Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 315 -


779. AD UNA MONACA.

In risposta ad una sua, le dice parole di santa consolazione.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

ARIENZO, I DICEMBRE 1774.

Ho inteso tutte le sue infermità, delle quali debbo dire che mi consolo; perché dimostrano che Dio le vuol bene.

Pertanto si abbandoni nella divina volontà, così per la vita come per la morte.

Nelle cose occorrenti poi, dipenda in tutto dall'obbedienza; e questa è la via sicura di piacere a Dio.

Io non lascerò mai di raccomandarla a Dio, e prego anche V. R. di pregare per me; mentre mi trovo nell'età di settantasette anni ed ora sto infermo al letto, aspettando la morte da giorno in giorno, la quale sempre ho avanti gli occhi.

Benedico Maria Antonia e mi rallegro del suo dolore di viscere, che è un regalo dello Sposo; e la prego a pregare Dio per me, siccome anche io me l'offerisco a pregare per V. R.

Non altro. La benedico ecc.

Conforme all'edizione romana.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos