Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 489 -


386. A D. MATTEO MIGLIORE, PARROCO IN S. MARIA A VICO.

Lo consola e lo anima a sopportare alcune vane dicerie.

 

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

 

AIROLA, 15 GENNAIO 1763

 

Don Matteo mio, com'è possibile chiudere la bocca a tante sorte di genti che parlano secondo lor dice il capo? Bisogna soffrire e lasciar dire. La virtù di V. S. rimedierà a tutto.

Del resto, io già scrivo per rimediare, quanto si può, che queste bocche non parlino più allo sproposito, come parlano. Ma torno a dire: di quanto altro sente non ne faccia conto, perché quei che parlano sono villani senza discrezione; ma i galantuomini stanno bene edificati della vostra carità.

Mi raccomandi a Gesù Cristo, e resto

 

Affmo per servirla

ALFONSO MARIA vescovo di Sant'Agata.

 

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma.

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos