Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 516 -


412. A Mgr DOMENICO ANDREA CAVALCANTI,1 ARCIVESCOVO DI TRANI.

Disposizioni e consigli del Santo intorno alla fondazione di una casa della Congregazione.

 

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

 

SANT'AGATA, 9 FEBBRAIO 1754.

 

Illmo e Rmo Sig. Sig. e Pne colmo.

Ho ricevuta la veneratissima di V. S. Illma appunto stamattina, e subito oggi scrivo a miei compagni e specialmente al Vicario generale [il P. D. Andrea Villani], secondo V. S. Illma mi comanda.

Ma, Monsignor mio, la cosa è difficile, perché i Regî non vogliono che i beni de' laici, o siano de' particolari, o di cappelle laicali, passino in mano di ecclesiastici.


- 517 -


Del resto, se V. S. Illma potesse ottenerlo colla sua efficacia, sento già che i Padri accetterebbero con gusto quella casa di Corato, specialmente per servire V. S. Illma, che con tanto affetto gli onora.

In quanto a' Padri nostri, essi non possono affacciarsi per questo affare, perché affacciandosi farebbero più danno al negozio. Onde la supplica al Re avrebbe da darla V. S. Illma, pregando il Re di poter tenere due o tre Padri, e meglio sarebbe dire alcuni missionari della nostra Adunanza (perché non vogliono sentir nominar Congregazione) diretta da me, in Corato per aiuto di quella terra, ed anche della sua diocesi colle sante missioni; perché se si avesse la permissione, a principio, di due o tre Padri, potrebbe sperarsi che appresso sarebbe dilatata.

Ma il punto maggiore sta all'assegnamento stabile delle rendite della Cappella, per il che mi pare impossibile ad averne il permesso regio. Onde più presto io direi che per ora si tacesse la dimanda di tale assegnamento delle rendite della Cappella, perché si porrebbero subito in sospetto di fondazione, e negherebbero tutto. Dico della Cappella perché in quanto a quel che danno i particolari, potrebbero i capitali donarsi agli arcivescovi pro tempore, col peso di darne il frutto a' Padri del SSmo Redentore a fine di far missioni.

Resto baciandole divotamente le mani, protestandomi sempre

Di V. S. Illma e Rma

 

Devmo ed obblmo servo vero

ALFONSO MARIA, vescovo di Sant'Agata.

 

[P. S.] Soggiungo: ma quando non vi è l'assegnamento stabile delle rendite della Cappella, come è possibile che i nostri Padri possano prender la casa, col pericolo in ogni anno, in cui si muta il governatore o prefetto, di esserne cacciati? E perciò la cosa mi pare molto scabrosa.1

 

Conforme all'originale che si conserva nell'archivio della Curia arcivescovile di Trani.

 




1 Mgr Cavalcanti dell'Ordine de' Teatini, nato nel 1698 in Caccurii, diocesi di Gerenza, fu fatto arcivescovo di Trani il 12 maggio 1755, e governò quella chiesa sino all'anno 1768.

1 In fatti, l'arcivescovo di Trani non ottenne l'assenso regio, e la fondazione non ebbe luogo.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos