Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 277 -


188. AL P. D. GASPARO CAIONE.

L'incarica di una commissione per Conza, approva la risposta fatta alla Curia di Troia e raccomanda la regolare osservanza.

 

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

 

PAGANI, 27 GENNAIO 1755.

 

Ricevo la vostra, dove non mi dite niente dell'andata all'Arcivescovo [di Conza], perché forse non avrete ancora ricevuta l'altra mia. Onde la torno a scrivere qui in breve.


- 278 -


Vi prego di andare, subito che potete andare, all'Arcivescovo e dirgli, che lo prego, secondo la promessa, di mandare quando tiene ordinazione, se così stima bene, gli ordinandi alla nostra casa, dicendo ch'io non ho Padri da mandare a fare gli esercizî al seminario più d'una volta l'anno. Ivi, s'ha da predicare a' seminaristi che studiano, ed anche a' sacerdoti che ci vengono, e dove ci viene anch'esso alle volte a sentire; onde ci ha da mandare chi sa fare questa sorta di prediche di ecclesiastici; ed io non ho tutti che lo sappiano fare. Né uno può replicare gli esercizî che ha fatto l'altra volta.

Questa è la sostanza. A V. R. non manca prudenza di rappresentargli più distintamente; ma bisogna parlar risoluto. Bisogna finirla una volta; perché se no, quanto più facciamo l'uso, sarà più difficile il romperlo appresso.

Sto inteso per gli studenti. Può essere che vi mando Fratello de Michele1, perché quest'aria non gli confà.

Al sig. Cantore [di Troia], mi pare convenienza che V. R. gli torni a scrivere, ma succintamente, quello che, gli ha scritto, Ed io già ricevei la vostra e la mandai. Levatene quella cosa: ancorché il Papa me lo comandaste. Basta dire che, se il Vescovo desse l'ubbidienza, voi non siete obbligato ad ubbidire. E se venisse ordine da Roma, voi siete pronto di andare anche a' piedi del Papa.

Circa li mattoni, mi han detto che da ciò nasce l'esservi tante pulci nelle stanze, e pertanto io desiderava il lastrico se può essere, ancorché ci fosse qualche spesa di più. E quando è possibile, farò venire i lavoranti da qua.

Nei Capitoli, esortate l'ubbidienza nelle missioni, ed avvertite che in missione a niuno s'alzi le mani, né a grandi né a piccioli, e che non si lasci l'orazione, almeno una volta il giorno, e si faccia il Capitolo.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

 

Fratello ALFONSO.


- 279 -


[P. S.] Il segretario vi abbraccia, e fa quanto può di quanto gli avete scritto, ma non troppo ci viene a me. V'invia lo scritto del modo di predicare, e se potete farlo copiare a poco a poco, e poi mandarmelo, mi farete carità, perché non ho avuto tempo di copiarlo.

 

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma




1 Il Fratello studente Michele di Michele.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos