Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 585 -


480. AL MEDESIMO.

Ragioni per differire un corso di esercizî.

 

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

 

SANT'AGATA, 29 OTTOBRE 1763.

 

Ho ricevuto la sua lettera, ed in risposta le dico che non è possibile fare gli esercizî al monastero per ora, cioè persino al 18 o 20 di novembre; perché in questo tempo stanno ad Arienzo tutti i parenti delle monache a villeggiatura, ed il voler costringere le monache in questo tempo a far gli esercizî, chiuse le grate, sarebbe lo stesso che perdere gli esercizî. Oltreché può essere che mi dicano in faccia, che in questo tempo non li vogliono fare: e se per ultimo li facessero a forza, poco riuscirebbero; quandoché all'incontro esse hanno avuto molto a caro sentire che viene V. R., e mi dice D. Ciccio Puoti1 che vi aspettano con molto desiderio, avendo egli detto loro le buone vostre qualità. Sicché V. R. non può venire prima che se ne vadano i parenti.

Le monache volevano gli esercizî ai 27 di novembre, che è la prima domenica dell'Avvento. O dunque deve posporre la sua venuta otto o dieci giorni, o anticiparla; ma non prima dei


- 586 -


20 novembre, che sarebbe la domenica antecedente a quella dell'Avvento.

Nella novena poi di Natale non è cosa [da pensarci]; perché sta impedita la chiesa dove V. R. ha da dare gli esercizî nel giorno, mentre nella mattina si daranno nel parlatorio.

Disponga come meglio le pare; ma la prego di non lasciar di venire in uno di detti due tempi, come l'ho pregato; e perciò mando apposta, sentendo che lunedì sarebbe stata la sua venuta, la quale sarebbe stata affatto inutile.

La benedico e resto

 

Fratello ALFONSO del SS. Redentore

vescovo di Sant'Agata.

 

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma.




1 L'Abate D. Francesco Paolo Puoti, del quale si è parlato nella lettera CDLXX. Egli veniva ogni anno da Roma a passar la stagione d'autunno in Arienzo, sua patria.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos