Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 176 -


668. A SUOR MARIA GIOVANNA DELLA CROCE, NEL MONASTERO DI CAMIGLIANO.

Le traccia un regolamento pel governo della comunità affidatale.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

ARIENZO, 26 GIUGNO 1771

Io, per grazia di Dio, sto alquanto meglio e sto pensando alla rinunzia del vescovado; e per questo affare pregatene Dio che mi faccia fare la sola sua volontà, mentre dipenderò dal mio direttore e farò quello che esso mi dice.

In quanto poi a voi, voi siete stata fatta Priora, non per vostra volontà, ma per volontà di Dio; onde non voglio che abbiate mai a rinunziare a qualunque ufficio vi mettano.

Io già so che ne' monasteri, che non sono di perfetta osservanza, l'essere Superiora è un martirio continuo, ma vi bisogna pazienza.

Rimediate a tutto quel che potete, ora colla correzione, ora colle buone parole.

Le correzioni, è meglio che le facciate da sola a sola, con parole di dolcezza.

Se non potete levare tutti gli abusi che vi sono, almeno state forte a non permettere qualche abuso nuovo, ed in ciò usate tutta la fortezza; perché gli abusi da piccioli si fanno grandi, ed introdotti una volta nel monastero, non si levano più.

Predicate più coll'esempio che colle parole, e pregate sempre Dio che vi dia forza e luce di mantener l'osservanza; ma, torno a dire, governate più colla dolcezza che col rigore, e sopportate con pazienza le male creanze che vi fanno; e quando ricevete qualche mala creanza, non fate subito la correzione, perché è perduta: lasciate passare qualche tempo, e poi fatela, quando la monaca sta quieta. E dite bene di tutte.

A qualche disordine più grave, a cui non potete rimediare, procurate di farvi rimediare dal Vescovo o dal Vicario.


- 177 -


Procurate di far venire ogni anno qualche sacerdote di spirito

a dare gli esercizî spirituali alle monache.

Io non lascio di raccomandarvi ogni giorno a Gesù Cristo, ed

ancora voi fate lo stesso per me. E vi benedico.

Di V. R.

Umo servo

ALFONSO MARIA, vescovo di Sant'Agata.

Conforme ad un'antica copia.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos