Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 251 -


728. A SUOR BRIANNA CARAFA, NEL MONASTERO DI S. MARCELLINO, IN NAPOLI.

La vuole ubbidiente al nuovo direttore, pronta a patire assai ed assidua nel meditar la Passione di Gesù Cristo.

Viva Gesù, Giuseppe e Maria!

ARIENZO, 8 SETTEMBRE 1773 .

Molto mi sono consolato in sentire che il P. Scaia vuol farvi la carità di venire due volte il mese a guidarvi, e senza inquiete dell'altra penitente.

V. R. ne ringrazi Gesù Cristo con modo speciale per aver trovato questo buon Padre che vi guida, come sento dalla vostra, ottimamente.

 Onde non pensate ora più alle cose dettevi da me o dal P. Savastano: ubbidite a lui in tutto, replico in tutto: nelle comunioni, nelle penitenze ed in tutte le altre ubbidienze.

 Sento che, dopo situata, vi siete intesa pentita; spero che sia stata mera tentazione, perché una risoluzione di lasciare questa guida potrebbe esservi di totale ruina.

 Nell'orazione, promettete sempre a Gesù Cristo di ubbidire a questo Padre, e pregate Dio che ve lo mantenga, e fatevi grande scrupolo di disubbidirlo in minima cosa.

 Apparecchiatevi poi sempre ed offeritevi a Gesù Cristo, a patire contraddizioni dalle Sorelle e dalla Badessa, infermità, scrupoli, aridità e tutti i tormenti interni ed esterni. Con tale scalpello Dio fa le statue per lo Paradiso, e specialmente colle tribolazioni interne, che angustiano assai più delle esterne.

 Riveritemi il P. Scaia ed il P. Saverio: che mi raccomandino a Gesù Cristo nella messa, ed io prometto di farlo per essi. E V. R non lasci di farlo, come faceva prima; mentre io séguito


- 252 -


a farlo in primo luogo per V. R., come facevo prima. E non lasciate di scrivermi di quando in quando, specialmente quando il demonio vi tentasse di lasciare il Padre Scaia, per qualche disgusto che vi trovaste.

In quanto alla vostra nipote, aiutatela come meglio potete, per officio di carità; se poi vedete che le vostre parole non fanno frutto, non ve ne sturbate.

E con ciò vi benedico nel cuore di Gesù Cristo.

Di quei due libretti, del primo potete servirvi nell'orazione, meditando la Passione. Io ogni giorno sopra quello faccio la meditazione. E vi raccomando, non lasciate ogni giorno almeno di ricordarvi di qualche passo della Passione, o sopra questo libro o sopra altri. La Passione è stata la continua meditazione de' Santi.

Io ancora leggo ogni giorno qualche cosa del secondo libretto delle Riflessioni divote;1 e così vorrei che lo facesse anche V. R.; mentre l'ho fatto apposta per quelle anime che vogliono essere tutte di Dio.

Vi prego ancora di dire qualche parola di Dio alla mia nipote, quando vi viene l'occasione.

E di nuovo vi raccomando a non lasciare il Padre Scaia; perché, come vedo, difficilmente ne troverete un altro simile, così aggiustato a guidare anime per la perfezione.

Conforme ad un antica copia.




1 Riflessioni divote sovra diversi punti di spirito. Il Santo le pubblicò, quest'anno 1773, unitamente all'opera che ha per titolo: Riflessioni sulla Passione di Gesù Cristo ed altri soggetti spirituali,esposte alle anime divote.






Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos