Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 425 -


855. AL P. D. FRANCESCO ANTONIO DE PAOLA, NELLA CASA DI FROSINONE.

Lo istruisce sul modo di contenersi nell'affare della casa di Scifelli, gli parla delle spese per la Bolla ottenuta, e smentisce le sinistre nuove, sparse contro il buon avviamento della causa Sarnelli.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

NOCERA, 21 MARZO 1777.

Ho ricevuta la vostra alli 8 di marzo. I Signori Araldi1 vogliono burlare: dopo tanti stenti essersi calati alli 700 scudi, ora tutti insieme sono saliti alli 800!


- 426 -


Bisogna dunque, come V. R. dice bene, aspettare che essi tornino a noi, senza che noi facciamo vedere che andiamo loro appresso.

Questo sì, quando vi fosse qualche nuova loro richiesta, afferratela, ma con dir solamente che volete scrivere a me, ed allora vedremo quel che si ha da fare.

Stiamo uniti a]la volontà di Dio: se Dio non vuole questo contratto, neppure noi lo vogliamo. Si tratta che, accordandoci cogli 800, dobbiamo pagare per lo censo annui scudi 32, quando il territorio non rende più che 22 incirca, in modo che ci resterebbe il peso di pagare 10 scudi annui di più.

Ma può essere che il territorio se lo prendano altri-- Che se lo prendano ! ma difficilmente faranno altri questo contratto con tanta rifosa [perdita]; tanto più che il territorio non sta attaccato ad alcun padrone che avesse terreni vicini.

Ma io spero che non passeranno quattro o cinque mesi, che si affacceranno di nuovo; mentre Campanaro vuol esser pagato.

Avvisatemi di ogni cosa nuova che vi è circa ciò, e poi faccia Dio!

Sento che si ha da pagare ancora il complemento della Bolla. Non dubitate. Io spero che il P. Blasucci, o sarà venuto in Napoli, o fra giorni verrà. Io per ora tengo certi danari; perché, quando viene il mese di ottobre, poi allora ho da ricevere due semestri, essendo che allora matura la vendita del grano. Del resto, per ora aspetto il P. Blasucci, e con lui consiglierò quanto vi ho da mandare. Intanto per ora vedete di rimediare, come meglio si può.

Il dispaccio per la nostra dismessione è vera falsità, sparsa fuori dalla parte di Sarnelli. E voi spargete da per tutto che la notizia avuta è vera bugia; giacché le cose sono andate ottime, essendo già stata mandata in Camera la relazione del fiscale Leone, fatta a noi contraria.


- 427 -


La maggior opposizione nella relazione è contra la mia Morale; ma io ho fatto un lungo scritto,1 ove rispondo chiaramente a tutte le false dottrine che m'impongono.

Avvisatemi che cosa sia del P. Blasucci, ché qui ho avuto notizia che non è ancora arrivato.

Vi benedico e resto

Di V. R.

Fratello ALFONSO MARIA.

Conforme ad un'antica copia.




1 Cioè il sacerdote Arnauld ed i suoi cointeressati.

1 Questo scritto si leggerà nella II Parte della Corrispondenza, perché tratta della giustificazione della dottrina morale di S. Alfonso.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos