androne stretto
16256  Erta   Ert,    III   |                 seduto sopra un sasso, che sbocconcellava un tozzo di pane, lo chiamò.~ ~—
16257  Fant      4          |                   persona, a quelle corte, sboffanti, come le dame Pompadour,
16258 DalVe    10           |                gran lunga il prezzo che tu sborsi, quasi che il giornale volesse
16259  Stor     1           |                gentiluomo, facendo atto di sbottonarsi la pelliccia.~ ~- No. Fra
16260 FiorD      7          |              noiosissimo.~ ~Donna Livia si sbottonava lentamente i guanti di capretto
16261 Roman     1,      I   |                  cavavano il cappello e si sbottonavano il paltoncino. E come ci
16262   Cap   III           |                    si sedette, s'installò, sbottonò la sua giubbetta, e tutt'
16263 Addio     2,     IV   |                divento una gelosa volgare, sbraitante la sua morbosa gelosia;
16264  Mano     2           |             stringevamo per soffocarci, ci sbranavamo, ci mordevamo rotolando
16265  SGio     4           |             massima sudiceria, del massimo sbrandellamento. Non solo i vestiti erano
16266  SGio     4           |                  vestiti erano stracciati, sbrandellati, sfilacciati, ma erano scoloriti,
16267  Stor     2           |                     questi pasticcetti, li sbriciolavano, ne lasciavano la metà,
16268  Cucc    13           |              ragazzo delle commissioni, si sbrigarono a mettere le porte di ferro,
16269  Mano     2           |                     quindi, vi pregherò di sbrigarvi.~ ~«— Farò il possibile, —
16270 Roman     3,      I   |                dieci, giammai si sarebbero sbrigate prima dell’una: ed Elvira
16271  Cucc     4           |               giorno: mandatelo a cercare, sbrigatevi.~ ~- Manderò… per ubbidire… -
16272 DalVe    25           |             bellezzine ed i nefasti in cui sbucano le..... altre: le donnine
16273 Roman     5,      I   |                gusti, di tutte le stature, sbucanti da tutte le parti, tanto
16274   Cap    II           |                   Ma che avevano fatto per sbucare, quelli che erano , felici,
16275  Fant      2          |                  carrozza.~ ~Da Montesanto sbucarono a Toledo, camminando presto.
16276  Mano     1           |                    un salone, non so dove, sbucati improvvisamente, spariti
16277 Ventr     1,     8    |              castelletti di fichi d'India, sbucciati: un uomo spinge il carretto,
16278   Cap     I           |                    di nero e ingioiellata, sbucciava lentamente una pesca.~ ~—
16279  Cucc     5           |                   si affettavano cedri, si sbucciavano pistacchi, si cuocevano
16280 FiorD     18          |                dietro le sue spalle. Lucia sbucciò una pesca, e staccandone
16281  SGio     1           |                    al delegato che, fermo, sbuffa di seccatura:~ ~- Dove le
16282  Legg     2           |                 che si vedevano superati e sbugiardati.~ ~Certi pescatori della
16283 Ventr     1,     8    |              uniscono le case pencolanti e sbuzzanti, le cordicelle vanno da
16284  Legg     4           |                pietre, che le case debbano sbuzzar fuori, che le colline vogliano
16285  Picc     9           |                  ma anche questo si faceva scabroso: poichè a ogni momento,
16286 Addio     1,     IV   |             distendeva sulle guance brune, scacciandone quel po' di sangue, che
16287   Cas     II          |                   duro, mi mandavi via, mi scacciavi… avevi paura, è vero?~ ~—
16288  Cucc    10           |                  calendimaggio. Invano gli scaccini del Duomo tentavano di far
16289 Roman     1,      I   |              inchinato: dormendo, udiva lo scaccino andare e venire, scostare
16290  Fant      2          |                  lui con violenza -e io lo scaccio.~ ~Ella guardò fissamente,
16291   Cap     V           |                  ministero, per subire uno scacco anche voi, con esso; il
16292  Cucc    13           |                     Sì… è una cambiale che scade, me ne ero scordato, una
16293   Cap    VI           |                   eterna cannibale, sempre scaduta, sempre rimessa al giorno
16294  Legg     9           |                  ha schiusa quella porta e scagionato il disastro. Quando alla
16295  Cucc     1           |              fermati da forcelle bionde di scaglia, ma le guancie un po’ smorte,
16296  Fant      2          |          magnetizzatrice sospesa sul capo, scagliandole l'anatema: un Mefistofele
16297 Roman     5,    III   |                  dei pezzi d’intonaco e li scagliava sulle lucertole dell’orto
16298   Inf    Inf          |                   arena micacea, azzurra a scagliette d'oro, e ripiegato il foglio,
16299 Roman     3,     II   |               ignorava, conoscendo solo lo scagliozzo, una specie di panino gravido
16300  Legg    14           |                    dei Titani che vogliono scalare l'Olimpo: Giove, seduto
16301 Addio     1,      I   |                 intraprendere le due o tre scalate, per ritornare sulla terrazza
16302  Gesu     9,    III   |                 tutti quegli agili e forti scalatori di piramidi! Egli finì col
16303 Roman     5,      I   |                  sei sorelle Astianese, in scalatura, brune, bionde, fulve, di
16304  Fant      1          |                 vecchiaia, e gli stivalini scalcagnati. Passava ogni giorno dal
16305  Cucc     1           |                  in uno stivaletto rotto e scalcagnato, rialzandosi sulle spalle,
16306  Cucc    18           |                 balconi, restavano i buchi scalcinati, donde parevano essere state
16307 Virtu     5           |            talvolta non potendo arrivare a scaldarsi fra quelle glaciali lenzuola
16308  Picc     3           |                  casa ci sta il fuoco e ci scalderemo.~ ~Ma spesso il fuoco era
16309 Virtu     1           |                   carboncino acceso in uno scaldino e si fanno i riccioli, ogni
16310  Gesu     2,      V   |                   del Sepolcro da due erte scalinate di marmo: avvolta di nero,
16311 Addio     1,     IV   |               cominciava, diretta da Carlo Scalisi: il pubblico era immobile,
16312 Roman     3,     II   |              Matilde Cipullo giunse, tutta scalmanata, con Giovannino Pasanisi,
16313   Cas     IX          |                    bianca, ormeggiata allo scalo di marmo, dove, sul mare,
16314   Cap     I           |                    bue alla finanziera, le scaloppine al Madera, i vol-au-vents,
16315  Cucc     7           |           diventato appaltatore a furia di scalpellare al sole, di risparmiare
16316  Gesu     7,      I   |                biroccino, i cui cavallucci scalpitano e nitriscono: è Giorgio
16317  Giov     1           |               cocchieri e di mozzi, fra lo scalpitare dei cavalli che dovevano
16318  Legg    14           |               anticamere, i nobili cavalli scalpitavano invano nelle vaste scuderie.
16319 Roman     3,     II   |                giovanissime ancora, ma già scaltrite, parlando dei loro trionfi
16320  Cucc    17           |                  dell’osteria, l’oste, uno scaltro contadino dal naso aguzzo
16321 Roman     3,      I   |           centesimi: e già guardavano, con scambi di saluti e di sorrisi,
16322   Inf      1          |                     a fare il male, che si scambia tante volte, fallacemente,
16323   Ell      1          |                    del suo magro volto, io scambiai, un istante, per suo padre.
16324 DalVe     6           |                siedono alle nostre spalle; scambiamo qualche parola, sino a che
16325 Addio     1,    III   |               inchiodati sulle loro sedie, scambiantisi solo delle occhiate significative.
16326   Ell      2          |               eguale, accanto. Ogni tanto, scambiavate una frase. Siete andati
16327  Picc     2           |                    noi scappavamo, facendo scambietti, capriole, accovacciandoci,
16328 FiorD      6          |            reggevano a noi. Erano servizii scambievoli che ci rendevamo. La sera,
16329   Cas     IV          |                 sia un fantasma. Va’, va’, scampa il tuo cuore e la tua salute:
16330  Cucc    15           |               Madonna, assistici; Madonna, scampaci!~ ~Ma quello che apparve
16331  Giov     1           |              sagrestano aveva cominciato a scampanellare. Ora ci volevano soltanto
16332 Ventr     1,     8    |                dalle quattro alle sei, uno scampanellìo acuto e fitto: sono le mandre
16333 DalVe    25           |                     Augusto sorrideva allo scampanío giocondo, sorrideva ai lumi
16334 Ventr     1,     4    |                    in aria, nel temporale, scampano dalle folgori. Vi sono centinaia
16335  Cucc    13           |                  solamente l’amore potesse scamparli, nella gran bufera della
16336  Cucc    14           |                 questa volta, e cercare di scamparsi, dando i numeri veri. Noi
16337  SGio     3           |                    che è peggio! È peggio! Scampate l'anima, almeno!~ ~- Ah,
16338  SGio     3           |               prima....~ ~- Vergine Santa, scampatela! - esclamò la monaca, nascondendosi
16339  SGio     3           |                    salverà, il chirurgo mi scamperà, voi mi assisterete e io
16340  Picc     1           |                   osso di costoletta o uno scampoletto di trippa, e scappava a
16341  Mano     2           |                  coperchio di piombo nelle scanalature. Dopo un'ora, folle, frenetico,
16342  Legg    11           |          inebriante liquore.~ ~ ~ ~Vuoi tu scandagliare la profondità dei mare,
16343 Virtu     6           |                    Oh, Isolina!~ ~— Non ti scandalizzare, non vi è nulla di male.
16344   Cap     I           |          raccontavano le sue compagne, per scandalizzarla un poco.~ ~Maria, specialmente,
16345  Ball    II           |                  più bigotte, fingevano di scandalizzarsi a ogni parolaccia delle
16346  SGio     2           |               zitto! - e la povera monaca, scandalizzata, fece atto di turarsi le
16347  SGio     3           |                   non ve li posso dire, vi scandalizzereste. Io vivevo nella perdizione,
16348 FiorD     18          |            coscienza di quest'uomo....~ ~- Scandalizziamo addirittura. Noi ci amiamo,
16349  Fant      3          |         cancelliere, monarchico, che se ne scandalizzò.~ ~L'inaugurazione si faceva
16350   Cas    III          |                   da Fiesole, da Prato, da Scandicci, venivano a Firenze i carretti
16351  Legg     2           |                 metro per cui il suo verso scandisce; è il poeta che conosce
16352  Cucc    10           |                    !~ ~Ma i veri devoti, scandolezzati, imponevano silenzio. Era
16353  SGio     3           |                   notte o l'altra, i ladri scannano il giudice e si portano
16354 FiorD      2          |                   senza difesa: mi pare di scannare, di notte, un bambino. Non
16355   Cap    IV           |                 venendo a sedere sopra uno scannetto accanto a Frati: — tu hai
16356  Picc     4           |                  per condurlo a scuola, lo scansa dalle carrozze, lo difende
16357  Fant      5          |             garzone, ma signora mia, è uno scansafatiche. Quando viene oggi, lo sgriderò.~ ~-
16358  Stor     3           |                  si urtava con le persone, scansandosi macchinalmente, proseguendo
16359 Virtu     4           |                    inducono in tentazione. Scansi il pericolo; mandi i fiori
16360  LeAm Amant,      I   |                nella sua stanza. Sovra una scansietta di legno scolpito, sostenuta
16361  Cucc    16           |                       Volevo dichiarare, a scanso di equivoci, che trovandomi
16362   Cas     VI          |           piegandosi verso lei, ed ella si scansò, lo lasciò passare: Cesare
16363  Mano     1           |               questa persona lontana aveva scantonato verso via Borgognona, verso
16364  Erta Trent,    III   |             professione, figli di famiglia scapati che non avevano voluto imparare
16365 Ventr     1,     9    |                   e piangere, e pregare, e scapigliarsi e scongiurarli, in nome
16366 Ventr     1,     5    |                  alla cintura, dalla testa scapigliata, dalle mani unte, che pettinano
16367 FiorD     16          |                    io trovo il mio sorriso scapigliato, inebbriante. Noi comprendiamo
16368 Ventr     2,     2    |               quelli che amano il colore a scapito della civiltà e della decenza,
16369  Ball    IV           |                  non lo so... — disse lei, scappandosene via. — Se so qualche cosa,
16370  Ball    IV           |                 Minino, tutte le ballerine scapparono a prendere il loro posto.
16371 FiorD      9          |                 ben educata, e non tentava scapparsene - essendo provvista di molta
16372  Cucc    16           |                    la giustizia, sarebbero scappati via! Il sogno era fuggito:
16373  Cucc     8           |                giovanotti che facevano una scappatina fra un atto e l’altro del
16374 Roman     3,     II   |                queste piccole cene, queste scappatine notturne solleticavano la
16375  Mano     1           |                     o la legge mi darà una scappatoia. Non mi potrete impedire
16376  Picc     2           |                   a brancolare, mentre noi scappavamo, facendo scambietti, capriole,
16377  Mano     2           |                giacchè la povera carcerata scapperà via come si trova.~ ~— Potrò
16378 Pagin     3           |                    telefono — ed allora tu scappi via cercando un paese che
16379  Giov     1           |                   non ci servono i denari. Scappiamo via».~ ~«Senza denari non
16380   Cap    II           |                   Le cose solite, credo, — scappó detto, una volta, a Riccardo,
16381  Gesu     1,     IV   |              mummiettine di creta, piccoli scarabei verdi, piccole sfingi verdi,
16382  Fant      2          |                 francobollo americano, uno scarabeo schiacciato contro la carta,
16383 DalVe    10           |                    te si scrive; per te si scarabocchia, per te si toglie - onesta
16384   Cap    IV           |           scrivania di falso mogano, tutta scarabocchiata di pupazzetti, tutta istoriata
16385   Cap    IV           |                macchinalmente, trasognato, scarabocchiò delle parole incoerenti.~ ~
16386  Erta Terno,      I   |                   pulito, era invaso dagli scarafaggi che scaturivano da certi
16387  Cucc     1           |                 pesanti orecchini di perle scaramazze, rotondi, bianco-verdastri,
16388 Addio     2,    III   |                 alla fine di una di quelle scaramucce di conversazione, donde
16389  Ball    IV           |                ritornato, solo. Il padrone Scarana era dall’altra parte dell’
16390  Mano     2           |               infelicissima.~ ~— Io voglio scarcerarla; sottrarla per sempre a
16391  Mano     1           |                 egli cominciò il lavoro di scardinamento: si trattava di estrarre
16392  LeAm Fiamm,      I   |                   mentre sentiva dentro  scardinato ogni senso della realtà,
16393   Cap    IV           |                 dolorosa filippica che gli scardinava il cuore, senza rispondere.
16394  Gesu     7,    III   |               lasciando gente, caricando e scaricando merci, con un brusio di
16395  Legg     3           |                  sotto i mattoni rossi che scaricano a riva. Ma non si canta
16396   Cap    VI           |                 spalle, come se si fossero scaricati del loro obbligo, Antonio
16397  Gesu     1,    III   |                lunghi e stretti, che hanno scaricato la loro merce e trasportano,
16398  Erta   Ert,    III   |                Grazietta che volentieri si scaricava della fatica sul galeotto.~ ~—
16399  Gesu     2,      V   |             dintorni: vanno via i cammelli scarichi verso Betlemme, verso San
16400 Ventr     1,     2    |                     che porta i fazzoletti scarlatti al collo, che mette un pomodoro
16401 DalVe    23           |                 fandonie di quel pallido e scarmigliato poeta, afflizione della
16402  SGio     4           |                   i soldi: una mano lunga, scarnissima, dalla pelle indurita e
16403 Roman     3,      I   |                  cappello disfatto e certe scarpaccie gialle di cuoio. Enrichetta
16404   Cas      I          |                seta bianca e delle piccole scarpine di seta bianca; piedini
16405  Picc     8           |                   niente pranzetti, niente scarrozzate, niente teatri: ma una miseria
16406 Virtu     2           |                principi di Altavilla: egli scarrozzava ogni giorno con la principessa,
16407  Cucc    19           |                anche i suoi soccorsi erano scarseggiati, la passione del giuoco
16408  Ball   III           |                  che hanno vuotato le loro scarselle, giornalisti e reporters
16409 Ventr     1,     2    |                  felice.~ ~Le mercedi sono scarsissime, in quasi tutte le professioni,
16410 Addio     1,    III   |                  un po' nervoso, uno degli scarsissimi suoi segni di emozione:~ ~–
16411 Ventr     2,     4    |              Rettifilo, non lo ha, o lo ha scarsissimo e beve e si lava nell'acqua
16412  Cucc    15           |                disse quella risolutamente, scartando la mano col pettine e raccogliendo
16413  Cucc     4           |                 bisogno di me: Raffaele lo scartano, perché ha il petto stretto, -
16414 Roman     3,     IV   |                  apposta a portar loro gli scarti? Che modo di trattar la
16415  Cucc     6           |            arrostito dalla soffrittura, lo scartò, con un gesto di disgusto.
16416  SGio     3           |                   giorno o l'altro i ladri scassinano la porta del giudice, legano
16417  SGio     2           |             trascinava i passi, tossendo e scatarrando, mentre il prete appena
16418  Cucc     2           |               accordato, ridendo di quello scatenamento, raccoglievano in un fazzoletto
16419   Cap    IV           |                  dirompente, con un’enfasi scatenata, con una voce scoppiante
16420 DalVe    11           |                  sofferto, in cui si erano scatenate le tempeste della passione
16421  Picc     2           |                  la rivoluzione, i diavoli scatenati per la casa. Erano inutili
16422   Ell      2          |               gelosia che, d'un tratto, ha scatenato i miei sensi, che torce
16423  Fant      2          |               Aveva nel cassetto anche una scatolina di rossetto, con lo zampino
16424  Erta   Ert,    VII   |                    un chiamarsi e il secco scattar dei fucili, ricaricati.
16425  Cucc     5           |                   Boîtes-à-surprise, donde scattavano dei gentiluomini vestiti
16426 Addio     2,     IV   |                  langoureux vertige:~ ~ ~ ~scattò il grilletto e rimbombò
16427 Addio     1,     IV   |                alla divina luce di Apollo, scaturendone la propria vita e l'azione
16428  Legg     8           |                    La madre, Donna Gaetana Scauro, di nobilissimo parentado,
16429  Fant      4          |               scostarli con una spallata o scavalcarli, si lagnava con sé, per
16430 Addio     1,    III   |              ripetere quello che dite; voi scavalcate ogni ostacolo; voi calpestate
16431  Mano     2           |                   lontano dalla riva. Avrà scavalcato il muro del camposanto che
16432   Cap   III           |                  delle lettere.~ ~Riccardo scavalcò le spazzature ed entrò nella
16433  Fant      3          |             puntato sulle zampe di dietro, scavando il terreno con una delle
16434  Legg     1           |             incavernavano sotto la roccia, scavandola a poco, a poco. L’anima
16435  Gesu     4,    III   |                 certi scalini: ed è bruna, scavata nella roccia: ora, forse,
16436   Cas    VII          |           malagevole e con solchi profondi scavativi dai carri che andavano a
16437  Cucc    11           |                 con una bugiarda promessa, scavavano fra loro quel precipizio
16438  Erta Trent,      I   |                    di grammatichette dello Scavia, ascoltava le parole di
16439  Fant      5          |             pallido di rimorsi.~ ~- Allora scegliamo l'inganno, l'amore che fanno
16440  Cucc     2           |                    era stata molto furba a scegliersi un compare molto ricco;
16441   Cas    VII          |                 così, confusamente, perché scegliessero: erano della stessa misura.
16442  Mano     2           |                     No, no. Ma credevo che sceglieste un ritiro. … non so. … un
16443  Mano     2           |                   voi possiate fermarvici. Scegliete a caso nell’orario delle
16444  Mano     1           |                    ha una, non è vero?~ ~— Scegline un'altra. Questa può condurti
16445  LeAm Sogno,     II   |                armonia di due cuori che si scelgano e che si amino, non risuona
16446  Stor     4           |                   consegna.~ ~- Certo.~ ~- Scelgo quell'ora, per evitare la
16447  Stor     4           |               signorile. Prima di fuggire, scelleratamente, Anna aveva rubato anche
16448  Giov     2           |                   alla fine, queste brutte scellerate che lavoro fanno?» soggiungeva
16449   Cas     IX          |                    nel peccato, io ebbi la scelleratezza di goderne.~ ~— Perché non
16450  Mano     1           |                  occhi. — Purtroppo quegli scellerati gli hanno dato un colpo
16451  Gesu     1,     IV   |                tutto, nove. Volle un altro scellino, per quel minuto di meno.
16452 Ventr     2,     3    |                  vi vive, mai? Pittori che scelsero quei quartini per istudio,
16453   Ell      1          |                   forse, questi fiori sono scelti così, a caso, da chi ve
16454 Ventr     1,     3    |                 folla vi accorse, poi andò scemando. La pizza, tolta al suo
16455  Cucc    20           |                    nulla valeva più a fare scemare.~ ~- Quanto? - domandava,
16456  Cucc    10           |              antica pompa patrizia è un po’scemata. Che importa? Il santo è
16457 Roman     1,    III   |              miserabili franchi al giorno, scemati dalle tasse, dalle multe,
16458  Cucc    13           |                   prosperità del magazzino scemava a vista d’occhio. I fornitori
16459   Inf    Inf          |              spesso, molto ingenue o molto sceme, ma le dice con grazia e
16460  Fant      5          |                    quella vivezza di paura scemò, scomparve.~ ~- Che hai? -
16461  Picc     2           |                dire che era uno scemo, uno scemone, che gliel’avevamo fatta.
16462 Roman     1,     II   |                     vedo che un nulla, una scempiaggine vi distrae, v’interessa,
16463   Cap    II           |                    le fila con ansietà, la scena-madre, la scena forte che afferrava
16464  Cucc    17           |                       Già, per far qualche scenata, qualche lite…~ ~- Non mi
16465  Cucc     8           |                 dote, malgrado le orribili scenate, temendo di essere sorpreso
16466  Mano     2           |                  di cristallo dell'hansom, scendendone, sotto la pioggia.~ ~— Ecco
16467  Fant      3          |                 sgranava.~ ~- Cerchiamo di scender giù, alla corrente, a vedere
16468  Gesu     9,      I   |                prima, in quali alberghi si scenderà, in quali trattorie si andrà
16469   Cas      X          |              servire Vostra Eccellenza, io scenderei a Napoli, cercherei del
16470  Picc     7           |                    detto: quando siamo , scenderemo.~ ~— Non eri mai andato
16471  Erta   Ert,    III   |                    pietra, alla testa.~ ~— Scendeste fra i rivoltosi!~ ~— Sì —
16472   Ell      1          |                    villa, con passo cauto: scendete in giardino e aprite il
16473  Mano     2           |                   sua preda; e nella notte scendevo nella barca; sul mare oscuro
16474  Cucc    17           |             avventori…~ ~- Sissignore, non scendo, non dubitate, - ella mormorò,
16475  Ball     I           |                ballato, e più che ballato, sceneggiato e drammatizzato quel ballo
16476 Addio     2,    III   |                sera, dopo una delle solite scenette, mentre udivano un concerto
16477 FiorD      2          |           uccidevano, meglio che sul palco scenico, come nella vita. Egli palpitava,
16478  Ball    II           |                  aggiravano delle ombre di scenografi, di macchinisti, di facchini,
16479 Ventr     2,     1    |                   di tela, su cui un abile scenografo abbia dipinto a grandi tratti,
16480   Cap    IV           |                    d'un tratto. Cominciò a scernere le carte: fra le prime,
16481 Roman   Pre           |                malintesa: i critici poi si scervellino pure liberamente, e si battano
16482 DalVe     1           |                  il bambino Gesù pure. Ary Scheffer, quando dipinge la sua Gretchen,
16483  Legg    12           |                Ogni colpo di scalpello che scheggiava, rompeva, carezzava, curvava,
16484 FiorD     11          |                bambini. Ascolto, mia bella Schehezerade.~ ~- Cara, da luglio ad
16485 Roman   Pre           |                   io tento di costruire lo schema ideale e generale della
16486 Pagin     1           |              cingallegra, e non cercare di schermirti, scherzando e ridendo. Ti
16487  Ball    IV           |                   questo suicidio, s’erano schermiti dal rispondere con un cenno
16488   Cas   VIII          |                    che aspettavano? Si era schermito di ballare, quando una delle
16489   Cas     II          |                   ne andavi, schernendomi, schernendo l’amore, mordendo la tua
16490   Cas     II          |             durezza, allora: te ne andavi, schernendomi, schernendo l’amore, mordendo
16491   Cas      V          |             massime di La Rochefoucauld? — schernì lei.~ ~— No, quelle servono
16492  Gesu     2,      V   |                   nostri sentimenti furono scherniti? Non bisogna, dunque, dolersi
16493   Cas     II          |          sarcastici occhi, col tuo sorriso schernitore di uomo mondano e corrotto
16494 GliAm  Angel          |                  lui, sempre insieme; e le schernitrici visioni mi dicono che, morendo,
16495  Fant      3          |            diventavano più sorridenti, più scherzose in quella grande fioritura,
16496 GliAm Felice          |                 biondeggianti di piccoli e scherzosi occhi di sole. Lontano,
16497  Cucc    10           |                  trionfo, con il piede che schiaccia il dragone, con la lancia
16498   Cas     II          |             calpestando il diritto altrui, schiacciando la felicità altrui, per
16499  Cucc    19           |                    ricchissimo, in modo da schiacciar tutti con la sua potenza
16500  Fant      3          |                  tisico? Non valeva meglio schiacciargli la testa contro il muro?
16501 Roman     3,    III   |                 quella parola, destinata a schiacciarla per tutta la vita. Bussarono
16502  Mano     2           |                  tempie, come se volessero schiacciarle; i suoi occhi divennero
16503  Fant      4          |            camminargli sopra coi piedi per schiacciarlo. Lucia vedeva passare questo
16504  Fant      2          |                   lagna, dicono che lui la schiaffeggi. Un orrore. Questi mariti
16505 Addio     2,     IV   |                 sogghignando ironicamente, schiaffeggiandola con quell'aggettivo.~ ~–
16506  Cucc    19           |                  su cui ella si vendicava, schiaffeggiandoli, degli schiaffi di cui le
16507   Cas     VI          |                Perché, se è lui, lo vado a schiaffeggiare in pieno teatroscoppiò
16508  Picc     5           |                 certi momenti mi veniva da schiaffeggiarla: in certi altri mi salivano
16509 FiorD      6          |                 nelle lettere, come quando schiaffeggiava Fortunatella. Era una guerra
16510   Cas     VI          |                   si batterà, forse? Io lo schiaffeggio, dove lo trovo.~ ~— Si batterà,
16511  Picc     7           |                     quando mamma mi  uno schiaffetto, non mi fa mai male. Io
16512  Erta Trent,    III   |         marciapiedi la fiera ferveva acuta schiamazzante. Avrebbe dovuto comperare
16513  LeAm Sogno           |                 piedi, in piccole comitive schiamazzanti, in coppie solitarie appoggiate
16514  Fant      3          |                   e le galline si misero a schiamazzare come da soprani sfogati,
16515  Cucc     5           |               aperte, fino a che un grande schiamazzo di trionfo, annunziava che
16516 Pagin     9           |                    che parla, ride, grida, schiammazza, canta, urla; — quindi un
16517 GliAm  Maria          |               vividamente dal sopore e gli schiantasse il cuore: bastava il più
16518 Roman     4,     II   |                     ribattè quella fra gli schianti, — non ho mica cinquant’
16519  Ball    II           |                negli occhi e rispondevano, schiattando dalle risa, al direttore
16520 Roman     3,     IV   |                  del suo valore. Le Sanges schiattavano; una aveva avuto due bottoni
16521 Roman     1,     II   |                  direttore non viene e noi schiatteremo qui, sino alle nove, — disse
16522 Roman     4,     II   |                    tono acre della zitella schiattosa.~ ~— Da un pezzo, queste
16523 Roman     3,      I   |                torturava coi suoi capricci schiattosi di vecchio maligno e testardo.
16524  LeAm Fiamm,    III   |                  stazioni sulla riva degli Schiavoni, nell'ora del tramonto,
16525 DalVe     3           |            ragionevole, che è stato uso di schiccherare, in fondo alle proprie opere,
16526 DalVe    10           |                    Non ti curi della lunga schiccherata di collaboratori che sfilano
16527 Roman     4,     II   |             interrotta a metà, mentre ella schiccherava senza capirne nulla, le
16528  Cucc     2           |                  di pasticcini a un soldo, schierati sopra una tavoletta di legno
16529  LeAm  Sole,    III   |                ella soggiunse eccitata, ma schiettissima, sempre. - Chi ne sa nulla!
16530 DalVe    30           |                 thè rassomigliano a damine schifiltose ed aristocratiche; le rosse,
16531  Stor     2           |              aggruppava, da una parte, con schifiltosità, per non accomunarsi coi
16532 FiorD      9          |                chiamava Tecla, nome duro e schioccante. Era bassa, senza nessuna
16533  Mogl Inter,      I   |            ricorderemo i tempi antichi: le schioccherie del primo anno di matrimonio, —
16534  LeAm Amant,    III   |                sigarette e il cognac: ella schiodò tutti i ventagli vecchi
16535   Cas      X          |            venditori ambulanti, gli stessi schioppettii di fruste, le stesse canzoni,
16536   Cas     VI          |              fragor sordo e interminato di schioppi, nella campagna silenziosa.
16537  Fant      2          |             Caterina! Matteo, attento allo schioppo che è pieno d'acqua! Caterina!~ ~-
16538  Stor     2           |                    grandi palazzi laterali Schisa e Gargiulo, il giardinetto,
16539  Erta Terno,     II   |                  prima di aprire la porta, schiudendola appena, quando si decidevano
16540  Erta Terno,      I   |                    camera dove si dormiva, schiudendone le imposte.~ ~— Buon giorno,
16541 DalVe     2           |                  lo interpreta e lo rende, schiudendovi un orizzonte largo, immenso,
16542  Gesu     4,     II   |                    sul loro stelo lanoso e schiudentisi, come coppe di odori grati,
16543  Ball    II           |                    una mela rossa, e senza schiuderlo, andò via, novellamente,
16544  LeAm  Sole,     IV   |                passione aveva gorgogliato, schiumando, del fuoco, si stendeva
16545  Gesu     1,      I   |                  la gran linea di argento, schiumante, frusciante, segna il taglio
16546  Cucc    12           |            diventavano livide di collera e schiumanti sotto la scura cortina dei
16547  Cucc    12           |                  pugno sul naso, facendolo schiumare di sangue, il ragazzo, furioso,
16548  LeAm Fiamm,    III   |                    forte del mare, le onde schiumavano rabbiose contro i pali,
16549  LeAm Sogno           |                 tazze di birra, dalla cima schiumosa e nevosa, apparivano alte
16550  Cucc     8           |                    niente, - disse quello, schivandosi.~ ~- E quando ci vediamo?~ ~-
16551  Giov     2           |                    Giovannino, cercando di schivare il colloquio~ ~«Non posso,
16552  Stor     3           |                come se fosse suo dovere di schivarlo! Quante volte ella assumeva,
16553   Inf    Inf          |                    chinava, ella non seppe schivarsi ed egli la baciò fuggevolmente.
16554  Mano     2           |             eravamo stati insieme, avevamo schivato per miracolo, tre o quattro
16555 Roman     3,     II   |               appaiono quasi mai: e le più schive famiglie borghesi di via
16556 Addio     1,     VI   |                  perchè vissero solitari e schivi, perchè non vollero cedere
16557 DalVe    35           |            gioventù e l'allegria! La gioia schizza fuori dalle parole, il buonumore
16558 DalVe    30           |               degli uccelli, pare di veder schizzare le vivaci lucertoline, tanto
16559 Pagin     6           |                 dobbiamo la profileria, la schizzetteria e sopratutto la bozzetteria.~ ~
16560 Pagin     6           |                    per cui i bozzetti, gli schizzetti, i profilucci, non trovano
16561   Cap    VI           |               scrisse, ma poi la penna gli schizzò per moto nervoso. Antonio
16562  Legg     3           |                   l’altra le barcacce, gli schooners, i brigantini carichi di
16563 FiorD      5          |                    forse la principessa di Schwarzenbourg-Augustenbourg che sposa, senza conoscerlo,
16564  Erta   Ert,      I   |               lasciavano andare in mare la sciabica, la grande rete di quelle
16565  Gesu     1,    III   |                   mussola bianca, un corto sciabolotto attaccato alla cintura di
16566  Gesu     9,    III   |                  di Soria, e persino degli sciacalli, desideroso di lavorare
16567  Erta Terno,     II   |                   tavola, facendo presto a sciacquare le forchette in cucina,
16568  Fant      2          |                    diffusa nell'acqua, per sciacquarsi la gola dalla polvere, rientrava
16569 Virtu     6           |              fontanella che sgorgava nello sciacquatoio, le parve una tempesta.~ ~—
16570  Cucc    14           |                    Cavalcanti.~ ~E i sette sciagurati cabalisti passarono davanti
16571   Ell      1          |                  avuto pace sin che la mia sciaguratissima lettera non sia partita
16572  Stor     1           |                 pittore di santi, frivolo, scialacquatore, vizioso, sarebbe tale una
16573  Erta Trent,    III   |                    per Napoli, tanta gente scialava, come dice il pittoresco
16574  Cucc     7           |                   cinquantamila lire me le scialerei, compare mio, per godermi
16575  SGio     4           |                  fune, qualche straccio di scialetto di lana, tirato invano da
16576 Roman     3,      I   |                    sulle spalle, con certi scialletti-asciugatoi di cotone, turchi, elegantissimi,
16577 Addio     1,     IV   |                leggeri e chiari, con certi sciallini rosei o azzurri che stringevano
16578 Roman     2,    III   |                    scortata sempre dal suo sciame di giovanotti, di diplomatici,
16579  Fant      3          |                quelle cuti rudi, rugate, a sciami. Tratto tratto un bove si
16580 Roman     3,      I   |                    donna piccola e gonfia, sciammannata, vestita come una serva,
16581  Cucc     2           |                   bicchiere di poncio allo sciampagna, non vi è di meglio per
16582   Cap     I           |               silenziosa era Concetta, una sciancata, una povera giovane, dal
16583 GliAm Heliot          |                   parve subito la cosa più sciapita, più scialba e più soffocante.
16584 Roman     4,    III   |             cinquanta, la quarta per certa sciarpetta ricamata nei piccoli, brevissimi
16585  Cucc     5           |                  contro i piccoli carri.~ ~Sciatta, col suo vestito nero, la
16586  Cucc     5           |              giorno di festa carnevalesca, sciattata come una poveraccia, col
16587  Cucc    11           |                   morbosa e i suoi vestiti sciatti e sporchi: d’un tratto il
16588 Roman     3,     IV   |                    vecchio, tanto ella era sciattona; Annina decisamente innamorata
16589  Cucc    12           |                 Crescenzo, Cannavacciuolo, Sciattone, Manetta, Pappalardo, avevano
16590  Ball    II           |                 scatto burlesco delle mani scimmiesche.~ ~— E stassera, tardi,
16591  Ball   III           |                   da lui voluto. Così, per scimmiottare il gran signore, egli aveva
16592 Roman     4,     II   |                 esprimere la soddisfazione scimmiottesca: e Isabella Diaz continuava
16593   Cap     I           |                      Certi giorni pare uno scimmiotto, — rispose Francesco, con
16594  Ball    IV           |                 metallo che fingeva oro, a scingersi il corsaletto di seta a
16595 GliAm  Maria          |               unghie così lucide che parea scintillassero, con gli anelli gemmati
16596  Gesu     7,    VII   |                svelto, con certi occhietti scintillati, che parlava arabo, presto
16597   Ell      2          |                    solo, di nuovo, essa ha scintillato innanzi ai miei occhi abbagliati:
16598 FiorD     20          |                Niuna luce vi fa piovere lo scintillío delle stelle che paiono
16599  LeAm Sogno           |              distratto. Ed ecco che quella sciocchina faceva la ritrosa, mentre
16600  Legg     3           |                   da quei funesti pensieri scioglientisi in lagrime che sono le nubi;
16601   Cas      I          |                   tirando a sé la mano per scioglierla da quella di Cesare, che
16602  Fant      1          |                   abito di raso bianco, le sciogliessero i lunghi capelli sotto un
16603   Ell      2          |                     dopo aver pregato, voi sciogliete le vostre vesti e andate
16604  Gesu     9,     IV   |                  ho tenuto il giuramento e sciolgo, oggi, il voto. Io depongo
16605 GliAm  Maria          |                primo convegno; e un nastro scioltosele dai capelli, che egli aveva
16606 Virtu     5           |                 signora del terzo piano di sciorinare la biancheria sul terrazzo,
16607  SGio     1           |                 senza difficoltà.~ ~Mentre sciorinava i fiori della sua eloquenza
16608  Cucc     5           |                 pretenzioso, il don Felice Sciosciammoca. Quando questi carri passavano,
16609  Erta Trent,    III   |                pasta, di frutta secche, di sciosciole, a chiunque entrasse in
16610   Cap   III           |                riflessi rosei di vini e di sciroppi; quella eleganza sapiente
16611  Cucc    10           |                filamenti malaugurati dello scirro. L’assistito si portava
16612  Gesu     3,     II   |                    chiesa, solo al proprio scisma: e fiduciosa d’esser depositaria
16613  Gesu     2,     IV   |                   senza clausura, nel rito scismatico, ai suoi grandi segni di
16614  Ball   III           |             esaminava attentamente.~ ~— Si sciupa tutto, in quel teatro...
16615  Ball    IV           |              osando sedersi, per timore di sciupar le loro leggiere gonnelle.
16616   Cas     II          |                 occhio ebete di coloro che sciuparono le loro forze morali in
16617 FiorD      5          |                 onde erano guarniti non si sciupassero. Si fermò d'un tratto, sempre
16618  Stor     1           |                 persistente dei lineamenti sciupati. Domenico Maresca, che lo
16619 DalVe    20           |         sottometteva ad un lavoro improbo, sciupatore, inutile, inglorioso. Invano
16620  Erta Terno,     II   |                 lezioni date, in cui le si sciupava quel po' il fiato che le
16621  Stor     4           |                  queste donne sudicie, che sciupavano la biancheria, che forse,
16622  Cucc    14           |                 altrimenti lo sperpero, lo sciupio del denaro, l’infelicità
16623  Gesu     7,   VIII   |                  dove l’unghia del cavallo scivola: un solco così ripido, che
16624  LeAm  Sole,     IV   |                    Perdonami - diceva lei, scivolandogli inginocchiata innanzi, con
16625  Stor     2           |              Esposito, muti, bene educati, scivolavan fra le mense, tenendo un
16626   Cap     I           |              fischio sottile dei fogli che scivolavano, quasi afferrati e divorati
16627  Erta   Ert,    III   |                      Ma se mme passa~ ~Sta scjorta de tossa~ ~La coppola rossa~ ~
16628 FiorD      8          |                  non mi amate voi forse? - sclamò lei, con gli occhi lucenti.~ ~-
16629  Fant      5          |                spezzava le membra. Sentiva scoccare i quarti d'ora, contandoli.
16630   Ell      2          |              suppongo! La mezzanotte è già scoccata: voi lo vedete sull'orologio
16631  Mano     2           |                    croce. Finalmente, come scoccava mezzogiorno, il portone
16632  SGio     3           |                  fece udire un ronzìo, poi scoccò cristallinamente le nove.~ ~-
16633  Ball   III           |                piccolo porto, chiuso dalla scogliera; sulla via del Chiatamone
16634  Erta   Ert,     IV   |              finestre, arrampicandosi come scoiattoli, portando in giro le tavole
16635   Inf    Inf          |                     si trovò innanzi a una scolara stupefaciente. Vi era in
16636  Picc     5           |             maestre e l’essere trattate da scolarette ci umiliava, ci stizziva.
16637   Ell      3          |                   vero, lo studentello, lo scolaretto, che ha preso una cotta
16638 Roman     3,     IV   |                   provocanti di seta nera, scollati in quadrato, con le maniche
16639  Gesu     7,     IV   |                   l’entusiasmo pietoso che scolora i volti e mette una nube
16640  LeAm  Sole,    III   |                     Giovanni guardò quello scoloramento e quei begli occhi velati:
16641  LeAm Sogno           |               voluttà lo teneva, di vedere scolorare, al suono della sua voce,
16642   Cas     IV          |                 aveva visto, al suo canto, scolorarsi dei volti rosei e una nuvola
16643   Cap    II           |                   i vestiti delle donne si scoloravano ed esse stesse sembravano
16644 Roman     5,    III   |                 con gli anni, un crescente scolorimento.~ ~Gli occhi avevano perduto
16645  Cucc    17           |                 cose, e che la campagna si scolorisse. La mano destra di Carmela,
16646  Erta   Ert,      V   |                mitigava, il suo rossore si scoloriva, le bianche pustolette,
16647  Erta   Ert,      I   |              intorno: e un pallore mortale scolorò tutte le cose sulla terra
16648 Ventr     1,     6    |                     davanti al giudice, si scolpa, dicendo: m'ha chiammata
16649  Mano     2           |                  Lambertini, completamente scolpante il conte Alimena, era di
16650 Addio     1,     II   |                  subito dai miei parenti a scolparti, ad accusarmi: li hai rassicurati;
16651  Stor     3           |                    busti che vi si stavano scolpendo e dipingendo, nell'inverno
16652 GliAm Caricl          |                  sua madre. Pareva volesse scolpirsi in mente quel volto affilato,
16653  Stor     3           |                Concezione, molto alta, una scoltura e una pittura, ove l'arte
16654   Cap    IV           |         sforbiciati e i frammenti di carta scombiccherati stavano in confusione come
16655  Fant      3          |                   rideva vedendo la faccia scombuiata di Andrea.~ ~- O povero
16656  Legg     6           |               presagio. O giorni, o giorni scombuiati, feroci e maledetti.~ ~Ma
16657  Legg     9           |             zitellone. È il munaciello che scombussola la casa, disordina i mobili,
16658 DalVe    17           |                   mondo alla rovescia, uno scombussolamento generale: i professori di
16659 Roman     2,      I   |                   malignamente Anna Doria, scombussolando il suo cestino per trovare
16660  LeAm Amant,     II   |                 una mestizia taciturna che scombussolava, subito, tutto l'umore sereno
16661 Addio     2,      I   |                  liquidare il valore delle scommesse.~ ~– Cesare avrà vinto,
16662 Addio     2,      I   |                 per la terza corsa; vado a scommettere: a rivederci.~ ~E se ne
16663 GliAm Caracc          |                    non andava al club, non scommetteva alle corse?~ ~- Nessuna
16664 DalVe    23           |                  pensi certo qualche cosa. Scommetti, che l'indovino?~ ~Tu pensi
16665 Roman     1,     II   |           sequestro:~ ~— Valeva la pena di scomodarci per così poco!~ ~— Che,
16666 Addio     1,      V   |                    immancabilmente; non si scompagnava da loro, che quando non
16667 Roman     2,    III   |                 Eva. Le due ragazze non si scompagnavano più, da quando il matrimonio
16668  Fant      3          |                tondo vivissimo, ogni tanto scomparente sotto la cartilagine giallastra
16669   Ell      3          |                    e a nessuno. Partiremo, scompariremo, così, domani, prima che
16670   Cas     II          |         sapientemente inebbriante l’amore, scompariscono e solo esso occupa il tempo
16671  LeAm Fiamm,     II   |                 Salute, e lontano, laggiù, scomparisse addirittura il canale della
16672  Mano     1           |                 diradare le tenebre, negli scompartimenti: lumicino che, quando il
16673  Legg     9           |                   i mobili, turba i cuori, scompiglia le menti, empiendole di
16674  Erta Trent,    III   |               facendo fuggire i viandanti, scompigliando i gruppi di donne; la rotella,
16675   Cas      I          |               vento lo investisse, che gli scompigliasse i capelli e gli abiti: si
16676 DalVe    30           |                    fra l'idea e la parola, scomponendo vecchi ideali per formarne
16677  Ball    II           |                  nella danza, talvolta, si scomponessero i suoi capelli stupendi.
16678 DalVe     3           |                  ne servì per isfuggire la scomunica, qualche timida poetessa
16679  Cucc    19           |                 sono più prete, sono stato scomunicato, sono fuori della Chiesa:
16680 Roman     3,      V   |                  via dei Fiorentini, tutta sconcertata. Nella penombra del teatro
16681   Cap    IV           |                   discorso copioso, un po' sconcertati dalla sua apparenza tranquilla.
16682  SGio     4           |                    realità di atti goffi e sconci, con tanta ignobilità di
16683  Legg     2           |                 per rimediare a così grave sconcio, fece fare una mosca d’oro,
16684 Addio     2,     IV   |                     scrivere delle lettere sconclusionate, avere la faccia verde e
16685   Cap    II           |                 brutta quella prosa, nella sconclusione delle bozze, tutta piena
16686 DalVe     7           |                    A che pensa? Forse agli sconfinati orizzonti della sua Palestina
16687  Legg    12           |                  più animoso e sbaragliò e sconfisse il gruppo dei nemici. Tombe
16688  Fant      4          |                 taciturni, abbattuti, come sconfitti. In questo entrò Caterina
16689 Addio     1,      V   |                  prima battaglia era stato sconfitto, il suo orgoglio di uomo
16690   Cas     VI          |             scirocco che guasta il sangue, sconforta e deprime i nervi, e avvelena
16691  LeAm Fiamm,     II   |               realtà, che realtà meschina, sconfortante, nauseante! Tornò alla poltrona,
16692 Addio     1,      V   |                 una creatura infelicissima scongiura il signore della propria
16693  Cucc     9           |                  vuol parlare.~ ~- Bianca, scongiuralo, per il nostro Dio, per
16694 Ventr     1,     9    |                  pregare, e scapigliarsi e scongiurarli, in nome di Cristo, che
16695   Cas      X          |                    voglio pregarti, voglio scongiurarti, Cesare, battiamoci qui.~ ~—
16696  Mano     2           |                   chiamavo, le parlavo, la scongiuravo di udirmi, di rispondermi.~ ~«
16697  Mano     2           |                Rachele! A qualunque costo, scongiuroti ritornare Italia, venire
16698  Gesu     4,    VII   |                 Una scala larga, a gradini sconnessi e lucidi, vi conduce: quindici
16699  Ball    II           |             impiantito di legno abbastanza sconnesso e dove, spesso, pigliavano
16700 Roman     1,      I   |                  le ausiliarie erano tante sconoscenti, che lei, l’inserviente
16701  Cucc    20           |                  abbrucia il cervello, che sconquassa i nervi, e che fa delirare
16702  Mano     1           |                    e irrugginiti, a mobili sconquassati e tarlati, a bocce di cristallo
16703  Legg     7           |                  Malannaggia la tua bocca sconsacrata! Ascolta. Vuoi tu dire al
16704  Legg     4           |                    anime trafitte, o anime sconsolate, o voi che per l’amore portate
16705   Inf    Inf          |                    parola che si dice agli sconsolati, a coloro cui è morto qualcuno:~ ~-
16706   Cas     IX          |           giaciglio, al chiarore candido e sconsolato della luna? Non forse, anche
16707  Fant      4          |                    peccato, la felicità si sconta - sentenziò lei.~ ~Egli
16708 Ventr     1,     6    |                   alla multa; che importa? Scontano la pena, pagano la multa,
16709   Cap    VI           |          raffinatezza, lo soffrite voi, lo scontate a oncia a oncia, voi pagate
16710 DalVe    16           |              giorni lieti, ma così pochi e scontati dopo così caramente. Per
16711   Cap    II           |                giornale, temendo sempre di scontentare l'abbonato, facendo di tutto
16712  Cucc     5           |                 con gli occhi ardenti e la scontentezza, l’inquietudine che gli
16713  Cucc     6           |              interesse: tu poi, dal resto, sconti quello che vuoi del tuo
16714 FiorD     13          |                 compiacenza. Ma l'indomani scontò quel sorriso, raddoppiando
16715  Ball    II           |                   sempre di cattivo umore, scontrosa, che aveva già fatto due
16716  Mano     2           |                inquieta, più agitata e più sconvolgente di quella. Il Dick Leslie
16717  LeAm  Sole,    III   |             profondo di amore, che finì di sconvolgere Giovanni.~ ~- Clara, voi
16718 Addio     2,     IV   |                  altra, sentendo la follia sconvolgerle le ultime facoltà spirituali.~ ~–
16719  Gesu     4,     IV   |                   tanta crudeltà, parve si sconvolgesse la compagine del mondo.
16720 DalVe    17           |                  altra via. Va all'aperto, sconvolgi, rovina, illumina, incendia,
16721  Mano     2           |                    mezzo a questi profondi sconvolgimenti morali, qual demone ha suggerito
16722 GliAm Morell          |                   pazienza femminile e che sconvolgono nell'anima più ferma ogni
16723 Roman     4,      I   |          aspettatelo pure.~ ~E si rimise a scopare rumorosamente. La personcina
16724 GliAm Vincen          |         sorvegliava la cottura del polipo, scoperchiando ogni tanto la pignatta,
16725   Cas      X          |                    lapide di Anna, di fare scoperchiare quella cassa. Doveva farlo.
16726  Erta Trent,    III   |                fazzoletti una lira!~ ~— Na scopetta quindici soldi!~ ~— Lacci
16727  Legg     4           |              tegame dove bolle lo strutto, scoppiettano e friggono certi peperoncini
16728   Cap    II           |               scirocco umido della notte e scoppiettava: egli la guardava, senza
16729   Cas     VI          |               risate del pubblico, fra gli scoppiettii degli applausi, la principessa
16730 Addio     1,     II   |                    folla, come vuoi che ci scoprano? Ti meraviglia questa mia
16731  Gesu     4,      I   |                 roccia ove non fu trovato, scoprendola, se non il lenzuolo funebre
16732 FiorD     11          |                 scoperta che facciamo? Noi scopriamo di non amare più!~ ~- Oh!
16733  Mano     1           |                 ignoto. Ma, te l'ho detto, scoprirò quel principio. La chimica
16734  Erta   Ert,     IV   |                   e dai berretti rossi, si scoprirono il capo: e restarono così,
16735 Addio     1,      I   |                    pericoli... pensa se ci scoprissero, qui... saresti perduta.~ ~–
16736  Picc     2           |                   facevano rumore e che lo scoprivano; vi era il giuocatore immaginoso,
16737  Gesu     3,    III   |                conventicole che sorprende, scoraggia, disgusta. Chi conterà mai
16738  Gesu     8,      I   |                   incapaci di seccarsi, di scoraggiarsi, di abbandonarvi. Parlano
16739  Cucc    12           |                   in collera, intimiditi e scoraggiati, avevano finito per andarsene,
16740  Ball     I           |                    subito. No, no. Ella li scoraggiava, facendosi vedere sempre
16741   Cap    VI           |                      Sissignore. Oh non mi scoraggio, io! sono ostinato, con
16742  LeAm Amant,    III   |               sussulti, e i pallori, e gli scoramenti di una gelosia invincibile.
16743  Legg     9           |                 questo munaciello esiste e scorazza per le case, e vi faranno
16744 Ventr     1,     8    |                sono le mandre di capre che scorazzano per tutte le vie della città,
16745   Cas     II          |                  che questo smorto vedovo, scorazzante per le strade più popolose
16746  Gesu     1,     IV   |               asinai coi relativi asinelli scorazzanti in tutti i sensi, le donne
16747 Ventr     3,     6    |                    un poco, poi, le lascia scorazzare: le sgrida, sempre: urla,
16748 Pagin     2           |                   colombaio, i cui colombi scorazzavano dappertutto; subito una
16749 Roman     3,     II   |                  dai denti macchiati dallo scorbuto, dalla magrezza malaticcia,
16750 FiorD      3          |             bizzarro modo di contorcere lo scorcio dei suoi personaggi, una
16751   Cap    IV           |             vengono le altre cartelle. Non scordarti di mandargli i denari, a
16752  LeAm Amant,     II   |                  nell'inchiostro. Che egli scordasse i suoi baci, le sue carezze,
16753  Stor     2           |             soggiunse lei. – Perché non ti scordassi di Gelsomina.~ ~Ad ambedue,
16754 FiorD     18          |                   in equilibrio. Ma non si scordavano la loro parte.~ ~- Quando
16755  Fant      5          |                    così mi pare. No.... mi scordavo di meglio. Un giorno, levando
16756 GliAm Vincen          |                    stassera, che non se lo scordi.~ ~- Glielo dico, glielo
16757  LeAm  Sole,      V   |                quegli occhi vivacissimi, e scorgendovi come disteso un velo d'inesorabile
16758   Ell      2          |                    va a Barnes: nessuno mi scorgerà. Io vi vedrò passare: non
16759  Gesu     2,      I   |               partì la poesia della Croce? Scorgeremo noi Sionne, come una città
16760 Ventr     2,     1    |               segreto dell'intuizione, voi scorgerete, lungo il Rettifilo, persone
16761   Ell      2          |             confuso in essa: e niuno potea scorgermi: e tutto io scorgeva, di
16762  Gesu     7,    VII   |                   bimbi, e udir le voci, e scorgerne un poco i costumi. Niente
16763  Legg     6           |                  guardi nel buio, quasi vi scorgessi qualche cosa.~ ~– Guardo
16764  Gesu     5,      I   |                  aperte delle casette, voi scorgete degli ambienti puliti, decenti,
16765   Ell      3          |                   Sin che Diana Montagu si scorò, disperò di mai più veder
16766 Pagin     6           |               letterario di Panicocoli, Lo Scorpione, in cui versano le loro
16767 Ventr     1,     4    |                   gobbi), dei ragni, degli scorpioni, della gallina: superstizioni
16768  Mano     1           |                    un rumore di catenaccio scorrente nei cerchi si udì.~ ~La
16769  Legg    15           |                 tre strisce vivide di lava scorreranno lungo i fianchi della montagna;
16770   Cas      V          |                    il brivido della febbre scorrermi la persona, e poi il calore
16771 GliAm  Maria          |                   e tacere: e lasciare che scorressero le ore e il tempo, senza
16772   Cas     VI          |                   prima di battersi?~ ~— È scorrettissimo ma è così. Egli chiede un
16773   Ell      1          |                grottesca: nell'intervallo, scorrevo, con l'occhio, il New York
16774  Legg    10           |                argento.~ ~Madonna Isabella scórse la lettera. Messer Diomede
16775  Gesu     6,     II   |                 dragomanno Issa a cavallo, scortante fedelmente la piccola navicella
16776  Cucc    10           |            pomeridiana e che un monelletto scortava, per raccogliere in una
16777  Gesu     9,      I   |                 misteriosi rapporti fra le scorte, i dragomanni e i ladri:
16778  Mano     1           |               scortese, conte Alimena.~ ~— Scortesissimo, signora, — disse Roberto,
16779  Cucc     6           |                    buona gente napoletana, scorticata, strozzata, che prendeva
16780  SGio     4           |            appoggiava su due gruccie tutte scorticate. La comune espressione di
16781  Fant      3          |                   vive come se lo avessero scorticato, se ne stava, dimenticato,
16782  Gesu     3,      I   |                affaticano i polmoni, e gli scoscendimenti che fanno rompere le scarpe
16783  Gesu     7,   VIII   |                  erta la salita, le pietre scoscendono così, intorno a voi, che
16784  Gesu     4,      I   |                  Monte degli Ulivi è molto scoscesa: non vi conducono che due
16785  Gesu     8,      I   |                  del Thabor, di ripido, di scosceso, di periglioso, di vertiginoso.
16786  Gesu     8,      I   |           mattinali, talvolta stanco degli scossoni di qualche terribile veicolo,
16787  Fant      4          |       attraversasse la via. Avrebbe voluto scostarli con una spallata o scavalcarli,
16788  Cucc    17           |                   fece cenno agli altri di scostarsi un poco, di lasciare le
16789  Mano     1           |                altro avete indotto?~ ~— Ho scostato leggermente la pelle che
16790  Picc     2           |                   le porte, gli armadi, si scostavano le sedie, le scrivanie,
16791 Ventr     2,     3    |                  novella vita brulicante e scostumata come nei vecchi quartieri,
16792 Roman     3,     II   |                 gelato, vedete quanto sono scostumate, — mormorò Carolina, che
16793 FiorD     15          |                 orgoglio sopportava quello scostumato marito, per orgoglio non
16794 Virtu     4           |                 tirando a sé la tovaglia e scotendola per farne cadere le molliche
16795 Virtu     5           |                zuppa e vi soffiava dentro, scotendole, per farne andar via la
16796   Cap    VI           |                 pezzo di pane, lungamente, scotendosi ogni tanto le molliche dalla
16797  Gesu     7,      V   |                  deve guidare. Già il sole scotta, ma le tamerici sono così
16798  Cucc     9           |           crescendo, crescendo, ne rendeva scottante la fronte e le mani.~ ~Egli
16799 FiorD      6          |                occhi lagrimosi e le labbra scottate. Lui no, perchè era avvezzo
16800  Erta Trent,    III   |                    pensoso della moglie lo scovava. Le aveva donato un paio
16801   Ell      3          |                   ovunque e infine l'hanno scoverta, a Rieti, presso nostra
16802  Legg     2           |                 dei semplici, è lui che ha scoverte certe leggi naturali, ignote
16803 Ventr     3,     8    |                    un vestito da festa che scovre un collo e delle spalle
16804  SGio     4           |                  Carminella, scostandosi e scovrendo il terzo letto occupato.~ ~-
16805   Ell      1          |                  voi cantavate, ieri sera. Scovrii ove il cancello si schiude,
16806   Ell      1          |                  detto tende a indagare, a scovrire le ragioni della vostra
16807 Ventr     2,     1    |                  finestre: e, accanto, voi scovrite un vuoto, e un muretto basso
16808  Stor     3           |                 erano numerosissimi: se ne scovrivano ogni giorno di più, lo zio
16809   Ell      2          |              Castle sono illuminate: io ne scovro quattro al secondo piano,
16810  Picc     7           |             piccoli marinari, alle piccole scozzesi, ai piccoli bersaglieri,
16811   Cap     V           |               pubblico e avevan finito per screditare un poco il giornale, anzi
16812  Cucc    13           |                    usurai, aveva finito di screditarlo. Ancora la sua reputazione
16813  Picc     3           |             bruciante, sulla terra secca e screpolata~ ~— Aspetta, Ciccotto, aspetta,
16814 Roman     3,      I   |               inchiostro per nascondere le screpolature. Ed erano tutte innamorate,
16815 Addio     2,     IV   |                   Il busto del vestito era screziato, qua e , di piccole e
16816  Cucc    10           |                 poeticamente, quasi quelle screziature fossero mistiche parole:
16817 DalVe    23           |                    quanto gli innumerevoli scribacchini che un perfido destino creò
16818 Roman     5,      I   |           ufficiale biondo, dalla sciabola scricchiolante, tanto più bello di Vincenzino
16819 Roman     1,     IV   |                   città. Tutte le macchine scricchiolarono, a tutti i reofori, a tutti
16820  Fant      3          |                   intese il passo, sebbene scricchiolasse qualche foglia secca: gettò
16821 Roman     3,      I   |                  una viottola di legno che scricchiolava sotto i passi delle persone.
16822  Fant      4          |              tavolino ove Andrea scriveva, scricchiolò come se egli ci si fosse
16823   Inf   ZigZ          |                 vita. Cassetti, cofanetti, scrigni che serrino simili preziosità
16824  Ball   III           |                    i baffetti in aria e la scrima all’imperatore, ma è una
16825   Cap     V           |                  lettori del Tempo che uno scrittorello qualunque aveva osato d'
16826  Fant      2          |               rosellina appassita, e sotto scrittovi un verso di Byron: sopra
16827   Cap    VI           |                   certe vecchie novelle di scrittrici sconosciute: e con le forbici
16828 Ventr     2,     3    |              commessi, contabili, uscieri, scritturali e, persino, dei cancellieri
16829 Roman     3,      I   |                   e che non arrivava mai a scritturarsi, malgrado che declamasse
16830  Ball     I           |                 che l’impresa di San Carlo scritturava solo per far piacere agli
16831  Fant      2          |                  per i pugni battuti sulle scrivanìe, per gli arrabbiati scoppi
16832  Fant      5          |                amore sotto i nostri occhi, scrivendosi, parlandosi, dandosi appuntamenti,
16833  LeAm  Sole,      V   |                  poco?~ ~- Ti affliggerei, scrivendoti.~ ~- Tu puoi dirmi tutto,
16834   Cap    IV           |                    quando, mio Dio, non si scriveranno più articoli sul Lohengrin
16835 DalVe     1           |           dipingerei; se fossi Victor Hugo scriverei per te un libro: ma se io
16836 DalVe    20           |                    questo libro non poteva scriverlo. Avrebbe avuto bisogno di
16837 DalVe    17           |                questo che ho deliberato di scriverti questa letterina, proponendomi
16838 GliAm Morell          |                 sventure, senza che io gli scrivessi di ciò una sola parola!
16839   Cap   III           |               piano si lagna, varrebbe che scriveste ogni giorno....~ ~— Si seccherebbe
16840  Ball     I           |                   conosciuta, ve ne prego, scriveteci il nome sopra la corona,
16841   Cap     V           |                   progetto nostro, Joanna, scrivetelo, per studiarlo.~ ~Sulla
16842  Mano     2           |                  ve l'ha potuto suggerire? Scrivetemene; se non lo avete fatto,
16843  LeAm Sogno,     II   |              fissava, pallidissima.~ ~- Mi scrivevate? perchè?~ ~- Per.... nulla -
16844 GliAm Caracc          |                    sarebbe a dire? Non gli scrivevi?~ ~- Egli aveva rinunziato
16845  Ball     I           |                 mia corona?~ ~— Sì, ora ci scriviamo una lettera, sopra, coi
16846 Roman     1,      I   |                 ancora Giulia Scarano.~ ~— Scrivigli una letterina.~ ~— Gliene
16847  Fant      2          |              scriverò che fa male.~ ~- Sì, scriviglielo. Non ti darà retta, ma tu
16848  Cucc     2           |                     spezzava un mandorlato scrocchiante, inghiottiva i grossi bocconi
16849  Gesu     1,     IV   |                    è l’amabilità di questo scrocco. Se vi arrabbiate, essi
16850 GliAm Vincen          |                    quel briccone, a quello scroccone! Ora fa all'amore con una
16851 Ventr     1,     4    |               alcuni in buona fede, alcuni scrocconi, che mangiano poco, bevono
16852 DalVe    14           |           disperdono le forti immagini, si scrolla la credenza; la passione
16853   Cas     IX          |                    servo per un braccio, e scrollandolo.~ ~— Sua Signoria è partita,
16854 Addio     2,    III   |                immagine di Cesare Dias era scrollata, un poco, dall'altare dove
16855  Fant      2          |                  così bene le spallate, le scrollate di testa, il brontolio piagnoloso,
16856  Ball     I           |                       osservò Lamarra, già scrollato nella sua implacabilità
16857 Roman     5,     II   |                   nascere. E le ascoltanti scrollavano il capo, soddisfatte, sorridenti,
16858 Roman     5,      I   |             soddisfazione. Emma si scosse, scrollò le spalle, cercò liberarsi
16859  Stor     4           |                vacillanti luci gialle. Gli scrosci di pioggia ora rallentavano,
16860 Ventr     2,     4    |                   mai, e scrosti, tenti di scrostare il sudiciume annoso, e trasporti
16861 Roman     5,    III   |                   lui; Federico, irritato, scrostava dei pezzi d’intonaco e li
16862  Fant      3          |                intonaco, come l'antico, si scrostavano, le edere mordevano realmente
16863 Ventr     2,     4    |                  dove non si spazza mai, e scrosti, tenti di scrostare il sudiciume
16864  Erta   Ert,      I   |                   i bagni e che visitavano scrupolosamente i dintorni, non pigliandovi
16865 Ventr     3,     1    |                  la integrità, la rigorosa scrupolosità furono la sorgente di fortune
16866   Inf    Inf          |              guardò negli occhi, volendoli scrutare.~ ~- Quello che tu vuoi,
16867 Addio     2,    III   |                 fissava nel volto, volendo scrutarne l'intimo, divorante pensiero,
16868 Addio     1,      V   |                     gittava delle occhiate scrutatrici a Cesare Dias, il quale,
16869  Mano     2           |                  opera, i suoi occhi verdi scrutavano quel foglio, quelle parole
16870 Virtu     5           |                  sospettosa, dallo sguardo scrutinatore di beghina. Per Isolina,
16871 Virtu     4           |                 presto, si mise all’opera, scucendo, ricucendo, piegando, ripiegando
16872 Virtu     4           |                erano né fioripiume. Ma scucendola, questa cappottina, e rifacendola,
16873  Cucc     1           |                vernice e mostravano, dalle scuciture, la fodera già sporca.~ ~-
16874 Addio     2,     IV   |                   ultimo, crudele colpo di scudiscio.~ ~– Dico che dimenticate
16875  LeAm Sogno           |                   velo nero, una di quelle scuffie ampie e caratteristiche
16876 Roman     2,    III   |                   tanto carine sotto certi scuffiotti alsaziani di raso rosso.~ ~—
16877 Virtu     4           |                 pezzetti di nastro, quello scuffiotto di raso nero, con un sospiro.
16878 Ventr     3,     6    |              sempre: urla, dietro loro: le sculaccia: pianti, strilli, singhiozzi:
16879  Legg     8           |                    detti; tutta la persona scultorea, altera, quasi rigida nell'
16880 Addio     1,     IV   |                  si disegnava nitidamente, scultoriamente. I folti capelli neri lasciavano
16881 DalVe    24           |               provocante di vita; il busto scultorio, un braccio modellato con
16882  Erta Trent,     II   |                   proprio gialla, qua e  scuoiato e tenuto stretto da uno
16883  SGio                 |                     hanno lo stesso suono, scuotano essi le forme eleganti di
16884   Cas     VI          |                 immobilità, da cui venne a scuoterli solo quel concerto di fischi
16885  Mano     2           |               tremolìo nervoso seguitava a scuoterlo tutto. Ecco la lettera di
16886 Roman     4,     II   |                    di visioni amorose, uno scuotimento di nervi: alla strana parabola
16887  Fant      3          |                 che abbiano un'aria fiera? Scuotono la testa con le corna ricurve.
16888  Stor     3           |                 com'era, in quella camicia scurastra. Quella statua doveva esser
16889  Stor     2           |             diritta, un casottino di legno scurastro, con una porticella chiusa
16890  Erta Terno,     II   |                 erano solamente chiusi gli scuretti: nessuno apparve sulle porte
16891  Erta Trent,     II   |                 sangue: le palpebre un po' scuricce coprivano sempre lo sguardo
16892  Cucc    18           |               disegnati, in larghe macchie scuriccie, i profili dei mobili che
16893   Cas     IX          |                    un biancore, sulla seta scurissima. Sul vestito, come se ella
16894  Cucc     4           |                  fenico, attraverso quello scurore e quella umidità sciroccale,
16895  Fant      4          |                  torti, per cui egli fosse scusabile di amare altrove: egli non
16896  Fant      4          |                restrizioni mentali e delle scusanti gesuitiche.~ ~Ma questa
16897 Virtu     4           |                 padrone e che lo preghi di scusarmi se non ho scrittoVa’,
16898   Cas      V          |               Sottovoce, presto, Cesare si scusò col parroco del ritardo,
16899  Fant      1          |                    distratta, preoccupata, sdebitandosi rapidamente della sua preghiera.~ ~
16900  Cucc     8           |                Maria Cavalcanti non doveva sdegnare questa offerta, fatta in
16901   Cap    II           |                   coloro che non seppero o sdegnarono d'imporsi.~ ~Esaltandosi
16902  Cucc     8           |                  statua del poeta parea li sdegnasse, con le sue bianche occhiaie
16903  Erta   Ert,     IV   |                 nostra patria, voi che non sdegnate, poichè ogni servizio nobilmente
16904   Cap     V           |               nuovo: forse quei centoventi sdegnosi non trovavano completa la
16905  Cucc    12           |                spesso, nella settimana, si sdigiunava con due soldi di pane secco,
16906 Roman     1,     II   |                  Questo è quel tale che si sdilinquisce sempre, — gridò Ida Torelli,
16907  Fant      5          |               piacevano le smorfie, non si sdilinquiva in frasi, sapeva amare robustamente,
16908  Cucc     7           |                   in un colpo. - Ho dovuto sdoganare un forte carico di zucchero…
16909 DalVe     3           |                stabilisce un dualismo, uno sdoppiamento, una impersonalità piena
16910  Mano     1           |                 premeva? Tentò di dormire, sdraiandosi di nuovo: ma restò con gli
16911  Gesu     1,      V   |                   sdrucito tappeto dove si sdraiano e si addormentano. Non vi
16912   Cas   VIII          |                    della sua donna morta e sdraiarvisi accanto.~ ~ ~ ~
16913  Fant      3          |                   molto poetiche, qua e  sdrucciolando nella rettorica, nella frase
16914  SGio     4           |                 curva; ciò non le evitò di sdrucciolare malamente, due o tre volte;
16915  Erta Trent,      V   |               altre che erano sorte, erano sdrucciolate nella meschinità, nelle
16916  Fant      3          |             abbondanza, del decentramento. Sdrucciolò un momento nel regionalismo,
16917 Roman     3,     II   |                     mostrando le scarpette sdrucite e le calze di cotone da
16918 DalVe    28           |                 agucchiare alla biancheria sdruscita, fare una visitina alla
16919  Gesu     7,   VIII   |                 giù, giù, giù, scivolando, sducciolando, pericolando a diritta,
16920 Roman     2,      I   |                  vedere i piedini sottili, sdutti. Elfrida fu accolta con
16921  SGio     2           |                 freddezza, d'indolenza, di seccaggine, in tutta la persona alta
16922 DalVe    20           |                   piagnistei, non vogliono seccaggini, non vogliono filosofia,
16923 Addio     2,     IV   |         impasticciate la vostra esistenza, seccando a morte tutti quelli che
16924  Gesu     9,    III   |                    dormito, letto, fumato, seccandomi perfettamente a Gerico,
16925 Addio     1,    III   |                vento della contraddizione; seccandosi sovra tutto di discutere,
16926 Addio     2,     IV   |              mortalmente.~ ~– Un contratto seccantissimo, quando si sposa una donna
16927  Picc     2           |              ridendo.~ ~Poi, cominciammo a seccarci. Poichè Michele non ci trovava,
16928 Addio     2,     IV   |                  suo marito, ma che non lo seccasse: ecco! Vedendo che Anna
16929 GliAm Gerald          |                senza parenti poveri che la seccassero, e a ventotto anni, era
16930  LeAm Sogno           |                 non mi contraddite, voi vi seccate, come me, della solitudine.
16931  Mano     1           |                    domandò Héliane che era seccatissima.~ ~— Una dama, — rispose
16932 Addio     2,      I   |                esaltate, o, semplicemente, seccatrici; capiva bene che ella non
16933  LeAm  Sole,      I   |                   sì, anche molto.~ ~- Non seccherà nessuno?~ ~- Chi, nessuno?~ ~-
16934   Cap   III           |                 dirle, che le donne non si seccheranno mai di sentirle.~ ~— Vi
16935 Addio     2,     IV   |                    verde e le labbra bige, secchereste il Padre Eterno nel cielo!~ ~
16936 FiorD      7          |                   di pranzo divertenti: ti seccheresti meno, Riccardo mio.~ ~-
16937  Cucc     2           |                Siete venuta presto? Non vi seccherete di aspettare? Volete prendere
16938  Mano     1           |                     E volevate noi?~ ~— Ci secchiamo, lui ed io!~ ~— Voi, forse.~ ~—
16939   Cas      X          |                  gliel’avevano data, in un secchiello. Mentre era dietro alla
16940  Fant      3          |                  per terra come due che si secchino molto. Voltarono: trovarono
16941  Legg     7           |                    ridiventare giovane, il secchione!~ ~– Vuol trovar l’oro,
16942 GliAm Caracc          |             irrequieta.... proprio, non ti seccò mai?~ ~- Non vi fu il tempo,
16943  LeAm  Sole,     II   |            perfidia. Tanto che, alla fine, secondandolo e sorpassandolo ella, ambedue
16944  Gesu     3,    III   |                patriarchi, dai loro preti, secondate dai consoli delle loro nazioni
16945  Ball     I           |               messa era finita e il prete, secondato dai due coadiutori, benediceva
16946  Ball    IV           |                  piano di marmo bianco, un secrétaire e quattro sedie di Vienna,
16947  SGio     3           |                  alla porta aperta di quel sécrétaire, col capo abbassato sovra
16948  SGio      (4)        |                            Nell'originale "sécretaires". [Nota per l'edizione elettronica
16949  Mano     1           |                    ultimi terrori, vaghi e secreti dello spirito di Rachele
16950 Ventr     3,     4    |                    collocare onestamente e securamente il suo danaro, ove tutte
16951 Ventr     3,     4    |                  io voglio delle coscienze secure: io voglio delle anime austere.
16952 Ventr     3,     7    |                    folle, lentamente, si è sedata, poichè questi possenti
16953  LeAm  Sole,      I   |                  senza stringerla. Ambedue sedavano a stento il tumulto delle
16954  Erta Terno,     II   |                madredisse la fanciulla, sedendosele accanto~ ~— Che c'è, piccola?~ ~—
16955  Erta Terno,      I   |              dovuto non fare quel mestiere sedentario, fra gli odori acri dei
16956 Roman     4,      I   |              palpebre senza ciglia.~ ~— Vi sederete all’ultimo bancosoggiunse
16957  Cucc     3           |             momento, in piedi, che egli si sedesse, per sedere anche lei: ma
16958  Cucc     1           |                  tre seggioloni, perché vi sedessero le tre autorità: un consigliere
16959  Mano     2           |                   mensa, ella volle che mi sedessi accanto a lei, e poggiò
16960  Fant      3          |                poco.~ ~- Voi siete stanca: sediamoci per terra, e non cerchiamo
16961 Roman     3,     II   |                   dalle sedie, partiva; il sediaro andava rimettendo in fila
16962  SGio     3           |                cosa?~ ~- Sì, voglio che vi sediate più vicino a me.~ ~Suor
16963  Erta Trent,    III   |                quegli antichi cappelli del sedicesimo secolo francese: e la falda
16964   Cap     V           |                  Tempo: gli abbonati erano sedicimila; la vendita in Roma era
16965 Addio     2,     II   |                  Anna, erano tante sedie e sedioline, e sgabelli, e tavolinetti,
16966 Addio     2,    III   |             crocket, al lawn tennis, erano seducentissime e avevano una forte dote:
16967  Stor     3           |                  mistica si rinnovellasse, seducessero con le loro grazie, coi
16968 FiorD     17          |                 quei pezzetti di legno, lo seducevano, lo affascinavano. La notte
16969  LeAm  Sole,    III   |            inseducibile.~ ~- Vi piacerebbe sedurmi?~ ~- Sì, moltissimo - ella
16970  LeAm  Sole,      V   |                 mancato alla promessa. Ma, sedutasi, si rialzava subito: a che
16971  LeAm Fiamm,      I   |                 pronunziare quelle sillabe seduttrici; temeva di struggersi, dicendole;
16972   Cas     IX          |                  dicendo di sì.~ ~— I have seen a ghost — disse Hermione,
16973 Addio     1,     IV   |                  panchine, delle sedie, un segar di violini e di viole che
16974 Addio     2,     IV   |                 della parola seccatrice le segassero, stridendo, i vivi muscoli.~ ~–
16975 Virtu     3           |                   di una quantità di gambe segate, di budella ricucite e riadattate
16976  Erta   Ert,    VII   |                    dagli anelli nettamente segati, fra l'erba della fratta,
16977  Fant      3          |                occasione. Poi i sedili, le seggioline, gli sgabelli, smarriti
16978  Cucc     5           |                  più forte il rumore delle seghe, delle pialle, dei martelli:
16979 GliAm Vincen          |                erano disposti, a corona, i segmenti di pizza, odorosi di pomodoro
16980  Erta Trent,    III   |                 per la biancheria: e altro segmento lo occupava, sempre per
16981  Gesu     4,     IV   |                  saliente, nell’orizzonte, segnacolo incrollabile della fede
16982  Mano     2           |                 egli, il buon detective mi segnalò l’isola di Wight, e propriamente
16983  Stor     4           |             distesa della statua. Tutti si segnarono novellamente. La vestizione
16984  Fant      3          |                  gesto indefinito, come se segnasse un circolo in aria, una
16985  Mano     2           |            orologio vicino, e mi parve che segnassero misticamente l'ora del mio
16986   Cap     V           |                 quattro o cinque giornali, segnati di azzurro, una frase, una
16987   Cap    II           |           correzione: ma quella pioggia di segnetti neri lo irritava, e buttava
16988  Stor     1           |               guancia, presso il mento: un segnetto a forma di cuore che, un
16989  Gesu     6,    III   |                    e Gomorra, di Adama, di Segor e di Soboim, non una pietra
16990  Fant      2          |                   noia o di stanchezza. Mi segregherò dal mondo che egli non può
16991  Gesu     8,     II   |                   lettera, il più perfetto seguace di Cristo. La medesima umiltà,
16992  Gesu     9,     II   |                  aiuto di quanti sono suoi seguaci, per il suo esempio e per
16993  Fant      5          |                    pare chiamino, che pare seguano il credente che si allontana.
16994  Erta   Ert,      I   |                   venivano verso Pozzuoli, seguendosi, filando sotto la brezza
16995 Addio     1,    VII   |                   accanto a voi, amandovi, seguendovi sempre, ombra affettuosa;
16996  Cucc     7           |               scappava avanti e Trifari lo seguìa precipitosamente, dimenticandosi
16997  Mano     1           |                    noi voltiamo a destra e seguiamo le vie interne, se essa
16998  Mano     1           |              perderemmo subito di vista. … Seguiamoli, dovunque vanno; vediamo
16999   Ell      2          |                   parto, per seguirla, per seguir, prima le sue tracce e,
17000   Cas   VIII          |                dovunque.~ ~— No; tu non mi seguirai; addio.~ ~— Hermione, resta,
17001   Ell      1          |                  una mia semplice parola e seguiresti un mio semplice consiglio,
17002  Mano     1           |                    un'ombra, si mettesse a seguirle.~ ~— Chi sarà? — domandò
17003 Addio     1,      I   |                    che ella non poteva più seguirne, mentalmente, il precipitato
17004   Cas   VIII          |                   verrai; addio.~ ~— Io ti seguirò dovunque.~ ~— No; tu non
17005  Gesu     4,    III   |                   Cammino della Croce, per seguitarlo in tutte le quattordici
17006  LeAm Fiamm,      I   |                 non ti stancherai molto.~ ~Seguìti dal facchino che portava
17007  Mano     2           |               della notte d’inverno, e noi seguivamo la nostra via, lentamente,
17008   Cas      X          |                   uomo forte, tu. Pure, la seguivi.~ ~— Seguivo te — ribatté
17009  SGio     2           |           fazzoletti.... io non ho più che seicentocinquanta lire. Ho fatto varie volte
17010 Ventr     2,     2    |                   abbonati in una città di seicentomila anime; noi amiamo pensare
17011 Ventr     3,     1    |              levigature, le lustrature e i seize reflets della società moderna?
17012  Gesu     1,    III   |               svelti come un dardo. Ah, se selciassero, mai, le vie del Cairo,
17013  LeAm Sogno,      I   |                    per la siderale, per la selenica regione del sogno. Cercò
17014  LeAm Fiamm,      I   |             azzurrini, che mettea una luce selenitica fra i neri capelli di donna
17015 DalVe     6           |               costume bleuté, di attaccare Selim al carrozzino e di passare
17016  Mogl Trion,    III   |             soprabito bleuté, di attaccare Selin al carrozzino e di passare
17017  Stor     3           |                  Calabritto, il figlio del sellaio in via Cavallerizza: un
17018  Fant      3          |                 quieto che Andrea ha fatto sellare. Una passeggiata di due
17019  Gesu     1,     IV   |                  Che! I beduini sono tribù selvagge, vagabonde, rapinanti, venute
17020  Gesu     7,     IV   |                    dei profeti, Elia visse selvaticamente, uscendo dalla sua grotta
17021   Cap    II           |                    obbedendo alle naturale selvatichezza del suo carattere: ma a
17022  Gesu     5,    III   |             mangiava le locuste e il miele selvatico: egli era il figliuolo del
17023  Stor     2           |            Angiulli, da cui si vedevano le selve di case fitte, fitte. che
17024 Roman     1,     IV   |                    Capri; le comunicazioni semaforiche erano dunque interrotte.
17025  Fant      2          |                  come i pali del telegrafo semaforico. La sala era disattenta,
17026  Fant      3          |                Andrea sotto la porta; fece sembiante di non vederlo mentre egli
17027  LeAm Fiamm,      I   |             maschera umana aveva velato la sembianza della povera febbricitante:
17028   Cas     VI          |              vecchio e molto più consumato sembrasse il suo volto, malgrado che
17029  Cucc     4           |               vetri del balcone dirimpetto sembrassero appannati dalla vecchiaia
17030  Gesu     7,     II   |                  il capo, soddisfatto. Gli sembravo una buona pianta. Così,
17031 Roman     2,      I   |                    Ci accomoderemo, tutte; sembreremo una scuola.~ ~E per vincerle,
17032  Picc     5           |                  sentire se vi erano certe sementi infornate che aveva comperate.
17033  Cucc    13           |                  da parte, per i pagamenti semestrali e annuali: io ho giuocato
17034  Picc     3           |               ancora un poco, con la bocca semi-aperta, tutto il volto inebetito,
17035  Fant      2          |               gruppo di roselline bianche, semi-appassite. Nell'insieme una forma
17036   Cap    VI           |                   entrarono in un camerone semi-buio, tanta era la carta che
17037  Fant      2          |             sgabelli rustici, molto bassi. Semi-nascoste, due porte tra i rami fronzuti
17038 DalVe     9           |                  !~ ~ ~ ~In un cantuccio semi-nascosto vi è un cancello. I visitatori
17039  Fant      3          |            condannate all'inazione, in una semi-oscurità, sotto quei tetti di legno
17040 FiorD      9          |                 sul collo, sfatti, a sprie semi-ritorte. Sulla fronte  piccola
17041 DalVe    16           |              intiere in una camera chiusa, semi-scura, non osando muoversi dalla
17042 DalVe    18           |                    lo scetticismo che è un semi-sentimento.~ ~* ~ ~Dopo tutto, vuoi
17043 Addio     2,      I   |                    partenza, sulle tribune semi-vuote; già in piedi, Anna cercava
17044 Ventr     1,     8    |              Monteoliveto  presso, resta semi-vuoto, con la malinconia dei grandi


100-allor | allri-assue | assum-buche | buco-clini | cloac-costr | costu-dispu | dissa-farse | farte-giuda | giude-incom | incon-isbar | iscal-masto | mastr-occor | occul-pietr | pigia-rabbr | rabuf-rifec | rifer-salen | salia-semi- | semib-spari | sparl-tasto | tatti-vanta | vanti-zurol
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on touch / multitouch device
IntraText® (VA2) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2011. Content in this page is licensed under a Creative Commons License