Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 73 -


43. AL VENERABILE GENNARO SARNELLI.1 

Gli dà alcuni consigli intorno alla composizione di libri spirituali.

 

Viva Gesù, Maria, Giuseppe e Teresa!

 

 CIORANI, 3 APRILE [1740?]

 

Don Gennaro, siamo afflitti con D. Saverio [Rossi] il quale è stato peggio assai, buttando assai più sangue di prima, benché oggi stia un poco meglio. Ma Dio faccia ché ce lo lasci.

Sento quel che mi scrivi, Gennaro mio: io ho pochissimo tempo e fra poco debbo andare a Nocera per fare certe prediche, oltre che sto poco bene. Mi bisognerebbe una gran fatica 


- 74 -


per raccogliere certi fatticelli del Cuore di Gesù e della Passione. Farò quel che posso.

Ho detto a Fr. Gennaro [Rendina] che copii le canzoncine, perché io non posso. Ma io le rivedrò. Per la canzoncina dell'anima desolata, basta che mutate quella strofa, accomodata Fontana, con dir così:

 

E se per me non mai

Vi fosse, o Dio, perdono,

Sappi che tua pur sono

E sempre tua sarò.

 

 Ti prego poi per le meditazioni divote che mi scrivi, Passione, Sacramento, ecc., ti prego caricarle più d'affetti che passi [citazioni], rivelazioni e riflessioni. Perché in tali meditazioni più si ha da esercitare la volontà che l'intelletto, e le persone divote questo van cercando, più affetti che pensieri.

Specialmente alla Passione, nella meditazione di Gesù legato, la preghiera [sia] che ci leghi colle catene dell'amore ecc., come ne metto un affetto nella carta che ti mando.

A Gesù impiagato nella flagellazione: che c'impiaghi di amore, poiché tutte quelle piaghe gridano e cercano amore, come disse Gesù a suor Vittoria Angelini.

A Gesù coronato di spine: che regni ne' nostri cuori e affetti ecc.

A Gesù moribondo: che ci facia morire a tutti gli affetti del mondo.

A Gesù ferito colla lancia nel cuore: che ci ferisca ecc.

Vedi i Travagli di Gesù1, ché vi sono bellissimi affetti, e gli esercizî che mette dopo le riflessioni. Basta; ti mando queste carte d'affetti. Dopo che le hai lette, dalle da mia parte a Iorio Appresso ti manderò altri affetti e la canzoncina della Cantica. Raccomandami a Gesù e Maria.

Conforme all'edizione romana.

 




1 Questo gran Servo di Dio, nato in Napoli il 12 settembre 1702, si ritirò nella nascente Congregazione del SSmo Salvatore nel mese di settembre 1733. Egli fu una viva immagine del S. Fondatore, sicché al par di lui non amò che Dio e il bene delle anime, per la salvezza delle quali faticò ognora con impareggiabile zelo ed ardore, e colla viva voce della predicazione e colla pubblicazione di molte opere pregiatissime. Finalmente dopo undici anni di lavori apostolici, consumato dalle fatighe e dalle austerità, rese la sua bell'anima a Dio. La Causa della sua Beatificazione è stata introdotta presso la S. C. de' Riti fino dal 3 dicembre 1874.

1 Questa opera scritta in portoghese dal Ven. servo di Dio P. Tommaso di Gesù, dell'Ordine di S. Agostino, è stata tradotta in italiano dal P. Ludovico Flori, S. J.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos