Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 523 -


419. AL P. D. FABRIZIO CIMINO.

Paterni consigli a pro del P. Melchionna, e timore a cagione della carestia.

 

Viva Gesù, Giuseppe e Maria!

 

SANT'AGATA, 27 FEBBRAIO 1764.

(Legga solo.)

 

Ricevo la vostra ed un'altra del P. Melchionna.

Non rispondo a lui, perché è di notte e scrivo di fretta; ma che non dubiti, sempre ch'esso tiene buona intenzione di darsi tutto a Dio e far l'ubbidienza, Dio aiuterà. Ditegli che ha fatto bene di scrivere di nuovo al P. Vicario e non importa che non gli ha risposto.

In quanto al venirmi a trovare qui, l'avrei a caro, ma ora non conviene: ci verrà appresso.

 


- 524 -


Frattanto, ch'esso parli sempre con umiltà; dica di voler soggiacere ad ogni penitenza; si raccomandi alla Madonna: e lasciamo fare alla Madonna.

V. R. poi parli col P. Ferrara, a cui ho scritto il mio sentimento come penso portar l'affare.

Qui già sono venuti 60 soldati a cavallo, per lo sollevamento fatto. In questi giorni passati, Dio sa in qual confusione sono stato, che per più notti m'ha levato il sonno.

Raccomandatemi a Gesù Cristo, e benedico tutti.

 

Fratello ALFONSO MARIA del SS. Redentore, vescovo di Sant'Agata.

 

Conforme ad un'antica copia.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos